Influenza suina - è una stronzata, anzi una porcata!

liuton2005

sono qui solo di passaggio
#1
Dal mio punto di vista qualcuno sta provocando un allarme generale solo per il guadagno mentre i mass media fanno soltanto eco. Io non ho intenzione di vaccinarmi contro l'influenza suina e nemmeno contro l'influenza stagionale e non l'ho mai fatto. Anzi, quest'estate e questo autunno non ho mai avuto febbre o sintomi influenzali eppure abito in una città grande come Bologna e ogni giorno passo per strada.

Qui c'è un libro che parla proprio di questo. Qualcuno sta creando troppo allarme e nonostante ciò ci sono seri rischi riguardo al vaccino stesso.

Voi cosa ne pensate?
 

liuton2005

sono qui solo di passaggio
#4


Me ne sono dimenticato completamente. Ero sovrapensiero.

Però mi sembra strano che quando ci sono vari problemi nel mondo al giorno d'oggi basta guardare dove vanno i soldi per avere maggiori informazioni. Secondo voi quanto ci guadagnano coloro che hanno fatto il vaccino e ora lo stanno vendendo in tutto il mondo?
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
#6
liuton2005 ha detto:
Dal mio punto di vista qualcuno sta provocando un allarme generale solo per il guadagno mentre i mass media fanno soltanto eco. Io non ho intenzione di vaccinarmi contro l'influenza suina e nemmeno contro l'influenza stagionale e non l'ho mai fatto. Anzi, quest'estate e questo autunno non ho mai avuto febbre o sintomi influenzali eppure abito in una città grande come Bologna e ogni giorno passo per strada.

Qui c'è un libro che parla proprio di questo. Qualcuno sta creando troppo allarme e nonostante ciò ci sono seri rischi riguardo al vaccino stesso.

Voi cosa ne pensate?
Praticamente come te. Io tengo spenta la TV, non mi faccio iniettare roba sperimentale, mi vesto adeguatamente alla temperatura in corso e non secondo il calendario o peggio ancora le mode, e soprattutto MI LAVO E RICAMBIO L'ARIA IN CUI VIVO. Cosa che ste pecore teledipendenti non fanno quasi mai.
 
#7
Ma soprattutto tale influenza ha lo stesso tasso di mortalità della comune influenza stagionale, è solo la sua contagiosità ad essere leggermente più alta. E' ovvio che se la stessa influenza può toccare 100.000 persone anziché 100 vi saranno potenzialmente 1.000 morti al posto di 1.
 
#8
Io l'ho pure già fatta e ha colpito anche un bel po' della mia classe considerato che sono stati a casa in una quindicina con la febbre a 39 e non penso fosse solo un caso. Comunque come sempre non mi vaccinerò nemmeno per la stagionale.
 

liuton2005

sono qui solo di passaggio
#9
Strano. Non mi fa postare un articolo abbastanza lungo. Mi dice errore 500: server sovraccarico.

Comunque qui trovate i seri rischi del vaccino e questi rischi sono veramente grossi.
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
#10
Toh, dal link del post precedente ho ricavato questo. Chi non ha voglia di leggerlo tutto si soffermi sulla parte in neretto. E ora comincia lo show: il potere dei soldi!

Il vaccino dalle uova d’oro, Rita Pennarolatags: no_tag

Sorpresa: nei grandi ospedali per malattie infettive buona parte di medici in servizio non intende vaccinarsi contro il virus della Suina. Succede al Cotugno di Napoli. E non solo. Vediamo perche’.

i colossi del farmaco, dall’alto del loro mezzo biliardo di dollari e passa all’anno di fatturato, superano di gran lunga l’invincibile industria delle armi, non risulta poi cosi’ difficile capire perche’ periodicamente, con cadenza ormai “regolare”, scoppia l’allarme mediatico sulle pandemie

quali conseguenze potranno avere sulla salute umana prodotti a base di virus, realizzati molto spesso sull’onda dell’emergenza, ma destinati alla profilassi di massa su scala mondiale

dopo gli allarmi globalizzati sul virus dell’antrace (2001) e sull’influenza aviaria (che nel 2005 vide l’allora ministro della Salute Francesco Storace lanciato all’acquisto di dosi da milioni di euro, poi di fatto mai utilizzate perche’ nel frattempo il virus era “mutato”), oggi dovesse arrivare una ennesima “maledizione biblica”

Dopo le prime avvisaglie della scorsa primavera, il clamore mediatico sulla suina esplode a giugno, quando la Organizzazione mondiale della sanita’ annuncia che la pandemia sara’ di livello 6, vale a dire molto elevato, scatenando la corsa dei governi all’acquisto del vaccino

L’attivita’, nei laboratori, diventa da allora frenetica. Quali rischi comportano la fretta e la conseguente, possibile approssimazione? «Alle multinazionali del cartello Big Pharma (GlaxoSmithKline, Baxter, Novartis e altre) – punta l’indice Gianazza – e’ stato assicurato che non vi sara’ contro di loro alcun ricorso per eventuali morti o gravi danni che questi vaccini possono causare»

Ancor piu’ esplicito il movente economico: «la Novartis – fa sapere Gianazza – ha raccolto ordinativi gia’ da trenta diversi Paesi. Solo dagli Usa ricevera’ 346 milioni di dollari per l’antigene e 348,8 milioni per un adiuvante.

La Baxter ha ordini da cinque Paesi per 80 milioni di dosi, ma non ha ricevuto l’approvazione della Food and Drug Administration, quindi vendera’ al di fuori degli Stati Uniti. GlaxoSmithKline ha ricevuto 250 milioni per la fornitura agli Usa di numerosi “prodotti pandemici”. Il totale degli ordini nei soli Stati Uniti ammonta a 7 miliardi di dollari»

Numerose le sostanze tossiche, a partire dai cosiddetti adiuvanti, senza i quali i vaccini non potrebbero essere conservati ne’ mantenuti in forma stabile.

Gianazza enumera ad esempio «il thimerosal, conservante 50 volte piu’ tossico del mercurio, che puo’ provocare a lungo termine disfunzioni

del sistema immunitario, sensoriali, motorie, neurologiche, comportamentali

GlaxoSmithKline, che ha sede a Londra, come adiuvante per i suoi vaccini usa anche un composto contenente alluminio, il cui uso, in certe dosi, e’ causa accertata di disfunzione cognitiva

C’e’ poi la formaldeide: una nota sostanza cancerogena e tossica per l’apparato riproduttivo. «Nel 2007 – continua Gianazza – la California ha utilizzato piu’ di 30.000 tonnellate di questa sostanza cancerogena come microbicida sulle piu’ importanti coltivazioni sparse nel suo territorio»

Altro ingrediente comune ai nuovi vaccini e’ lo squalene, noto come sostanza che puo’ provocare l’artrite reumatoide. E i ricercatori oggi associano l’uso dello squalene alla cosiddetta “Sindrome della Guerra del Golfo”

Baxter International con casa madre a Chicago e una sede anche in Italia

Non si conoscono ancora fino in fondo le sostanze presenti nel nuovo vaccino, ma puo’ essere utile dare un’occhiata a quelle che si trovavano nel prodotto contro il virus H5N1 dell’influenza aviaria

«Le cellule in coltura – si legge nel dossier di Gianazza – sono prese dalla “scimmia verde africana”. I tessuti prelevati da questa specie di scimmie sono stati in passato responsabili della trasmissione di virus, tra cui l’HIV e la poliomielite. La Baxter ha posto una richiesta di brevetto sul processo che utilizza questo tipo di coltura cellulare per la produzione di quantita’ di virus infettivi, che vengono poi inattivati con formaldeide e luce ultravioletta»

l’elvetica Novartis International AG con sede a Basilea e una propaggine in Italia, a Torre Annunziata, ai margini del fiume Sarno

Ed e’ proprio dalla Novartis che l’Italia avrebbe acquistato le sue dosi di vaccino anti-suina. Al pari della Baxter, la corazzata elvetica sta utilizzando una linea cellulare di cui e’ proprietaria (analoga a quella della scimmia verde) per far crescere i ceppi del virus, invece delle uova di gallina, come si era sempre fatto finora

Altro allarme e’ quello lanciato dall’economista e politologo William Engdahl, collaboratore di testate come Asia Times e autore di libri sulla globalizzazione. A meta’ settembre il gruppo indipendente internazionale Global Research pubblica un articolo in cui Engdahl rivela la presenza di nanoparticelle nei vaccini per l’influenza H1N1

i vaccini approvati per essere utilizzati in Germania e nei paesi europei contengono delle nanoparticelle in una forma che e’ risultata attaccare cellule sane e che puo’ essere mortale

«queste particelle sono cosi’ sottili che, una volta iniettate, nuotano nella matrice extracellulare della pelle e vanno di filato ai linfonodi. Entro pochi minuti raggiungono una concentrazione di cellule D migliaia di volte maggiore che nella pelle. La risposta immunitaria puo’ essere quindi estremamente forte»

«C’e’ un solo – obietta Engdahl – piccolo problema: i vaccini che contengono nanoparticelle possono essere mortali o, come minimo, causare danni irreparabili per la salute»

Le particelle di nanodimensioni – viene spiegato – si fondono con le membrane del nostro corpo e, secondo studi recenti condotti in Cina ed in Giappone, vanno avanti a distruggere le cellule senza sosta.

Posted from Diigo. The rest of my favorite links are here.[/i]
 

Ombra

Dragoran, immer besser!
Admin
#11
Carmageddon ha detto:
e’ stato assicurato che non vi sara’ contro di loro alcun ricorso per eventuali morti o gravi danni che questi vaccini possono causare
Guarda caso pare che per farsi vaccinare si debba firmare una specie di liberatoria nei confronti del mondo intero!

Una cosa positiva in questa storia tutto sommato forse c'è: che ricordando a tutti la care vecchie abitudini di una volta sotto la spinta della paura del contagio, d'ora in poi ci sarà una maggiore pulizia ed igiene personale.
 
#13
Carmageddon ha detto:
Toh, dal link del post precedente ho ricavato questo. Chi non ha voglia di leggerlo tutto si soffermi sulla parte in neretto. E ora comincia lo show: il potere dei soldi!
Era facilmente intuibile, dietro a tutto ci sono sempre i soldi. Contro quello servirebbe davvero un vaccino.

Comunque, vale anche per me:

Iro ha detto:
Non mi sono mai fatto un vaccino per l'influenza e non inizierò da questo
 
#14
Ombra ha detto:
Guarda caso pare che per farsi vaccinare si debba firmare una specie di liberatoria nei confronti del mondo intero!
Confermo, mio zio era dell' idea di fare questo vaccino e gli hanno presentato la liberatoria da firmare, che a quanto pare non faceva ritenere nessuno responsabile di eventuali danni provocati dal vaccino.

Beh, sono dell' idea che si sia scatenato un putiferio, ma io non mi faccio iniettare roba sperimentale solo per dire "Ehi ho fatto il vaccino!", e poi divento autistico. (Non prendetemi sul serio, è un esempio.)

La cosa che mi sta facendo davvero dando fastidio è che nelle scuole della mia città gli studenti protestano per fare chiudere le scuole...Ma stiamo scherzando?

Un alberghiero vicino ha chiuso l'istituto per 3 giorni per disinfestazione (vorrei tanto capire da cosa disinfestino.), e il consiglio della mia scuola ha indetto un'assemblea d'istituto per Martedì, solo per convincere il preside a chiudere la scuola...questo mi fa capire come molte persone seguano la massa solo allo scopo di "prendersela comoda" e roba simile.

Inutile dire che sono contrario e che se l'influenza mi verrà, saranno cavoli miei.
 

Rocket

Recluta Rocket vuole lottare!
#15
Ho proprio ora l'influenza, ho fatto il test ed è suina. Per una influenzetta così banale (la ho da 3 giorni e la febbre sta diminuendo) quella pazza della pediatra vuol far vaccinare la figlia di mia cugina (3 anni). Si può essere più idioti?
 

Devil93™

More then devilish
#16
poi se si presta attenzione tutte le persone che fino a adesso sono morte per la suina erano o malati terminali (in questo caso, colpo di grazia) o bambini, con scarse difese immunitarie........
 

liuton2005

sono qui solo di passaggio
#17
Non è quello il fatto. Delle persone sono morte e non bisogna usare questa cosa come argomentazione. Il nocciolo della questione è che il vaccino è dannoso e non è sicuro che serva a qualcosa contro questo nuovo virus.
 
#18
liuton2005 ha detto:
Non è quello il fatto. Delle persone sono morte e non bisogna usare questa cosa come argomentazione.
Delle persone muoiono per l'influenza tutti gli anni, con la stessa frequenza e con gli stessi motivi dell'influenza attuale. Se vi era ragione per un vaccino di massa quest'anno, lo era anche gli anni precedenti.
 
#21
Per quanto riguarda la combinazione dell'influenza stagionale e quella "suina" che rischi si corrono? Perchè il nocciolo della questione penso sia più quello
 

MC5

n00b ante litteram
#22
con le mucche pazze la gente se ne "fregava", con l'aviaria sono impazziti aeroporti e cose così, per la suina impazziscono tutti.

ho due domande: quale sarà il prossimo animale diabolico che ci vuole tutti morti, e che effetti indurrà. Isteria e suicidi di massa?

Usate (magari fin da piccoli) il gel per sterilizzare le mani e bevete actimel ogni mattina...

deprimete ben bene il vostro sistema immunitario (e neuronale...) che fate solo gli interessi di qualcuno (e una gran figura da sfigati, imho)
 
#23
Io penso che non farò il vaccino per l'influenza A perchè mi hanno spiegato che è una specie di "test" su larga scala, quando non sarà più così ci ripenserò... tra l'altro 1 volta su 3 può portare una malattia al cervello (non ricordo quale)... nel frattempo mi accontenterò di fare l'antinfluenzale normale che faccio tutti gli anni...
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
#24
MC5 ha detto:
deprimete ben bene il vostro sistema immunitario (e neuronale...) che fate solo gli interessi di qualcuno (e una gran figura da sfigati, imho)
Infatti.

Io da piccola mi rotolavo sui prati, mangiavo uova crude e toccavo ogni animale col pelo se ne avevo la possibilità. Mi son beccata i pidocchi (anzi, "ci": io e mia sorella) per più anni consecutivi, bevevo il latte ancora caldo da mucca (no, non facevo come Heidi che si abbeverava direttamente dalle mammelle della mucca, ma il latte era comunque munto da poco) senza bollirlo, e ho sempre mangiato la frutta con la buccia.

Zero problemi, zero allergie, zero intolleranze.

Oggi sti pupetti vengono tirati su con la bambagia al culo fino ai 25 anni -e oltre, in certi casi- con la mammina che li accompagna a scuola in auto (io andavo a piedi alle elementari e medie, in bici alle superiori), dentro le scuole dove ci sono 25 gradi, vivono sempre chiusi in case che a volte son più asettiche di una sala operatoria, ed ecco tutto un fiorire di allergie, attacchi asmatici, intolleranze al lattosio, a questo, a quello...

Non fanno più una sana  sudata correndo dietro ad un pallone,! Non si prendono più una bella lavata di pioggia tornando da scuola! Ed ecco, quindi, la conseguenza logica ed inevitabile: sistemi immunitari più fragili di un fiore di vetro soffiato di Venezia.

La cosa più triste di tutto ciò è che le pecore italiane credono che per combattere l' influenza sia più efficace spendere milioni di euro in un vaccino, piuttosto che usare il sapone, che costa 70 centesimi.

Veramente. Molta gente NON SI LAVA e si veste seguendo il calendario anziché la reale temperatura. Di conseguenza si mettono più roba addosso del dovuto, ed ecco che arriva il sudore, ed ecco che arriva la puzza. E' ovvio che poi si beccano la morte, sti deficienti.
 
Ultima modifica da un moderatore:

Steph

Great Teacher
Mod
#25
Carmageddon ha detto:
Infatti.

Io da piccola mi rotolavo sui prati, mangiavo uova crude e toccavo ogni animale col pelo se ne avevo la possibilità. Mi son beccata i pidocchi (anzi, "ci": io e mia sorella) per più anni consecutivi, bevevo il latte ancora caldo da mucca (no, non facevo come Heidi che si abbeverava direttamente dalle mammelle della mucca, ma il latte era comunque munto da poco) senza bollirlo, e ho sempre mangiato la frutta con la buccia.

Zero problemi, zero allergie, zero intolleranze.

Oggi sti pupetti vengono tirati su con la bambagia al culo fino ai 25 anni -e oltre, in certi casi- con la mammina che li accompagna a scuola in auto (io andavo a piedi alle elementari e medie, in bici alle superiori), dentro le scuole dove ci sono 25 gradi, vivono sempre chiusi in case che a volte son più asettiche di una sala operatoria, ed ecco tutto un fiorire di allergie, attacchi asmatici, intolleranze al lattosio, a questo, a quello...

Non fanno più una sana  sudata correndo dietro ad un pallone,! Non si prendono più una bella lavata di pioggia tornando da scuola! Ed ecco, quindi, la conseguenza logica ed inevitabile: sistemi immunitari più fragili di un fiore di vetro soffiato di Venezia.

La cosa più triste di tutto ciò è che le pecore italiane credono che per combattere l' influenza sia più efficace spendere milioni di euro in un vaccino, piuttosto che usare il sapone, che costa 70 centesimi.

Veramente. Molta gente NON SI LAVA e si veste seguendo il calendario anziché la reale temperatura. Di conseguenza si mettono più roba addosso del dovuto, ed ecco che arriva il sudore, ed ecco che arriva la puzza. E' ovvio che poi si beccano la morte, sti deficienti.
i miei vicini di casa sono proprio come te, lasciano scorrazzare i loro 3 figli in libertà (li ho visti mangiare la terra). personalmente riconosco di essere stato cresciuto da schizzinosetto e pulitino, ma quei poveri bambini sono veramente l'opposto. una volta li ho visti con la pelle gialla a squame, credo che i genitori dovrebbero darsi una regolata sia in un senso che nell'altro però. °_°

riguardo al vaccino, è ovvio come sia una trovata pseudo pubblicitaria e comunque a fini economici, ho sentito dire che la base contenuta in esso non è altro che la stessa di un'azienda farmaceutica che ha lavorato anche per l'aviaria e la sarss.... la nonricordocosa, che prima era in bancarotta e ora sta facendo soldi a palate con quest'influenza. inoltre a quanto sembra questa influenza non viene dai maiali, ma -ancora- dagli uccelli. non so se siano verità o dicerie però, vai a fidarti di uno o dell'altro....
 

liuton2005

sono qui solo di passaggio
#27
ILREDEIGIOKI90 ha detto:
i miei vicini di casa sono proprio come te, lasciano scorrazzare i loro 3 figli in libertà (li ho visti mangiare la terra). personalmente riconosco di essere stato cresciuto da schizzinosetto e pulitino, ma quei poveri bambini sono veramente l'opposto. una volta li ho visti con la pelle gialla a squame, credo che i genitori dovrebbero darsi una regolata sia in un senso che nell'altro però. °_°
Tu non sei cresciuto in Romania..

:P
 

Zax

"hai un garbodor al posto del cuore"
#28
ILREDEIGIOKI90 ha detto:
riguardo al vaccino, è ovvio come sia una trovata pseudo pubblicitaria e comunque a fini economici, ho sentito dire che la base contenuta in esso non è altro che la stessa di un'azienda farmaceutica che ha lavorato anche per l'aviaria e la sarss.... la nonricordocosa, che prima era in bancarotta e ora sta facendo soldi a palate con quest'influenza. inoltre a quanto sembra questa influenza non viene dai maiali, ma -ancora- dagli uccelli. non so se siano verità o dicerie però, vai a fidarti di uno o dell'altro....
L'hai sentito da adam kadmon
l'ho sentito pure io da lui..

Inoltre non è che la base sia uguale, è il farmaco che praticamente lo stesso..

Ah, non per qualcosa ma ultimamente mi sono dediacto all'avicoltura e non ho preso niente.. Salumi ne mangio a dire basta ma non credo che la suina si prenda da là..
 
#29
Carmageddon ha detto:
Io da piccola mi rotolavo sui prati, mangiavo uova crude e toccavo ogni animale col pelo se ne avevo la possibilità. Mi son beccata i pidocchi (anzi, "ci": io e mia sorella) per più anni consecutivi, bevevo il latte ancora caldo da mucca (no, non facevo come Heidi che si abbeverava direttamente dalle mammelle della mucca, ma il latte era comunque munto da poco) senza bollirlo, e ho sempre mangiato la frutta con la buccia.

Zero problemi, zero allergie, zero intolleranze.

Oggi sti pupetti vengono tirati su con la bambagia al culo fino ai 25 anni -e oltre, in certi casi- con la mammina che li accompagna a scuola in auto (io andavo a piedi alle elementari e medie, in bici alle superiori), dentro le scuole dove ci sono 25 gradi, vivono sempre chiusi in case che a volte son più asettiche di una sala operatoria, ed ecco tutto un fiorire di allergie, attacchi asmatici, intolleranze al lattosio, a questo, a quello...

Non fanno più una sana  sudata correndo dietro ad un pallone,! Non si prendono più una bella lavata di pioggia tornando da scuola! Ed ecco, quindi, la conseguenza logica ed inevitabile: sistemi immunitari più fragili di un fiore di vetro soffiato di Venezia.
... ma io e te siamo la stessa persona? Hai descritto perfettamente la mia infanzia...

E il risultato di quell'infanzia è che le volte che mi sono ammalato le posso contare sulle dita di 1 mano.