"La scatola nel 2010": supporti fisici e digitali

Gkx

Admin
(chiedo scusa per il titolo del topic, ma non ho saputo trovare di meglio)

prendendo spunto da questa discussione: chi di voi rinuncerebbe al supporto fisico di un gioco (scatola, cartuccia, libretto ed eventuali extra) in cambio di un consistente sconto (almeno 50%) sul gioco stesso?  in parole povere, preferireste spendere 40 euro per pokémon nero su cartuccia o spenderne 15-20 scaricandolo (legalmente)?  cosa blocca ancora nintendo dal proporre un modello simile a quello dell'app store, che ogni giorno sembra essere sempre più il suo diretto concorrente?

personalmente non riesco a capire come mai nel 2011 per comprare un videogame per ds io debba ancora, alternativamente:

- uscire di casa (già questo è un casino...), andare al gamestop (o simile) più vicino, vedere se c'è usato, constatare che non c'è, vedere se c'è nuovo, e (se ho culo e c'è) pagarlo uno sproposito

- ordinarlo online su amazon o thehut spendendo mediamente il 20-30% in meno rispetto ai negozi ma dovendo aspettare che mi arrivi a casa

ora, capirete che non provo nessuna pena per nintendo quando si lamenta della pirateria, dato che i "pirati" molto spesso (e lo ha dimostrato itunes) non sono persone che vogliono tutto gratis (almeno non necessariamente); semplicemente, preferiscono la via più comoda, e attualmente (paradossalmente) scaricare illegalmente un gioco per nintendo ds è MOLTO più comodo, facile e veloce che acquistarlo!

questi sono solo alcuni pensieri sparsi che mi sono venuti in mente, dite la vostra e vediamo un po' cosa ne esce fuori
 

Steph

Great Teacher
Mod
50% è ancora un po' poco secondo me. Non voglio far la parte del tirchio, ma questo sconto me lo offre anche Mediaworld/Gamestop con i suoi sottocosto o le offerte dei cestoni a distanza inferiore di 6 mesi dall'uscita del gioco stesso (e non è che muoio se non ce l'ho in mano subito, soprattutto se ho occasione di poterlo provare prima con altre periferiche o supporti).

Inizierei a valutare l'acquisto di un gioco al raggiungere dei <10€. Prima di tutto perché sono sempre stato abituato a quel prezzo: i miei unici acquisti di Gba, Ds, Psp, ecc sono stati nella fascia dai 4.90 ai 9.90€! Anche per le console casalinghe non cambia: il massimo che sono disposto a sborsare è 29.90€, ma spesso e volentieri è tanto anche così... preferirei che si tenessero a quota <20€.

Ma soprattutto non riesco a capire con che criterio vengano prezzati i giochi. Insomma, vedo l'appstore che ha dei giochi da 1-2gb (UNO O DUE GIGABYTE = da 4 a 8 giochi Ds di quelli pesanti, cioè da 256mb = fino a 2 giochi Psp) al costo di 7.90€ (9.90 quando è appena uscito magari, 4.90/5.90 quando sono in offerta). Ok, non posso pretendere di pagare il gioco al byte. xD

Quello che intendo dire è che il lavoro che c'è dietro questi giochi è lo stesso che c'è dietro le altre console: quindi perché pagare lo stesso gioco di più? Anche perché i titoli che ci sono nell'appstore sono simili a quelli del parco che ha il Ds, ed un gioco come PuzzleBobble che su Iphone mi costa 79 CENTESIMI su Ds mi viene a costare 10€. Idem per The Sims, Uno, lo stesso ACE ATTORNEY!
 

XMandri

back from hell
A me il 20% di sconto andrebbe più che bene. Anzi, un qualsiasi sconto di almeno 5 euri mi è sufficiente per favorire... Steam a un supporto concreto. C'è un enorme vantaggio: non esistono difetti di produzione, non devo muovermi in prima persona se non per riempire la PPay alle poste, è un pò come se avessi tutti i miei dischi ovunque vada. Senza contare che non andrò mai incontro a problemi di fornitura: i giochi subito disponibili in quantità illimitata!
 

Gkx

Admin
@irdg

imho i confronti con l'app store andrebbero fatti sul modello distributivo, non sui giochi in sé.  steve jobs si bulla che iphone/ipod touch hanno la più grande offerta videoludica del mondo con decine di migliaia di giochi (non ricordo la cifra esatta), ma è vero che la maggior parte di essi (azzarderei almeno un 90%) sono schifezze da 1 euro tipo "premi qui per scoreggiare" e simili.  il modello di sviluppo, anche per i videogiochi più popolari e ben fatti tipo angry birds, è comunque completamente diverso da quello per piattaforma classica di gaming: spesso i giochi per app store escono (nelle loro prime versioni) ancora parecchio incompleti, quasi come delle beta, e vengono prezzati nella fascia bassa (1-2 euro), racimolando soldi e base di utenti per poi potere espandere il gioco (gratuitamente) in futuro.  angry birds stesso era cominciato (se non sbaglio) con 10 livelli: ora ci sono decine di mondi, livelli speciali, spinoff...  è un modello di sviluppo che da una parte ha i suoi vantaggi (i giochi che ne risultano costano molto poco, e se un gioco ha poco successo se ne può interrompere lo sviluppo prima che diventi troppo costoso), ma dall'altra incita tremendamente il casual gaming (i giochi da "una botta e via"), rendendo impossibile la competizione ai giochi "seri" e tradizionali che vengono prima sviluppati completamente e poi rilasciati, solitamente anche a un prezzo più alto.

sui 10 euro: io sono abbastanza d'accordo, anche perché, facendo una stima molto approssimata, togliendo ai 40 euro di un gioco nuovo tutti i costi intermedi tra sviluppatore e utente (packaging, produzione, distribuzione) penso che 10 euro di margine restino abbondantemente.  che è lo stesso motivo per cui puzzlebobble ti costa 79 cent su iphone e 10 euro su ds.  il problema è che in mezzo ci sono i vari gamestop e simili, che pur essendo dei ladri (come prezzi) danno da mangiare a un sacco di gente...
 

Steph

Great Teacher
Mod
per il discorso di Gs: basterebbe aggiornarlo, mettere delle piattaforme da cui comprare online tornerebbero utili per chi non ha l'adsl a casa, o non ha a disposizione una carta di credito/ricaricabile con cui fare acquisti (e mettere quindi a disposizione del cliente l'account del negozio, per poi pagare in cash alla cassa con tanto di scontrino...). Anche se so che sia una visione un po' futuristica e forse irrealizzabile (troppe console e troppi attacchi diversi per creare delle periferiche universali).

Per quanto riguarda il discorso casual/hardcore: qui dipende dal videogiocatore stesso... se io mi accontento di PuzzleBobble e Angry birds mi fermo lì, invece un hardcore gamer fa una ricerca approfondita e trova Asphalt, NFS, titoli di Square enix (FF e altri rpg sempre nuovi), Capcom (RE, Ace attorney...). Che sarebbe comunque la stessa rivalità che c'è tra le console adesso (Wii vs Xbox vs Ps3) o tra i titoli di una stessa casa (Metroid vs Mario, per esempio). Da sempre le console sono state vendute in base al loro indice di casual...
 

gGiova

e-ehi.
C'è anche un altro fattore dalla parte della "digitilizzazione" dell'acquisto:  La garanzia! Se mi si graffia gravemente la parte scoperta di una schedina ds il gioco l'ho perso, e se ho la possibilità di riaverlo gratis (e non è scontato che sia possibile) devo comunque andare incontro a attese;

Acquistando e scaricando invece sto tranquillo, prima di tutto perchè la schedina non c'è e quindi non si può rompere, inoltre se il file si danneggia, scompare o per qualsiasi motivo diventa inutilizzabile io ho comunque il file acquistato nella lista dei giochi acquistati dal mio profilo protetto da password, potendo così riscaricare tutto senza pagare e SUBITO.
 

