Samul

Caro figlio,

18 risposte in questa discussione

(modificato)

ti scrivo queste poche righe perché tu sappia che ti ho scritto.

se ricevi questa lettera, vuol dire che è arrivata; se non la ricevi, fammelo sapere che te la rimando.

 

Scrivo lentamente perché so che tu non sai leggere in fretta. Qualche tempo fa tuo padre ha letto sul giornale che la maggior parte degli incidenti capitano entro un raggio di un kilometro dal luogo di abitazione così abbiamo deciso di traslocare un po' più lontano.

La nuova casa è meravigliosa, c'è anche una lavatrice, ma non sono sicura che funzioni.

Proprio ieri ci ho messo il bucato, ho tirato l'acqua e poi il bucato è sparito completamente.

Il tempo qui non è troppo brutto. La settimana scorsa ha piovuto due volte: la prima volta per tre giorni e la seconda per quattro.

Ti voglio anche informare che tuo padre ha un nuovo lavoro: adesso ha 500 persone sotto di sé, infatti taglia l'erba al cimitero.

 

A proposito della giacca che mi avevi chiesto, tuo zio piero mi ha detto che spedirtela coi bottoni sarebbe stato molto caro per via del peso dei bottoni. Allora li ho staccati. Se pensi di riattaccarli, te li ho messi tutti nella tasca interna.

 

Tuo fratello gianni ha fatto una grossa sciocchezza con la macchina: è sceso e ha chiuso di scatto la portiera lasciando dentro le chiavi. allora è dovuto rientrare a casa a prendere il secondo mazzo, e così anche noi siamo potuto scendere dalla macchina.

 

Se vedi margherita salutala da parte mia. Se non la vedi non dirle niente.

 

Adesso ti saluto perché devo correre all'ospedale, tua sorella sta per partorire, ma non so ancora se avrà un bambino o una bambina perciò non so dirti se sarai zio o zia.

Un forte abbraccio dalla tua mamma che ti vuole tanto bene.

 

PS: volevo metterti anche un po' di soldi, ma avevo già chiuso la busta.

Modificato da Samul
Piace a 6 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

la conoscevo già... come si chiama? mi sa che andava nel topic delle barzellette... 


*bah, per rimanere in tema, posto questa: 
 
THE BELLISSIM' STORY OF CAPPUCCETT RED.


One mattin her mamma dissed: "Dear Cappuccett, take this cest to the nonn, but attention to the lup that is very ma very kattiv! And torn prest! Good luck! And in bocc at the lup!"
Cappuccett didn't cap very well this ultim thing but went away, da sol, with the cest. 
Cammining cammining, in the cuor of the forest, at a cert punt she incontered the lup, who dissed: "Hi! Piccula piezz'e girl!' Ndove do you go?" "To the nonn with this little cest, which is little but it is full of a sacc of chocolate and biscots and panettons and more and mirtills" she dissed. Ah, mannagg! "A Maruschella (maybe an expression com: what a cul that I had)" dissed the lup, with a fium of saliv out of the bocc. And so the lup dissed: "Beh, now I dev andar because the telephonin is squilling, sorry."
And the lup went away, but not very away, but to the nonn's House. 
Cappuccett Red, who was very ma very lent, lent un casin, continued for her sentier in the forest. The lup arrived at the house, suoned the campanel, entered, and, after saluting the nonn, magned her in a boccon. Then, after sputing the dentier, he indossed the ridicol night berret and fikked himself in the let. When Cappuccett Red came to the fint nonn's house, suoned and entered. But when the little and stupid girl saw the nonn (non was the nonn, but the lup, ricord!) dissed: "But nonn, why do you stay in let?" 
And the nonn-lup: "Oh, I've stort my cavigl doing aerobics!". 
"Oh, poor nonn!" said Cappuccett (she was more than stupid, I think, wasn't she?). 
Then she dissed: "But...what big okks you have! Do you bisogn some collir?" 
"Oh, no! It's for see you better, my dear (stupid) little girl" dissed the nonn-lup. 
Then cappuccett, who was more dur than a block of marm: "But what big oreks you have! do you have the Orekkions?". 
And the nonn-lup: "Oh, no! It is to ascolt you better". 
And Cappuccett (that I think was now really rincoglionited) said: "But what big dents you have!" 
And the lup, at this point dissed: "it is to magn you better! And magned really tutt quant the poor little girl". 
But (ta dah!) out of the house a simpatic, curious and innocent cacciator of frod sented all and dissed: "Accident! A lup! Its pellicc vals a sac of solds. 
And so, spinted only for the compassion for the little girl, butted a terr many kils of volps, fringuells and conigls that he had ammazzed till that moment, imbracced the fucil, entered in the stanz and killed the lup. Then squarced his panz (being attent not to rovin the pellicc) and tired fora the nonn (still viv) and Cappuccett (still rincoglionited). 
And so, at the end, the cacciator of frod vended the pellicc and guadagned honestly a sacc of solds. The nonn magned tutt the leccornies that were in the cest. And so, everybody lived felix and content (maybe not the lup!).
Piace a 3 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

ah cazzo c'è un topic per le barzellette ^_^;

 

si chiama lettera di una mamma al figlio carabiniere o qualcosa del genere, lol

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

LEPIDO - Avete strani serpenti, laggiù?

