Piccoli problemi di cuore

Chara.

There's nothing left for us here
Salve, ehm, spero sia la sezione giusta.
Ultimamente ho sempre delle liti con la mia ragazza, nonostante cerchi di accontentarla in tutti i modi.
Litighiamo sempre per delle cazzate (spesso inizia lei, io preferisco tenermi tutto per me in modo da evitarle...), ma ora ha davvero toccato il fondo.
Abbiamo litigato perché mi aveva mandato un messaggio (Su WA) e mentre lo aprivo ho dovuto sbrigare una faccenda, rimanendo online (ma senza la spunta blu, quindi poteva benissimo capirlo da sola), e poi mi ha detto che non ci sono mai quando le servo.
Io invece cosa dovrei dire, dato che lei fa danza e quindi 3-4 ore al giorno non c'è?
Non dico nulla, apposta per questo, perché non voglio farla stare male (Ah sì, sono anche la causa del suo stare male mi ha detto, dato che inizio sempre io le liti...)

Cosa dovrei fare? Non so che pesci pigliare...

EDIT: Non avevo notato il topic...chiedo venia...
 
Ultima modifica di un moderatore:

Zaffira

Avicoltrice
Io ero cosi, come le sua ragazza, anni fa. Mi innervosivo anche se il mio ex mi faceva regali ma non sapevo per quale motivo. Dopo anni era la sua presenza e mi ha lasciata. 

Ora va meglio, con il mio nuovo ragazzo non ho problemi, raramente litigo. 
 

Tanino343

Tokyonino!
Io ero cosi, come le sua ragazza, anni fa. Mi innervosivo anche se il mio ex mi faceva regali ma non sapevo per quale motivo. Dopo anni era la sua presenza e mi ha lasciata.

Ora va meglio, con il mio nuovo ragazzo non ho problemi, raramente litigo.
Senza offesa, ma che significa arrabbiarsi con una persona senza motivo? Certe volte mi chiedo cosa passa per la mente di certuni.
 
Ultima modifica di un moderatore:

Hige

Hexxus
Mod
Senza offesa, ma che significa arrabbiarsi con una persona senza motivo? Certe volte mi chiedo cosa passa per la mente di certuni.
Non so se è proprio il caso di Zaffira, ma se stai a lungo contatto con una persona con cui non sei abituato a stare, alle volte anche dei piccoli gesti(dal punto di vista di uno dei due) possono mandarti in bestia, ed una volta che inizia è il degenero.

Caso standard è la prima vacanza insieme, una semi esperienza di convivenza, ah, e questa cosa può succedere anche con gli amici.

O in generale comunque, se non si sta bene con una persona, ma non si ha la forza di lasciarla, la porti a far si che ti lasci lei (sul fatto che non sia un bel metodo siam d'accordo tutti penso), quindi la vai a pizzicare gratuitamente su tasti dolenti o di facile degenero.
 
D

Dream

Ma solo io prendo di petto la situazione e ne parlo sempre chiaramente?

Poi vabbeh, mi ritrovo sempre con gente meno matura di mio nipote di un anno e quindi che la prenda di petto o meno non cambia meno.

"Trovo che sia molto maturo non parlarti se non mi va" Ex fidanzato di 23 anni.
 

Hige

Hexxus
Mod
Ma solo io prendo di petto la situazione e ne parlo sempre chiaramente?

Poi vabbeh, mi ritrovo sempre con gente meno matura di mio nipote di un anno e quindi che la prenda di petto o meno non cambia meno.

"Trovo che sia molto maturo non parlarti se non mi va" Ex fidanzato di 23 anni.
Guarda, da esperienze personali, molte persone piuttosto di risolvere un problema, parlarne, e magari discuterci/litigarci sopra, preferiscono mandare tutto in prescrizione, starsene zitti zitti e come va va.

Questo in genere avviene soprattutto su argomenti su cui si ha già discusso, vedi per esempio persone con orientamento politico diverso, che hanno spunto per litigare ogni giorno.
 
Salve, ehm, spero sia la sezione giusta.

Ultimamente ho sempre delle liti con la mia ragazza, nonostante cerchi di accontentarla in tutti i modi.

Litighiamo sempre per delle cazzate (spesso inizia lei, io preferisco tenermi tutto per me in modo da evitarle...), ma ora ha davvero toccato il fondo.

Abbiamo litigato perché mi aveva mandato un messaggio (Su WA) e mentre lo aprivo ho dovuto sbrigare una faccenda, rimanendo online (ma senza la spunta blu, quindi poteva benissimo capirlo da sola), e poi mi ha detto che non ci sono mai quando le servo.

