La Nostra esistenza

liuton2005

sono qui solo di passaggio
Ma in alcuni giorni non vi viene naturale la domanda del perché siamo qui?

Perché ogni giorno mi devo svegliare per fare delle cose imposte da altri?

Quando mi danno un voto a scuola, bello o anche brutto, che significa? Quel voto non dice un cazzo su come sono fatto, sulle mie capacità e sulla mia intelligenza.

Perché dovrei avere una religione?

Perché dovrei andare a votare quando non credo nel sistema che c'è adesso e mi fa schifo quanto siano stupidi gli italiani (dopo aver visto la manifestazione in piazza a favore di Berlusconi)?

Perché devo bestemmiare quando so che Dio non esiste? E se non bestemmio e penso che Dio non esiste allora mi sento solo..

Perché devo ridurmi a scrivere su un forum moderato da gente messa anche peggio di me?

Perché i giovani di oggi perdono la vista davanti alla TV, ascoltano canzoni idiote fatte da gruppi idioti creati solo per il commercio, si vestono con roba inutile e costosa oltre misura e non hanno nessun rispetto per i professori che sono gente comune come tutti e hanno studiato anni e anni per aiutare i giovani come noi a capire qualcosa di questo cazzo di mondo?

Non vi fa schifo pensare che un giorno dovrete morire e che la vostra tomba sarà calpestata da mille piedi e bucata da mille vermi?

Perché questa società è così associale?

Perché nessuno si ferma a capire che la guerra non deve esistere ed è solo un gioco dei potenti?

Perché esiste gente che mi calpesta (i potenti) ogni giorno e io dovrei sentirmi in colpa?

Perché lo Stato vende il fumo?

Perché la gente si uccide e fa violenza gratis soltanto per una stupida e totalmente commerciale partita di calcio?

E' come se tutti facessero finta di non vedere queste cose, come se tutti stessero girati con la testa verso i piedi.

Quanto tempo manca a una vera rivoluzione quando tutti se ne accorgeranno di queste cose?

Perché dovrei rimanere in questo mondo? L'unico vero piacere è amare perché toglie tutte le paure ma l'amore è intenso ma troppo leggero, vola via in un attimo.

Quando vedo i testimoni di Geova così intenti a dire agli altri la falsità che hanno scoperto mi fermo e guardo ma non riesco a capire.

I nazisti hanno ucciso 1 milione di ebrei eppure c'è gioventù ignorante che ha il coraggio di chiamarsi così.

Ascoltando i Motörhead mi sono venute questi pensieri, specialmente ascoltando la canzone "God Was Never On Your Side". Lo so che la prossima risposta a questo topic non risponderà a nessuna delle mie domande ma io voglio solo farvi capire oppure ricordarvi che questo mondo è qui e la gente siamo noi. Abbiamo ereditato un mondo ingiusto: possiamo cambiarlo? oppure no?
 

Lord Pum

...the flavour of a life that fades away.
Quando ci sarà abbastanza gente in grado di cambiarla, allora cambierà.

Ad ogni modo, ci sono considerazioni nel tuo post assolutamente ingiustificate, come l'inesistenza di Dio, secondo la tua opinione. Senza andare troppo OT, sappi che, in quanto umano, non sarai mai in grado di capire se Dio esiste o meno, o se ne esistono tanti, o qualsiasi altra cosa. La mente umana non è onnipotente, ci sono cose che fisicamente non può capire, altrimenti avremo già smesso di evolverci.

E comunque, sia per i suoi bisogni emotivi, che per il fatto stesso di essere umano, l'uomo non può vivere senza una società [detto in modo generico, so benissimo che esistono anche gli eremiti].

Più che altro, comunque, tutti 'sti pensieri mi sembra che possano avere come unica risposta il suicidio.
 

Bender

Sempliciotto
Ma la domanda è se davvero vale la pena di porsi tutte queste domande...

Una sola persona non può cambiare nulla, purtroppo il potere rimane sempre ai più ricchi...

Il mondo è e sarà sempre così...

Ma vale davvero la pena di impegnarsi o meno?

