Ipergorilla

Disputa linguistica

Quale di queste espressioni usereste? leggete prima il post.   21 voti

  1. 1. Quale di queste espressioni usereste? leggete prima il post.

    • debole [b]a[/b]: fuoco, acciaio, acqua ecc.
      12
    • debole [b]verso[/b]: fuoco, acciaio, acqua ecc.
      4
    • debole [b]contro[/b]: fuoco, acciao, acqua ecc.
      5

Si prega di accedere o registrarsi per votare a questo sondaggio.

42 risposte in questa discussione

Ieri ho aggiornato il template dell'efficacia dei tipi: Efficacia tipi DP.

"Weak to" e "Resistant against" li ho tradotti rispettivamente "Debole verso" e "Resistente verso"

Gika, nell'aggiungere un paio di correzioni tecniche al template, ha anche cambiato le scritte in "Debole a" e "Resistente a"

Ora, per "Resistente a" non ci sono storie, ma per "Debole a" non sono assolutamente d'accordo. Mi suona stranissimo e personalmente non l'ho mai detto o sentito.

Gika sostiene il contrario, e adduce la prova che "debole al fuoco" se cercato su google, produce più (25.000 e passa) risultati di debole verso il fuoco (2 risultati)

Trovandoci in disaccordo in chat, Gika ha suggerito di esporre la questione sul forum, perciò eccola qua. È sicuramente una discussione del cazzo, ma avevo tempo da perdere...

Allora, 25.000 contro 2 è una sproporzione imbarazzante e ammetto che sono rimasto colpito. Però "debole al fuoco" mi suona ancora terribilmente male. Una possibile spiegazione è che sia una formula usata più nel nord che al centro o al sud (Gika dice che per lui è normale, io invece non l'ho mai sentita, davvero).

Inoltre, se ci fate caso, i 25.000 risultati di "debole al fuoco" vengono tutti da siti su Final Fantasy, Monster Hunter, Resident Evil e altri giochi. Mi sembra ovvio che "debole al fuoco" sia una frase tipica di questi contesti, e probabilmente è una traduzione molto letterale di "weak to" entrata nel gergo dei giochi.

A supporto di "debole verso" o di "debole contro" invece intervengono due fonti: il dizionario della lingua italiana e lo stesso Google.

Dizionario Garzanti della lingua italiana

Ecco l'accezione di "verso" che ci interessa

verso 3

etimologia

Lat. vĕrsus o vĕrsum, avv., deriv. di vĕrsus, part. pass. di vertĕre ‘voltare’

- nei riguardi di, nei confronti di: amore verso i genitori; lealtà verso la patria; pietà verso chi soffre; si è comportato ingiustamente verso di te; Figliuol mio, / perché hai tu così verso noi fatto? (Dante, Purg. xv, 89-90)

Niente di sbagliato, vero? Se Gika si fosse cercato la parola sul dizionario, si sarebbe accorto che non c'era niente di sbagliato da correggere. Ma tant'è, andiamo avanti.

La preposizione "a", sempre secondo il Garzanti, ha almeno 16 accezioni, e a noi interessa la sedicesima:

16 (ant.) introduce il complemento d’agente o indica lontananza, separazione: e lontana a Rinaldo mille miglia (ariostoO. F. I, 36).

Quindi "a" in "debole a" (così come in "resistente a") introduce il complemento d'agente. La definizione è arcaica, e se possiamo giustificarne l'uso per "resistente a" (per cui è la preposizione più comune in tutti gli ambiti della lingua) non possiamo giustificarlo per l'aggettivo "debole". Infatti, per dire "poco resistente a", la forma più comune ("non marcata"), NON È "debole a", ma "debole contro", come possiamo desumere dando uno sguardo attento a...

Google!

Se cercate su Google "debole contro", "debole verso" e "debole a", invece di "debole al/verso il/contro il fuoco" (abbiamo detto che sono espressioni limitate all'ambito dei giochi), scoprirete che a vincere numericamente è "debole contro" (130.000 risultati), seguito da "debole a" (26.000) e infine "debole verso" (6.950).

Inoltre nei 26.000 risultati di "debole a" (così come quelli per "debole alla", "debole al" ecc. ecc.) "a" non viene praticamente mai usato con funzione avversativa, mentre invece nei risultati di "debole verso" e "debole contro" la funzione avversativa è la principale per la quale vengono impiegate. Date un'occhiata e la differenza sarà lampante.

Ecco quindi rovesciato lo stesso metodo usato da Gika per giustificare la sua traduzione.

Con questo vorrei concludere che:

  • Il numero di risultati di 2 ricerche su google non possono stabilire come si usa una lingua;
  • "Debole a" andrebbe sostituito con "Debole verso" o "Debole contro" (cazzo Gika, me lo devi perlomeno per il tempo che ho perso a scrivere sto papiro);
  • Gika è una nazista della grammatica e adduce le scuse più disparate (dall'Accademia della Crusca ai forum di Final Fantasy) per usare le parole che dice lui, anche a discapito della leggibilità e delle gonadi di chi traduce tutto il resto;
  • Penso siamo tutti d'accordo che "ognuno parla come gli pare", ma se ci troviamo a stabilire una qualche forma linguistica all'interno di un compito più grande, come il modellamento un sito visitato (anche) da ragazzi in età scolare, tanto vale stabilire una forma giustificata e non equivoca, dato che una presupposto fondamentale della riuscita di un forum (e del vivere insieme), è quello di capirsi.

infine, come promesso, ecco tutte le definizioni della preposizione "a"

etimologiaLat. ăd; nel sign. 16, dal lat. ăb ‘da’

definizioneprep. [davanti a parola che comincia con a- si ha nell’uso scritto normalmente ad; questa variante eufonica si può incontrare, ma meno com., anche davanti alle altre vocali; si unisce agli art. determ. il, lo, la, i, gli, le, formando le prep. articolate al, allo, alla, ai, agli, alle]

1 esprime una relazione di termine o di destinazione, il punto di arrivo di un’azione, avendo assunto la funzione che era propria del dativo lat.: consegnare un pacco al destinatario; scrivere una lettera a un amico; ordinare il vestito al sarto; si è rivolto a me; fate attenzione ai pericoli! | in loc. con il verbo sottinteso: a noi due!; al fuoco!; al ladro!

2 introduce una specificazione di luogo, in senso proprio o fig., continuando il costrutto lat. ăd + acc. (può essere sostituita da altre prep., come in, su, sopra, verso ecc.); in partic., moto a luogo: vado ad Ancona; il treno è giunto a Milano; girare a destra (o sulla, verso destra); andare a cena; arrivare alle stesse conclusioni; venire a patti, a un accordo; elevare un numero a potenza; muovere a pietà; mandare al diavolo | stato in luogo: stare a (o in) casa; essere a scuola; restare a pranzo; abita a Napoli; lavorare al (o presso il) ministero; dolore alla spalla | introduce una distanza, con valore spazio-temporale: il paese è a tre chilometri; la vetta è a due ore di marcia | nei toponimi indica vicinanza, prossimità: Francavilla a Mare; San Vito al Tagliamento | in correlazione con da: da qui a lì; da una parte all’altra

3 con valore temporale: a settembre; a Natale; al mattino, a sera, al pomeriggio (o il mattino, la sera, nel pomeriggio o di mattino ecc.); alle (ore) otto; a un quarto all’una; oggi a otto, fra una settimana; da qui a dieci anni; da un momento all’altro; dall’oggi al domani | indica l’età: si diventa maggiorenni a diciott’anni; Leopardi morì a trentanove anni

4 esprime la modalità in cui un’azione si compie: pagare a rate; comprare all’ingrosso; vendere a cinquemila lire al chilo; stare a bocca chiusa; camminare a passo lento; sognare a occhi aperti; fare una cosa a caso | il modo in cui qualcosa si presenta o è fatta, la sua qualità: soluzione a bassa concentrazione; strumento a corde; veicolo a quattro ruote; palazzo a tre piani; gonna a quadri | riferito a cosa, esprime somiglianza, rispondenza, similarità con qualcos’altro: bicchiere a calice; testa a pera; disegno a spina di pesce | indica l’attenersi a mode, fogge, abitudini tipiche di un’altra epoca o di una particolare città, regione e sim.: una persona all’antica; vestire alla marinara; ossobuco alla milanese; giardino all’italiana | è molto com. in loc. di deriv. francese come spaghetti al sugo, uova al pomodoro, bistecca ai ferri (un tempo si consigliava: spaghetti con il sugo, uova con il pomodoro, bistecca sui ferri)

