Paul McCartney-Sosia

#1
Avete letto nell'ultimo numero di focus l'articolo che parlava di Paul e della teoria secondo cui lui è morto nel 1966 e al suo posto è stato piazzato un certo William Campbell?

Io all'inizio l'ho trovato molto sconcertante poi mi sono convinto che sia stata solo una montatura pubblicitaria... ma sconcertante in effetti... voi che ne pensae?
 
#4
Proprio di recente, ho letto molto su questo argomento e ne sono rimasta affascinata. Come te, propendo per l'ipotesi "montatura pubblicitaria", ma è interessante vedere tutti i possibili "indizi" analizzati. Però sarebbe figo credere in una storia così macabra ed intricata *_*

Per chi volesse approfondire, vi linko le pagine da me lette con sommo interesse:

- Leggendemetropolitane.net (da questa pagina generica si arriva ad altre che approfondiscono l'argomento)

- Wikipedia

Suggestivo.
 
#5
Se avessi letto l'articolo fino alla fine saresti arrivato alle affermazioni di McCartney stesso in proposito, che le ha svelate come semplice montatura pubblicitaria. Del resto l'idea che Paul sia morto e sia stato sostituito da un sosia è impossibile per vari motivi:

1. McCartney era probabilmente una delle più forte influenze sulle idee musicali dei Beatles. Se fosse davvero morto ci sarebbe stata un'incredibile discontinuità nella discografia dei Beatles, quando invece la loro evoluzione è piuttosto lineare.

2. Inoltre, se fosse morto, gli altri membri (per non dire anche tutte le altre persone) ne avrebbero risentito negativamente, e questo sarebbe ricaduto sulle loro azioni e sulle loro composizioni musicali. Cosa che non è avvenuta.

3. Per quanto una persona possa avere la stessa quantità di talento musicale di un'altra, è impossibile che due persone suonino nello stesso modo. Anche se il sosia avesse avuto una buona tecnica non avrebbe avuto la possibilità di fare le linee di basso come McCartney, per il semplice motivo che non era lui. Certo avrebbe potuto emularle, ma considerando il fatto che le sue performance più belle le ha fatte probabilmente nell'ultimo periodo della carriera, e le ha fatte tutte in perfetto stile Beatles, un'emulazione è estremamente improbabile.

4. Fatto probabilmente più lampante, la notizia della morte di McCartney avrebbe fruttato alle case discografiche una quantità di denaro estremamente superiore a quella di Paul da vivo, contando l'effetto nostalgia che si sarebbe ripercosso sulle vendite dei loro dischi e sui loro concerti. Non essendo Epstein e Martin (rispettivamente manager e produttore) i primi pisquani che uscivano fuori nel mercato musicale non avrebbero certo sotterrato la cosa con un espediente così rischioso e poco conveniente.

Con queste cose il mondo dell'arte ci si diverte tantissimo, come il già noto Centro Culturale San Giorgio dovrebbe aver insegnato da anni.
 
#6
Larm ha detto:
Se avessi letto l'articolo fino alla fine saresti arrivato alle affermazioni di McCartney stesso in proposito, che le ha svelate come semplice montatura pubblicitaria. Del resto l'idea che Paul sia morto e sia stato sostituito da un sosia è impossibile per vari motivi:
Se ti riferisci all'articolo di focus lo ho letto fino in fondo e mi pare che Paul abbia solamente smentito in modo giocoso e ironico la sua morte ma non che la abbia mai presentata come una trovata pubblicitaria, cmq ripeto, nonostane la storia del sosia mi abbia molto intrigato, non sono assolutamente convinto della sua veridicità, anzi...
 
#7
R.A.B. ha detto:
Se ti riferisci all'articolo di focus lo ho letto fino in fondo e mi pare che Paul abbia solamente smentito in modo giocoso e ironico la sua morte ma non che la abbia mai presentata come una trovata pubblicitaria, cmq ripeto, nonostane la storia del sosia mi abbia molto intrigato, non sono assolutamente convinto della sua veridicità, anzi...
Son stato in effetti molto inaccurato: più che montatura pubblicitaria, sarebbe stato corretto dire un giochetto divertente, il quale poi ha anche contribuito (magari non come primo obiettivo) alle vendite dei Beatles.
 
#8
Larm ha detto:
Son stato in effetti molto inaccurato: più che montatura pubblicitaria, sarebbe stato corretto dire un giochetto divertente, il quale poi ha anche contribuito (magari non come primo obiettivo) alle vendite dei Beatles.
Più o meno anche io la ho sempre vistà così, solo viene da chidere se ad avere l'idea siano stai i Beatles oppure i loro manager...
 
#9
premettendo ke nn credo alla morte di mccartney ma cmq un sosia nn ammetterebbe di essere per l'appunto un sosia quindi quei motivi se pur veri sono stati usati al momento x difendersi

PS sto scrivendo cazzate
 
#10
Sirius ha detto:
premettendo ke nn credo alla morte di mccartney ma cmq un sosia nn ammetterebbe di essere per l'appunto un sosia quindi quei motivi se pur veri sono stati usati al momento x difendersi

PS sto scrivendo cazzate
Certo è ovvio che, se questo William Campbell alias Bill Shears fosse davvero il sosia d Paul non lo ammetterebbe mai davanti alla telecamera...

Cmq mi è venuto da chiedermi se davvero fosse Wiliam il sosia che fine ha fatto dopo aver impersonato Paul?

Cioè se William diventato Paul non può essersi dileguato senza far notizia...spero di essermi spiegato bene...

Dunque ho fatto delle ricerche su Wiliam e guardate che ho trovato:

 

Non ho fatto ricerche più approfondite ma se si trattasse del nostro william questa sarebbe la prova che lui non è il sosia...