Propria affinità culturale geografica.

A cosa vi sentite più legati in fatto di identità?


  • Votatori totali
    13
  • Sondaggio chiuso .
#1
Qualche settimana fa ho partecipato ad un sondaggio su Twitter che mi piacerebbe riproporre qui.

20180625_124732.png

È evidenziata la mia risposta, ovvero l'essere italiano, anche se sono orgogliossisimo di essere siciliano. Poca affinità sento invece con l'Europa, probabilmente perché non ho mai viaggiato oltreconfine e non ho conosciuto molta gente straniera: non ho quindi bisogno di spiegare perché non mi senta cittadino del mondo.
Sono curioso di vedere qui il sondaggio come andrà e vi invito anche a spiegare il voto, se vi va.
 
#2
Io ho votato Europa anche se ammetto che ero indeciso anche con italiano. E' solo una mia opinione ma cittadino del mondo assolutamente no.
 

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
#3
È una cosa a cui penso spesso.
Io mi sento nell'ordine:
Italiano
Milanese
Cittadino Europeo
[...]
Lombardo.
Sono moderatamente patriottico ma non nazionalista, Milano vera capitale d'Italia perché sì è guai a chi me la tocca (anche con lo smog va bene comunque). Mi sento molto vagamente europeo e non sono assolutamente lombardo considerando che abbiamo una tradizione di governi leghisti da non voglio sapere quanti anni che è una delle cose più distanti dal mio essere (fosse solo perché sono frocio).


Bel sondaggio comunque, curioso di vedere cosa ne esce e di vedere quali regioni sono più affini ai propri cittadini.
 
#4
@CiaobyDany va beh, allora io non dovrei sentirmi siciliano perché la regione ha una bella tradizione di politici corrotti e collusi con la mafia? Non buttarla per forza in politica, la Lombardia ce le avrà pure le sue bellezze culturali a cui sei magari legato/affezionato.
 

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
#5
@CiaobyDany va beh, allora io non dovrei sentirmi siciliano perché la regione ha una bella tradizione di politici corrotti e collusi con la mafia? Non buttarla per forza in politica, la Lombardia ce le avrà pure le sue bellezze culturali a cui sei magari legato/affezionato.
La Sicilia è anche una bella terra di sole e di mare, con una storia antichissima alle spalle. Mentre in Sicilia venivano costruiti i templi greci in Lombardia era tutta palude. In Lombardia abbiamo la Lega e le industrie, fine. E, sì, abbiamo il settore industriale che è secondo per importanza solo ad una zona della Germania, ma non compensa il resto. Cioè, un conto è la presenza della criminalità organizzata (che, stando a quanto detto da un agente sotto copertura venuto in conferenza nel mio liceo, in Lombardia ci siamo importati alla grande quella che viene da tutta Italia, non solo la mafia), con cui o ti schieri, o la ignori (facendo i loro favori), oppure per lottarla apertamente poi rischi di persona. Un conto è mettere una croce in una cabina elettorale nel segreto assoluto. La Lombardia al momento è dalla parte di chi teme per la sopravvivenza della razza bianca. Io mi vergogno di figurare tra gli scellerati che hanno votato un imbecille simile.
Poi, per carità, abbiamo anche noi la nostra storia, ma non posso ignorare lo stato attuale.
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
#6
Alla mia terra di origine (Marsica, provincia dell'Aquila). Anche se non ci sono nata, fa parte di me da sempre, e ogni anno aspetto Agosto per tornarci. Di detta terra ho quindi il sangue 100%, la pelle (non conosco scottature), la statura (di merda, devo dirlo) e la Gigia&Luigia, che non mi tradiscono mai a prescindere dal peso. 😎👌
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
#7
sicuramente NON regionale nè tantomeno cittadino poichè odio bari con ogni milligrammo di energia che ho nel corpo; in compenso italiano sì perchè un giorno punto a diventare toscano d’adozione

EDIT: avrei potuto votare/rispondere Europa o mondo data la mia elevata conoscenza dell’inglese ma finchè non visiterò una nazione anglofona mi pare alquanto ridicolo
 
Ultima modifica:
#8
Io non mi sento italiano ma per fortuna o purtroppo lo sono. Questo bel paese pieno di poesia ha tante pretese ma in questo mondo occidentale è la periferia. E se fossi nato in altri luoghi poteva andarmi peggio.
Giorgio Gaber.

Fieri di essere italiani ma allo stesso tempo vergognarsi. Ecco come almeno io mi sento. Per questo ho votato Europa invece che Italia. Abbiamo un patrimonio culturale, geografico e gastronomico che tutto il mondo ci invidia ma non lo sappiamo sfruttare. Per lavoro viaggio in tutta Europa e posso dire che c'è di meglio e c'è di peggio dell'Italia. Preferisco il mio paese rispetto a Francia, Portogallo, Spagna e Austria ma siamo sempre dietro a Germania, Regno Unito, Danimarca e Benelux. E come ho già detto prima non mi sento assolutamente un cittadino del mondo. Con tutto quello che sta avvenendo ora tra estremismo religioso, Stati Uniti e immigrazione incontrollata certo non posso dire che il mondo sia bello.
 
Ultima modifica:

Pariston

马 炎 凯
Admin
#9
Mi segno europeo non per hipsteria ma ché di fatto vivo all'estero e mi sentirei ingrato se votassi altro; tanto più che non ci ho pensato due volte a scappare di casa alla prima occasione buona. Spero proprio di non dovermene pentire poi. 🤞🏻

Dopo essere uscito dall'Europa mi sento tranquillamente di confermare che non sono un cittadino del mondo lol. Però ho molti amici extracomunitari, lo giuro!
 
#10
Ero dell'idea che non ero una persona attaccata alla propria terra di origine o di transizione. Abitando per 20 anni in Italia e trasferita da marzo di quest'anno in Moldavia posso dire che non mi manca l'Italia (oppure quando abitavo in italia non mi mancava la Moldavia). Si può dire che mi sento neutra, o cittadina del mondp? (inoltre in Moldavia è transitorio, vorrei spostarmi altrove dopo alcuni anni).
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
#11
Mi sento più legata alla mia regione ma con uno sguardo verso l'Europa.
Decisamente non sento niente verso l'Italia, è così... lontana, geograficamente e mentalmente.
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
#12
Ero dell'idea che non ero una persona attaccata alla propria terra di origine o di transizione. Abitando per 20 anni in Italia e trasferita da marzo di quest'anno in Moldavia posso dire che non mi manca l'Italia (oppure quando abitavo in italia non mi mancava la Moldavia). Si può dire che mi sento neutra, o cittadina del mondp? (inoltre in Moldavia è transitorio, vorrei spostarmi altrove dopo alcuni anni).
In camper?
 
#14
Avrei voluto votare europeo, avrei votato entrambe le opzioni se avessi potuto, anche perché credo che sia l'unico modo per assicurare una pace più o meno duratura in futuro (unità via via più concreta e stretta tra tutti i paesi dell'europa geografica).
Alla fine ho votato regionale perchè, specialmente dopo essere andato fuori dalla mia regione per l'uni, ho sviluppato una nostalgia di casa molto forte ed ho apprezzato maggiormente la mia terra natia, più di quanto volessi aprezzarla a dirla tutta, ma non scegliamo le nostre croci.
L'Italia attualmente non mi piace, ma si ricade sulle scelte politiche (ma ci sarebbero discorsi più lunghi da fare, e non è il luogo, perché potrei risultare fraintendibile e sicuramente lo sono già risultato) principalmente.

Il Mondo è una utopia,
 

Snorlite

Fetta di torta
Wiki
#15
In realtà io d'istinto mi sento più legato alla mia città che a insiemi geografici più grandi
Le tappe principali della mia vita le ho attraversate qui, e mi viene difficile legarmi sentimentalmente a un insieme geografico di cui conosco poco o niente. Magari se un giorno la vita mi porterà a viaggiare di più (booooooh) allora forse le mie idee cambieranno.
 

Ombra

Dragoran, immer besser!
Admin
#16
Si può dire "essere montanaro"?

Sinceramente, dovessi scegliere un luogo geografico "politico" non saprei, Bologna e l'Emilia probabilmente, ma se penso ai miei antenati, ad ogni generazione c'è un cambio di regione o di nazione. Alla fin fine penso di essere in buona parte emiliano / pugliese / austriaco / romano / maltese ed in minima parte altro ancora. Mi verrebbe da considerarmni alieno...

Quello a cui mi sento legato è invece un luogo geografico "fisico", le montagne appunto. Mi sento molto una versione maschile e nostrana di Heidi. Chi ha avuto modo di incontrarmi sia in città sia su un sentiero in alta montagna non può aver notato la differenza, apparentemente allegro nel primo caso (ma dentro di me annoiato e spento), estasiato e incontenibile nel secondo caso.

Se il sondaggio fosse stato ancora aperto, per quanto sopra avrei votato cittadino del mondo (e oltre...)
 
Top Bottom