Purtroppo, sempre per colpa di pochi casi anche  una cosa bellissima diventa un abominio...
 
S

Super Warrior

Più pippe fisiche, meno mentali![cit.]

No, scherzi a parte, penso capiti a tutti fare certe conisderazioni.

Quando succede a me, preferisco sempre focalizzare la mia attenzione su qualcos'altro. So che non serve a nulla, ma sinceramente non mi va di stere lì ad angosciarmi.
 
L

Larm

Perché dovrei rimanere in questo mondo? L'unico vero piacere è amare perché toglie tutte le paure ma l'amore è intenso ma troppo leggero, vola via in un attimo.
Confondi grossolanamente l'amore con il piacere sensuale. L'amore non si estingue di certo dopo averne assaggiato uno dei suoi frutti: amare è un'attività, una scelta dell'individuo, una decisione sulla propria vita. Si dovrebbe amare in qualsiasi momento, in qualsiasi luogo, qualsiasi cosa, qualsiasi persona; ci son tante di quelle cose che puoi amare che la tua vita non basta probabilmente a trattenerne nemmeno un miliardesimo.

Le rivoluzioni non si fanno abbattendo muri: iniziano qui, ora, da te e da me, dalla tua vita e dalle persone con cui ti confronti ogni giorno. Solo chi si mette in cammino costantemente per cambiare le cose potrà davvero far qualcosa per l'umanità. E lo farà senza pretendere nulla da essa che essa non possa dare.

Ad ogni modo, ci sono considerazioni nel tuo post assolutamente ingiustificate, come l'inesistenza di Dio, secondo la tua opinione. Senza andare troppo OT, sappi che, in quanto umano, non sarai mai in grado di capire se Dio esiste o meno, o se ne esistono tanti, o qualsiasi altra cosa. La mente umana non è onnipotente, ci sono cose che fisicamente non può capire, altrimenti avremo già smesso di evolverci.
Ma che limitatezza della mente umana e altre di queste menate evoluzionistiche, per carità. Se l'uomo potesse comprendere del tutto Dio si dissolverebbe completamente, non è difficile da capire.

Non è questione di "capire se esiste o meno Dio": la domanda sulla sua esistenza o meno è del tutto irrilevante, dal momento che Dio è questione di fede, non di conoscenza. Ciò di cui puoi questionarti in caso è 1. cos'è Dio, 2. in quale tipo di civiltà storica è sorto quel determinato Dio, 3. se il Dio del cristianesimo cattolico è precisamente lo stesso dell'Islam, dell'ebraismo, dell'induismo e delle correnti mistiche delle varie epoche 4. se è necessario Dio per reggere una cultura (vedi invece i cinesi o i giapponesi).

E comunque, sia per i suoi bisogni emotivi, che per il fatto stesso di essere umano, l'uomo non può vivere senza una società [detto in modo generico, so benissimo che esistono anche gli eremiti].
Ma anche gli eremiti, dal momento che scelgono di non vivere in società, devono aver affrontato una certa esperienza sociale, e rifiutandola dimostrano di esservi attaccati tanto quanto chi ci vive.

Più che gli eremiti si dovrebbe parlare di un essere umano che ha vissuto in una foresta senza alcun contatto con i suoi simili, e per questo non ha nemmeno sviluppato il linguaggio.
 

liuton2005

sono qui solo di passaggio
Larm ha scritto:
Le rivoluzioni non si fanno abbattendo muri: iniziano qui, ora, da te e da me, dalla tua vita e dalle persone con cui ti confronti ogni giorno. Solo chi si mette in cammino costantemente per cambiare le cose potrà davvero far qualcosa per l'umanità. E lo farà senza pretendere nulla da essa che essa non possa dare.
Ma sembra così lontana e impossibile una rivoluzione fatta da giovani del rango di Grande Fratello e Amici..
 
L

Larm

liuton2005 ha scritto:
Ma sembra così lontana e impossibile una rivoluzione fatta da giovani del rango di Grande Fratello e Amici..
Sembrava difficile anche a Gandhi. Ma ci ha provato lo stesso, e a vedere la storia pare non abbia avuto proprio tutti i torti.
 

