Enrico Pentolaio

#1
CAPITOLO 1: La pallina di carta stagnola filosofale fatta durante la ricreazione!

Tadda tara ta tattaaaaaa taaaa taaaa ta ta taaaa ta taaaaaa. Ecco. Questa è la colonna sonora di questa storia sulla magia. Albus Parlante camminava e con una specie e di accendino e risucchiava una luce offuscata dalla nebbia. Incontra un gatto, lo saluta, lo bacia mette la lingua in bocca al gatto. Poi il gatto si trasforma nella professoressa McGranapadano. Albus per farsi perdonare le offre un succhiotto al limone. Lei rifiuta, però è compiaciuta. Si mette a ballare la Macarena e in quel momento arriva Piero Pelù, un uomo alto e pieno di peli che su una moto volante porta un bambino: Enrico Pentolaio. Lo lasciano sull’uscio di una casa a caso e vanno ad un concerto dei Pooh.

10 o 12 anni dopo. Boh, non mi ricordo. Enrico si sveglia a casa di alcuni signori e in men che non si dica un sacco di lettere inondano la casa. Lo zio Verme le vuole sequestrare, Enrico piange. La zia Pattume guarda e il cugino Daddy le mangia. Si trasferiscono sull’isola d’Elba, dove Piero Pelù presto viene a trovare Enrico e se lo porta.
- Tu sei un mago Enrico.
- Lo sapevo già, ho visto i film di Harry Potter.

Enrico viene ammesso alla scuola di magia  e puttaneria di Hogwarts. Viene smistato nella casata: Leondargento e lui piange per questo. Nel frattempo incontra Ron ed Armonica. Si diverte con loro, soprattutto ad andare sempre in parrocchia la domenica da Don Roberto Vecchioni. Lui è un diomagono. Cioè non ha poteri magici, pratica solo la messa nella scuola.

[SIZE=12pt]Piero Pelù racconta ad Enrico che i suoi genitori sono morti uccisi da [/SIZE][SIZE=11pt]Umberto Smaila e che lui gli ha lasciato una cicatrice a forma di cucchiaio sulla fronte. Da quel giorno enrico si imbocca con la sua stessa testa.
Un giorno dopo la messa, Enrico era il chirichetto di Don Vecchioni, insieme a Ron ed Armonica si ritrova in  una stanza proibita dove incontra un cagnolino di nome Fuffy che inizia a leccarlo. Enrico si spaventa e corre urlando per tutta la scuola. Viene fermato dal professor Rattata, un cretino con il turbante. Enrico sospetta subito di lui.

Ron ha una visione: la pallina di carta stagnola filosofale fatta durante la ricreazione. La vanno a cercare. Giocano a dama, e si ritorvano con Rattata che in realtà è Umberto Smaila. Enrico sviene, smaila scappa. FINE DEL PRIMO CAPITOLOO[/SIZE]

[SIZE=11pt]Dedicato a Mr.Ponty <3 <3 <3[/SIZE]
 
Top Bottom