5 con valore strumentale: barca a vela; motore a benzina; mulino a vento; andare a piedi; scrivere a mano, a macchina; comunicare a gesti; giocare a scacchi, a tennis, a palla

6 indica la causa: svegliarsi a un rumore; ridere a una battuta; riconoscere alla voce

7 ha valore limitativo o di semplice relazione: essere coraggioso a parole; a mio parere ti sei comportato male; star bene a soldi

8 introduce il fine o lo scopo: i soldati restarono a guardia della polveriera; andare a caccia | indica vantaggio o svantaggio: ha parlato a nostro favore; lo fa a suo danno

9 introduce una pena: condannare a un’ammenda, a sei mesi di carcere

10 stabilisce una relazione di paragone: il tuo vestito è simile al suo

11 ha funzione distributiva: a due a due; 50 km all’ora; due volte al giorno

12 introduce una funzione predicativa: prendere a esempio; fu eletto a presidente (ma è più com. fu eletto presidente)

13 seguita da un verbo all’inf., introduce prop. causali: ho fatto male a mangiare tanto | condizionali: a dire il vero, non mi pare possibile | finali: mandare a lavorare; mi hanno invitato a esser presente; dare una lettera a copiare (un tempo si prescriveva l’uso di da in loc. di questo tipo: p. e. un terreno da vendere non a vendere) | temporali: a vederlo, mi si riempie il cuore di gioia | relative, con sfumatura consecutiva: siamo stati gli ultimi ad apprendere la notizia

14 concorre alla formazione di loc. avverbiali: a mano a mano; a poco a poco; goccia a goccia; corpo a corpo; fianco a fianco; a digiuno; a bizzeffe; alla rinfusa | prepositive: a causa di; a favore di; di fronte a; in mezzo a; oltre a; sino a; davanti a; intorno a; al di qua, al di là di

15 (merid.) introduce il complemento oggetto: senti a me!

16 (ant.) introduce il complemento d’agente o indica lontananza, separazione: e lontana a Rinaldo mille miglia (ariostoO. F. I, 36).

inb4: cool story bro et similia

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Inoltre, se ci fate caso, i 25.000 risultati di "debole al fuoco" vengono tutti da siti su Final Fantasy, Monster Hunter, Resident Evil e altri giochi. Mi sembra ovvio che "debole al fuoco" sia una frase tipica di questi contesti, e probabilmente è una traduzione molto letterale di "weak to" entrata nel gergo dei giochi.

Motivo essenziale per cui su un'enciclopedia online di un videogioco la dizione « debole a » ha più valore delle altre.

Mi pare poco probabile che l'Accademia della Crusca o un dizionario della lingua italiana possano legiferare su di un uso nuovo di un vocabolo importato da una lingua straniera (in realtà non legiferano proprio nulla, servono a registrare e ordinare gli usi empirici). In italiano l'aggettivo « debole » non era mai stato usato sistematicamente prima d'ora per esprimere una debolezza nei confronti di qualcosa (« vulnerabile » mi sembra più comune), e poiché il nuovo utilizzo tecnico del vocabolo si è stabilito come « debole a » mi sembra che si debba usare questa dizione senza ombra di dubbio.

« debole verso » e « debole contro » mi sembrano due tentativi parziali di traduzione dell'inglese « against » che significa le due allo stesso tempo, cosa buffa perché l'against si trova nell'altra delle due traduzioni.

In breve o si cambia l'aggettivo mettendo « vulnerabile » al posto di « debole », oppure si tiene « debole a » che è molto meno alambiccata delle altre due formule.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Debole a.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

"debole nei confronti di"

edit. il problema è che "debole" in italiano significa "che ha poca forza", mentre qui vogliamo intendere qualcosa "che ha poca resistenza". In teoria dovrebbe essere che (ad esempio) acqua è debole contro drago e non contro elettro, ma ormai da oltre 10 anni nei pokémon in Italia si usa "debole" per indicare ciò che intendiamo...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Motivo essenziale per cui su un'enciclopedia online di un videogioco la dizione « debole a » ha più valore delle altre.

In italiano l'aggettivo « debole » non era mai stato usato sistematicamente prima d'ora per esprimere una debolezza nei confronti di qualcosa (« vulnerabile » mi sembra più comune)

i risultati di google di e "debole contro" dicono il contrario. In ambito di mercati di valute "debole contro" è ben affermato ("euro debole contro dollaro") ed è ampiamente usato anche in ambito di videogiochi, (esempi: qui, qui, qui, qui -Wikipedia, il modello di Gika-, qui e solo per citarti le prime pagine di google) se lo vuoi considerare un fattore preponderante. Perfino il mio coinquilino è giunto alla conclusione che "debole contro" è la formula migliore.

In breve o si cambia l'aggettivo mettendo « vulnerabile » al posto di « debole », oppure si tiene « debole a » che è molto meno alambiccata delle altre due formule.

Guarda, "debole a" per me è orribile. Non riesco proprio a capacitarmi che tutti a parte me la trovino normale. Anche il mio coinquilino in prima istanza ha detto "debole a"... Eppure siamo nati nello stesso mondo..

Sia "Vulnerabile a" che "debole contro" mi sembrano alternative meno ambigue e più eleganti. "Vulnerabile a"* ha anche il vantaggio di chiarire che stiamo parlando della difesa di un Pokémon verso mosse di un certo tipo, come ha fatto notare TM85.

*che tra l'altro è una parola che non è venuta in mente ne' a me ne' a Gika pur restando tutto il tempo sotto ai nostri nasi: Il titolo della sezione con questo template è proprio "resistenze e vulnerabilità"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

voto per vulnerabile

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

*che tra l'altro è una parola che non è venuta in mente ne' a me ne' a Gika pur restando tutto il tempo sotto ai nostri nasi: Il titolo della sezione con questo template è proprio "resistenze e vulnerabilità"

E sì che dovrei essere io ad aver perso la scioltezza nella lingua italiana, visto che uso altre lingue nel quotidiano...

La forma « debole a » dev'essere un semplice fenomeno di semplificazione del ben più lungo (ma più preciso) « vulnerabile a » tramite l'utilizzo un termine vicino che suona un po' meno arcaico e poetico. Non è una dizione super elegante, ma ha il merito di essere immediatamente comprensibile per un qualsiasi locutore italiano dell'inizio del XXIesimo secolo, e in quanto nuova creazione semantica non è vietata da nessuna regola grammaticale.

Ora la scelta è tra essere dei maestri di scuola oppure di accettare una forma linguistica recente che potrebbe diventare di senso comune (in quanto non insensata). Se proprio comunque « debole a » sembra inaccettabile, allora sceglierei « vulnerabile a », perché « debole contro » per me è una soluzione ancora peggiore : oltre ad essere probabilmente un pessimo anglicismo, la parola « contro » la vedo adatta a indicare delle persone concrete (contro qualcuno) piuttosto che degli elementi vaghi (contro acqua, fuoco, terra, spettro ecc).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il fatto stesso di usare la parola "debole" è un anglicismo e ad ulteriore conferma di ciò è il fatto che google porti quasi esclusivamente a pagine relative a videogiochi.

Secondo me qui non si tratta di essere dei maestri di scuola, ma si tratta soprattutto di voler scrivere in italiano. Ora, se vogliamo imbarbarire ulteriormente una lingua utilizzando le sue stesse parole solo perché dobbiamo rivolgerci a dei dodicenni che non sanno nemmeno quando si usa l'h nel verbo avere, possiamo farlo tranquillamente ed evitare discussioni filologiche, ma a quel punto possiamo anche cancellare il wiki e mettere un enorme link a Bulbapedia che comunque ha le traduzioni delle mosse in fondo alle pagine...

Un pensiero: forse sarebbe più corretto "vulnerabile da" piuttosto di "vulnerabile a", ma fa abbastanza schifo come forma...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il fatto stesso di usare la parola "debole" è un anglicismo e ad ulteriore conferma di ciò è il fatto che google porti quasi esclusivamente a pagine relative a videogiochi.

Tra un anglicismo che viene dal mondo dei videogiochi e un anglicismo che viene dal mondo della finanza, direi che per una wiki di pokémon il primo sia molto più logico.

Secondo me qui non si tratta di essere dei maestri di scuola, ma si tratta soprattutto di voler scrivere in italiano. Ora, se vogliamo imbarbarire ulteriormente una lingua utilizzando le sue stesse parole solo perché dobbiamo rivolgerci a dei dodicenni che non sanno nemmeno quando si usa l'h nel verbo avere, possiamo farlo tranquillamente ed evitare discussioni filologiche, ma a quel punto possiamo anche cancellare il wiki e mettere un enorme link a Bulbapedia che comunque ha le traduzioni delle mosse in fondo alle pagine...

La discussione è utile perché ha permesso ad esempio a Iper di ritrovare un termine (vulnerabile) che probabilmente cercava inconsciamente al posto dell'altro visto che lo ha già usato come titolo della sezione.

Per il resto, la questione dell'imbarbarimento mi sembra oziosa, arcaica e senza alcun interesse. Se in tutte le guide di pokémon ufficiali e nella traduzione italiana del gioco hanno usato la parola « debolezza », allora bisogna usare « debole a », semplicemente per rispettare una convenzione già stabilita tra i giocatori (perché la gente usa la wiki di pokémon per trovare rapidamente informazioni, non per leggersi le poesie di Ariosto) e che non comporta nessuna incomprensione. Del resto si tratta di un linguaggio speciale e convenzionale che non ha nulla a che vedere con la lingua parlata normalmente.

Un pensiero: forse sarebbe più corretto "vulnerabile da" piuttosto di "vulnerabile a", ma fa abbastanza schifo come forma...

« Vulnerabile a » è perfettamente ammesso. « Vulnerabile da » non ha alcun senso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

"debole a" francamente mi sembra la formula migliore proprio perché, pur forse non corretta*, è la più utilizzata e quindi immediatamente comprensibile dal 99% dei videogiocatori di rpg italiani, diversamente da "vulnerabile a"**.  il fatto che sia utilizzata su siti di final fantasy e altri rpg non è un difetto, dato che gli stessi videogiochi pokémon sono degli rpg...  "debole verso" e "contro" invece mi sembrano sottendere il procedimento inverso, ovvero non sul piano del "ricevimento" dell'attacco ma sull'attacco stesso (quindi "debole contro fuoco" mi fa pensare a "l'attacco contro un pokémon di fuoco è debole" invece che "è debole se attaccato da un pokémon di fuoco").

* d'altronde è una formula che si è creata spontaneamente riempiendo un buco.

** anche perché il fatto che qualcosa sia "vulnerabile" rispetto a qualcos'altro non significa necessariamente che sia anche debole. per esempio, acqua è vulnerabile rispetto a fuoco perché fa comunque dei danni, anche se pochi.

n.b. questo post è stato scritto alle 14:30 dall'aeroporto di beauvais, che mi ha tagliato la connessione al momento di premere "invia".

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Gika, ma secondo te, tra i lettori del wiki, quante persone hanno giocato a un qualche altro rpg? Secondo me pochi o nessuno. E più della metà è tra gli admin. E comunque io che ho giocato ad altri trovo "debole a" stranissimo.

Del resto quello che dici non intacca minimamente il fatto che "vulnerabile a" sia altrettanto se non più comprensibile, anche a chi è a digiuno di rpg, senza contare che è certamente più elegante. A meno che tu voglia dire che i giocatori di rpg italiani siano talmente capre da non capire cosa vuol dire "vulnerabile a" piuttosto che "debole a", il vantaggio c'è. Tanto vale cambiarlo.