SDC

Zoidberg
una rivoluzione ideologica e' il primo passo verso la rivoluzione vera e propria. In ogni rivoluzione le grandi masse hanno sempre bisogno di un "capo" che esponga idee nuove e originali e le trasmetta agli altri. Al giorno d'oggi uno cosi non c'e', quindi e' impossibile una qualsiasi rivoluzione.
 
L

Larm

SDC ha scritto:
una rivoluzione ideologica e' il primo passo verso la rivoluzione vera e propria. In ogni rivoluzione le grandi masse hanno sempre bisogno di un "capo" che esponga idee nuove e originali e le trasmetta agli altri. Al giorno d'oggi uno cosi non c'e', quindi e' impossibile una qualsiasi rivoluzione.
Non è preciso. Al giorno d'oggi non ci sono proprio le grandi masse. Nella prima epoca mediatica i mezzi di comunicazione erano pochi, quindi i messaggi canalizzati in essi potevano raggiungere facilmente tutti gli spettatori, che non avevano del resto molta scelta oltre ad affidarsi a quei pochi circuiti.

Oggi c'è pure la possibilità che una persona che abita a Trieste non sappia nulla di una guerra nei Balcani..
 

Slayer

Rappresentante di classe
liuton2005 ha scritto:
Ma in alcuni giorni non vi viene naturale la domanda del perché siamo qui?

Perché ogni giorno mi devo svegliare per fare delle cose imposte da altri?
Perchè devo leggere questo post? :°°°D

No, dai, scherzo.

Quando mi danno un voto a scuola, bello o anche brutto, che significa? Quel voto non dice un cazzo su come sono fatto, sulle mie capacità e sulla mia intelligenza.
Il voto a scuola non pretende di dire come sei fatto tu, ma ha il compito di stabilire la tua preparazione quel determinato giorno in quella determinata materia. Prendi un 8 in Storia? Significa che quel giorno eri preparato in quella materia. Prendi 3 in Matematica? Significa che quel giorno non avevi studiato Matematica o, ahimè, che non l'avevi mai studiata, come capita per la maggior parte degli studenti, ma non voglio andare OT. Comunque il senso è che la scuola valuta il tuo studio, il 3 in matematica non significa mica che sei una m***a, così come l'8 in Storia non significa che sei il migliore dei migliori


Perché dovrei avere una religione?Perché devo bestemmiare quando so che Dio non esiste? E se non bestemmio e penso che Dio non esiste allora mi sento solo..
Nessuno ti obbliga ad avere una religione, come ha detto Larm, è una questione di fede.

Tu puoi credere che Dio esista, così come che Dio non esista.

Fai come diceva Pascal, scommetti. (Larm :*)

Perché dovrei andare a votare quando non credo nel sistema che c'è adesso e mi fa schifo quanto siano stupidi gli italiani (dopo aver visto la manifestazione in piazza a favore di Berlusconi)?
Nessuno ti obbliga ad andare a votare, puoi anche non farlo.

Perché devo ridurmi a scrivere su un forum moderato da gente messa anche peggio di me?
Nessuno ti obbliga...ma comunque potrei risponderti "perchè devo ridurmi a leggere i post riguardanti le crisi esistenziali di uno che sta messo peggio di me?

Perché i giovani di oggi perdono la vista davanti alla TV, ascoltano canzoni idiote fatte da gruppi idioti creati solo per il commercio, si vestono con roba inutile e costosa oltre misura e non hanno nessun rispetto per i professori che sono gente comune come tutti e hanno studiato anni e anni per aiutare i giovani come noi a capire qualcosa di questo cazzo di mondo?
Beh...tu dici che la società fa schifo...allora perchè devo stare in mezzo alla gente?

Per quanto riguarda i professori...molta gente li rispetta, proprio perchè comprende che hanno studiato per anni per poter aiutare gli studenti di oggi; ci sono anche molti professori che fanno gli insegnanti solo per poter riversare sugli studenti le loro frustrazioni, ma questo non c'entra. Molti studenti non rispettano gli insegnanti per il semplice fatto che sono dei maleducati, o perchè non gli interessa ciò che hanno da insegnare.

Non vi fa schifo pensare che un giorno dovrete morire e che la vostra tomba sarà calpestata da mille piedi e bucata da mille vermi?
Lo trovo un ragionamento piuttosto egoistico. Quando penso alla morte, non penso alla mia, ma penso a quella dei miei cari. Penso che sono 18 anni che vivo con le stesse persone, che amo, a cui sono legato da un legame ormai indissolubile...e so che un giorno queste persone non ci saranno più. Questo mi fa veramente male, che un giorno i miei genitori non ci saranno più, che la mia vità cambierà radicalmente, che non avrò più i punti di riferimento che mi hanno accompagnato per tutta la vita. Di certo non mi preoccupo dei piedi che mi calpesteranno o dei vermi che mi bucheranno la tomba, a quel punto sarò morto.

Perché questa società è così associale?Perché nessuno si ferma a capire che la guerra non deve esistere ed è solo un gioco dei potenti?
Questo discorso sulla guerra lo fanno anche i bambini di prima elementare. Lo sanno tutti che la guerra è un gioco di potere, non c'è nessuno che non l'abbia capito.

Perché esiste gente che mi calpesta (i potenti) ogni giorno e io dovrei sentirmi in colpa?
Esiste gente che ti calpesta perchè tu glielo lasci fare

Perché lo Stato vende il fumo?Perché la gente si uccide e fa violenza gratis soltanto per una stupida e totalmente commerciale partita di calcio?

E' come se tutti facessero finta di non vedere queste cose, come se tutti stessero girati con la testa verso i piedi.

Quanto tempo manca a una vera rivoluzione quando tutti se ne accorgeranno di queste cose?
Sono passati miliardi di anni e nessuno se ne è mai accorto...cosa è cambiato oggi perchè possa succedere?

Perché dovrei rimanere in questo mondo? L'unico vero piacere è amare perché toglie tutte le paure ma l'amore è intenso ma troppo leggero, vola via in un attimo.Quando vedo i testimoni di Geova così intenti a dire agli altri la falsità che hanno scoperto mi fermo e guardo ma non riesco a capire.

I nazisti hanno ucciso 1 milione di ebrei eppure c'è gioventù ignorante che ha il coraggio di chiamarsi così.
Sinceramente non vedo il nesso tra la tua permanenza nella vita e i testimoni di Geova.

Per quanto riguarda i ragazzi di oggi che se ne escono con esclamazioni tipo "Dux Mea Lux" posso solo dire che, dal mio canto, mi danno fastidio. Sembra che non si rendano conto di ciò che il loro duce ha combinato in Italia...sono veramente convinti che abbia migliorato l'Italia...pul anche essere vero, ma non basta per dimentica tutto ciò che di negativo ha fatto.

Ascoltando i Motörhead mi sono venute questi pensieri, specialmente ascoltando la canzone "God Was Never On Your Side".
Chi di post ferisce..."Perché i giovani di oggi perdono la vista davanti alla TV, ascoltano canzoni idiote fatte da gruppi idioti creati solo per il commercio"
 

liuton2005

sono qui solo di passaggio
Slayer ha scritto:
Chi di post ferisce..."Perché i giovani di oggi perdono la vista davanti alla TV, ascoltano canzoni idiote fatte da gruppi idioti creati solo per il commercio"
Non so cosa tu voglia dire ma io non guarda la TV da mesi e i Motörhead sì, sono un gruppo per il commercio come tutti i gruppi (anche loro mangiano) ma non solo per quello. Le loro canzoni sono tutte spettacolari e uniche. Non si mettono certo a fare i buffoni con canzoni idiote e tirate via solo per fare soldi.

Larm ha scritto:
Non è preciso. Al giorno d'oggi non ci sono proprio le grandi masse. Nella prima epoca mediatica i mezzi di comunicazione erano pochi, quindi i messaggi canalizzati in essi potevano raggiungere facilmente tutti gli spettatori, che non avevano del resto molta scelta oltre ad affidarsi a quei pochi circuiti.

