aleterla

Canone rai.

69 risposte in questa discussione

(modificato)

Come da tradizione, sono già iniziati gli spot in tv che invogliano i telespettatori a pagare il canone RAI ( prezzo attuale: €113,50 ). La tassa è notoriamente la più evasa in Italia e quella considerata più ingiusta: inoltre, il costante aumento della tariffa ( correggetemi se sbaglio, mai esaurientemente giustificato ) non invoglia il cittadino a pagare.

Voi cosa pensate di questa imposta? La ritenete ingiusta? La pagate? Conoscete gente che la evade?

La mia famiglia la paga, ma la considera ingiustissima ed ogni anno che passa cresce sempre più insofferenza. Conosco una persona che mi ha rivelato senza rimorso alcuno che la sua famiglia non paga da anni.

Modificato da aleterla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

Personalmente non trovo ingiusto il canone in senso stretto, bensì la RAI stessa nonchè la televisione in generale.
 

Modificato da Lucanikino-san
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

I miei lo pagano, ma se non lo pagassimo non c'è nessuno che viene a fare i controlli...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

Io la troverei pure giusta e la pagherei guarda, se solo non mettessero pure le pubblicità. Quando la rai nacque non c'erano ancora le pubblicità in televisione e quindi per mantenersi fu imposto il canone. Ma ora che la RAI ci guadagna anche (e soprattutto) con gli spot pubblicitari, allora il canone lo vedo solo come una loro avidità, o gli uni o l'altro.

Ah e poi un'altra cosa che mi fa salire il nazismo è che il canone va pagato anche se disinstalli i canali della rai.

Modificato da NOVE

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

La tassa ha il suo senso, deve sostenere i costi, come una qualsiasi TV. Sono 9,50 euro al mese in confronto a televisioni che te ne fanno pagare 30 per miliardi di canali che neanche guarderai, toh al massimo una decina.

Effettivamente la Rai ha abbasato abbastanza gli standard, ma rimane comunque una delle migliori televisioni pubbliche in Europa come servizio. Sarò un po' l'avvocato del diavolo, ma secondo me la perdità di qualità dei contenuti Rai è dovuta proprio all'evasione di molte bestiacce.

Le tasse sono tasse, se iniziamo col presupposto "Io non le pago perchè tanto ce ne sono altri che non pagano" è per questo che in italia abbiamo il 36% di persone che evadono.

Finita la paternale da bravo politico, secondo me la tassa della Rai non è il cancro della società e mi sembra più che giusto pagarla. (E iniziamo a linciare chi non le paga QaUJEMr.gif)

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

In altri Paesi europei costa perfino di più...

E comunque, anche se sulle buste c'è ancora l'intestazione Rai, il canone riguarda "gli apparecchi radiotelevisivi", a prescindere che si guardi o meno la Rai.

A me tocca pagare il canone e non ho NESSUN CANALE sintonizzato.................

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Premettiamo che io la tv la vedo raramente (preferisco la radio).
Io quoto Nove, o la pubblicità o il canone.
Poi la rai non ha tutta quest'offerta tra servizi e programmi.
O ti guardi la Clerici o le Winx (anche se ho seguito con piacere Tale e Quale)
Anche i servizi sono scarsi: i sottotitoli e i servizi per i non vedenti sono rari.

Quindi abbasso la Tv e la Rai
E viva la radio e RadioRai.
 

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Che è una tassa e bisogna pagarla ok. Perchè il prezzo è sempre aumentato, dalla nascita ad oggi?

Fanno addirittura sempre più stacchi pubblicitari nelle trasmissioni e uno spot di 30 secondi fa loro guadagnare un bel po'. Come dice NOVE sopra, all'inizio non c'era pubblicità e quindi si, se compravi una tv per guardare Mike Bongiorno, dovevi pagare per finanziare il programma di Mike Bongiorno stesso. Ora però è diverso, anzi: all'interno stesso dei programmi inseriscono elementi a fini pubblicitari ( le bottiglie d'acqua Lete in bella vista, per esempio ).

Quindi perchè aumentare il canone, di anno in anno? €1,50 a famiglia in più all'anno sono una mostruosità! E anche così, sono sicuro che, in percentuale, i guadagni derivanti dal canone sono microscopici rispetto a quello che guadagnano con le pubblicità. Ergo, è una tassa inutile.