E comunque tutto questo discorso vale per la scrittina che c'è nel template dell'efficacia dei tipi che c'è nelle pagine dei Pokémon, eh. Non è che stiamo discutendo per bandire qualsiasi altra forma possibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Gika, ma secondo te, tra i lettori del wiki, quante persone hanno giocato a un qualche altro rpg? Secondo me pochi o nessuno.

in realtà penso un po' tutti, se anche solo uno qualsiasi dei duemila capitoli di final fantasy vale qualcosa...

n.b. "vulnerabile al fuoco" dà 12mila risultati, sempre meno di "debole al fuoco". la maggior parte dei risultati viene comunque da siti dedicati a rpg

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quoto Gika, "debole contro" dà molto più l'idea di attivo invece che di passivo.

Esempio: "Acqua è debole contro Erba" rende molto più l'idea che l'erba resista l'acqua piuttosto che l'acqua sia vulnerabile all'erba.

"Debole a" è ormai un'espressione di uso consolidato nel gergo pokémon italiano, quindi per un wiki di pokémon mi sembra più che appropriata. Nonostante ciò, a me suona bene solo nelle frasi, non come espressione a sé stante, ragion per cui sono favorevole a una forma alternativa, "vulnerabile a" su tutte. E poi mi pare anche una soluzione piuttosto compromissoria.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

n.b. "vulnerabile al fuoco" dà 12mila risultati, sempre meno di "debole al fuoco". la maggior parte dei risultati viene comunque da siti dedicati a rpg

Quindi anche lui si usa ampiamente nel gergo degli rpg.

E comunque pensavo fossimo passati oltre la fase "la mia opinione genera più risultati su google quindi è meglio" (aka "ce l'ho più lungo io").

Edito il template dato che sembraimo tutti d'accordo in linea di massima sulla bontà di "vulnerabile".

PS. ragazzi, va bene se dopo "vulnerabile a", "immune a", "resistente a" ci metto i due punti? Se non vi piacciono li leviamo... non voglio scrivere un'altro saggio ;)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Faccio notare che il Wiki di Pokémon Central è l'unico tra tutti i siti italiani di pokémon a utilizzare « vulnerabilità » al posto di « debolezza ». Poi se volete si può continuare con questa pagliacciata da maestrini di grammatica, io non dico niente...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Vulnerabilità? Non sono d'accordo.

Nelle carte, in basso a sinistra, la traduzione « ufficiale » riportata è proprio Debolezza. Non ha senso utilizzare due vocaboli distinti per il videogame e per il gioco di carte perché nelle carte non si parla per niente di Vulnerabilità (e farlo sarebbe controproducente, vista l'accezione condivisa del termine da parte dei giocatori), né sulla carta né nelle regole.

Per quanto riguarda a/verso/contro, nelle regole, che non ho sottomano, mi pare che si parli di « debolezza verso ».

Inoltre, ma qui è arduo trovare il punto, anche in HGSS c'è un tizio in una casa che cita come esempio alcune debolezze di alcuni tipi verso altri e proprio di debolezza parla ed anche qui verso, ma la certezza su questo potrei averla solo rintracciando casa e tizio (sono centinaia da controllare).

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Alla fine qualsiasi cosa scriviate sul Wiki, molti continueranno a dire "debole a" (perché è ormai di uso comune anche nell'ambito di Pokémon).

Io invece continuerò a dire "nve", che è la formula più semplice che ci sia in questo caso.

Tanto vale inserire la scelta di uso più comune, appunto "debole a", perché conta ben più dei risultati di Google e dei vari dizionari della lingua italiana.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Dopo aver letto il post di Ombra mi sono messo a spulciare il testo di HGSS; ho trovato queste cose:

<text id="7">

Ciao, Campione del futuro! Io non sono\nun Allenatore, ma posso consigliarti.\rBisogna avere fiducia: solo così il tuo\nsogno di CAMPIONE potrà avverarsi.\rMi credi? Allora ascolta qui:\nil tipo Erba è debole contro il\x25BDtipo Volante. Non dimenticarlo!

</text>

<text id="219">

Il tipo Drago è debole contro\nle mosse di tipo Drago.

</text>

<text id="185">

Ha l’aspetto di un albero, ma il\nsuo corpo è più simile alla roccia.\nÈ debole contro l’acqua.

</text>

Ce n'è anche un altra ma è un po' ambigua:

<text id="948">

Il fuoco è debole sul mare.\rNon importa? Dici davvero?

</text>

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Direi "debole a" o al massimo "vulnerabile a", dato che "debole contro" resta comunque ambiguo (le mosse di tipo roccia non sono deboli contro gli acqua, ad esempio).

Oppure mettere direttamente "Debolezze", "Resistenze" e "Immunità" rimaneggiando un po' il testo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
<text id="185">

  Ha l’aspetto di un albero, ma il\nsuo corpo è più simile alla roccia.\nÈ debole contro l’acqua.

</text>

Questo dovrebbe riferirsi a Sudowoodo

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Io dico che tra le tre è proprio "debole contro" a convincermi maggiormente. "(è) debole contro X."

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

E comunque pensavo fossimo passati oltre la fase "la mia opinione genera più risultati su google quindi è meglio" (aka "ce l'ho più lungo io").

semplicemente, dato che si sta parlando di qualcosa che prima non c'era, la formula più usata è quella che dovrebbe essere adottata, per essere comprensibile a più persone possibile.  i risultati di google li ho portati solo per fare vedere delle stime di utilizzo...

Edito il template dato che sembraimo tutti d'accordo in linea di massima sulla bontà di "vulnerabile".

direi di no. ho ripristinato la versione precedente.

da quanto mi sembra di capire dagli altri post, la versione ufficiale è "debolezza" (e in effetti pensandoci c'è scritto su qualsiasi carta del tcg...), e nel gioco si dice "debole contro", che però ha il problema di essere ambigua.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

A questo punto secondo me non c'è più niente da discutere: se all'interno del gioco è usato "debole contro" allora bisogna utilizzare questa forma anche se potrebbe creare confusione, altrimenti sarebbe come chiamare "Insetto" il tipo Coleottero oppure "Contrattacco" la mossa "Contatore"...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

"Roccia è debole contro acqua", come ha riportato Mens, non da ASSOLUTAMENTE l'idea del fatto che Roccia sia VULNERABILE/DEBOLE A mosse di tipo Acqua.

Detto così, "Roccia è debole contro acqua", sembra come "(Un'attacco di tipo) Roccia è debole (ovvero fa pochi danni) contro (un difensore di tipo) Acqua", che è assolutamente errato. Se IO leggo "Debole contro", purtroppo, questo è il primo messaggio che recepisco. E penso di non essere l'unico.

Io sono favorevole alla forma "Debole a", dato che è la più colloquiale, senza contare che è LA forma utilizzata nei discorsi da anni a questa parte, e si è ormai stabilita nel nostro linguaggio, sbagliata o scorretta che sia non importa. E' la più immediata, e questo è assolutamente innegabile.

Ora, lo scopo del wiki deve essere quello di confondere la gente, o fornire informazioni chiare e comprensibili?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

tm, sono d'accordo nel restare più aderenti possibili al gioco, ma se è una formula che crea confusione (e che viene usata tre volte in tutto) si può vedere di trovarne un'altra.  anche perché quella stessa formula è una traduzione.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Gika, deciditi. Se scegli GCC quando tutta italia dice TCG, solo perché è ufficiale, allora l'ufficialità è preponderante anche qui. Oppure continua pure a imporre le tue scelte linguistiche aldisopra di altre che non avevano niente di male (altro che maestrino di grammatica) a seconda di come ti gira la giornata.

Inoltre mi sembra stiate tutti parlando di aria fritta. se andaste a vedere il template e dove appare, scoprireste che quella tabella appare nelle pagine di ogni Pokémon per rappresentare il danno che mosse dei vari tipi fanno a quel Pokémon. Quindi è una tabella basata interamente sulla difesa e non c'è modo di confondere la passività con l'attività. C'è pure scritto bello in vista, Resistenze e vulnerabilità, che meno ambiguo non si può.