Oggi c'è pure la possibilità che una persona che abita a Trieste non sappia nulla di una guerra nei Balcani..
I media vi controllano e vi fanno pensare ciò che vogliono loro. Con questa idea in testa cercate di guardare un telegiornale o leggere un giornale. Anche se ci fosse qualcuno con delle idee nuove i media non farebbero altro che ridicolizzarlo, soffocarlo e usarlo come tematica per show dove invitano persone, prostitute e transessuali; e mentre si parla dell'argomento il solito regista pervertito fa una inquadratura sulle gambe del trans..
 
L

Larm

liuton2005 ha scritto:
I media vi controllano e vi fanno pensare ciò che vogliono loro. Con questa idea in testa cercate di guardare un telegiornale o leggere un giornale. Anche se ci fosse qualcuno con delle idee nuove i media non farebbero altro che ridicolizzarlo, soffocarlo e usarlo come tematica per show dove invitano persone, prostitute e transessuali; e mentre si parla dell'argomento il solito regista pervertito fa una inquadratura sulle gambe del trans..
Perché parli in seconda persona plurale? Controllano anche te se senti così tanto il bisogno di distaccartene..
 

Zax

"hai un garbodor al posto del cuore"
Anch'io mi faccio domande simili (mi capita quando mi sveglio la mattina) e devo dire che la cosa non mi piace, nel senso che mi incute un pò di timore sapere che c'è la possibilità che siamo nati senza uno scopo preciso.

Non mi piace neanche l'idea che una volta uscito di casa mi "fondo" con una massa di persone uguali, con gli stessi vuoti interessi, senza una mentalità propria, forgiata in parte maggiore dai media;

è anche vero che anche gli ideali politici ci vengono da altre persone e quindi indirettamente ci conformiamo agli altri fondendoci ad una grande massa che la pensa "quasi" ma sempre tutti allo stesso modo...

putroppo il mondo va così, cerco però di non pensarci, anche se è dura, e cerco anche di non unirmi all'enorme massa di truzzi che pensano uguale facendo quello che voglio io e non un altro(anche se sono molto soffocato, ma purtroppo vivere in TOTALE assenza di regole è impossibile); sembrerò ribelle, asociale, apolitico, anche stupido, ma è quello che voglio io.

liuton2005 ha scritto:
I media vi controllano e vi fanno pensare ciò che vogliono loro. Con questa idea in testa cercate di guardare un telegiornale o leggere un giornale. Anche se ci fosse qualcuno con delle idee nuove i media non farebbero altro che ridicolizzarlo, soffocarlo e usarlo come tematica per show dove invitano persone, prostitute e transessuali; e mentre si parla dell'argomento il solito regista pervertito fa una inquadratura sulle gambe del trans..
Ed è proprio per questo che non emerge niente di nuovo dalla società, è proprio per questo che abbiamo perso il coraggio di parlare, di pensarla come vogliamo, è la paura di essere derisi o uccisi, se pensiamo in grande.

Una rivoluzione è impossibile IMHO perchè ci siamo ingarbugliati da un groviglio da cui è difficile districarci(ho detto difficile ma non impossibile, in fin dei conti spero anche io).
 

simonixx

Passante
Di sicuro il problema di dio nn me lo pongo e il problema di un senso a tutto questo a prescindere di una più o meno esistenza, nemmeno.

L'unica cosa che mi dà sul cazzo è il pensiero che dentro a sto mondo nn ce se pò sta quanto ci piace, si invekkia e si crepa che tutto è già passato, imprendibile, non più tornabile e in un istante finisce tutto e chissà cazzo c'è dopo, che intanto quassopra piano piano ti si dimentika e il tuo corpo è polvere di un terriccio inquinato e chissà che nn ci si venga a sporcare con le feci canine di quanti padroni nn le rakkolgono ... per questo devo fare qualcosa di grande, almeno per cambiare la stori e nn essere dimentikato. Se ciò nn succedesse mi arrangerò.

Quel cazzo di "per sempre" che uno ama tanto, che sia amore, felicità, ricchezza, non è altro che un preludio a un'identità, a un approccio all'eternità e forse a un ritrovarsi più vicino a dio di quanto si pensi?Boh, comunque tutto finisce. Che palle.

Basta torno nel mio angoletto di nirvana scavato a suon di meditazione profonda.

(Per chi volesse, via dell'estasi 23 xD)
 

Bender

Sempliciotto
In che senso non ti poni il problema dell' esistenza di Dio?

Nel senso che sei certo della sua esistenza o non esistenza oppure nel senso che non te ne preoccupi?

Comunque dire ch tutto invecchia non mi sembra corretto.

Direi piùttosto che tutto cambia.

 

simonixx

Passante
Perchè se esistesse o meno non influenzerebbe la mia vita più di tanto.

Vorrei che esistesse, se non esistesse e vorrei che ci fosse se già esistesse. Anche perchè sennò chissà che cazzo ci ha messi qui sopra no?Un certo tizio?Un qualche Archè strano?(panta rei...archè...così mi collego a filosofia XD)

Un altra cosa, che tra quelle che noi diamo come possibili e di pensabili, non è?

Le ipotesi sono 3

O una dele nostre religioni ha ragione(quindi: 1-è una, 2-sn piu di una assieme)

O nessuna delle nostre religioni ha ragione(quindi: 1- E' un altra, 2-Non esiste)

O altro ancora.

Qualsiasi sia la verità e l'archè di questa non lo si saprà se nn tramite un qualche "prodigio"(e qui ci credo fermamente, non sentite qualche volta un'ansia strana tipo che qualcosa c'è e deve esserci, e deve accadere per sentirvi bene, ma non succede?Provate a stare soli, al buio, in una notte nella vostra camera e guardare nell'oscurità e non vedere bene e cerkare di sentire voi stessi...)e quindi o tokka aspettare e pensarci invano, o tocca aspettare e credere a qualcosa, o tocca aspettare e basta.

Io aspetto e basta. E non diko di non credere a un fantomatico dio, eh.
 

Bender

Sempliciotto
Beh, sulle religioni non credo che qulcuno abbia ragione...

Io non riesco, però, a spiegarmi il concetto di infinito, e per questo provo a spiegarmi il tutto con Dio.
 
L

Larm

simonixx ha scritto:
Perchè se esistesse o meno non influenzerebbe la mia vita più di tanto.

Vorrei che esistesse, se non esistesse e vorrei che ci fosse se già esistesse. Anche perchè sennò chissà che cazzo ci ha messi qui sopra no?Un certo tizio?Un qualche Archè strano?(panta rei...archè...così mi collego a filosofia XD)

Un altra cosa, che tra quelle che noi diamo come possibili e di pensabili, non è?

Le ipotesi sono 3

O una dele nostre religioni ha ragione(quindi: 1-è una, 2-sn piu di una assieme)

O nessuna delle nostre religioni ha ragione(quindi: 1- E' un altra, 2-Non esiste)

O altro ancora.
3. ce l'hanno tutti, visto che Dio è fatto di fede prima che di ragione.
 

liuton2005

sono qui solo di passaggio
Larm ha scritto:
Perché parli in seconda persona plurale? Controllano anche te se senti così tanto il bisogno di distaccartene..
Io sono già distaccato: non leggo i giornali, non guardo la televisione, non ascolto la radio e su internet non guardo le notizie.

Ex Deoxys ha scritto:
Signori, abbiamo un nuovo Pr3dat :°D
Commento inutile e idiota. Vai a fare in culo!

Mio fratello sta nella sezione pokomon e io mi collego qua ogni tanto per la sezione OT..

simonixx ha scritto:
L'unica cosa che mi dà sul cazzo è il pensiero che dentro a sto mondo nn ce se pò sta quanto ci piace, si invekkia e si crepa che tutto è già passato, imprendibile, non più tornabile e in un istante finisce tutto e chissà cazzo c'è dopo
Dopo non c'è niente..

Lasciate stare sto infinito del cazzo. Vi dovete concentrare su ciò che siamo adesso e su come stiamo vivendo e su come vivono altri che stanno peggio di noi.
 
L

Larm

liuton2005 ha scritto:
Io sono già distaccato: non leggo i giornali, non guardo la televisione, non ascolto la radio e su internet non guardo le notizie.
Quindi sei semplicemente disinformato rispetto al mondo circostante, non certo distaccato dal sistema.

Anche perché, isolandoti dal sistema, non fai altro che il suo stesso gioco: il suo scopo è buttar fuori da sé chi non sottostà alle sue regole. E con te a quanto pare ci è riuscito.

(Ma neanche tanto, visto che stai usando ancora il pc con internet per rispondere, e senti così tanto il bisogno di far sapere al sistema quanto stai male con lui).
 
Ex Deoxys ha scritto:
Signori, abbiamo un nuovo Pr3dat :°D
liuton2005 ha scritto:
Commento inutile e idiota. Vai a fare in culo!

Mio fratello sta nella sezione pokomon e io mi collego qua ogni tanto per la sezione OT..
Qui ti devo contraddire. Chiedilo pure tu stesso a lui quanto ha sclerato parlando di fanatismo, religione ed altro (sì, ok, non in questo forum, ma l'ha fatto), assolutamente senza mettere in mezzo i Pokémon.

Ecks, ti devo un +1.
 
Commento inutile e idiota. Vai a fare in culo!
Potrei dire benissimo che tutto il tuo post sia inutile e idiota, in quanto pieno di seghe mentali, inutili ed idiote, appunto. Il mio commento lo potrai magari giudicare inutile (la mia in ogni caso l'avevo già detta), ma idiota NO, e posso trovarti varie persone che confermeranno :°D

Noto poi con piacere che l'educazione non manca mai, ma d'altronde cosa posso aspettarmi da un presuntuoso che si ritiene migliore dei moderatori?

'nuff said
 

MC5

n00b ante litteram
Larm ha scritto:
Quindi sei semplicemente disinformato rispetto al mondo circostante, non certo distaccato dal sistema.

Anche perché, isolandoti dal sistema, non fai altro che il suo stesso gioco: il suo scopo è buttar fuori da sé chi non sottostà alle sue regole. E con te a quanto pare ci è riuscito.

(Ma neanche tanto, visto che stai usando ancora il pc con internet per rispondere, e senti così tanto il bisogno di far sapere al sistema quanto stai male con lui).
Quindi esprimere la propria rabbia vuol dire che pensiamo il contrario di quello che gridiamo?

Liuton secondo me ha fatto Benissimo a sfogarsi, sono tutte domande importantissime, che nessuno può esimersi dal porsi; il fatto è che molti invece queste domande se le pongono solo quando vedono altri farlo (a patto che questi altri non siano derisi dalla massa), e ciò è dato dalla manipolazione mediatica che oramai "controlla" le menti, i pensieri e i ragionamenti della Massa.

E il problema infatti non sono i media, e tanto meno le regole/leggi inutili, stupide, sbagliate, ad personam, ecc...

Il problema è che le persone sono stupide.

Il problema è che la gente non si rende conto. E se provi a renderli consci della situazione passi addirittura per stupido.

Se le persone fossero capaci di ragionare col proprio cervello si renderebbero conto di ciò che subiscono e sono indotte a fare. A quel punto Tutti boicotterebbero i media, Tutti si ribellerebbero.

Tutti.

Ma nessuno fa nulla se non lo fanno Tutti.

Ecco perchè non ci sarà mai una ribellione, ecco perchè l'umanità è perduta (a meno di andare a vivere con gli aborigeni).

Ecco perchè io, come Liuton, non ho nesuna fiducia o speranza nei miei "simili".

Secondo me l'unico modo per poter creare una nuova società giusta sarebbe una bella estinzione di massa con pochissimi superflui (così ci sta anche un po' di selezione naturale a migliorare biologicamente l'uomo, ma questo non c'entra assolutamente nulla nel discorso che stiamo facendo ora).