Io invece cosa dovrei dire, dato che lei fa danza e quindi 3-4 ore al giorno non c'è?
Due cose:

a) Quanti anni avete?

b) Anche tu menzioni che lei fa danza, quindi per ben 3-4 ore al giorno (!) non c'è (presumo tu voglia dire che non può leggere e rispondere ad eventuali messaggi e chiamate), quindi immagino che la vostra abitudine sia di sentirvi spesso durante la giornata. Se è così c'è poco da fare, non dico che dobbiate sforzarvi di sentirvi di meno, ma forse dovreste sedervi tutti e due e parlare con calma del fatto che aspettarsi disponibilità continua dall'altro non è possibile - una persona potrebbe avere scordato il cell a casa, avere le mani impegnate, stare facendo qualche altra attività o avere un imprevisto. Ma è un discorso che dovete capire tutti e due.

Comunque, forse lei è solo nervosa per altri motivi, lo so che non è giusto sfogarsi con gli altri, ma quando siamo nervosi sono proprio le piccole cose che ci fanno scattare. Io la frase del ragazzo di Dream la condivido, ed è proprio quello che faccio: penso che qualche volta sia molto meglio stare zitti, piuttosto che rischiare di dire cose di cui poi ci si pente. Comunque secondo me la soluzione migliore è sempre parlarne in un momento tranquillo: chiedile se c'è qualcosa che la rende inquieta, e magari come dicevo prima discutete anche di quanto è realistico sentirsi...
 

Tanino343

Tokyonino!
Non so se è proprio il caso di Zaffira, ma se stai a lungo contatto con una persona con cui non sei abituato a stare, alle volte anche dei piccoli gesti(dal punto di vista di uno dei due) possono mandarti in bestia, ed una volta che inizia è il degenero.

Caso standard è la prima vacanza insieme, una semi esperienza di convivenza, ah, e questa cosa può succedere anche con gli amici.

O in generale comunque, se non si sta bene con una persona, ma non si ha la forza di lasciarla, la porti a far si che ti lasci lei (sul fatto che non sia un bel metodo siam d'accordo tutti penso), quindi la vai a pizzicare gratuitamente su tasti dolenti o di facile degenero.
Sto insieme con la mia raga da 8 anni e mezzo e da quasi 3 conviviamo, le liti a inizio convivenza erano per piccolezze (tipo l'ordine dei cassetti) e da li poi si passava al degenero tirando in ballo cose passate, ma le cose vanno affrontate e risolte; almeno io, come detto da dream, le affronto di petto e non mi metto a lanciare frecciattine ogni 2 minuti, altrimenti non ci sarà mai un pacifica relazione/convivenza. Posso capire chi ha 13/14 anni, ma quando una cosa del genere la fa una persona di 20 anni, c'è da preoccuparsi, poi se uno è stronzo il discorso cambia.
 
D

Dream

Guarda, da esperienze personali, molte persone piuttosto di risolvere un problema, parlarne, e magari discuterci/litigarci sopra, preferiscono mandare tutto in prescrizione, starsene zitti zitti e come va va.

Questo in genere avviene soprattutto su argomenti su cui si ha già discusso, vedi per esempio persone con orientamento politico diverso, che hanno spunto per litigare ogni giorno.
Boh, per esperienza personale io sono una persona con forti posizioni politiche che non nascondo, non mi sono mai fatto problemi ad avere rapporti con gente che aveva idee totalmente opposte alle mie. E ovviamente le stesse persone con me.Io mando in prescrizione fino ad un certo punto, poi ad una certa metto in chiaro le cose se ho dell'interesse. Altrimenti sticazzi, non ho intenzione di rincorrere nessuno. A qualsiasi livello di relazione, amichevole o amoroso.

Bon si tratta di orgoglio, sia chiaro, ma se devo rincorrere vuole dire che l'altra persoma non ha intenzione di viaggiare al mio livello.

Due cose:

Comunque, forse lei è solo nervosa per altri motivi, lo so che non è giusto sfogarsi con gli altri, ma quando siamo nervosi sono proprio le piccole cose che ci fanno scattare. Io la frase del ragazzo di Dream la condivido, ed è proprio quello che faccio: penso che qualche volta sia molto meglio stare zitti, piuttosto che rischiare di dire cose di cui poi ci si pente. Comunque secondo me la soluzione migliore è sempre parlarne in un momento tranquillo: chiedile se c'è qualcosa che la rende inquieta, e magari come dicevo prima discutete anche di quanto è realistico sentirsi...
No. No assolutamente. Stare assieme e non voler parlare dei problemi non è da persone mature, ma persone che non sanno stare in coppie.
 

Zaffira

Avicoltrice
Io sto convivendo con il mio attuale da aprile 2015 e devo dire che ho pochi litigi ma non riguarda la convivenza (litigi su alcuni giochi che mi innervosisco ed ecc) XD

Sul fatto di convivenza va tutto benissimo, nessun problema. 

Invece con altro neanche convivevo che ero sempre nervosa
 
No. No assolutamente. Stare assieme e non voler parlare dei problemi non è da persone mature, ma persone che non sanno stare in coppie.
Per curiosità, secondo te in una coppia si alza la voce solo quando ci sono problemi seri? E inoltre, se i problemi seri davvero ci sono, essi spariscono magicamente dopo una chiacchierata di mezz'ora?

Io non litigo spesso col mio ragazzo, ma succede fondamentalmente per due motivi: il più frequente è che discutiamo su cazzate non relative alla nostra coppia. Per fare un esempio, ieri sera siamo riusciti a discutere mentre eravamo già a letto: il mio ragazzo stava parlando di un dettaglio del funzionamento di Facebook come se ne andasse della sua vita; io gli ho spiegato che la cosa di cui stava parlando ha diverse soluzioni, tutte semplicissime da attuare. Lui continuava ad insistere che "non è giusto" e che Mark Zuckerberg è l'incarnazione di Satana, e io cercavo di spiegargli che non è un vero problema.

Dopo un po' ho smesso di rispondere e mi sono addormentata. Secondo te avrei dovuto stare sveglia tutta la notte a discutere di una cosa del genere?

Per la cronaca ho anche un sacco di esempi in cui sono io quella sul piede di battaglia (autodenuncia: un paio di giorni fa volevo smettere di mangiare e cacciare di casa i nostri amici invitati a cena, perché lui anziché scongelare l'impasto della pizza, ha scongelato il MIO impasto della focaccia barese e ha fatto la pizza con quello). Non c'è niente da discutere, ha fatto bene a ignorare le mie occhiatacce e frecciatine e tornare di là a vedere la partita con gli altri.

Secondo capitolo: quando c'è un problema serio, spesso non si risolve in uno schiocco di dita, quindi qualche volta bisogna anche imparare a fare compromessi... E stare zitti quando qualcosa non ci va giù. Qui non entro nei dettagli perché sono cose personali, ma ad esempio mi danno fastidio alcune cose che il mio ragazzo fa in relazione alle nostre finanze e alla gestione della casa. Gliel'ho detto, ne abbiamo discusso tante volte, glielo ricordo quando fa qualcosa che non mi convince, ma le cose non sono cambiate. Ho capito persino io che non posso farmi il sangue amaro ogni 5 minuti e ho rivisto le mie posizioni, non perché sono convinta, ma perché ci sono cose che non posso realisticamente ottenere da lui (almeno in questo momento) e non ho intenzione di avvelenare una relazione che per tutti glia altri aspetti va bene. Magari a piccoli passi ci arriveremo.
 

Chara.

There's nothing left for us here
Due cose:

a) Quanti anni avete?

Io ** e lei **

b) Anche tu menzioni che lei fa danza, quindi per ben 3-4 ore al giorno (!) non c'è (presumo tu voglia dire che non può leggere e rispondere ad eventuali messaggi e chiamate), quindi immagino che la vostra abitudine sia di sentirvi spesso durante la giornata. Se è così c'è poco da fare, non dico che dobbiate sforzarvi di sentirvi di meno, ma forse dovreste sedervi tutti e due e parlare con calma del fatto che aspettarsi disponibilità continua dall'altro non è possibile - una persona potrebbe avere scordato il cell a casa, avere le mani impegnate, stare facendo qualche altra attività o avere un imprevisto. Ma è un discorso che dovete capire tutti e due.

Il fatto è che io sono mooolto più presente di lei (almeno, quando non ci vediamo), quindi una mia sola mancanza non la accetta non essendoci abituata. Proverò a parlarne con lei.

Comunque, forse lei è solo nervosa per altri motivi, lo so che non è giusto sfogarsi con gli altri, ma quando siamo nervosi sono proprio le piccole cose che ci fanno scattare. Io la frase del ragazzo di Dream la condivido, ed è proprio quello che faccio: penso che qualche volta sia molto meglio stare zitti, piuttosto che rischiare di dire cose di cui poi ci si pente. Comunque secondo me la soluzione migliore è sempre parlarne in un momento tranquillo: chiedile se c'è qualcosa che la rende inquieta, e magari come dicevo prima discutete anche di quanto è realistico sentirsi...
 
Ultima modifica di un moderatore:

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
glielo ricordo quando fa qualcosa che non mi convince, ma le cose non sono cambiate. Ho capito persino io che non posso farmi il sangue amaro ogni 5 minuti e ho rivisto le mie posizioni, non perché sono convinta, ma perché ci sono cose che non posso realisticamente ottenere da lui (almeno in questo momento) e non ho intenzione di avvelenare una relazione che per tutti glia altri aspetti va bene.
I calzini messi a rovescio nel cesto del bucato.

La Via Lattea di briciole che crea attorno a sé quando mangia.

Magari a piccoli passi ci arriveremo.
L'ho già minacciato di violare mezzo codice penale, ma non funziona...
 
Top Bottom