P.S. negli U.S.A. la tv è nata come commerciale e non hanno mai avuto questo tipo di canone ( correggetemi se sbaglio ): non mi pare se la passino male.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se vai a guardare la TV americana rimani pietrificato, è peggio di Rete4, ads everywhere (e poi dicon che la pubblicità è l'anima del commercio)! Sì, effettivamente inziano a chiedere un po' tanto, ma le spese ai giorni d'oggi son dure anche per loro.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se fosse come la BBC nel Regno Unito (dove radio e quasi tutti i loro canali TV sono interamente finanziati dal canone e sono senza pubblicità, e la BBC offre molto di più in termini qualitativi a mio parere) lo pagherei più volentieri. Anche se il canone in UK costa molto di più (145 sterline, siamo sui 175 €).

Alla fine a casa il canone si paga comunque. Ma a mio padre ad esempio (che è abbonato Sky da 8 anni) preferisce pagare l'abbonamento a Sky piuttosto che il canone Rai.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

Se vai a guardare la TV americana rimani pietrificato, è peggio di Rete4, ads everywhere (e poi dicon che la pubblicità è l'anima del commercio)! Sì, effettivamente inziano a chiedere un po' tanto, ma le spese ai giorni d'oggi son dure anche per loro.

Oh, certo:

www.davidemaggio.it/archives/70089/rai-ecco-i-cachet-ufficiosi-delle-star-fabio-fazio-e-il-piu-pagato-clerici-batte-conti

ci credo che abbiano bisogno di denaro.

Senza contare che la RAI è l'unica tv generalista che chiede finanziamenti al pubblico: Mediaset e la7 campano benissimo da soli ( più o meno ).

Modificato da aleterla
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Beh, mi sembra abbastanza giusto, fanno un marasma di odiens. Se fossi seguto da 13 milioni di persone li chiederei anch'io 20 mila euro a esibizione :awesome:

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

il dibattito sulla rai è molto complesso e va avanti da molti anni.

fondamentalmente la rai ha due soluzioni davanti a sé per uscire dal suo "stallo":

- diventare come la bbc: si richiede un canone annuo più alto, si toglie la pubblicità (rendendosi indipendenti dagli inserzionisti e quindi potendosi permettere di fare meno ascolti) e si iniziano a produrre contenuti di qualità, supervisionati da un'ente di controllo indipendente e non con "fette" spartite tra i partiti come succede in questo momento. tra l'altro è ciò che era la rai prima dell'avvento delle tv private.

- diventare completamente privata, continuare a competere con mediaset finanziandosi interamente tramite le pubblicità.

la situazione attuale è paradossale: una tv pubblica che si trova a dover competere sullo stesso piano e con la stessa tipologia (mediocre) di contenuti con le tv private, ma continuando a chiedere il canone. e la scarsa qualità dei contenuti non è dovuta, come si ipotizzava qualche post sopra, all'evasione del canone, ma a una gestione politicizzata e incapace e al continuo inseguimento del pubblico mediaset.

 

P.S. negli U.S.A. la tv è nata come commerciale e non hanno mai avuto questo tipo di canone ( correggetemi se sbaglio ): non mi pare se la passino male.


in compenso se vuoi vedere qualcosa di più di un notiziario devi pagare almeno 50$/mese in abbonamenti premium.

 

Oh, certo:

www.davidemaggio.it/archives/70089/rai-ecco-i-cachet-ufficiosi-delle-star-fabio-fazio-e-il-piu-pagato-clerici-batte-conti

ci credo che abbiano bisogno di denaro.


ciò che ti sfugge è che quello di fazio (per quanto lo odi) è uno dei programmi rai più visti e il suo cachet viene ampiamente ripagato dalla pubblicità. idem per gli altri presentatori: quelli sono i prezzi di mercato e se la rai vuole sperare di competere con mediaset deve pagare adeguatamente dei professionisti.

Piace a 4 persone

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

ciò che ti sfugge è che quello di fazio (per quanto lo odi) è uno dei programmi rai più visti e il cachet di fazio viene ampiamente ripagato dalla pubblicità. idem per gli altri presentatori: quelli sono i prezzi di mercato e se la rai vuole sperare di competere con mediaset deve pagare adeguatamente dei professionisti.

Giustissimo, anche Fazio si difende cosí dalle accuse che gli sono rivolte.