Sembrerò cinico, crudele, quello che volete... Ma questo è ciò che penso di quello che definiscono l'essere più intelligente della Terra.

Si dice che l'uomo è superiore agli animali, Falso. Le comunità di animali sono perfette sotto ogni punto di vista. Magari non hanno la possibilità di rendersene conto, ma ciò non toglie la giustizia e la correttezza intrinseca a qualsiasi gerarchia animale.

Si dice che l'uomo non sia un animale, Vero. Non è un animale perchè il suo tanto millantato cervello sviluppatissimo gli ha permesso di elaborare pensieri che possono andare anche contro la selezione naturale.
 
L

Larm

MC5 ha scritto:
Quindi esprimere la propria rabbia vuol dire che pensiamo il contrario di quello che gridiamo?

Liuton secondo me ha fatto Benissimo a sfogarsi, sono tutte domande importantissime, che nessuno può esimersi dal porsi; il fatto è che molti invece queste domande se le pongono solo quando vedono altri farlo (a patto che questi altri non siano derisi dalla massa), e ciò è dato dalla manipolazione mediatica che oramai "controlla" le menti, i pensieri e i ragionamenti della Massa.

E il problema infatti non sono i media, e tanto meno le regole/leggi inutili, stupide, sbagliate, ad personam, ecc...

Il problema è che le persone sono stupide.

Il problema è che la gente non si rende conto. E se provi a renderli consci della situazione passi addirittura per stupido.

Se le persone fossero capaci di ragionare col proprio cervello si renderebbero conto di ciò che subiscono e sono indotte a fare. A quel punto Tutti boicotterebbero i media, Tutti si ribellerebbero.

Tutti.

Ma nessuno fa nulla se non lo fanno Tutti.

Ecco perchè non ci sarà mai una ribellione, ecco perchè l'umanità è perduta (a meno di andare a vivere con gli aborigeni).

Ecco perchè io, come Liuton, non ho nesuna fiducia o speranza nei miei "simili".
Se tutti i grandi uomini del passato l'avessero pensata come voi due nel nostro mondo non ci sarebbe mai stato nulla di buono. Fortunatamente non è stato così.

Sarà che le persone che fanno qualcosa di concreto per gli altri sono troppo indaffarate per perdere tempo a lamentarsi su un forum.

Secondo me l'unico modo per poter creare una nuova società giusta sarebbe una bella estinzione di massa con pochissimi superflui (così ci sta anche un po' di selezione naturale a migliorare biologicamente l'uomo, ma questo non c'entra assolutamente nulla nel discorso che stiamo facendo ora).
Degna conclusione del tuo discorso. I miei complimenti, piccolo Hitler.
 

The King

Amministratore di condominio
MC5 ha scritto:
Secondo me l'unico modo per poter creare una nuova società giusta sarebbe una bella estinzione di massa con pochissimi superflui (così ci sta anche un po' di selezione naturale a migliorare biologicamente l'uomo, ma questo non c'entra assolutamente nulla nel discorso che stiamo facendo ora).

Sembrerò cinico, crudele, quello che volete... Ma questo è ciò che penso di quello che definiscono l'essere più intelligente della Terra.

Si dice che l'uomo è superiore agli animali, Falso. Le comunità di animali sono perfette sotto ogni punto di vista. Magari non hanno la possibilità di rendersene conto, ma ciò non toglie la giustizia e la correttezza intrinseca a qualsiasi gerarchia animale.

Si dice che l'uomo non sia un animale, Vero. Non è un animale perchè il suo tanto millantato cervello sviluppatissimo gli ha permesso di elaborare pensieri che possono andare anche contro la selezione naturale.
Spero per te che tu sia fatto di qualche sostanza perchè questo ragionamento non ha senso.

Quei pochissimi superflui sarete te e Liuton? Beh almeno siete in 2 qualcosa da fare lo troverete, ma perfavore.
 

MC5

n00b ante litteram
Ok, ok...

Forse ho esagerato un po' coi toni, ma volete forse dire che questa società è giusta?
 
Top Bottom