Ultimo Film Visto

Andrew01

[NSFW]
Visto ieri Thor Ragnarok.
Sono rimasto deluso, in particolare per una trama inesistente o comunque tale da non giustificare un film. Vagamente comico ma ciò nonostante a mio giudizio imbarazzante.
Cosa mi è sfuggito o cosa non ho capito del film? 😕
Credo ma potrei sbagliarmi che sia un sequel o che ne abbia uno.
Però non prenderlo per oro colato.
Per cui se così fosse può darsi che vanno visti entrambi per comprenderlo.
 

Nicola Liberati

FlamedramonBall2000
il mio ultimo film che ho visto è Avengers Infinity War

Mi è piaciuto perché si sono visti molti personaggi fantastici (eroi e cattivi), per non parlare di certi colpi di scena, anche se a dirla tutta ciò che mi ha colpito di più nel film è la psicologia di Thanos, l'antagonista del film, i suoi obiettivi sono tutt'altro che buoni ma per lui devono essere compiuti per salvare più vite possibili
 

lucas992

Unima fag
Wiki
Cosa puoi farci ognuno di noi possiede un punto di vista distorto del mondo
Questo non lo metto in dubbio. Ma "salvare più vite possibili" e "annientare metà delle vite esistenti" sono in netta contraddizione. Direi più che il suo scopo è qualcosa del tipo "migliorare le condizioni di vita dell'universo" (riducendo il problema della sovrapopolazione). Poi vabbè, con l'onnipotenza ci sarebbero mille modi molto più etici, ma lo considero un errore logico "inevitabile" come i tanti su cui sono basati vari film/libri/racconti/etc.
 

Nicola Liberati

FlamedramonBall2000
Questo non lo metto in dubbio. Ma "salvare più vite possibili" e "annientare metà delle vite esistenti" sono in netta contraddizione. Direi più che il suo scopo è qualcosa del tipo "migliorare le condizioni di vita dell'universo" (riducendo il problema della sovrapopolazione). Poi vabbè, con l'onnipotenza ci sarebbero mille modi molto più etici, ma lo considero un errore logico "inevitabile" come i tanti su cui sono basati vari film/libri/racconti/etc.
Errore morale semmai
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
54194 (1).jpg

premessa: non lasciatevi ingannare da Biagio Izzo (ha un ruolo semiserio, NON viene relegato a pagliaccio come pressochè sempre e questo film è comunque parzialmente drammatico) nè dal duo Conticini & Brilli, nient'affatto belle – in tutti i sensi – statuine offerte alle fantasie birichine delle spettatrici mature o degli spettatori maturi

detto ciò...questa pellicola risulta troppo breve, sempliciotta, incompleta, buonista, irrealistica, offensiva, moralista, forzata, quasi bigotta ed altresì banale/prevedibile [tra gli altri numerosi cliché, avremo visto millemillanta volte lo stronzo belloccio che cambia in meglio per amore ~ quello vero] nel complesso

perchè ne raccomando la visione dunque? A chiunque, pure a chi non vive di pallacanestro* come me? Per il finale inatteso, fenomenale, potentissimo, definitivo, perfetto nella sua mutezza. Da solo salva l'altrimenti scricchiolante resto. La frase di Bob Marley**? No, anche quella esprime una verità dimenticata spesso ma ricordata altrettanto; mi riferisco alla scena sùbito precedente

pensavate ci fosse il finale sotto spoiler, eh? Ed invece no...quello dovrete guadagnarvelo guardando prima tutto l'antefatto. Qui volevo solo dire che secondo me la sorella del protagonista maschile è molto più figa della protagonista femminile

qua invece vi lascio 'sta clip stimola-curiosità***


*Carlton Myers + coach Carlo Recalcati due cameo cestistici extra lusso
**<< vivi per te stesso e vivrai invano; vivi per gli altri e ritornerai a vivere >>
***si spera
 
Ultima modifica:

Andrew01

[NSFW]


Visto questa sera in TV. Un film molto controverso e per la presenza di certe scene (anche se visibilmente censurate nella messa in onda) anche abbastanza scandaloso. Personalmente non posso dire di averlo gradito al 100%.
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
donnie-darko-directors-cut-960x1440-portrate-1-6ac0892ecf53c3fe41e973ab2276cad60 (1).jpg

^ oggi pomeriggio, dietro suo consiglio, ho visto il film preferito di @gGiova [ringraziamento numero 28064212 - attenzione! Numero nient'affatto casuale]

PERCHÈ INDOSSATE QUELLO STUPIDO COSTUME DA UTENTI?

Frank-the-rabbit-unplated-mask (1).jpg

chiariamo sùbito ====> non è diventato anche il mio preferito ma m'ha lasciato un segno del tutto diverso da tutti gli altri film (pochi* sinceramente) visti dal sottoscritto

io dico solo: chi ha già visto ogni episodio & film d'Evangelion dovrebbe impattare senza problemi contro qualsivoglia trama o teoria...no matter how much intricata. Eppure questo cult movie mi sta facendo rivalutare al ribasso le mie capacità interpretative e come gustoso bonus riesce a farmi appassionare alla scienza forse per la prima volta in vita mia

capitolo waifu ~ lotta serrata tra Gretchen Ross ed Elizabeth** Darko; troppo difficile scegliere un'unica preferita

*l'attore protagonista sprizza talmente tanta bravura che fa improvvisare critico cinematografico persino una capra totale quale me
**avrò probabilmente
un fetish per questo nome
 
Ultima modifica:

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
Your_Name (1).jpg

PARTE TECNICA DELLA RECENSIONE

prima d'immergermi nella visione e talvolta durante la stessa sono annegato nei feels ho sottovalutato talmente tanti aspetti che non so da dove cominciare per distribuire le rispettive, dovute scuse. In ordine sparso:

> forse è giusto iniziare da @Fabiana [nonchè ringraziarla all'infinito giacchè ci sono] , ovvero colei che m'ha raccomandato questo lungometraggio. Lì per lì le detti poca retta sminuendo l'entusiasmo ma poi – pensandoci meglio – siccome nei nostri precedenti 5 anni di amicizia non mi aveva consigliato alcunchè, tantomeno d'animazione giapponese, ho voluto dar fiducia al suddetto caso troppo insolito per venire ignorato ed ora eccomi qui a chiederle perdòno

> ritenevo il topos del body/gender swap talmente logoro che pensavo non avesse più nulla o quasi da offrire; << ragazzo nei panni della ragazza & viceversa? >> sibilai << Vicenda farsesca* >> . Cartellino giallo! Ha stravinto la scommessa col mio scetticismo proponendo un POV almeno per me inedito (due città tanto diverse quanto lontane = niente contatto visivo tra i due involontari "scambisti") , spunti filosofici interessantissimi (l'intreccio dei fili come metafora temporale) e soprattutto divertendomi oltremodo con gag semplici ma NON sempliciotte, nient'affatto sinonimi (sebbene una studentessa delle superiori debba sapere << cosa c'è lì >> - cit.)

> ero convinto che il gener-e fantasy in gener-ale [adesso mica dovete aspettarvi magia nera nè invasioni aliene ma ***INIZIO SPOILER***viaggiare indietro nel tempo bevendo sakè***FINE SPOILER*** non è esattamente verosimile, insomma] mai potesse emozionare quanto storie realistiche od ispirate a fatti reali. Questo invece è un errore da cartellino rosso! Si contano sulle dita d'una zampa di gallina – che com'è noto ne ha meno rispetto alle nostre mani – le volte in cui ho oscillato così spesso fra emozioni opposte...facile essere un'altalena senza le coronarie

> infine devo scusarmi con Mitsuha, protagonista femminile. All'inizio la trovavo carina, sì, però come tante altre ragazze degli anime; ebbene le è bastato un singolo gesto per trasformare quell'aggettivo in un superlativo assoluto ~ ecco come ho commentato** a caldo la trasformazione

*in realtà usai un'espressione con maggiori sfumature cromatiche, diciamo
**si fa per dire


siètagliataicap.JPG

"sarò breve con la recensione, tanto 'sto film è un fuori programmAHAHAHAH" <==== ipse dixit

^ giustamente vi starete chiedendo COSA MINCHIA CI SIA DI TECNICO in questa lista della spesa wannabe ~ aspettate di leggere la parte non tecnica...

PARTE NON TECNICA DELLA RECENSIONE

SONO DIVENTATO UN FOTTUTO CRYBABY: NON REGGO PIÙ NULLA SENZA COMMUOVERMI, SE GUARDASSI QUALCHE DOCUMENTARIO SULLE FARFALLE POTREI PIANGERE PERFINO PER IL BOZZOLO VUOTO!
 
Ultima modifica:

aleterla

Sex Bomb


Filmone. Nel senso, non credo passerà alla storia, di sicuro passerà per gli Oscar (se ne vince qualcuno non so, qualche candidatura non è di sicuro in discussione). La trama in sé non è poi così complicata, ma ha i suoi momenti emozionanti; Bradley Cooper un ottimo attore che sa anche cantare benissimo, Lady Gaga ottima cantante che sa anche recitare divinamente, in una veste inedita, spoglia delle sue solite stravaganze, che a mio avviso la rendono molto più bella e sensuale; colonna sonora ottima, io stregato da Shallow, un paio di amici miei stregati più da altri pezzi.

Consigliato a tutti, tranne forse a chi detesta musical e storie d'amore.

 

Zaffira

Avicoltrice
Oggi un mio amico francese mi ha dato il suo account netflix e ora anche io ho un profilo. Primo film che cerco e ho iniziato a vederlo ora: Slow Tv: train ride Bergen to Oslo (ma c'è modo di linkare il link del film?). Durata 7 ore. Certo che ci sono i sottotitoli inglesi e rumeni ma non italiani XD
Comunque non è un documentario come pensavo io con spiegazioni ed etc ma è solo ripresa di un treno. Mi sembra di giocare a train simulator ma è rilassante.
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
sto tenendo da parte "La Forma Della Voce" come futura prima visione romantica in coppia
e invece ieri pomeriggio...



^ anche se lei l'aveva già visto* (ma adora rivedersi sempre le stesse cose all'infinito) , mentre io volevo vederlo da anni al punto da aver comprato apposta il DVD

*e ciononostante - come me - ha pianto alla scena << portala sulla luna per me, d'accordo? >>
 
Ultima modifica:

ven32

Passante
L'ultimo cartone animato disney che ho visto molto volentieri è stato Ralph Spaccatutto del 2012. Altri come Frozen e Inside Out non mi sono piaciuti. Menzione onorevole per Big Hero 6, molto bello dopo Ralph.
Ora non vedo l'ora di poter vedere Ralph spacca Internet e poi ovviamente Pokémon In ognuno di noi. Perchè purtroppo non li ho ancora visti. Quindi niente spoiler grazie.
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
quante probabilità c’erano? Lo stesso giorno nel quale mia morosa ed io ci siamo dovuti salutare tra le lacrime (oggi pomeriggio è ripartita per Roma...era giunta PER LA PRIMA VOLTA IN VITA SUA qui a Bari) hanno trasmesso in prima visione assoluta una commedia sentimentale, ovviamente dal lieto fine, ambientata NELLA MIA CITTÀ COI PROTAGONISTI - Luca e Sara - CON I NOSTRI STESSI NOMI [anche se lei si chiama Sarah con l’acca]

6B5CB9E9-23EA-4EA9-B20B-BE652F3AB3A7.jpegD583BEC3-FBEB-4FB4-A6CE-ACAABD8979E9.jpeg

^ tutto ciò dimostra palesemente che dio esiste e stasera s’è divertito alla grande con me
 
Ultima modifica:

ven32

Passante
Ultimi due film visti: The kid who would be king (il ragazzo che diventerà re) e F21.
3259
Scopiazzatura di Harry Potter e dedicato ad un pubblico di ragazzini. Però è carino. Ambientato tra Londra e la Cornovaglia ai giorni nostri. Trama: un ragazzino trova la spada di Re Artu e con essa e l'aiuto di Merlino deve sconfiggere Morgana.
Non male e molto meglio di F20.
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
Sto guardando "Pioggia di Ricordi" (Iseo Takahata, Studio Ghibli) ma è una cosa troppo lenta e zufolona per i miei gusti...
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
81NXeri-YnL._SL1218_.jpg

^ visto ieri sera in formato blu-ray sulla PS4 insieme alla mia ragazza

metto i miei pensieri sotto spoiler per poter parlarne liberamente

> mi è piaciuto meno di Your Name, ultimo film d'animazione giapponese che ho visto (peraltro col pc dopo averlo scaricato; NON comodamente sul televisore) e recensito proprio qualche post sopra questo. A livello di contenuti se la giocano più o meno...ma - perdonatemi - le mani che in lontananza perdono le dita non riesco proprio a farmele piacere, con buona pace di K-On

> la prima cosa che balza all'o(re)cchio è LA GENTE CHE SI SCUSA DI CONTINUO. Tutti. Con tutti. Per tutto. Sempre. Comunque. Ovunque. A prescindere. Capisco Shoko che lo fa un po' per indole gentile, un po' quasi per compensare il suo handicap uditivo, ma vederlo fare continuamente da chiunque dopo un po' diventa stucchevole e perde valore/credibilità

> a @Fabiana - che rimane perlopiù indifferente di fronte alle persone alle persone sorde - non ha fatto granchè effetto; se pure col sottoscritto (N.B. mi commuovo facilmente con le disabilità) ha sortito lo stesso effetto, evidentemente qualcosa NON va

> ho pianto - moderatamente - soltanto alle scene iniziali risalenti all'infanzia...ciò per uno che non dico voglia piangere o gli piaccia farlo, ma insomma non fa nulla per evitarlo, è davvero poca roba. Devo dire tuttavia che erano davvero dure da guardare, nel senso positivo, soprattutto quando i due protagonisti hanno quella mezza rissa sul banco e lei diventa violenta per la prima ed unica volta; assai toccanti nella loro crudeltà, ne avrei volute molte di più

> aspettative eccessivamente alte? Probabile. Di sicuro mi ero fatto un'idea sbagliata del lungometraggio, cioè che sfruttasse per tutto il tempo o quasi la sordità della protagonista per suscitare negli spettatori piagnistei fini a sè stessi. L'avrei preferito così sempliciotto? Non saprei, fatto sta che se avessi voluto assistere ad una storia in cui << tutti i personaggi sono socialmente inetti >> [cit. @gGiova - che m'ha consigliato la visione - in difesa dell'ending, del quale parlerò dopo] avrei optato per un teen drama qualsiasi

> nell'idea sbagliata menzionata nel punto precedente rientrava anche LA SHOKKA (concedetemi questa pessima battuta) convinzione che fosse sordomuta. Invece è stato piacevolissimo scoprire la prorompente bravura della voice actress; eppure un chiarimento su cosa fossero ed a cosa servissero quegli apparecchi acustici non avrebbe guastato

> troppi altri personaggi sono mal (mica si capisce bene perchè Miyoko cambi classe - oppure scuola, od addirittura città, boh - alle elementari) o nient'affatto (Satoshi poteva essere interessante, ma praticamente si limita a fare da +1 alla comitiva) sviluppati: Nishimiya junior si finge maschio e persino fidanzato della sorella maggiore per poterla proteggere meglio a suo dire ~ perchè, le donne non possono essere abbastanza forti per proteggere i propri cari? Per non parlare della sorellona di Shoya, mai mostrata ed alla fine addirittura col volto coperto...poi però il regista dedica dialoghi inutili a nonna Ito che all'improvviso muore random senza alcun pathos. Non avessi avuto il movie book dell'edizione speciale, mi sarei perso molto presto nella narrazione tanto poetica quanto criptica

> anche a livello musicale m'ha lasciato pochino. La canzone conclusiva del suddetto YN era in download mentre ancora scorrevano i credits, questa forse la scarico stasera nella versione instrumental

> arriviamo al problema più grande secondo me: il finale. Mi son sentito preso per i fondelli, perchè visto l'incipit m'aspettavo una vicenda sulla diversità o quantomeno sul bullismo; mentre dal periodo liceo in poi la trama prende tutt'altra piega...amare sè stessi, perdonare sè stessi per gli errori passati, porre rimedio ad essi, aprirsi al prossimo in generale, solite menate su amicizia & veri amici ~ temi suggellati dall'ultima scena nella quale cadono tutte le "X" dai visi della folla [a proposito, so benissimo che queste ultime sono plot relevant, ma le ho trovate comunque fastidiose] quando il ragazzo trova il coraggio di guardare negli occhi la gente. Perchè invece non chiarire se Shoya & Shoko (quest'ultima ha una crisi quando la sua dichiarazione sentimentale non viene capita, quindi NON credo siano fantasie disneyane le mie) si fidanzano anzichè lasciare l'ambiguità? Troppo poco intellettuale come conclusione?

> oltretutto per prendere una decisione così tutto sommato banale era proprio necessario vivere prima certe esperienze di ben altro spessore? Tipo salvare l'amica dal suicidio nonchè - come conseguenza del salvataggio - finire egli stesso ricoverato rischiando la vita; dopodichè appena svegliatosi dal coma durato chissà quanto, con nonchalance, si toglie da solo tutti i tubi e fugge dall'ospedale correndo in pigiama\vestaglia & ciabatte fino al ponte delle carpe dove s'incontravano sempre. L'esagerazione ce la vedo soltanto io? Ditemi voi! Vorrebbe essere una chiusura del cerchio (poichè all'inizio viene mostrato pure lui intento a suicidarsi) o cosa?

/---------------------------------------------/

shitstorm in a nutshell: se togliamo il finale sottotono, per uno spettatore misantropo almeno, imo rimane un prodotto di qualità ma non quel capolavoro che le testate giornalistiche sulla front cover vorrebbero suggerire con quei toni trionfalistici
 
Ultima modifica:

Fabiana

Sensei
Mostra allegato 3420

^ visto ieri sera in formato blu-ray sulla PS4 insieme alla mia ragazza

metto i miei pensieri sotto spoiler per poter parlarne liberamente

> mi è piaciuto meno di Your Name, ultimo film d'animazione giapponese che ho visto (peraltro col pc dopo averlo scaricato; NON comodamente sul televisore) e recensito proprio qualche post sopra questo. A livello di contenuti se la giocano più o meno...ma - perdonatemi - le mani che in lontananza perdono le dita non riesco proprio a farmele piacere, con buona pace di K-On

> la prima cosa che balza all'o(re)cchio è LA GENTE CHE SI SCUSA DI CONTINUO. Tutti. Con tutti. Per tutto. Sempre. Comunque. Ovunque. A prescindere. Capisco Shoko che lo fa un po' per indole gentile, un po' quasi per compensare il suo handicap uditivo, ma vederlo fare continuamente da chiunque dopo un po' diventa stucchevole e perde valore/credibilità

> a @Fabiana - che rimane perlopiù indifferente di fronte alle persone alle persone sorde - non ha fatto granchè effetto; se pure col sottoscritto (N.B. mi commuovo facilmente con le disabilità) ha sortito lo stesso effetto, evidentemente qualcosa NON va

> ho pianto - moderatamente - soltanto alle scene iniziali risalenti all'infanzia...ciò per uno che non dico voglia piangere o gli piaccia farlo, ma insomma non fa nulla per evitarlo, è davvero poca roba. Devo dire tuttavia che erano davvero dure da guardare, nel senso positivo, soprattutto quando i due protagonisti hanno quella mezza rissa sul banco e lei diventa violenta per la prima ed unica volta; assai toccanti nella loro crudeltà, ne avrei volute molte di più

> aspettative eccessivamente alte? Probabile. Di sicuro mi ero fatto un'idea sbagliata del lungometraggio, cioè che sfruttasse per tutto il tempo o quasi la sordità della protagonista per suscitare negli spettatori piagnistei fini a sè stessi. L'avrei preferito così sempliciotto? Non saprei, fatto sta che se avessi voluto assistere ad una storia in cui << tutti i personaggi sono socialmente inetti >> [cit. @gGiova - che m'ha consigliato la visione - in difesa dell'ending, del quale parlerò dopo] avrei optato per un teen drama qualsiasi

> nell'idea sbagliata menzionata nel punto precedente rientrava anche LA SHOKKA (concedetemi questa pessima battuta) convinzione che fosse sordomuta. Invece è stato piacevolissimo scoprire la prorompente bravura della voice actress; eppure un chiarimento su cosa fossero ed a cosa servissero quegli apparecchi acustici non avrebbe guastato

> troppi altri personaggi sono mal (mica si capisce bene perchè Miyoko cambi classe - oppure scuola, od addirittura città, boh - alle elementari) o nient'affatto (Satoshi poteva essere interessante, ma praticamente si limita a fare da +1 alla comitiva) sviluppati: Nishimiya junior si finge maschio e persino fidanzato della sorella maggiore per poterla proteggere meglio a suo dire ~ perchè, le donne non possono essere abbastanza forti per proteggere i propri cari? Per non parlare della sorellona di Shoya, mai mostrata ed alla fine addirittura col volto coperto...poi però il regista dedica dialoghi inutili a nonna Ito che all'improvviso muore random senza alcun pathos. Non avessi avuto il movie book dell'edizione speciale, mi sarei perso molto presto nella narrazione tanto poetica quanto criptica

> anche a livello musicale m'ha lasciato pochino. La canzone conclusiva del suddetto YN era in download mentre ancora scorrevano i credits, questa forse la scarico stasera nella versione instrumental

> arriviamo al problema più grande secondo me: il finale. Mi son sentito preso per i fondelli, perchè visto l'incipit m'aspettavo una vicenda sulla disabilità/diversità o quantomeno sul bullismo; invece dal periodo liceo in poi la trama prende tutt'altra piega...amare sè stessi, perdonare sè stessi per gli errori passati, porre rimedio ad essi, aprirsi al prossimo in generale, solite menate su amicizia & veri amici ~ temi suggellati dall'ultima scena nella quale cadono tutte le "X" dai visi della folla [a proposito, so benissimo che queste ultime sono plot relevant, ma le ho trovate comunque fastidiose] quando il ragazzo trova il coraggio di guardare negli occhi la gente. Perchè invece non chiarire se Shoya & Shoko (quest'ultima ha una crisi quando la sua dichiarazione sentimentale non viene capita, quindi NON credo siano fantasie disneyane le mie) si fidanzano anzichè lasciare l'ambiguità? Troppo poco intellettuale come conclusione?

> oltretutto per prendere una decisione così tutto sommato banale era proprio necessario vivere prima certe esperienze di ben altro spessore? Tipo salvare l'amica dal suicidio nonchè - come conseguenza del salvataggio - finire egli stesso all'ospedale rischiando la vita; dopodichè appena svegliatosi dal coma durato chissà quanto, con nonchalance, si toglie da solo tutti i tubi e fugge dall'ospedale correndo in pigiama\vestaglia & ciabatte fino al ponte delle carpe dove s'incontravano sempre. L'esagerazione ce la vedo soltanto io? Ditemi voi! Vorrebbe essere una chiusura del cerchio (poichè all'inizio viene mostrato pure lui intento a suicidarsi) o cosa?

/---------------------------------------------/

shitstorm in a nutshell: se togliamo il finale sottotono, per uno spettatore misantropo almeno, imo rimane un prodotto di qualità ma non quel capolavoro che le testate giornalistiche sulla front cover vorrebbero suggerire con quei toni trionfalistici
Sarà che sono mezza sorda io, o che ho un sasso al posto del cuore, ma niente, nemmeno a me ha lasciato granché. Dovresti scrivere recensioni per mestiere, sei molto portato.
 

Hero of Sky

Passante
Io l'ho visto l'anno scorso, appena è uscito il DVD e mi piacque moltissimo, anche più di Your Name per certi aspetti. Mi commossi come mi è successo solo poche altre volte. Comunque quello delle scuse è un aspetto tipicamente giapponese, non c'è nulla di strano
 
Top Bottom