ANTONIO - Sì, Lepido.

LEPIDO - Da voi, in Egitto, il serpe
è generato dallo stesso fango,
dicono, per virtù del vostro sole;
e così il vostro coccodrillo, è vero?( )

ANTONIO - Proprio così.

POMPEO - Sedetevi… E del vino!
Alla salute, Lepido!

LEPIDO - Non sto in canna così come dovrei,
ma non mi tiro indietro.

ENOBARBO - Non lo sarai prima d’aver dormito:
fino ad allora sarai sbronzo, temo.

LEPIDO - Questo lo temo anch’io…
(Ad Antonio)
Quelle piramidi dei Tolomei
son cose assai stupende, come dicono…
Senza smentita, l’ho inteso davvero.

MENAS - (A parte, a Pompeo)
Pompeo, una parola. In un orecchio.

POMPEO - (A parte, a Menas)
Di che si tratta?

MENAS - (A parte, a Pompeo)
Abbandona il sedile,
ti prego, e ascolta: una parola sola.

POMPEO - (A parte, a Menas)
Aspetta là un momento.

(Forte)
Brindo a Lepido!

LEPIDO - (Ad Antonio)
E che roba è questo tuo coccodrillo?

ANTONIO - Beh, la forma è la sua: di coccodrillo.
È largo tanto quanto ha di larghezza;
è alto giustamente quant’è alto,
e si muove per mezzo dei suoi organi;
vive di quello ch’è suo nutrimento,
e quando gli elementi l’abbandonano,
trasmigra.

LEPIDO - Ed il colore?

ANTONIO - Quello suo.

LEPIDO - È uno strano serpente.

ANTONIO - Infatti, è strano.
E le sue lacrime sono bagnate.

OTTAVIO - Gli basterà questa tua descrizione?

ANTONIO - Se accompagnata, sì, da tutti i brindisi
che alla salute sua leva Pompeo.
Se no, sarebbe un vero epicureo.( )

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

cut

 

Vecchia ma sempre epica :happy:  :happy:

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

scherzi a parte, oggi uno in macchina a meno di 1km da casa rischia di farmi un frontale perché stava con la faccia girata a parlare con quelli seduti dietro. due ceffoni si meritava che la prossima volta il collo gli si gira di 360°.

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cioè…ma scusa, se tuo figlio è maschio, l'essere vivente partorito dalla sorella tua figlia, che sia maschio o femmina, lo renderà comunque zio dato il sesso maschile di tuo figlio.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cioè…ma scusa, se tuo figlio è maschio, l'essere vivente partorito dalla sorella tua figlia, che sia maschio o femmina, lo renderà comunque zio dato il sesso maschile di tuo figlio.

è questo il bello della lettera: è assurda. perché, cosa ci fa il PS se ha già chiuso la busta? o i bottoni nella tasca della giacca per farla pesare di meno... 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

...yoppap, ma hai LETTO BENE cosa c'è scritto?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cioè…ma scusa, se tuo figlio è maschio, l'essere vivente partorito dalla sorella tua figlia, che sia maschio o femmina, lo renderà comunque zio dato il sesso maschile di tuo figlio.

463.jpg

 

(o almeno uno dei tanti)

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Cioè…ma scusa, se tuo figlio è maschio, l'essere vivente partorito dalla sorella tua figlia, che sia maschio o femmina, lo renderà comunque zio dato il sesso maschile di tuo figlio.

dimmi che stai trollando.

 

ti prego

Piace a 2 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

dimmi che stai trollando.

 

ti prego

Ma lo hai visto il mio avatar?

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Adesso ti saluto perché devo correre all'ospedale, tua sorella sta per partorire, ma non so ancora se avrà un bambino o una bambina perciò non so dirti se sarai zio o zia.

Oh no. Questo è troppo.
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ma lo hai visto il mio avatar?

sì. mi ricorda la sua espressione.

 

byE3Tmj.jpg

ah! mi fa ancora ridere dopo tutti questi anni.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Dovrei essere io? Ogni volta non capisco come tu possa avermi paragonato a quell'affare lì...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

era solo l'idea che avevo associato al mangiare tanto :D

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Sono fortemente tentato di postare il mio avatar di telegram, whatsapp e g+ per farti capire cosa intendo con "mangiare", ma evito perché non mi va di postare mie foto...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Ha comunque più senso delle mie traduzioni latino->italiano

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per partecipare alla discussione

 

Crea un account

Registra un nuovo account sul forum. È facile e veloce.


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina.