Celiachia o no?

Siete celiaci?

  • Si

    Voti: 0 0.0%
  • No

    Voti: 21 91.3%
  • No ma mangio senza glutine

    Voti: 2 8.7%
  • Sì ma mangio comunque ogni cosa abbia il glutine perché è più buona

    Voti: 0 0.0%

  • Votatori totali
    23
#1
Ultimamente noto che mi capita spesso di incontrare persone celiache e inoltre noto che forse l'Italia è il paese con piu alto numero di intolleranti verso il glutine (è una mia osservazione, non ho cercato).
 
Ultima modifica da un moderatore:
#2
No, ma hai ragione a dire che ultimamente stanno aumentando: mia madre cucina per una mensa, e ci sono parecchi bambini celiaci ultimamente! Ne parla spesso, ricordando che quando ha iniziato a lavorare come cuoca non ce n'erano molti.

Personalmente, comunque, non lo sono.
 

CiaobyDany

Gli @dmin sono delle brutte perso
Wiki
#5
Alcuni affermano che chi è di gruppo sanguigno A può mangiare l'orata, ma il branzino è un veleno.

Secondo me più che essersi diffusa recentemente, semplicemente con i progressi fatti in campo medico è diventato più facile diagnosticarla. Un po' come la dislessia, che i miei ripetono sempre che ai loro tempi "quelli che non avevano voglia di studiare venivano semplicemente segati", semplicemente c'è molta disinformazione al riguardo e si sottovaluta quello che è un vero e proprio problema.
 

Steph

Great Teacher
Mod
#7
Io aggiungerei l'opzione "Sì ma mangio comunque ogni cosa abbia il glutine perché è più buona", cosa che farei io se fossi celiaco.

Fun fact : mi viene il nodo in gola ogni volta che mangio cibi contenenti diversi tipi di farina. Dovrei fare il test ma i miei ed il mio medico pensano che sia solo stress.

Sono una persona davvero molto esaurita.
 
#10
No, non lo sono e per fortuna. La vita di un celiaco (uno vero, eh) è chiaramente simile all'inferno.
All'inizio lo è stato per me per cucinare per il mio ragazzo dato che ha il suo lavandino, le sue posate, le sue cose perchè le cose degli altri se si lavano sono comunque contagiati ma dopo alcuni mesi mi risulta tutto piu facile (li preparo ogni giorno il pranzo per mangiare al lavoro). 
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
#11
All'inizio lo è stato per me per cucinare per il mio ragazzo dato che ha il suo lavandino, le sue posate, le sue cose perchè le cose degli altri se si lavano sono comunque contagiati ma dopo alcuni mesi mi risulta tutto piu facile (li preparo ogni giorno il pranzo per mangiare al lavoro).
Sì, conosco un po' il problema, mia cugina aveva ricevuto una diagnosi di celiachia (non grave come quella del tuo ragazzo) e nei pranzi di famiglia dovevamo stare attentissimi a toccare le cose. Ora credo sia passata da celiaca ad allergica, può mangiare roba con glutine ma entro un certo limite.(va detto che mia cugina è anche intollerante al lattosio, quindi io al suo posto morirei di fame)
 
#14
scusate non voglio fare il saputello ma studio medicina e mi sembra che ci sia un po' di confusione. 

Per quanto riguarda la risposta " si ma mangerei comunque i cibi con il glutine perchè più buoni " ... beh se siete celiaci non mi sembra una buona scelta sopratutta se avete la forma classica di celiachia. 

Per quanto riguarda quella che in termini tecnici si chiama epidemiologia di una malattia, cioè quanto quella malattia è presente nel mondo è in aumento perche siamo in grado di fare la diagnosi ( dato che è una diagnosi tramite ricerca di autoanticorpi che è una tecnologia relativamente recente ). Però è anche vero che il nostro corredo immunologico ( cioè le difese immunitarie quelle che servono a proteggerci da agenti esterni potenzialmente nocivi ) in questo ultimo mezzo secolo sono cambiate molto date l'evoluzioni tecnologiche con cui trattiamo i cibi e l'ambiente in cui viviamo e quindi ci sono alcune malattie che oggi sono più presenti perchè in questo continuo evolvere e conseguente adattamento del nostro corredo genetico anche cose che non fanno male  ( come il glutine ) posso dare una malattia che è data da una risposta incontrollata ed esagerata da parte dell'organismo contro, in questo caso, una determinata molecola., però è un discorso lungo.

Per quanto riguarda il tuo ragazzo non è necessario che abbia la sua forchetta etc etc basta lavare bene le cose perchè potrebbero esserci dei residui dei cibi a cui lui è intollerante, ma comunque direi che è una buona abitudine ma non necessaria i cibi senza glutine bastano e avanzano e comunque io non sono celiaco ma li ho assaggiati spesso perchè avendo un amico celiaco se ceniamo insieme mangiamo la stessa cosa e vi dirò che non sono per niente male anzi ;)  
 
#16
Ho fatto dei test lo scorso anno perché pensavano avessi la celiachia. Il risultato è stato negativo, ma quando capita non disdegno in ogni caso cibi senza glutine.
Sono d'accordo con Pariston comunque, ora sembrano esserci più celiaci soprattutto perché, con i test, è più semplice individuarli.
 
#20
ho un cugino intollerante che può mangiare pane 3 volte a settimana (ma è allergico ad altra roba), personalmente mai avuti problemi e non saprei vivere senza pane.
 
#29
Anche io ho una passione per gli amidacei in ogni loro forma, non solo adoro la pasta, ma anche il pane e tutti i loro derivati in particolare focacce di vario tipo.

Penso che se fossi celiaca la cosa che mi mancherebbe di più sarebbero proprio i lievitati: alla pasta si può ovviare, diciamo la verità, anche se quella per celiaci non fosse granchè (mai provata) alla fine il condimento è quello che veramente conta... Ma il pane, la focaccia ecc. me li scofano molto volentieri anche da soli, già mi riesce difficile accettare il fatto che qui in UK il pane faccia schifo, e purtroppo quello per celiaci (sempre qui in UK) mi sembra ancora più triste... E farmi dei buoni prodotti da forno in casa non è facile - non è facile nemmeno senza allergie varie per un discorso di forza e tipo della farina, tipo di lievito, quantità d'acqua ecc. ecc., figuriamoci se dovessi usare le farine apposite.

Senza contare tutti i vari problemi della cross-contaminazione con gli altri alimenti in fabbrica, e soprattutto LA BIRRA.
 
Top Bottom