Lord Bel

prof Tarassaco Tassofrasso
Mod
gGiova ha scritto:
inoltre se il file si danneggia, scompare o per qualsiasi motivo diventa inutilizzabile io ho comunque il file acquistato nella lista dei giochi acquistati dal mio profilo protetto da password, potendo così riscaricare tutto senza pagare e SUBITO.
E' curioso come Apple e App Store [che sono stati più volte citati come l'esempio perfetto di Digital Delivering] non la pensino così. Quando scarichi un file è TUO COMPITO fare copie di backup, cazzi tuoi se lo perdi o lo cancelli, lo ri-compri...
 

gGiova

e-ehi.
Lord Bel ha scritto:
E' curioso come Apple e App Store [che sono stati più volte citati come l'esempio perfetto di Digital Delivering] non la pensino così. Quando scarichi un file è TUO COMPITO fare copie di backup, cazzi tuoi se lo perdi o lo cancelli, lo ri-compri...
Non avendo mai posseduto niente di Apple non ne avevo idea, io ho preso riferimento dall'Ovi Store di Nokia, che ti permette di scaricare tutte le volte che vuoi i programmi acquistati.
 

Steph

Great Teacher
Mod
eppure mi sembra strano Lorb... nemmeno nella cronologia acquisti ti danno la possibilità di riscaricarli?

Io ho interrotto il download di una canzone gratis ed il giorno dopo era diventata a pagamento... ho contattato l'assistenza e mi ha detto come averne una copia senza riscaricarla dall'appstore (ora non chiedermi come, mi è andato via di mente).
 

Gkx

Admin
Lord Bel ha scritto:
E' curioso come Apple e App Store [che sono stati più volte citati come l'esempio perfetto di Digital Delivering] non la pensino così. Quando scarichi un file è TUO COMPITO fare copie di backup, cazzi tuoi se lo perdi o lo cancelli, lo ri-compri...
quello che dici è valido per itunes store per via di accordi (del cazzo) con le etichette, ma sull'app store per mac (quello mobile non so, ma credo funzioni nello stesso modo) quando compri qualcosa lo puoi reinstallare su qualsiasi computer su cui ti logghi con l'account apple (anche se hai cancellato i file) senza doverlo ricomprare.  inoltre gli aggiornamenti sono sempre gratuiti.
 

Sin

the ultramegamaster
(sì pure con app store per ios si possono riscaricare le applicazioni all'infinito una volta comprate)

nintendo non adotterà mai (nel breve periodo) un modello alla app store per la banale legge della domanda e dell'offerta: se fanno soldi a palate continuando in questo modo chi glielo fa fare di cambiare? discorso diverso per apple, che aveva 0% di market share fino al 2008 nei giochi, e doveva "inventarsi" qualcosa di innovativo per proporsi al pubblico
 

AMD

Amministratore di condominio
Lord Bel ha scritto:
E' curioso come Apple e App Store [che sono stati più volte citati come l'esempio perfetto di Digital Delivering] non la pensino così. Quando scarichi un file è TUO COMPITO fare copie di backup, cazzi tuoi se lo perdi o lo cancelli, lo ri-compri...
no, come ti è già stato spiegato vale solo per la musica, le app le scarichi quante volte vuoi

secondo me la vedete da un'ottica sbagliata comunque, quella che prevede necessariamente uno sconto in assenza del supporto fisico, quasi a voler sopperire ad una mancanza, in realtà inesistente (semmai è il contrario)

ma, a dirla tutta, io sono ben felice di pagare il gioco in digital delivery lo stesso prezzo del gioco su supporto fisico, per una serie di fattori:

[*]posso scaricarlo comodamente da casa senza dover andare fuori a comperarlo

[*]per lo stesso motivo online ho una scelta ampissima di siti da cui acquistare il gioco... discorso diverso dal supporto fisico, che mi costringe a girare la città per trovare gli stessi prezzi di cartello e in una quantità comunque inferiore alla rete (tralascio volutamente play.com ecc. perchè francamente, nonostante ci abbia comprato diverse volte per il risparmio, gira un po' il cazzo a dover aspettare la spedizione... posso tollerare la spedizione di una scheda video, non di un cumulo di byte, che NEL 2011 potrei, anzi DOVREI POTER scaricare

[*]non ho problemi di eventuale usura o smarrimento del supporto

[*]il gioco solitamente mi viene patchato AUTOMATICAMENTE da chi mi fornisce il servizio di DD. Questo significa che tra 8 anni non dovrò diventare scemo tra web e torrent a cercare una fottutissima patch di un gioco la cui sh nel frattempo ha chiuso il sito ufficiale. Di esempi illustrissimi in questo campo ce ne sono, a partire dal mio amatissimo baldur's gate

[*]sempre per i giochi vecchi, steam offre SEMPRE compatibilità con gli os del presente e del futuro... se compro un gioco su steam posso star sicuro che lo potrò gioare anche fra 10 anni... discorso diverso per un gioco comprato per vie "tradizionali"... un gioco che girava su win95 difficilmente gira su win7

[*]non sono costretto NEL 2011 a tenere il cazzo di supporto fisico nel driver per giocare, facendo rumore per il cazzo... problema ovviabile con le crack per carità, ma quale minchia è il senso di CRACKARE UN GIOCO ORIGINALE

[*]solitamente i giochi comprati in DD danno meno problemi coi drm del cazzo, un esempio a caso è gta4

[*]per quanto riguarda steam, quindi l'esempio si riferisce al gaming pc, se backuppo la cartella di steam e la copio su un altro pc/installazione fresca di win posso giocare subito, senza dover reinstallare tutto da capo

[*]per quanto me ne può prefegare si produce meno inquinamento e ingombro per casa

come potete vedere il DD offre una MAREA di vantaggi in più... perchè dovrei fare a meno di tutto ciò per tenere una inutile confezione in plastica a prendere la polvere e fare ingombro sulla mensola/scrivania/salcazzo?

felicissimo, a parità di prezzo, di comprare la versione digitale, rispetto a quella scatolata
 

Gkx

Admin
io sono per uno sconto sulla versione digitale perché semplicemente ci sono meno intermediari in mezzo che si prendono dei soldi, il che significa che la casa produttrice può farci comunque un margine identico a quello sui giochi fisici.  poi per carità, se vale la pena pago, ma mi sono un po' stufato del fatto che a ogni generazione di console il prezzo medio aumenti di 10 euro...
 

AMD

Amministratore di condominio
Gkx ha scritto:
mi sono un po' stufato del fatto che a ogni generazione di console il prezzo medio aumenti di 10 euro...
vero, però quello è un altro discorso

io ricordo che parecchi anni fa comunque si arrivava a pagare i titoli di punta per pc anche 110.000 lire
 

Sin

the ultramegamaster
cmq non ci saranno intermediari, ma un servizio di digital delivery fatto come si deve (patch, compatibilità os, banda disponibile per il download, magari server multiplayer per certi giochi) non credo che abbia un costo di gestione così inferiore al modello di distribuzione classico

io mi ricordo cmq che anche i giochi amiga o per game boy costavano già allora una pazzia... da quel punto di vista solo il mercato pc ha fatto inversione verso il basso
 

AMD

Amministratore di condominio
Sin ha scritto:
cmq non ci saranno intermediari, ma un servizio di digital delivery fatto come si deve (patch, compatibilità os, banda disponibile per il download, magari server multiplayer per certi giochi) non credo che abbia un costo di gestione così inferiore al modello di distribuzione classico
*

il ventaglio di servizi offerti dalle piattaforme di DD è nettamente superiore (e costoso) rispetto ai tradizionali canali... stampare un dvd costa pochissimo, come costa poco la distribuzione

c'è solo quest'idea infondata che per il fatto che non viene fornito un supporto che costerà 2centesimi, forse anche meno, allora sarebbe lecito aspettarsi uno sconto del 50% MINIMO
 

Gkx

Admin
Sin ha scritto:
cmq non ci saranno intermediari, ma un servizio di digital delivery fatto come si deve (patch, compatibilità os, banda disponibile per il download, magari server multiplayer per certi giochi) non credo che abbia un costo di gestione così inferiore al modello di distribuzione classico
oddio, questi però sono solo i costi di creazione della cosa, che comunque non vengono sostenuti dalle case di sviluppo ma dal creatore della piattaforma (apple nel caso di app store), che comunque si prenderebbe una percentuale sugli acquisti sufficiente a coprirli.
 

AMD

Amministratore di condominio
beh, creazione...

mantenere il sistema funzionante (a livello di banda, server, e servizi innovativi ogni tanto, tipo steamcloud per fare un esempio) costa... e tanto
 

Steph

Great Teacher
Mod
sì ma al di là del supporto, la quantità di mani per cui passa un dato digitale è nettamente inferiore a quella per arrivare al negozio di città... alla fine la maggior parte degli aumenti è quasi sempre dovuta a questo.
 

Gkx

Admin
beh chiaro che la banda e i server costano*, ma se metti che per esempio apple prende il 30% sugli acquisti, su un gioco da 20 euro 14 vanno direttamente al developer, che non ha altri costi nel post-publishing (se non il marketing).  non so quanto sia il margine su un gioco fisico, ma non penso sia superiore (anche per giochi più costosi).

* più che altro i server, dato che il costo della banda per un'azienda che ha i propri datacenter è irrisorio: conta che io per questo server pago (quella in eccesso) 10 cent/gb, figurati a loro cosa potrà costare...
 

gGiova

e-ehi.
Beh .. non credo che passeranno tutti al digitale, mica possono far fallire GameStop, Rush come qualsiasi rivenditore di videogiochi..
 

Steph

Great Teacher
Mod
gGiova ha scritto:
Beh .. non credo che passeranno tutti al digitale, mica possono far fallire GameStop, Rush come qualsiasi rivenditore di videogiochi..
Gs sicuramente no dato che viene sponsorizzato spesso e volentieri dalle case produttrici, ma di tutti gli altri credo se ne freghino alla grande...
 

AMD

Amministratore di condominio
gGiova ha scritto:
Beh .. non credo che passeranno tutti al digitale, mica possono far fallire GameStop, Rush come qualsiasi rivenditore di videogiochi..
ma magari fallissero, sti ladri di merda
 
L

Lucanik-san

gGiova ha scritto:
Beh .. non credo che passeranno tutti al digitale, mica possono far fallire GameStop, Rush come qualsiasi rivenditore di videogiochi..
AMD ha scritto:
[glow=red,2,300]ma magari fallissero, sti ladri di merda[/glow]
Sottoscrivo e non contesto. Sapete nel 2009 a GS quanto mi costò una pidocchiosa cartuccia di Zaffiro del 2003 USATA (mi serviva Lunatone come ultimissimo per il dex nazionale e non avevo ancora la WiFi) ? 25 €uro. Sì, avete capito bene, VENTICINQUE!

E poi non possono valutarti i giochi usati per ps3 (compresi quelli usati una volta a malapena e restituiti) CINQUE €uro o poco più, su! Dico io, almeno un terzo (intorno ai 20 o giù di lì) del prezzo pieno...

Per il resto, sono tendenzialmente poco tirchio, nel senso che quando c'è la qualità sono ben felice di spendere senza badare a spese: per un gioco come Pokèmon che potenzialmente ha longevità infinita, 40 €uro nuovo appena uscito trovo che non sia molto, tutt'altro. Il troppo storpia, però. I giochi ps3 per me dovrebbero aggirarsi di standard sui 50-55 €uro (posso anche chiudere un occhio di fronte ai 60, come avviene di solito, se il gioco li vale), ma certe volte ho come la sensazione che oltre ai costi di produzione ti vadano a far pagare di extra anche il "nome": mi viene un travaso di bile vedendo che in certi casi i nuovi PES toccano anche vette di 75, e senza nessuna limited edition o simili! E' triste ammetterlo, ma ci vedono un pò come polli da spennare.

Per quanto concerne il digital delivery, a proposito del rapporto qualità/varietà/prezzo dell'offerta, credo che al momento il Playstation Network sia in tal senso da prendere ad esempio: a parte il fatto che dopo aver acquistato e scaricato un pacchetto, un aggiornamento, un gioco completo, o qualsivoglia cosa, grazie alla memorizzazione dell'account anche se dovessi cancellarlo per errore o volutamente, è riscaricabile quante volte si vuole, e senza sganciare un cent in più. Inoltre, vanta una scelta talmente ampia che è in grado di soddisfare qualsiasi palato: si va dai grandi classici PSX per i nostalgici (Crash Bandicoot, Mortal Kombat) o i giocuncoli usa e getta a qualche spicciolo, fino ai moderni giochi completi, che difficilmente superano i 30 €uro, salvo casi isolati. Tutto questo con la possibilità di scaricare prima dell'uscita una demo gratuita per vedere se il gioco vale effettivamente la candela. PSN giammai mi ha fatto pesare la mancanza di Apple, assolutamente.

Per il discorso delle scatole, beh, chiamatemi pure giocatore romantico/vecchio stampo, ma ricorro al web solo in casi estremi. Di norma, a me piace avere contatto fisico/hardware con i miei giochi e non esclusivamente astratto/software (trovo che sia un rapporto "freddo") : adoro sfogliare i libretti di istruzioni (peraltro alcuni sono delle vere e proprie operette di cabaret che da soli giustificherebbero buona parte del prezzo, vedi il caso Rayman 3 Hoodlum Havoc; altri li ho tagliuzzati per incollare immagini sui miei ex diarii scolastici), catalogare/collezionare in fila sugli scaffali le custodie, e "coccolare" il blu-ray/cartuccia di turno. Almeno personalmente, sono piccoli vantaggi/godurie che giustificano qualche €uro in più.
 
Ultima modifica:

KTF

Passante
...il mercato (perlomeno il nostro) non è ancora pronto, la Psp GO! (solo DD) è stata un flop... o sbaglio?
 

KTF

Passante
"e attualmente (paradossalmente) scaricare illegalmente un gioco per nintendo ds è MOLTO più comodo, facile e veloce che acquistarlo!"

Appunto quello che dicevo prima. Gkx ha perfettamente ragione, ma per l'utente medio non è così semplice... la GO ha fallito perchè non supportava i vecchi giochi, che andavano ricomprati, ma anche per il DD esclusivo. Quanti genitori ignari hanno comprato la "psp al bimbo" (non necessariamente in fasce...) scoprendo con loro meraviglia che il loro "bimbo" non poteva giocare? Che c'era bisogno di un account, della loro carta di credito, o di una di quelle rarissime schede prepagate del PSN e di una connessione a banda larga?

E lo stesso vale in misura minore per l'iPhone e il suo AppStore... i numeri gli danno ragione, ma quanti (e non ditemi che non è vero) non hanno neppure un'app sul loro telefono? Tantissimi! C'è gente che nemmeno sa cosa sia AppStore, e usa l'iPhone come un qualsiasi Nokia 3310... non c'è ancora questa cultura così radicata del download per le console, lì la gente "comune"="la maggioranza" ragiona con "inserisco il disco/cartuccia e via!".

E per ultimo, alla Nintendo non sono degli allocchi, se non lo fanno è perchè non gli conviene, nonostante i costi minori...
 

Wolf01

Passante
Guarda, io sinceramente preferisco avere il supporto rigido.

Il perché è semplice, poniamo il caso dell'XBox 360.

A) Compro il gioco via DD dal Live Store

A.1) Ci gioco solo sulla mia XBox

A.2) Se fra 5 anni chiudono lo store e non ho più il gioco nell'hard disk mi attacco

A.3) Non posso rivenderlo

A.4) Non posso prestarlo

B) Compro il gioco in negozio

B.1) Ci posso giocare su più consolle

B.2) Nel caso dei contenuti aggiuntivi su CD posso usare gli stessi su più console (
si paga una volta sola, altro che DLC)

B.3) Posso rivendere il gioco/contenuti aggiuntivi

B.4) Posso prestarlo

B.5) Se tengo bene il cd, posso riutilizzarlo fra 15 anni anche se per qualche caso non esisterà più MS

Quando mi faranno i giochi DD che si "comportano" allo stesso modo di quelli su supporto rigido allora sceglierò come fonte principale quella del DD, altrimenti si compra una volta e si scarica tutte le altre
 
Top Bottom