Non ci trovo niente di divertente a stare sul wiki, a patrollare gli edit, a fare pagine e importare template, e subito trovarti uno COL FIATO SUL COLLO e fa storie (tra l'altro) PER IL TUO USO DEI SINTAGMI GRAMMATICALI, peraltro completamente legittimo. Se non si riesce, neanche con una discussione seria e mille buone ragioni, a raggiungere un compromesso sull'uso di UNA PAROLA DENTRO UN TEMPLATE, perché l'admin del server si impunta su questioni del genere, allora non penso di avere più voglia di fare niente sul wiki.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Iper devi darti una calmata secondo me, e soprattutto non dovresti confondere i tuoi studi di linguistica con il wiki di un forum di pokémon. Gika non è il solo ad aver sostenuto tali idee ; pure nel sondaggio che hai aperto ci sono il doppio dei voti per « debole a » rispetto alle versioni alternative, questo significa che evidentemente la sua intuizione è abbastanza condivisa da tutti.

Nella realtà dei fatti mi pare che siate solo tu e TM a voler imporre una dizione diversa da quella dell'utilizzo comune, in nome peraltro di valori piuttosto discutibili (« purezza della lingua italiana » ecc, sembra quasi di essere tornati al 19esimo secolo). La prova è che se cerchi « resistenza e vulnerabilità » su google trovi solo il Wiki di Pokémon Central, mentre tutte le altre pagine parlano di « resistenza e debolezza ». Prova ulteriore è che ti ci è voluto un messaggio di 30 righe pieno di citazioni per poter sostenere una tesi che non è in ogni caso riuscita a convincere granché. E di solito sono io ad essere pedante, eh.

Credo ti convenga utilizzare le tue energie e le tue capacità per qualcosa di più serio, anche se riconosco che la mancanza di esercitazione propria dell'insegnamento nelle università italiane provochi il crescente desiderio di sfogarsi da qualche parte. Con il tempo passa, in ogni caso.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Gika, deciditi. Se scegli GCC quando tutta italia dice TCG, solo perché è ufficiale, allora l'ufficialità è preponderante anche qui.

è un caso diverso.  GCC è il nome stesso - ufficiale - del gioco, usare TCG sarebbe come usare "platinum" anziché "platino"...

qui parliamo invece di una cosa che trova riscontro in tre dialoghi tra l'altro incoerenti tra di loro (si parla di pokémon deboli contro un tipo, di tipi deboli contro altri tipi e di tipi deboli contro mosse (?)).  in ogni caso, se proprio non riesci a capacitarti che "debole a" è la locuzione più utilizzata di tutte perché non l'hai mai sentita usare, questa - essendo semiufficiale - è probabilmente la seconda soluzione migliore.

Oppure continua pure a imporre le tue scelte linguistiche aldisopra di altre che non avevano niente di male (altro che maestrino di grammatica) a seconda di come ti gira la giornata.

ma io non sto imponendo niente, anzi... ti chiedo solo di aspettare che si prenda una decisione comune e definitiva, trovando un punto d'incontro, e di notare che il sondaggio per ora dà vincente "debole a".

Non ci trovo niente di divertente a stare sul wiki, a patrollare gli edit, a fare pagine e importare template, e subito trovarti uno COL FIATO SUL COLLO e fa storie (tra l'altro) PER IL TUO USO DEI SINTAGMI GRAMMATICALI, peraltro completamente legittimo. Se non si riesce, neanche con una discussione seria e mille buone ragioni, a raggiungere un compromesso sull'uso di UNA PAROLA DENTRO UN TEMPLATE, perché l'admin del server si impunta su questioni del genere, allora non penso di avere più voglia di fare niente sul wiki.

veramente stavo modificando il template per motivi tecnici (modificando i parametri delle css3 columns per togliere lo spazio di divisione), mi è sfuggito l'occhio su una cosa che mi suonava male, ho pensato che fosse un errore e l'ho modificato.  dato che non avevi mai sentito dire "debole a", ti ho chiesto di scrivere sul forum per vedere cosa ne pensavano gli altri utenti.  non mi sembra di essermi mai scaldato o impuntato, ho solo ripristinato la versione precedente perché "vulnerabile a" non mi sembra accettabile in seguito a quanto è stato fatto notare da ombra.

attenzione! è stato aggiunto blabla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ho controllato le guide ufficiali di Platino e HG/SS, tutte e tre riportano "Debole contro le mosse di tipo:"

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ah! verbis meis fides sit! XD

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio
Ospite
Questa discussione è chiusa.

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina.