Ultimo manga letto/anime visto

~Red~

Naples State Of Mind
Ho letto/Visto:

OnePiece

High School DxD

Dragon Ball 

Dragon Ball Z

Dragon Ball GT

Shingeki No Kyojin 

In Esecuzione:

HunterxHunter

Crimezone

VA BENE COSII
 
Ultima modifica da un moderatore:
Ho finito di vedere pochi giorni fa entrambe le season di Spice and Wolf.

Niente da dire, diventa il mio anime preferito 


Se qualcuno, come me, desidera la novel in italiano faccia sentire la sua voce sulla pagina facebook della planet manga, arigatou 


Sto amando queste faccine
 
In due giorni mi sono sparate entrambe le serie di date a live,ecco la mia opinione:

1a serie: ottimi disegni e ottimo character design,buono il comparto sonoro,forse solo un po' squillanti e fastidiose le voci,tutto il resto è meh. Come action è di certo un fallimento in quanto di scene d'azione belle ce ne sono poche e brevi... In compenso è adattissimo agli amanti della commedia nosense, ma personalmente vedere carote tramutate in missili o lolicon masochisti che fanno scenate non mi fa ridere. Devo riconoscere che le varie gag che coinvolgevano Origami mi hanno fatto morire ma personalmente ho apprezzato di più la seconda serie. La trama di fondo è interessante anche se parte da un concetto un po' banale,ne parlo in riferimento alla prima stagione in quanto nella seconda la trama progredisce davvero poco,vengono anzi inseriti appigli per un'eventuale terza serie che adesso si è resa necessaria.

alcuni personaggi sono caratterizzati davvero molto bene e/o hanno personalità interessanti,vedasi la tenera yoshino che non vive senza il suo pupazzetto yoshinon. Altro personaggi,come ad esempio Thoka,sono banali e stereotipati (nonostante i primi due episodi lasciassero spazio a un'ottima caratterizzazione del personaggio di thoka,essa si è poi ridotta ad un clone di asuna di Sao,ovvero tutta latte e miele che vive per difendere il suo amato...un tantino banale imho)

Seconda serie: stessi pregi della prima serie ma con nuovi personaggi,quì non mancano le scene d'azione e le gag fanno un po' più frequentemente ridere,in generale è migliorata in tutto,anzi,i pg nuovi sono caratterizzati molto bene,l'unico difetto,oltre alla sua scarsa continuità di trama, è la brevità che risulta determinante nel ritmo della narrazione,che dovrebbe essere un po' più lento per rendere al meglio,e nella maturazione dei personaggi (quelli dinamici,si intende,non quelli statici che sono resi comunque decentemente) che sembra forzata anche se proprio forzata non è. Aggiungo che speravo di vedere più centralizzate le sorelle yamai,c'erano persino nel trailer!

Il mio giudizio finale è che non è assolutamente un must watch ma non merita di essere sdegnato,se la terza stagione verrà fatta e sarà quanto meno decente sarà sicuramente una serie quanto meno carina,seppur non un capolavoro.

Ah dimenticavo,per gli amanti dell'ecchi,la prima serie non è assolutamente spinta,anzi,di scene sexy ce ne sono davvero poche,la seconda serie invece ha il medesimo stile di un'opera che ho apprezzato molto di più (seppur anche essa non fosse d'alto livello,intendiamoci), ovvero high school dxd (di cui faranno una terza stagione ad aprile,yay!)
 
scrivo per dire che dopo aver letto i primi 5 numeri di medaka box ho contattato il fumettaro circa 1 week fa per dirgli di mettermi da parte i numeri dal 6 al 22, ed ancora non li ha tutti. Sto morendo dalla voglia di andare a prenderli
 

Plautus

Umbra profunda sumus
Ho cominciato a guardare l'anime di Ken il guerriero. Ho visto le prime 3 puntate.

L'ambientazione è accattivante, l'animazione gradevole (parliamo di un cartone dell'84) e sulla trama ancora non mi pronuncio visto che nelle prime 3 puntate presentano a grandi linee il personaggio e alcuni comprimari.

L'unica cosa che mi lascia un po' perplesso è il doppiaggio in italiano. Mi sembra poco coinvolgente e privo di enfasi, specialmente nelle situazioni più concitate, nelle quali i personaggi continuano a mantenere lo stesso tono limitando di molto l'apporto emotivo che il doppiaggio dovrebbe invece promuovere.

In generale, comunque, per quel poco che ho visto sembra carino.
 
Ho cominciato a guardare l'anime di Ken il guerriero. Ho visto le prime 3 puntate.

L'ambientazione è accattivante, l'animazione gradevole (parliamo di un cartone dell'84) e sulla trama ancora non mi pronuncio visto che nelle prime 3 puntate presentano a grandi linee il personaggio e alcuni comprimari.

L'unica cosa che mi lascia un po' perplesso è il doppiaggio in italiano. Mi sembra poco coinvolgente e privo di enfasi, specialmente nelle situazioni più concitate, nelle quali i personaggi continuano a mantenere lo stesso tono limitando di molto l'apporto emotivo che il doppiaggio dovrebbe invece promuovere.

In generale, comunque, per quel poco che ho visto sembra carino.
Vabbè, tutta la serie sarà stato doppiato da tipo 5 doppiatori rotflIo ho letto il fumetto e non me ne sono pentito, nel caso in cui non ti piaccia l'anime ti consiglio di passare al manga dato che la storia merita tantissimo (è una pietra miliare giapponese, non si può non vederlo/ leggerlo se si è appassionati di questa cultura!).
 

Plautus

Umbra profunda sumus
Vabbè, tutta la serie sarà stato doppiato da tipo 5 doppiatori rotfl

Io ho letto il fumetto e non me ne sono pentito, nel caso in cui non ti piaccia l'anime ti consiglio di passare al manga dato che la storia merita tantissimo (è una pietra miliare giapponese, non si può non vederlo/ leggerlo se si è appassionati di questa cultura!).
Sì, anche se non sono un fan duro e puro degli anime/manga e in generale della cultura giapponese penso che recupererò comunque anche il fumetto.

Per quel che riguarda i doppiatori, sì, forse erano in pochi, ma tenderei a differenziare quantità e qualità. Si poteva comunque fare molto, ma molto meglio anche con un numero limitato di interpreti (meglio pochi ma buoni, insomma). Le voci di Ken e Shin esprimono lo stesso carisma del mio scaldabagno. :\
 
Ultima modifica da un moderatore:
Appena finito welcome to the nhk

Whelcome to the nhk è un anime shonen di genere psicologico slice of life che parla di questo ragazzo,tatsuhiro,che è un hikikomori,ovvero un sociofobo che non lavora,non studia e non esce mai di casa,se non,nel suo caso (verrà mostrato più avanti come esistono hikikomori messi anche peggio) per fare la spesa o per andare da solo al parco la domenica notte.

L'esistenza del povero tatsuhiro viene tormentata negli ultimi tempi dal suo vicino di casa,un suo amico dei tempi delle scuole medie ed otaku che tiene una fastidiosa sigla da cartone animato accesa allo stereo tutto il giorno. Nella sua vita entrerà poi Misaki,una 18enne dalla vita travagliata che cercherà di aiutare tatsuhiro e instaureerà con lui un rapporto molto complicato.

insomma l'anime tratta delle martoriata vite di questi individui che si intrecciano,essi cercheranno infatti di sostenersi a vicenda per difendersi dagli attacchi della fantomatica organizzazione complottista nhk (in realtà non esiste nessuna nhk,è un'invenzione di tatsuhiro e viene citata solo in alcune gags e in alcuni passaggi psicologici) che sembra volergli rovinare l'esistenza.

reputo che sia un anime molto molto bello,il doppiaggio italiano è ben fatto e i personaggi sono caratterizzati bene e in modo interessante,anche quelli di sfondo. Non manca l'ironia,che arriva a risollevare gli animi pure nei momenti più cupi,è un anime che consiglio veramente a molti,seppur è sicuramente di nicchia,non ho notato nessuna forma di fanservice e non è un comico demenziale,persino la parte romantica è molto superficiale, l'intero anime si basa sulla fragile psiche di tatsuhiro. Imho è una piccola perla che merita di essere vista,seppur non entra nell'elenco dei miei anime preferiti.
 

Zax

"hai un garbodor al posto del cuore"
Rushato Barakamon

 

Mi avevano detto che era bello ma non immaginavo così BELLO. Una presa a bene dall'inizio alla fine, ho amato ogni episodio, ogni personaggio.

Sicuramente da 9.5 e dire che non impazzisco per questo genere.
 
Ho finito di leggere finalmente le due light novel di SAO ed ho fatto una recensione approfondita su animeclick, se vi interessa potete darci un'occhiata qui

per il tl;dr non è una merda ma non è neanche un capolavoro, assolutamente. Quantomeno si fa leggere, però già il secondo volume è roba filler messa a caso ed è stato creato chiaramente per spremere il brand lol. Inoltre è pieno di plotholes, non consiglio l'acquisto, se proprio si hanno soldi da buttare lo comprerei.
 
Ultima modifica da un moderatore:
Appena finito welcome to the nhk

Whelcome to the nhk è un anime shonen di genere psicologico slice of life che parla di questo ragazzo,tatsuhiro,che è un hikikomori,ovvero un sociofobo che non lavora,non studia e non esce mai di casa,se non,nel suo caso (verrà mostrato più avanti come esistono hikikomori messi anche peggio) per fare la spesa o per andare da solo al parco la domenica notte.

L'esistenza del povero tatsuhiro viene tormentata negli ultimi tempi dal suo vicino di casa,un suo amico dei tempi delle scuole medie ed otaku che tiene una fastidiosa sigla da cartone animato accesa allo stereo tutto il giorno. Nella sua vita entrerà poi Misaki,una 18enne dalla vita travagliata che cercherà di aiutare tatsuhiro e instaureerà con lui un rapporto molto complicato.

insomma l'anime tratta delle martoriata vite di questi individui che si intrecciano,essi cercheranno infatti di sostenersi a vicenda per difendersi dagli attacchi della fantomatica organizzazione complottista nhk (in realtà non esiste nessuna nhk,è un'invenzione di tatsuhiro e viene citata solo in alcune gags e in alcuni passaggi psicologici) che sembra volergli rovinare l'esistenza.

reputo che sia un anime molto molto bello,il doppiaggio italiano è ben fatto e i personaggi sono caratterizzati bene e in modo interessante,anche quelli di sfondo. Non manca l'ironia,che arriva a risollevare gli animi pure nei momenti più cupi,è un anime che consiglio veramente a molti,seppur è sicuramente di nicchia,non ho notato nessuna forma di fanservice e non è un comico demenziale,persino la parte romantica è molto superficiale, l'intero anime si basa sulla fragile psiche di tatsuhiro. Imho è una piccola perla che merita di essere vista,seppur non entra nell'elenco dei miei anime preferiti.
wait, shonen? E' un seinen a tutti gli effetti xD

Comunque ho finito di leggere per l'appunto la novel di NHK e posso dire che è per adesso la migliore che io abbia letto, ed uno dei migliori libri che io abbia letto in generale. La profondità psicologica dei MCs mi ha lasciato basito, ed immagino il coraggio e la forza che ci sono volute per scrivere l'opera visto che è anche in parte autobiografica.
 
Incollo quel che mi è rimasto, detto su facebook, dai primi tre volumi di Aku no Hana. Ovviamente, spoiler:

Ok, ora che ho letto i primi tre volumi, dico la mia.
Visto che passerà diverso tempo prima che possa proseguire con i prossimi tre (Maledetto New 3DS, sigh) articolo bene bene la mia opinione su questo primo arco narrativo (immagino, parlo pensando alle variazioni di stile delle copertine):
(Inutile dire che andrò a ruota libera, e che conterrà spoiler sui primi tre volumi)

Parte in modo spiazzante: è all'inizio sorprendentemente leggero, sembrava quasi un normalissimo shonen scolastico. Tuttavia, ho iniziato piuttosto presto a vedere il torbido sotto i tre (per ora, poi più avanti non so) protagonisti.

Lui è evidentemente un incosciente arrogante che, basandosi sulla sua cultura letteraria (semplicemente sopra la media), si crede una spanna sopra tutti gli altri. A volerla mettere sul ridere, è la personificazione del "web king" medio, tutto saccente e critico contro "la plebe", di cui abbiamo diversi esempi tra le nostre conoscenze (e che un po' siamo anche noi).
Questo atteggiamento, con la conoscenza di Nakamura, va via via spegnendosi finché lui, nell'atroce notte (fine volume 3) in cui tutto quello che gli altri credevano di lui è andato perso, perde anche l'idea (falsa) che aveva di se: non è una persona migliore delle altre solo perché ha letto tanto. Anzi! è una persona che, per concentrarsi sulla cultura del passato, non ha imparato a VIVERE nel presente.
E ora che se ne è reso conto, penso proprio che dal prossimo volume questa città diventerà per lui una vera prigione.

Nakamura: uno dei personaggi, nella sua semplicità, più enigmatici e interessanti che ho mai avuto il piacere di vedere in TUTTO quello che ho mai visto, letto o giocato.
Arriva come il classico semi-villain da mangu, a voler mettere i bastoni fra le ruote al protagonista solo per un divertimento personale, questo perché nota in lui una enorme debolezza d'animo, di cui ho parlato sopra.
Quando arriva sembra completamente dominante. Un capo. Una persona completamente conscia di se stessa, che può prendere le persone meno forti e farne quel che vuole.
Ma più sono andato avanti con le pagine, più questa forza che credevo essere in lei, si è affievolita. Diversi "errori" da essere umano che, paradossalmente, non ti aspetti: 
- Se lui non faceva come voleva, perdeva il controllo della situazione e si ritrovava a gridare.
- Se lui faceva qualcosa di totalmente opposto ai tuoi piani, lei faceva qualcosa di incredibilmente, enormemente infantile: mollava. "Sei palloso", e per lei il gioco era finito. Questo due volte.
- Il momento più enigmatico di questi tre volumi: lui grida di essere un insetto di merda. Grida di essere feccia. Grida di essere TUTTO QUELLO CHE LEI VOLEVA LUI AMMETTESSE. Lei gli lancia addosso il libro, e piange. Piange perché lui ha capito tutto.
Piange perché... Eh. Sto sfogliando i volumi per cercare di trovare spiegazioni poco evidenti, ma niente. 
La cosa certa è che è una persona mille volte più debole di quello che ha voluto far credere finora.

Nanako: un altra sorpresa. Arriva come la classica principessina da shonen scolastico, tutta fiori e buone maniere.
Non lo è.
Pare (pare) sia spinta dall'umanissimo desiderio di farlo con il nuovo ragazzo. E non lo vuole fare dopo sei mesi, come in molti mangu/anime/novel più pacati (mi viene in mente Monogatarri, Senjougahara-Araragi). Vuole farlo SUBITO.
Perché nonostante la sua sicurezza esteriore, dentro aspettava una persona che le volesse bene da anni. "Ero un semplice sassolino, ma Kasuga... Mi ha trasformato in una pietra preziosa"
A lei, in realtà, non aveva dato fastidio il furto della tutta, penso.
Lei era felice, era eccitata. L'idea che qualcuno facesse qualcosa pensando a lei, era una cosa che la eccitava, e che la faceva sentire una persona importante.
Se un ragazzo scopre che una ragazza si masturba pensando a lui, è eccitatissimo.
Perché per una ragazza dovrebbe essere (per forza) diverso?

Ed è tutto. Ovviamente il tutto è condito da disegni magnifici, da un autore fantastico in quanto estremamente autobiografico, e che si spinge sempre "più in la" rispetto a quello che sarebbe lecito aspettarsi da un manga.
Questo manga, finora, non è cattivo perché ti mostra il sangue, la gente che muore, sbudellamenti, sesso.
Questo manga, finora, è cattivo perché non è un opera d'intrattenimento fine a se stessa, "Che bello sto manga chissà come procede la storia", ma prende e ti sbatte in faccia la realtà. Sui personaggi che stai leggendo ma non solo: sulle persone. Su cosa c'è dentro le persone che stanno accanto a me, e su cosa c'è dentro me stesso.
Non mi veniva da piangere nelle varie scene tristi, come normalmente verrebbe in pezzi del genere altrove.
Ero turbato. Turbato da cosa stessero dicendo, perché erano cose orribilmente, orribilmente applicabili a me, e a coloro che mi circondano.

E sono solo tre volumi.
 
dico solo che 1) il main ci sarebbe da picchiarlo a sprangate sui denti e soltanto verso gli ultimi volumi (dal 7 in poi se non ricordo male) merita un po' di compassione

2) namakura è una puttana di quelle proprio grosse, che in realtà anche se sembra debole è semplicemente subdola, e pian piano proverà a plasmare la mente del Main (dico proverà perchè non voglio spoilerare se ci riuscirà o no) Comunque è introspettivo da far paura ed anche filosofico, alcune scene dopo quando interagisce con "i fiori del male" sono semplicemente stupende.

per farti capire ho fatto recolorare su photoshop una tavola ad un mio amico:

non è spoiler sulla trama (ma è in compenso stupenda come tavola)
 
Ho recuperato Psycho Pass 2!



Avevo ricordi vaghi della prima stagione, ricordavo giusto le cose essenziali, ma fortunatamente questa seconda serie si può apprezzare anche senza ricordare a memoria quella precedente (che mi era piaciuta, escludendo il finale).

Quindi ho iniziato la visione con qualche preconcetto negativo, ma sono stati spazzati via molto rapidamente. Infatti, dopo la prima puntata, decisamente standard ed introduttiva, l'azione inizia a ritmo frenetico, 11 puntate che volano e che ho trovato gestite ottimamente.

Il confronto più ovvio è rispetto al recente Zankyou no terror, altra serie thriller di 11 episodi, che però non mi aveva convinto per svariati motivi (di cui ho già parlato); Psycho Pass 2, al contrario, riesce a convincere nonostante il breve tempo a disposizione.

Anche stavolta il finale non mi ha convinto del tutto, per cui il mio voto si ferma ad un: 8/10
 
medaka box, sto leggendo il volume 12 (mi ha preso tantissimo e diventerà con tutta probabilità il mio manga preferito, i love you nisio) è semplicemente geniale.

Ed adesso a quanto ho capito le cose continueranno a migliorare di volume in volume


pic related (non spoiler) recolorata da un mio amico, una scena che io ho reputato, nella sua semplicità, bellissima xD

 
Ultima modifica da un moderatore:
Liar Game.

L'ultimo capitolo è uscito in inglese proprio il giorno in cui sono partito con l'università, quindi ho avuto a malapena il tempo di leggerlo, senza poter scrivere qui.

Ho già presentato il manga nel topic che ho aperto quando è iniziata la pubblicazione dei manga in Italia. Per ora sono usciti i primi 13 volumi, spero che a breve arrivino anche gli ultimi 6.

Devo ammettere che è uno dei manga che più mi ha tenuto sulle spine dall'inizio alla fine, perché ero troppo curioso di come sarebbe andato a finire. Probabilmente le mie aspettative sono state un po' deluse a partire dalla fine del quarto turno, ma non posso che ritenermi soddisfatto del lavoro di ingegno fatto dall'autore. Il finale è decisamente troppo affrettato, poteva essere trattato meglio e poteva dare molta più potenza al significato del Liar Game, ma fortunatamente le ultime due pagine dell'ultimo capitolo salvano la serie dalla banalità. Il disegno, come ho già detto, è particolare e non mi piace molto (l'unico personaggio trattato meglio è Akiyama).

L'ammissione di sconfitta di Yokoya avviene in un momento molto particolare e sembra fuori luogo, ma la spiegazione che viene data appena dopo risalta la grande caratterizzazione del personaggio.

La storia della nascita del Liar Game come esperimento sociale doveva essere estesa in almeno un paio di capitoli in più.
Dovendogli dare un voto, probabilmente gli darei 9/10.
 


Medaka Box

dopo mille peripezie son riuscito e recuperare tutti i volumi ed a finire la storia nel giro di un mese (dilazionare i volumi era difficile ma necessario) e beh niente, il Nisio si conferma il mio secondo autore preferito di tutti i tempi, semplicemente geniale, un visionario moderno. L'opera è stata così bella che alla fine sono caduto anche in uno stato di semi-depressione per averla finita, per fortuna durato solo qualche oretta, ma sta di fatto che ripensando alla lettura mi viene sopra un senso di nostalgia che non avevo mai provato prima d'ora. Perchè mi ero affezionato a tutti i personaggi, sia i buoni che i cattivi (che i neutrali). La storia verso il finale non scende come pensavo ma anzi conferma la perfezione generale dell'opera. In fanservice è ben gestito e non intacca minimamente la lettura ed il godimento complessivo della storia, e bon potrei stare a parlare ore per decantare tutte le qualità del manga ma mi limito a consigliarvi di leggerlo, è la seconda opera tra anime/manga per cui ho pianto, ed in questo caso più di una volta. Mi mancherai istituto Hakoniwa


p.s. se la gp non porta anche le light novel mi incazzo
 
Top Bottom