Quindi a che serve il canone?

Se un programma si può finanziare con la pubblicità, puoi farlo con tutti. No?

Modificato da aleterla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(puntualizzo che non sto difendendo il canone rai)

Giustissimo, anche Fazio si difende cosí dalle accuse che gli sono rivolte.

Quindi a che serve il canone?

Se un programma si può finanziare con la pubblicità, puoi farlo con tutti. No?

il problema è la rai vuole fare la tv generalista ma è anche, di fatto, servizio pubblico, e quindi ha tutte delle categorie di spese (i vari tg regionali, le cineteche, i documentari, ecc) che non hanno possibilità di generare direttamente introito ma che devono essere garantite. si torna sempre al discorso che facevo prima.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

Nel 2011 ha guadagnato molto più dal Canone che dalle Pubblciità (55% vs 30%) Bah sembra strano anche a me.
 

Modificato da Re dei Giochi

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(puntualizzo che non sto difendendo il canone rai)

il problema è la rai vuole fare la tv generalista ma è anche, di fatto, servizio pubblico, e quindi ha tutte delle categorie di spese (i vari tg regionali, le cineteche, i documentari, ecc) che non hanno possibilità di generare direttamente introito ma che devono essere garantite. si torna sempre al discorso che facevo prima.

Eh no: secondo te perchè mettono sempre uno stacco pubblicitario tra il Tg e il meteo? Dopo la pubblicità, la conduttrice dei Tg dice la solita frase: "non ci sono aggiornamenti, grazie, ciao". Non ci sono MAI aggiornamenti, ma mica se lo aspettano. Solo che una pubblicità mandata DURANTE la messa in onda del Tg viene pagata molto più di quanto lo sarebbe se quello stesso spot passasse dopo il meteo. Quindi quella pubblicità finanzia il tg stesso e, specie per quanto riguarda il tg1, fa guadagnare.

La pubblicità viene ormai inserita in TUTTO, quindi il canone perde ogni utilità, se non ingrassare o garantire poltrone altrimenti a rischio.

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

...

sì ma non hai capito il senso (a parte che mi riferivo ai tg regionali): ci sono categorie di spese nella rai che fanno parte del cosiddetto "servizio pubblico" e quindi non hanno monetizzazione diretta, dai sottotitoli ai traduttori per i sordi ai programmi educativi (tipo i 1000 canali rai storia e simili) agli archivi storici... inoltre i programmi di servizio pubblico hanno un appeal più limitato e di conseguenza la pubblicità (se presente) costa molto di meno, quindi non è possibile che si sostentino da sé.

per questo si torna sempre, a mio parere, alla decisione che la rai dovrebbe intraprendere: essere un servizio pubblico o no? per ora continua a stare nel mezzo.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Mi riquoto da solo

Nel 2011 ha guadagnato molto più dal Canone che dalle Pubblciità (55% vs 30%) 
 

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

che poi, il canone effettivamente non è un imposta sul possesso di una TV (o è spacciato per tale)? definita così mi sembra assurda (tanto vale mettere la tassa sul possesso di un armadio, tanto per dire)

Modificato da Qwilava
Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

sì ma non hai capito il senso (a parte che mi riferivo ai tg regionali): ci sono categorie di spese nella rai che fanno parte del cosiddetto "servizio pubblico" e quindi non hanno monetizzazione diretta, dai sottotitoli ai traduttori per i sordi ai programmi educativi (tipo i 1000 canali rai storia e simili) agli archivi storici... inoltre i programmi di servizio pubblico hanno un appeal più limitato e di conseguenza la pubblicità (se presente) costa molto di meno, quindi non è possibile che si sostentino da sé.

per questo si torna sempre, a mio parere, alla decisione che la rai dovrebbe intraprendere: essere un servizio pubblico o no? per ora continua a stare nel mezzo.

Forse c'è qualcosa che mi sfugge, ma quello che tu chiami "servizio pubblico" non è sempre circondato da sponsor e/o pubblicità? Nei tg regionali e su RaiStoria non c'è pubblicità?

Per i sottotitoli e i traduttori della lingua italiana dei segni ti posso dare ragione, ma quanti ne vedi? A parte nei tg da 5 minuti la mattina, dove ci sono i traduttori della lingua dei segni, 'unico servizio degno di nota di questo tipo è il 777 di televideo. Quanto vuoi che costi?

