Orientamento religioso

Di che religione siete?

  • Cattolica

    Voti: 9 19,1%
  • Testimone di Geova

    Voti: 0 0,0%
  • Buddista

    Voti: 0 0,0%
  • Islamica

    Voti: 1 2,1%
  • Ateismo

    Voti: 25 53,2%
  • (Altra religione facente parte di una minoranza)

    Voti: 3 6,4%
  • Agnosticismo

    Voti: 9 19,1%

  • Votatori totali
    47

Rust

Sovietico di PCF
Ho creato il sondaggio, chiedo di rispondere con la massima serietà, NO TROLL, NO SCHERZI. 

Grazie. :)
 
Ultima modifica di un moderatore:

Siebold Targaryen

Will you still love me when I'm no longer beautifu
Tecnicamente non si può parlare di "orientamento religioso" se includi l'opzione ateo xD dovresti mettere l'opzione "non sono credente", secondo me (o cambiare il titolo del sondaggio in "Siete credenti?"").

Io comunque sono agnostico: credo che esista un'entità superiore che ha "dato inizio al tutto", ma non credo abbia a che fare con la creazione del mondo come la concepiscono i religiosi, e che comunque non interagisca in nessun caso con la dimensione umana, proprio mai; allo stesso modo non credo a Satana o robe simili, in quanto secondo me è l'uomo stesso a compiere il bene o il male, senza influenze "superiori".

Però sono anche convinto che ciascuno di noi (anche se alle volte mi sembra impossibile) sia dotato di un'essenza, un'anima, uno spirito (non so come chiamarlo), ed è questo che rende ciascuno unico è irripetibile. Penso anche che ci siano alcuni eventi che sono predestinati nelle nostre vite ma non so in quale misura.
 
Ultima modifica di un moderatore:

SimplyAero

Madoka, my one and only friend...
Cattolico, inizialmente feci catechismo per scelta dei miei genitori, fino alla prima comunione, poi continuai per mia scelta con la cresima

Anche se alla fine ritengo che le religioni siano uguali, se vai a vedere dicono a grandi linee le stesse cose, e ritengo non debbano influenzare la propria vita, cioè, se fossi ateo sarei caratterialmente uguale a come sono ora
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
l'agnosticismo è una cosa abbastanza diversa dall'ateismo, quindi per il momento non voto

EDIT: e che cavolo, hai modificato il sondaggio mentre postavo praticamente?
 
Ultima modifica di un moderatore:

Veemon Tamer

Momentai
Nessuna di quelle opzioni e nemmeno agnostico. Non credo in un Dio, ma potrei ammettere che esista. Sono contrario alla Chiesa, su tutti i fronti, lo stesso fatto che predichino l'uguaglianza e che poi non ammettano che le donne svolgano il ruolo del prete mi sembra assurdo. Ogni volta che ascolto una messa sono sempre più convinto che la religione si fondi sulle parole di uomini molto scaltri che in passato hanno saputo convincere milioni di persone riguardo cose del tutto infondate, ma soprattutto sulla superstizione.

Rispetto comunque i credenti, anzi li ammiro, quelli seri si intende.

Riguardo a me, sono convinto che non ci sia il nulla dopo la morte. Voglio credere che esista una realtà in cui tutti i desideri più intensi, in cui si ha creduto una vita intera, si realizzino. Sono arrivato a crederci così intensamente che ne ho fatto una sorta di religione personale. Questo per dare un senso a tanti sogni a cui arrivo così vicino con il pensiero che mi sembra di viverli sul serio.

Lo so che sono strano.
 
Ultima modifica di un moderatore:

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
Nessuna di quelle opzioni e nemmeno agnostico. Non credo in un Dio, ma potrei ammettere che esista. Sono contrario alla Chiesa, su tutti i fronti, lo stesso fatto che predichino l'uguaglianza e che poi non ammettano che le donne svolgano il ruolo del prete mi sembra assurdo. Ogni volta che ascolto una messa sono sempre più convinto che la religione si fondi sulle parole di uomini molto scaltri che in passato hanno saputo convincere milioni di persone riguardo cose del tutto infondate, ma soprattutto sulla superstizione.

Rispetto comunque i credenti, anzi li ammiro, quelli seri si intende.

Riguardo a me, sono convinto che non ci sia il nulla dopo la morte. Voglio credere che esista una realtà in cui tutti i desideri più intensi, in cui si ha creduto una vita intera, si realizzino. Sono arrivato a crederci così intensamente che ne ho fatto una sorta di religione personale. Questo perché dare senso a tanti sogni a cui arrivo così vicino con il pensiero che mi sembra di viverli sul serio.

Lo so che sono strano.
Allora siamo due strani, quoto quasi tutto (tranne la faccenda del dopo la morte: per me non c'è niente di niente)
 
Ultima modifica di un moderatore:

Patro

Parroco
Ateo, tecnicamente mi han fatto Cristiano Cattolico ma da bimbo, io mi ritengo ateo. Non credo in nessun tipo di essere superiore
 

Dxs

Rappresentante di classe
Razionalmente non riesco a concepire l'esistenza di un qualche essere superiore o sovrannaturale che abbia dato inizio a tutto. Ciononostante nutro un forte interesse nei confronti della spiritualità e col tempo porterò avanti questo campo di interesse... Quanto all'esserci qualche cosa dopo la morte la mia risposta è categorica: il non-essere. Il nulla. Ma mi affascina moltissimo la teoria dell'eterno ritorno di Nietzsche (anche quella la approfondirò con i tempi giusti).
 

Patro

Parroco
Razionalmente non riesco a concepire l'esistenza di un qualche essere superiore o sovrannaturale che abbia dato inizio a tutto. Ciononostante nutro un forte interesse nei confronti della spiritualità e col tempo porterò avanti questo campo di interesse... Quanto all'esserci qualche cosa dopo la morte la mia risposta è categorica: il non-essere. Il nulla. Ma mi affascina moltissimo la teoria dell'eterno ritorno di Nietzsche (anche quella la approfondirò con i tempi giusti).
Ecco, anche nel dopo morte non credo in nulla.. è triste ma è così

Aggiungo anche che non credo in poteri sovrannaturali che decidono ciò che accade sulla Terra come il Karma o il "Destino"
 

Pariston

马 炎 凯
Admin
Anche se alla fine ritengo che le religioni siano uguali, se vai a vedere dicono a grandi linee le stesse cose, e ritengo non debbano influenzare la propria vita, cioè, se fossi ateo sarei caratterialmente uguale a come sono ora
Questo è tipo l'understatement dell'anno, religioni come il Cattolicesimo e il Buddhismo hanno filosofie di vita praticamente agli antipodi. [emoji1274]E comunque anche sulle sottili differenze fra cristiani e islamici si sono combattute guerre… [emoji1276] [emoji1279]
 
Ultima modifica di un moderatore:

Steph

Great Teacher
Mod
^

Comunque anche da non credente ritengo che religione (se fatta bene e non da preti in incognito tipo) sia una materia estremamente interessante per studiare e comprendere cultura e tradizioni
 

Hige

Hexxus
Mod
Nessuna di quelle opzioni e nemmeno agnostico. Non credo in un Dio, ma potrei ammettere che esista. Sono contrario alla Chiesa, su tutti i fronti, lo stesso fatto che predichino l'uguaglianza e che poi non ammettano che le donne svolgano il ruolo del prete mi sembra assurdo. Ogni volta che ascolto una messa sono sempre più convinto che la religione si fondi sulle parole di uomini molto scaltri che in passato hanno saputo convincere milioni di persone riguardo cose del tutto infondate, ma soprattutto sulla superstizione.

Rispetto comunque i credenti, anzi li ammiro, quelli seri si intende.

Riguardo a me, sono convinto che non ci sia il nulla dopo la morte. Voglio credere che esista una realtà in cui tutti i desideri più intensi, in cui si ha creduto una vita intera, si realizzino. Sono arrivato a crederci così intensamente che ne ho fatto una sorta di religione personale. Questo per dare un senso a tanti sogni a cui arrivo così vicino con il pensiero che mi sembra di viverli sul serio.

Lo so che sono strano.
Ti sembrerà strano ma dal punto di vista della morte ci spero io in un mondo idilliaco, tipo un bel sogno.

Non sono ancora abbastanza preparato per pensare che non ci sia completamente nulla dopo la morte.

Per il resto sono sulla via del pensiero di Thunder, anche se la parte agnostica è molto meno forte della parte atea.

Da dire comunque che alcune religioni sono comunque interessanti e conoscerne la storia o la "filosofia" può essere anche utile.
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
Io ho fatto questo semplice ragionamento: prima di nascere sentivo qualcosa? No. Altrettanto sarà dopo.

Ogni tanto però penso che magari noi subiamo un reset totale e ci ributtiamo in gioco... e per questo non ricordiamo nulla del "prima".

Boh...
 

Siebold Targaryen

Will you still love me when I'm no longer beautifu
Infatti io sarei molto piú propenso all'insegnamento della Teologia invece che della Religione nelle scuole, sia come cultura personale sia per consentire allo studente una scelta spontanea sul suo credo.

Ma figurarsi se in Italia vedremo mai una cosa del genere...
 

~Lighty

Rosso è meglio
personalmente non credo in nessun dio, anche essendo stato battezzato ed avendo fatto la prima comunione (in entrambi i casi son stato costretto, come tutti immagino). Credo però in una vita dopo la morte simile a quella descritta da Vee e mi affascina particolarmente parlare di fenomeni paranormali ecc.

tra l'altro, solo io trovo dannosa/ingiusta l'usanza di battezzare i figli da neonati?
 
Ultima modifica di un moderatore:

aleterla

Sex Bomb
Ma non c'era già un topic al riguardo?
Ateo. Sono stato cresciuto con una forte educazione cattolica, ho frequentato la Chiesa fino ai 16 anni ma in realtà non ho mai seriamente creduto. Ho smesso di andare a messa definitivamente a 16 anni, dopo aver iniziato a studiare la storia e la filosofia dei programmi di terza liceo: è stato il periodo in cui mi sono rassegnato al fatto che non eravamo nulla prima e non saremo nulla dopo.

Spesso preferisco pensare di essere agnostico, ma è una mera speranza del mio animo perché il mio cervello non riesce minimamente a concepire l'esistenza di un Dio in ogni sua forma, inteso come essere che governa l'universo che ha creato: almeno non nel modo in cui la maggior parte delle religioni vogliono descriverlo.

Per come la vedo io, le religioni non sono altro che ciò che resta della non conoscenza degli antichi, che pur non avendo i mezzi necessari per farlo volevano spiegare i misteri del mondo; c'è stato chi in seguito, chi per vera fede e chi per mero interesse personale, ha rafforzato certe credenze che per una lunga serie di motivi sono giunti fino a noi, pur con le inevitabili modifiche.

Personalmente apprezzo molto la religione nella sua forma più semplice, perché capace di dare speranza e forza a chi crede davvero anche nei momenti peggiori: onestamente anche io vorrei poter credere, ma per me siamo solo atomi tenuti insieme che dopo la morte inizieranno a disgregarsi per andare a formare qualcos'altro. Triste ma vero.
 

Pariston

马 炎 凯
Admin
È un peccato che il tempo da dedicare alla filosofia sia limitato al liceo… pure dopo il programma di quinta ci sta roba interessante.
 

Veemon Tamer

Momentai
Io ho fatto questo semplice ragionamento: prima di nascere sentivo qualcosa? No. Altrettanto sarà dopo.

Ogni tanto però penso che magari noi subiamo un reset totale e ci ributtiamo in gioco... e per questo non ricordiamo nulla del "prima".

Boh...
È un punto su cui non ho riflettuto mai più di tanto, cosa ci fosse prima, forse anche per questo non mi sono fatto un'idea. Ma il fatto che prima potessi essere il nulla non mi esclude comunque di pensare che dopo la mia morte debba esserci qualcosa.Ci potrebbe essere una seconda morte dopo la mia vita dopo la morte, ma su quella rifletterò quando saro arrivato alla seconda vita...

tra l'altro, solo io trovo dannosa/ingiusta l'usanza di battezzare i figli da neonati?
Io penso che non cambi assolutamente nulla più che altro, non mi da fastidio essere stato battezzato, ma lo trovo del tutto inutile.Così per i credenti, a quell'eta non credono un tubo, potrebbero farlo benissimo dopo quando sono convinti, ma non credo che neanche a loro dispiaccia averlo già ricevuto.

Ti sembrerà strano ma dal punto di vista della morte ci spero io in un mondo idilliaco, tipo un bel sogno.

Non sono ancora abbastanza preparato per pensare che non ci sia completamente nulla dopo la morte.
Non sono sicuro che parliamo della stessa cosa. Dipende cosa intendi per idilliaco. Io non intendevo un mondo dove esiste solo la serenità eterna, che mi ricorda molto il paradiso cristiano (che francamente trovo assai noioso, forse perché non l'ho ancora capito).Anzi, il mio sarebbe un mondo pieno di azione, dove il pericolo sta dietro l'angolo.
 

Pariston

马 炎 凯
Admin
Dicevo solo che c'è tanto altro dopo il '900 che rimane praticamente ignorato dalla maggior parte delle persone. La filosofia si evolve ed è un peccato fermarsi sempre ai soliti Nietzsche/Freud/Marx/Hegel…
 
Ultima modifica di un moderatore:
Top Bottom