MC5

Progresso

4 risposte in questa discussione

Secondo voi ė giusto perseguire il progresso a spese di una piccola minoranza?

Ë un po come chiedere se il fine giustifichi i mezzi, ma la risposta a questa econda domanda tende ad essere molto, come dire, stereotipata...

Invece voglio portare anche un esempio concreto alla mia domanda: l'abolizione (probabilmente temporanea) dell'area C a Milano, dovuta alle proteste di alcuni gestori di parcheggi a pagamento che hanno visto ridotte le loro entrate.

Per come la penso, l'area C ě un passo necessario verso le città del futuro, in cui le macchine non potranno circolare.

Ë quindi evidente che,prima o poi, tutti i parcheggi a pagamento debbano quindi chiudere.

Ma questo implica lasciare delle persone senza lavoro...

Un altro esempio può essere la Kodak, che non ha retto all'ingresso della tecnologia digitale nella fotografia, e ha chiuso.

Evitando di incentrarci troppo sugli esempi fatti, secondo voi il progresso come deve avanzare?

Io al momento mi rifaccio alla teoria evoluzionistica: chi non si adatta perisce.

Ma apro questa discussione perché spero che un'alternativa sia possibile.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Non ottimizzare qualcosa perchè farlo riduce la necessità di lavoratori e quindi i posti di lavoro è semplicemente stupido.

Non si può pretendere di fermare il progresso solo perchè una minore richiesta di manodopera creerebbe disoccupazione

È come dire, dobbiamo far funzionare male i frigoriferi e far marcire gli alimenti per farne comprare di più, se tutti i frigoriferi funzionassero alla perfezione le piantagioni avrebbero meno incassi e manderebbero a casa alcuni dipendenti

siamo nel 2012, non possiamo ribaltare l'obiettivo della scienza per fare le cose peggio e creare occupazione

Piace a 1 persona

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Fin dall'alba dei tempi il progresso ha sempre aperto nicchie nuove che spesso hanno gioco-forza causato la chiusura di vecchie.

L'avvento dell'automobile ha di certo ridimensionato l'industria delle carrozze e l'attività stalliera.

L'industrializzazione e il settore terziario hanno ridotto lo spazio dedicato all'agricoltura, ormai divenuta molto specializzata e mandata avanti da pochi individui con l'ausilio di macchinari.

L'interesse di pochi dovrà sempre fare i conti con il benessere collettivo e viceversa. Saranno poi la legge e l'etica a stabilire quando la realizzazione dei piani dell'uno comporta una prevaricazione ingiusta sull'altro.

La vita stessa è per definizione cambiamento (cit.), non si può sperare di mantenere uno status quo comodo, inalterato, statico. Bisogna essere sempre pronti ad adattarsi e ad affrontare i cambiamenti, anche a costo di reinventarsi da zero.

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Il progresso non può e non deve essere fermato, perché penso che dia quanto tolga, in futuro le fabbriche saranno automatizzate (neanche) un operaio e tutto si investirà nella ricerca e quindi nel futuro...

Condividi questo messaggio


Link di questo messaggio

Crea un account o accedi per partecipare alla discussione

 

Crea un account

Registra un nuovo account sul forum. È facile e veloce.


Registra un nuovo account

Accedi

Sei già registrato? Accedi qui.


Accedi Ora

  • Chi sta navigando   0 utenti

    Nessun utente registrato sta visualizzando questa pagina.