Per quanto riguarda la privatizzazione della rete no, non sono d'accordo: una tv pubblica ci vuole ( anche se la Rai le sue influenze le ha sempre avute ).

Edit: Re dei Giochi, mi sembra strano quello che tu hai evidenziato, e molto.

che poi, il canone effettivamente non è un imposta sul possesso di una TV (o è spacciato per tale)? definita così mi sembra assurda (tanto vale mettere la tassa sul possesso di un armadio, tanto per dire)

È una tassa su tutti gli oggetti abilitati a ricevere segnali audiotelevisivi: quindi anche, in teoria, computer, smartphone e tablet. Modificato da aleterla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

Ce n'era uno più bello, ma questo mi basta  :D

 

 

Per fare una precisazione il canone Rai dovrebbe essere l'usufrutto della rete nazionale, ovvero se hai un televisore devi pagare, anche se guardi solo Sky, è come la pensione, potresti morire prima di riceverla, ma intanto ti trattengono parte del reddito. Poi i soldi vanno a finanziare la Rai ed è per questo che le si attribuisce la tassa con tanto del suo nome. È la gestione della Rai che fa un tantino schifo, la tassa in sè per sè rimane lì finchè c'è un servizio pubblico televisivo.

Modificato da Silez

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

aleterla, ti ho fatto degli esempi di cosa costituisce "servizio pubblico" (e ti ho spiegato perché la pubblicità in questo ambito viene pagata molto di meno). ovviamente ci saranno altre mille costi che rientrano nella categoria oltre a quelli che ho elencato, ma se sei interessato ti consiglio di andarti a vedere il bilancio rai, che è pubblico...

poi questo non significa che in rai non ci siano sprechi (e gente raccomandata), eh, ci mancherebbe, ma ti spiega perché non può sostentarsi solo con la pubblicità

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

aleterla non ho citato la fonte di ciò che dico perchè mi pareva evidente: Wikipedia

http://it.wikipedia.org/wiki/Rai#Bilanci

Se quanto dichiarato dalla Rai è vero, non posso che aver preso una cantonata, tuttavia continuo ad avere i miei dubbi.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Se quanto dichiarato dalla Rai è vero, non posso che aver preso una cantonata, tuttavia continuo ad avere i miei dubbi.

Beh sì non credo che mentano di così tanto su una cosa verificabile in poco tempo.

Lo so che sembra assurdo, comunque mi sa che è così

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

(modificato)

aleterla, ti ho fatto degli esempi di cosa costituisce "servizio pubblico" (e ti ho spiegato perché la pubblicità in questo ambito viene pagata molto di meno). ovviamente ci saranno altre mille costi che rientrano nella categoria oltre a quelli che ho elencato, ma se sei interessato ti consiglio di andarti a vedere il bilancio rai, che è pubblico...

poi questo non significa che in rai non ci siano sprechi (e gente raccomandata), eh, ci mancherebbe, ma ti spiega perché non può sostentarsi solo con la pubblicità

Se quanto dichiarato da Rai corrisponde a verità, non posso che darvi ragione ( ripeto: ho i miei dubbi ). Però rimane la questione dei continui aumenti, credo mai ben giustificati.

Edit: mi son venute in mente tutte le tecnologie che, negli anni, hanno migliorato la qualità delle trasmissioni ( vabe, il digitale è un caso a parte ), quindi forse la causa si può ricercare lì.

Modificato da aleterla

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Però rimane la questione dei continui aumenti, credo mai ben giustificati.

Premetto che non sto difendendo l'aumento delle tasse in nessun modo, ma una delle giustificazioni che posso darti è che la moneta ha perso valore, per via dell'inflazione. Se quest'anno il canone è aumentato di 1.50€, suppongo sia anche per controbilanciare l'inflazione che ha abbassato il valore dell'euro

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

l'aumento del canone rai segue l'inflazione, come gli affitti, le pensioni, le bollette ecc...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Quest'anno il canone non aumenta.

Continuo ad essere del parere che del canone la RAI non abbia tutto questo bisogno e che potrebbe razionalizzare le spese. Cattiva gestione e troppe influenze.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per partecipare alla discussione

 

Crea un account

Registra un nuovo account sul forum. È facile e veloce.


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina.