Referendum Cannabis

Manzo

Amico

E voi avete già firmato?
 
Ho firmato. È una di quelle cose di cui non mi frega niente, ma ritengo sia giusto venga legalizzata.

Certo che ora con lo SPID raggiungere le 500K firme è davvero una cosa ridicola.
 

Hero of Sky

L'erasmus va abolito
oltre al fatto che personalmente sono contrario, mi fa specie che in un momento come questo si pensi a legalizzare la marijuana, come se fosse una priorità
 
oltre al fatto che personalmente sono contrario, mi fa specie che in un momento come questo si pensi a legalizzare la marijuana, come se fosse una priorità
Prova a chiedere a 60 milioni di persone diverse e vedrai che ognuno vorrà priorità per una cosa diversa rispetto a un altro; inoltre non vedo per quale motivo non ci si possa occupare di più tematiche contemporaneamente.
 

Manzo

Amico
Prova a chiedere a 60 milioni di persone diverse e vedrai che ognuno vorrà priorità per una cosa diversa rispetto a un altro; inoltre non vedo per quale motivo non ci si possa occupare di più tematiche contemporaneamente.
È la classica motivazione che non sta né in cielo né in terra utilizzata ogni volta, quando i nostri politici passeranno una grossa fetta delle loro ore di "lavoro" a grattarsi le palle in ogni caso. Tanto vale che nel mentre ce ne sia qualcuno che si occupa di obiettivi concreti e realmente raggiungibili, anche perché non si tratta semplicemente di fumarsi canne ma anche di togliere introiti alla mafia, creare posti di lavoro (coffee shop), e far sì che le forze di polizia e i posti in carcere siano utilizzati per questioni più importanti. @Hero of Sky ti garantisco che se in Italia continueranno a esserci problemi non sarà certo perché nel mentre ci sono persone che cercano di legalizzare l'erba.
 

Mr black-ray

Order of the Knights of Pudding
Non ho firmato solamente perché non mi riguarda in prima persona, anche se sono totalmente d'accordo. È proprio che non ho lo sbatti di andare. Ma a quanto ho visto questo referendum non ha certo bisogno della mia firma.

Lo so, scarso senso civico etc. etc...

Che poi 500k quanto sarebbe? Circa 0.7% degli italiani? Se prendete 10 sconosciuti per strada almeno uno si direbbe a favore, sicuro.
 

Manzo

Amico
Non ho firmato solamente perché non mi riguarda in prima persona, anche se sono totalmente d'accordo. È proprio che non ho lo sbatti di andare. Ma a quanto ho visto questo referendum non ha certo bisogno della mia firma.

Lo so, scarso senso civico etc. etc...

Che poi 500k quanto sarebbe? Circa 0.7% degli italiani? Se prendete 10 sconosciuti per strada almeno uno si direbbe a favore, sicuro.
500000 è semplicemente l'obiettivo da raggiungere... È ovvio che poi gli italiani a favore siano molti di più
 

CiaobyDany

Boku ni dekiru koto wa mada aru yo
Wiki
500000 è semplicemente l'obiettivo da raggiungere... È ovvio che poi gli italiani a favore siano molti di più
Anche perché questa è la raccolta firme per fare il referendum, che per passare ha bisogno almeno del 50%+1 di favorevoli su almeno 50%+1 di votanti italiani (quindi un 20% circa minimo totale, pari a 6 milioni, ma ovviamente stare risicati nei numeri implica quasi certamente una sconfitta).
Nel mentre sono state raggiunte le 500k. Io non ho (ancora) votato, perché al contrario dell'eutanasia per cui posso andare a scatola chiusa e sarei aprioristicamente favorevole, per questo voglio prima informarmi sui dettagli. E poi molto probabilmente firmerò, ma prima hanno la priorità le amministrative per cui ora che finisco di leggere tutti i programmi ci vorrà un po'.
Però sì, ecco, diciamo che giustificazioni del tipo "non mi riguarda" sono abbastanza inaccettabili, perché di sicuro è un grosso colpo alla mafia, che soprattutto in Italia ha delle ripercussioni dirette tangibili. Sul fatto che il paese abbia altre priorità, è la solita cazzata detta dai conservatori per mantenere disperatamente lo status quo e rifiutare il progresso, non credo ci sia da aggiungere altro.

(btw, ci sarebbe pure la raccolta firme per un referendum per abolire la caccia, ma anche lì, non sono ancora riuscito ad informarmi)
 
Ho firmato. Indipendentemente dalle ragioni utilitarie, come la creazione di posti di lavoro, o la lotta contro la mafia, ritengo che sia doveroso lasciare la libertà a chiunque di avere i mezzi, conoscitivi e pratici, per poter fare ciò che si vuole con la propria mente, con il proprio spirito, con il proprio corpo, ed infine, con la propria vita.
Inoltre trovo completamente paradossale quanto altre droghe, talvolta ben più pericolose come l'alcol, abbiano piede completamente libero, mentre altre sostanze stupefacenti siano viste come un taboo indicibile.
Perché fintanto che si parla della droga che piace ai più (alcol, tabacco, caffé) allora è tutto ok, mentre con quella che piace agli altri "eh no, fa male e sei un ragazzo cattivo".
Per lo stesso identico motivo sono convinto che sia necessario legalizzare qualsiasi sostanza, non solo il THC.
La guerra alla droga ha perso su tutti i fronti, da sempre. Non ha mai risolto nulla, ha solo creato ignoranza.
la sensibilizzazione e la conoscenza è la miglior arma contro gli effetti negativi di una qualsiasi cosa, non il divieto, non la censura.
 
Ultima modifica:
  • Like
Reazioni: Nic

Manzo

Amico
Per lo stesso identico motivo sono convinto che sia necessario legalizzare qualsiasi sostanza, non solo il THC.
Non so quanto sia positiva come cosa, è vero che si toglierebbero soldi alla mafia, e si salvaguarderebbe la salute dei consumatori con sostanze pulite, e la gente che vuole farsi queste sostanze se le farebbe in ogni caso. Però sarebbe davvero triste vedere lo stato che lucra vendendo alle persone sostanze ben più dannose di alcool e sigarette, come eroina e metanfetamina, ed è il motivo per cui una cosa del genere non succederà mai né in Olanda, né negli USA né tantomeno in Italia. Oltretutto le sostanze in questione verrebbero parzialmente "normalizzate"; nel momento in cui certe droghe iniziano a essere vendute legalmente sotto agli occhi di tutti, queste ultime diventano socialmente accettabili e le persone vedono il loro consumo come una cosa più normale, il che è una cosa positiva per la cannabis (visto che non sono mai stati dimostrati effetti dannosi a lungo termine) ma non certo per l'eroina. Poi personalmente parlando - io non sono un consumatore di LSD, MDMA e cocaina, ma se queste sostanze iniziassero a essere vendute in negozi, con la garanzia che esse vengano vendute in maniera pulita e non tagliate con robaccia chimica ben più pericolosa delle sostanze in sé... ecco... diciamo che un pensiero ce lo farei.
 

CiaobyDany

Boku ni dekiru koto wa mada aru yo
Wiki
Non so quanto sia positiva come cosa, è vero che si toglierebbero soldi alla mafia, e si salvaguarderebbe la salute dei consumatori con sostanze pulite, e la gente che vuole farsi queste sostanze se le farebbe in ogni caso. Però sarebbe davvero triste vedere lo stato che lucra vendendo alle persone sostanze ben più dannose di alcool e sigarette, come eroina e metanfetamina, ed è il motivo per cui una cosa del genere non succederà mai né in Olanda, né negli USA né tantomeno in Italia. Oltretutto le sostanze in questione verrebbero parzialmente "normalizzate"; nel momento in cui certe droghe iniziano a essere vendute legalmente sotto agli occhi di tutti, queste ultime diventano socialmente accettabili e le persone vedono il loro consumo come una cosa più normale, il che è una cosa positiva per la cannabis (visto che non sono mai stati dimostrati effetti dannosi a lungo termine) ma non certo per l'eroina. Poi personalmente parlando - io non sono un consumatore di LSD, MDMA e cocaina, ma se queste sostanze iniziassero a essere vendute in negozi, con la garanzia che esse vengano vendute in maniera pulita e non tagliate con robaccia chimica ben più pericolosa delle sostanze in sé... ecco... diciamo che un pensiero ce lo farei.
Questo è il motivo per cui sono scettico sulla legalizzazione tout court. Un conto è la cannabis che letteralmente chiunque sa dove e come trovarla (ed è ovunque) e in 5 minuti da quando ha voglia si fa la canna. Per quanto riguarda altre sostanze ci andrei più coi piedi di piombo. Poi ecco, la cannabis se smettesse di essere illegale farebbe saltare anche le immancabili zone di spaccio intorno a scuole superiori che perderebbero lo scopo di fidelizzare il cliente ma aumenterebbero di rischi. E al di là di tutto, se hai meno di 18 anni auspicherei che uno faccia un minimo di fatica per avere accesso a determinate cose che in modo che sia obbligato a rifletterci prima di assumerle.
 
  • Like
Reazioni: Nic
Non so quanto sia positiva come cosa, è vero che si toglierebbero soldi alla mafia, e si salvaguarderebbe la salute dei consumatori con sostanze pulite, e la gente che vuole farsi queste sostanze se le farebbe in ogni caso.
E già qui hai colto il punto.

Molti ragazzini vedono il "farsi una canna" come una mossa di controtendenza, di ribellione verso l'autoritarismo. "Il professore mi dice di fare questo quindi io faccio il contrario", "papà mi dice di fare questo quindi io faccio il contrario", "acab". Se la cannabis diventa una cosa normalizzata, perderebbe anche questo "valore". A questo punto potrebbero accadere due cose:
1 - Meno ragazzini che si drogano con il contesto di sembrare "ribelli"
2 - Ragazzini che si drogano con sostanze che saranno ancora proibite, e potenzialmente più pericolose, per mantenere lo status di "ribelle"

Inoltre il problema delle persone povere, o che sono finite in disgrazia per qualche motivo, che finiscono in ambienti più ostili dove circola la droga "pesante" (che poi, chi è che ha creato questa definizione e in base a cosa si determina se una droga è pesante o leggera?) non verrebbe assolutamente risolto con la sola legalizzazione della cannabis. Perché tutti possano ritenersi più al sicuro, è doveroso creare innanzitutto conoscenza sull'argomento, quindi offrire soluzioni pulite e seguite da professionisti, in modo da diminuire i rischi di creare porzioni di società discriminate, tossiche, allo sbando e alle dirette dipendenze delle società criminali.

È assolutamente necessario che si faccia sensibilizzazione e conoscenza sugli effetti, psicologici e salutari, di ogni sostanza, in modo da combatterne l'abuso, più che l'uso consenziente. Il trattare l'argomento come un taboo, come un divieto assoluto (vedasi gli insegnanti che se la filano con un semplice "la droga fa male, non usatela") crea solo ignoranza sull'argomento, e se per una moltitudini di fattori qualcuno si avvicina alla droga, c'è la possibilità che non sappia realmente a cosa stia andando incontro. Solo conoscendo esattamente cosa sia, quali possono essere gli effetti positivi, quali gli effetti negativi, e tutto ciò che ci ruota attorno si può capire il perché non farlo, o il perché farlo, a seconda del proprio contesto di vita.

Però sarebbe davvero triste vedere lo stato che lucra vendendo alle persone sostanze ben più dannose di alcool e sigarette, come eroina e metanfetamina
Qui però ti fermo. Alcol e tabacco sono già tra le sostanze più pericolose al mondo. E attualmente la compravendita è regolamentata ed approvata dal nostro Stato:
HarmCausedByDrugsTableDetailed.svg.png
2560px-Drug_danger_and_dependence.svg.png
Fonte: https://en.wikipedia.org/wiki/Drug_harmfulness

Inoltre, non tutte le sostanze stupefacenti sono come l'Eroina o l'Alcol, indubbiamente molto pericolosi.
Non fraintendetemi, non voglio dire che le altre sostanze non lo siano [pericolose]. Ogni cosa nella vita è pericolosa, anche scendere dalle scale lo è, ma non per questo la realizzazione di scale è illegale.

A questo punto, manetenere solamente un paio di sostanze legali e le altre discriminate mi sembra solamente ridicolo e a dir poco incoerente data la pericolosità delle sostanze che già ora sono legali.
Uno Stato che vieta sia l'Alcol che il tabacco, al pari delle altre sostanze, almeno sarebbe coerente, per quanto disapproverei per via dei miei principi.

O tutto o niente.
 

Allegati

  • 1920px-HarmCausedByDrugsTable.svg.png
    1920px-HarmCausedByDrugsTable.svg.png
    116,9 KB · Visite: 50

MagoscuroFil

Non ho voglia di pensare a un nome migliore!
Mi piace vedere che seppur ci siano opinioni contrastanti questo topic sia un esempio di moderazione e discussioni civili. Sto seguendo la discussione senza prenderne parte perché
1) non penso di avere la maturità necessaria ad esprimermi pubblicamente su un argomento delicato come questo
2) anche se mi esprimessi non sarei in grado di argomentare bene le mie posizioni.
Comunque come già detto seguo il topic e mi sta piacendo che SkyLink abbia portato dati, grafici e fonti
 
  • Like
Reazioni: Nic

CiaobyDany

Boku ni dekiru koto wa mada aru yo
Wiki
Molti ragazzini vedono il "farsi una canna" come una mossa di controtendenza, di ribellione verso l'autoritarismo. "Il professore mi dice di fare questo quindi io faccio il contrario", "papà mi dice di fare questo quindi io faccio il contrario", "acab". Se la cannabis diventa una cosa normalizzata, perderebbe anche questo "valore".
Sinceramente è quello che spero, anche se mi viene da dirti che le sigarette sono parecchio di moda (più della cannabis) pur essendo legalizzate (ai soli maggiorenni). Quindi sinceramente non so quanto possa diminuirne l'uso a pensarci meglio.
2 - Ragazzini che si drogano con sostanze che saranno ancora proibite, e potenzialmente più pericolose, per mantenere lo status di "ribelle"
Il punto è che la cannabis, soprattutto intorno a scuola, la trovi con una facilità disarmante. A prescindere dal tipo di scuola o altro. La mia classe del liceo scientifico (per i pregiudizi: "la scuola di quelli bravi") era finita su La Repubblica nell'edizione di Milano perché quella con più 100 tra i maturati di tutta Milano di quell'anno (5/19) (per i pregiudizi "i più coscienziosi"). Eppure più di metà aveva provato una canna almeno una volta e in diversi ne facevano uso abituale, incluse le "eccellenze". Una volta legalizzata e quindi regolamentata e quindi creati solidi canali ufficiali a cui i minori non avranno accesso (ammesso e non concesso che non inizi a girare come le sigarette), trovo difficile pensare che ci siano delle alternative così facili che possano sostituirla. Perché il salto da sigaretta (in teoria illegale pure quella per loro, ma tant'è) alle canne si può fare anche graduale. Aggiungi un po' di erba nel tabacco ("che tanto lo usano tutti") e via. Peraltro è anche un po' meno sgamabile. Se vedi uno che fuma non puoi sapere a prescindere cosa ci sia dentro alla carta (ammesso di essere abbastanza lontani da non sentire il fumo, altrimenti rip), se vedi uno che sniffa o si buca qualche dubbio in più ti viene. Mentre invece per l'appunto, nel sentire comune, assumere altre sostanze è generalmente visto come più pericoloso della cannabis (generalmente a ragione) o delle sigarette/alcol (tendenzialmente a torto), quindi non ce lo vedo il sedicenne di turno che decide di attaccare con coca o altra roba.

Poi, per il resto sono d'accordissimo che sarebbe tassativamente necessaria formazione ad ampio spettro per rendere consapevoli i cittadini di cosa finiscano a fare loro o chi sta loro intorno. Ma se non riusciamo manco a fare educazione sessuale di base, che è un argomento con cui mediamente tutti hanno a che fare, peraltro proprio da quell'età, non ho troppe speranze che si possa fare un corso su sostanze che statisticamente la maggior parte delle persone non vede mai manco di sfuggita in tutta la vita.

A questo punto, manetenere solamente un paio di sostanze legali e le altre discriminate mi sembra solamente ridicolo e a dir poco incoerente data la pericolosità delle sostanze che già ora sono legali.
È anche una questione di sdoganamento. Molte persone non fanno uso di sostanze perché sono illegali e/o di difficile reperimento. Una volta che legalizzi laqualunque poi chiunque può prenderla e assumerla. La cannabis la trovi letteralmente ovunque quindi questo diventa un ragionamento abbastanza labile, ma per altre sostanze userei più cautela. Per quanto riguarda l'opposto, ci sono stati tentativi di proibizionismo, ma sono andati malissimo proprio perché la gente usava comunque tabacco e alcol che però venivano dal mercato nero. Quindi tanto valeva farlo diventare monopolio di stato visto che renderle illegali non ne ha diminuito l'uso. Ma si va su questioni culturali a quel punto, che sono più difficili da affrontare.

Mi piace vedere che seppur ci siano opinioni contrastanti questo topic sia un esempio di moderazione e discussioni civili.
A parte che stiamo parlando di cose triviali come sostanze stupefacenti e indotti di organizzazioni criminali di massima rilevanza mondiale e non di argomenti seri come l'articolo da mettere davanti a wiki, numero di fette in cui tagliare la pizza e canzone preferita dell'Eurovision, ma in ogni caso siamo il PCF, mica un social network di terza categoria tipo Facebook.
(e in ogni caso siamo pressoché tutti d'accordo con la legalizzazione quindi i contrasti rimangono limitati)

1) non penso di avere la maturità necessaria ad esprimermi pubblicamente su un argomento delicato come questo
Spoiler spoiler: tra 4 anni potrai votare e tra 8 ti renderai conto di non avere ancora la maturità necessaria per fare nulla di più socialmente rilevante che allacciarti le scarpe (a meno che tu non sia un'eccellenza della società, ma sono molto rare e subiscono un sacco di pressione sociale che comporta problemi in adolescenza e post, non volermene se ti considero normale).
Peraltro stiamo parlando di questioni che ti riguardano abbastanza direttamente visto che tra le tante tesi del no c'è il ricorrentissimo "qualcuno pensi ai bambini!!!11!!". Dovresti aver iniziato le superiori, quindi potresti avere avuto esperienze di aver visto gente che ne faceva uso o sentito dire che. Oppure è comunque una situazione che potresti affrontare in breve tempo, quindi sarebbe bene arrivarci con qualche idea in testa.
Trovo un po' pesante questa storia del considerare i ragazzi imbecilli privi di opinioni o capacità di pensiero e poi ai 18 far attivare uno switch magico che li rende competenti in tutto. Sono contrario al voto under 18 perché se manca un minimo di formazione e di esperienza di vita non credo sia possibile avere una mentalità abbastanza elastica da comprendere determinate cose (alzerei quasi ogni cosa ai 19 anni per dire), ma non credo che questo debba essere un alibi o motivo di demoralizzazione.

Nessuno si aspetta da te un trattato sull'impatto sociologico della legalizzazione di questa o quella sostanza, ma se hai un'opinione o ne stai formando una (e trovo difficile il contrario o non staresti seguendo questo topic), spara. Magari dici una cagata, ma come hai detto tu stiamo tenendo toni civili e dubito che qualcuno ti risponderebbe male. Magari dici una cosa che può essere spunto di riflessione per altri. Prima di scrivere questo messaggio ero convinto che la cannabis una volta legale per tutti tranne i minorenni sarebbe scomparsa dai minorenni, poi ho realizzato che le sigarette esistono e non funziona così. Senza il topic magari non mi sarebbe venuto in mente fino alla firma o al voto del referendum. Magari comunque dal tuo messaggio e dalle eventuali risposte impari qualcosa tu o sciogli dei dubbi che puoi avere. Il forum serve a questo, non a condividere i codici amico di GO. Purtroppo per una serie di motivazioni che non analizzo qui che sono già stato lunghissimo è calato molto nell'uso, ma un topic di questo tipo all'anno è una motivazione più che sufficiente per non volerlo chiudere.
 

MagoscuroFil

Non ho voglia di pensare a un nome migliore!
e non di argomenti seri come l'articolo da mettere davanti a wiki, numero di fette in cui tagliare la pizza e canzone preferita dell'Eurovision
Il PCF è bello perché vario😂
non volermene se ti considero normale
Ma chi, io? Ma va, mi ha fatto solo piacere leggere questo post!
il ricorrentissimo "qualcuno pensi ai bambini!!!11!!"
*sospira depresso*
La ho sentita troppe, troppe volte questa scusa, e mi ha fatto sempre incazzare. Indipendentemente dal contesto. Voglio dire, per mezzo secolo non avete fatto altro che lavorare senza sosta per lasciarci un mondo di merda, e adesso ve ne venite fuori con "qualcuno pensi ai bambini" su questi argomenti? Come dice sempre mio padre: prima de parlare, tasi. Prima di parlare, taci. Pensa.
Dovresti aver iniziato le superiori
Yess. E parto già con il piede sbagliato :)
Trovo un po' pesante questa storia del considerare i ragazzi imbecilli privi di opinioni o capacità di pensiero e poi ai 18 far attivare uno switch magico che li rende competenti in tutto.
Davvero, questo post è un'iniezione di autostima allo stato puro per gli adolescenti come me che ne soffrono un pochetto la mancanza
ma se hai un'opinione o ne stai formando una (e trovo difficile il contrario o non staresti seguendo questo topic), spara.
Vabbene, mi hai convinto dai. Onestamente penso che andrebbe legalizzata, come molti qui, per una serie di motivi legati proprio al fatto che se adesso uno si vuole fare una canna se la fa con la stessa facilità che se fosse legale, quindi in realtà questo proibizionismo non funziona e fa solo finire soldi in mani sbagliate. Inoltre in Italia se uno si fa una canna, anche solo per provare, e viene scoperto si ritrova con un bel illecito amministrativo sulla fedina penale (correggetemi se sbaglio), e se invece lo trovano a passarne una al compagno di classe è reato bello e buono, con tutte le conseguenze che porta la fedina penale "non candida" diciamo.
C'è poi anche la "psicologia inversa" di Sky, che se funzionasse sarebbe veramente una grande vittoria. Quindi si, sostanzialmente queste sono le mie motivazioni
 
  • Like
Reazioni: Nic

Losba

Sfortunato

E voi avete già firmato?
C'è anche quello per l'eutanasia, mate.
Lascio qui il link 👉 https://raccoltafirme.cloud/app/user.html?codice=EUTANASIALEGALE
 

CiaobyDany

Boku ni dekiru koto wa mada aru yo
Wiki
Voglio dire, per mezzo secolo non avete fatto altro che lavorare senza sosta per lasciarci un mondo di merda, e adesso ve ne venite fuori con "qualcuno pensi ai bambini" su questi argomenti?
Ehi, non dare troppo credito alle vecchie generazioni, in molti casi si è trattato di non fare nulla, senza impegno attivo 🙃

Davvero, questo post è un'iniezione di autostima allo stato puro per gli adolescenti come me che ne soffrono un pochetto la mancanza
Mah, sinceramente lo trovo mero buonsenso. Per quanto il mondo si stia sempre più digitalizzando e andando a lavorare con dati e informazioni discrete, nette, fatte letteralmente di 0/1 on/off, la realtà è e sempre sarà analogica. La digitalizzazione è ottima per semplificare determinati problemi ed affrontarli, ma a volte ci si dimentica di questa cosa e la si applica indiscriminatamente. Un conto è digitalizzare la possibilità di voto perché su una platea di 60 milioni di persone servono criteri più basilari e oggettivi possibili per evitare discriminazioni, ma di certo non ha senso farlo con le opinioni. Per quanto abbia cambiato il partito votato in quasi tutte le elezioni a cui abbia partecipato, la base di scelta rimane in buona parte fatta da ideali che ho da pressoché sempre. Poi crescendo ho avuto modo di apprezzare sottigliezze che prima non notavo o ignoravo, ma se mai si inizia a ragionare, mai si potrà capire quali siano le fallacie logiche dietro a determinate scelte o pensieri. Per questo è bene che un decenne non possa votare, ma va malissimo che lo si escluda completamente dalla possibilità di avere ascoltate le proprie opinioni. Lo si fa per semplicità, perché spiegare argomenti complessi a chi non ha delle basi è complesso, ma queste scorciatoie sono quelle che hanno portato ad eleggere l'attuale legislatura che definire imbarazzante è dir poco.

Tornando in topic.
Inoltre in Italia se uno si fa una canna, anche solo per provare, e viene scoperto si ritrova con un bel illecito amministrativo sulla fedina penale (correggetemi se sbaglio), e se invece lo trovano a passarne una al compagno di classe è reato bello e buono, con tutte le conseguenze che porta la fedina penale "non candida" diciamo.
Hai scritto un cortocircuito lel. I reati sono o civili o penali. Se sono civili te la sbrighi con una multa più o meno salata e finisce lì. Se sono penali è prevista la reclusione in carcere che in caso sia inferiore a... Due anni credo? Non sono sicuro, viene pressoché sempre convertita in multa, ma resta segnato in fedina penale (anche se in casi sempre minori può essere "cancellata" dopo x anni se non si commettono altri reati). Non sono espertissimo in materia, come credo sia evidente dalla risposta sommaria, quindi sono altrettanto ignorante di quali siano le sanzioni previste. Agente @Carmageddon ci può illuminare su questa faccenda?

Comunque so che una fetta parecchio grande di popolazione carceraria è collegata alla cannabis, quindi considerando lo stato delle carceri italiane sovraffollate da che ne ho memoria, legalizzarla ridurrebbe gli arresti e consentirebbe un po' di respiro anche all'ingolfatissimo sistema giudiziario. (vedi che hai fatto bene a rispondere? Questa cosa non era ancora emersa nel topic)
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
@MagoscuroFil lol, non è che come si fa un tiro di canna si viene spediti in prigione :D
Per delle cosiddette piccole quantità per uso personale (che si differenziano a seconda della sostanza stupefacente) sussiste un illecito amministrativo. Sì, come ha detto @CiaobyDany ci possono essere illeciti amministrativi (esempio, detenzione di stupefacenti anche se per solo uso personale), o dei reati e quindi illeciti penali (esempio, spaccio). Se si viene sorpresi con dello stupefacente, esso andrà sotto sequestro con consegna di apposito verbale, e poi successivamente si analizzerà il caso per stabilire se sia credibile l'uso personale oppure se ci sono evidenti prove di attività di spaccio. Poi, raga, può pure succedere che se si trovano 2-3 ragazzini che si passano un singolo spinello, e non si trova nient'altro, glielo si fa spegnere e distruggere, e morta lì.
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
Piccola precisazione: nella cosiddetta "fedina penale" si registrano anche gli illeciti amministrativi. Questo anche perché in caso di consumo di stupefacenti, che come ben sappiamo per molti soggetti è continuativo, può essere disposta la sospensione della patente oppure il mancato nulla osta al suo conseguimento. Anche certe violazioni in ambito Covid (esempio, omesso uso della mascherina) sono illeciti amministrativi e vengono registrati nella fedina. Per i curiosi: la multa è di 400 euro ridotti a 280 se si paga entro 5 giorni dalla notifica.
 
Ultima modifica:

Nyx

Zoidberg
Io sono favorevole a tutte le piante sacre.
Per quanto riguarda le sostanze chimiche o semichimiche se non usate con consapevolezza potrebbero davvero essere nocive a livello fisico/mentale/spirituale.
 

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
Ho letto questo topic più volte, passando dal forum, perché la legalizzazione delle droghe leggere è un argomento che mi interessa e mi preoccupa, di cui ho voglia di informarmi ma non so da dove partire. È troppo facile dire di cercare su internet, io non conoscendo l'argomento non saprei neanche valutare quali siti siano più affidabili di altri per formare un opinione. Gira e rigira ne vengo a discutere su un forum di Pokémon, vabbè, forse non è molto coerente, pazienza. Aiutatemi, per favore, e indicatemi dei siti credibili su cui approfondire.

Da quello che so fino ad ora, personalmente sono contrario alla legalizzazione della cannabis. Non sono mai stato convinto di molti degli argomenti a favore (meno soldi alle mafie, più posti di lavoro, meno circolazione tra i giovani) e trovo immorale che lo Stato venda dei prodotti dichiaratamente dannosi per i suoi cittadini, come già fa con le sigarette e come potrebbe fare con le canne. Andiamo con ordine:

- Più posti di lavoro: Non è un'argomentazione, per carità. Qualsiasi cosa può essere proposta per creare o togliere posti di lavoro. In Italia il lavoro diventa facilmente il pretesto per accettare o rifiutare proposte politiche di ogni tipo, come nel caso della legalizzazione delle droghe leggere. Ci sono tantissime altre occasioni per creare posti di lavoro, specializzati e non, tipo fare davvero la transizione ecologica. Aprire coffee shop non è una soluzione.

- Meno soldi alle mafie: Non ne so niente, vi prego di darmi delle fonti credibili su cui informarmi o di dirmi come trovarle. Ho i miei dubbi, tuttavia, su quanto realmente possa essere un problema sottrarre la cannabis a un mercato che si arricchisce con il resto delle droghe illegali, le armi, la corruzione sistemica e tantissimi altri loschi affari. Magari è più utile di quanto mi immagino, ma magari non così tanto.

- Maggiore controllo: Se ci si immagina che la cannabis sarà venduta come lo sono ora le sigarette, la motivazione "così i giovani non lo fanno più per sentirsi grandi" non regge proprio. Se un adolescente vuole sentirsi grande e ribelle può farsi del male anche senza la cannabis (tabacco, alcool, gioco d'azzardo, ecc). Sul fatto che sarà possibile gestire meglio le situazioni di tossicodipendenza sono d'accordo, in questo caso sarebbe un passo avanti, d'altronde la cannabis è già utilizzata in ambito medico.

- E allora l'alcool e il tabacco? L'alcool è ancora in circolazione per una lunga serie di motivi commerciali, culturali e storici. Le bevande alcoliche sono prodotte in tutto il mondo da sempre ed anzi erano le bevande principali nel Medioevo e oltre, quando l'acqua non era quasi mai pulita e l'alcool assicurava l'assenza di germi e batteri. Intere nazioni, tra cui l'Italia, sono famose per la produzione locale di vino, birra e altre bevande alcoliche. Ma soprattutto, e questo è il motivo principale per cui sono contrario al legalizzare la cannabis, l'alcool ha effetto solo su chi lo beve. Le sostanze che si mangiano, bevono, sniffano, iniettano danneggiano direttamente solo chi le assume. Il fumo fa male a te e chi ti sta intorno. Se siamo vicini, io sono libero di non accettare quello di cui ti fai ma non posso non respirare quello che fumi. Legalizzare la cannabis vuol dire esporre tutti coloro che ne sono contrari al pericolo del fumo passivo. Lo stesso succede già per il tabacco, la legge vieta di fumare in moltissimi spazi, ma il fumo passivo resta un problema. In Italia manca l'educazione per capire che fumare davanti alla porta dei negozi o dei treni è sbagliato, fumare all'aperto negli spazi affollati è sbagliato, anche se "si sta fuori", perché il fumo entra e fa male comunque. Se l'italiano medio si crede legittimato a fare a meno del rispetto quando fuma tabacco, lo farà anche quando fumerà cannabis e allora quando sarà ormai tardi ci si lamenterà della droga passiva.

Fosse per me dovrebbe essere illegale anche il tabacco. Andrebbe venduto non al tabacchino ma in farmacia, dietro prescrizione medica, esclusivamente ai fumatori maggiorenni che ormai non riescono a farne a meno, e basta.

Ripeto: se sapete dove posso informarmi meglio datemi qualche link, per favore
 

CiaobyDany

Boku ni dekiru koto wa mada aru yo
Wiki
- Meno soldi alle mafie: Non ne so niente, vi prego di darmi delle fonti credibili su cui informarmi o di dirmi come trovarle.
"Cannabis guadagni mafie" su Google.
Quinto risultato:
"Il mercato degli stupefacenti muove attività economiche illegali per 16,2 miliardi di euro, di cui circa il 39% attribuibile al consumo di derivati della cannabis e quasi il 32% all’uso di cocaina. La legalizzazione potrebbe portare nelle casse dello Stato fino a 7 miliardi di euro l’anno e circa 35 mila nuovi posti di lavoro. Oggi questi soldi vanno alle mafie. Il narcotraffico è l’attività criminale più redditizia: investi 1 e guadagni 10. Questo flusso di denaro è riciclato in attività legali: negozi, hotel, supermercati..."
https://www.corriere.it/cronache/21...ni-4a7d20b8-1723-11ec-8284-145049fd3f8d.shtml
L'articolo l'ha scritto Saviano che credo si possa ritenere "fonte credibile" per quanto riguarda le mafie, ovviamente non possono esistere dati ufficiali certificati da enti perché essendo un mercato illegale non c'è controllo.

Al resto delle obiezioni trovi risposta nell'articolo o nel resto del topic, mi soffermo solo su questa:
Legalizzare la cannabis vuol dire esporre tutti coloro che ne sono contrari al pericolo del fumo passivo
A parte che sono abbastanza sicuro che il fumo passivo di una canna sia estremamente meno dannoso di quello da sigaretta, proprio perché la sostanza di partenza è molto meno pericolosa, come hai già detto tu, il fumo passivo da sigaretta già lo si piglia un po' ovunque nonostante sia vietato, cosa che personalmente mi accade di frequente anche con la marijuana. C'è stato un periodo in cui tutte le mattine mi arrivava la zaffata mentre entravo in metropolitana. In generale se giro in determinati ambienti dove l'uso è frequente è abbastanza inevitabile che mi arrivi un'odore di canna. Legalizzandola non cambierebbe nulla, perché è una cosa che già succede, sinceramente mi stupisco che nonostante abbiamo frequentato ambienti simili tu lasci trasparire di non aver mai subito fumo passivo di marijuana, mi viene da credere che forse non ne sai riconoscere l'odore e credi che non ti sia capitato per quello.

Per il resto, credo che dovresti informarti sulle questioni correlate al proibizionismo, perché c'è uno storico abbastanza consolidato sul fatto che proibire determinate sostanze non porta ad una riduzione del loro consumo. L'articolo di Saviano è un ottimo punto di partenza.
 

Novecento

Quark charm
- E allora l'alcool e il tabacco? L'alcool è ancora in circolazione per una lunga serie di motivi commerciali, culturali e storici. Le bevande alcoliche sono prodotte in tutto il mondo da sempre ed anzi erano le bevande principali nel Medioevo e oltre, quando l'acqua non era quasi mai pulita e l'alcool assicurava l'assenza di germi e batteri. Intere nazioni, tra cui l'Italia, sono famose per la produzione locale di vino, birra e altre bevande alcoliche. Ma soprattutto, e questo è il motivo principale per cui sono contrario al legalizzare la cannabis, l'alcool ha effetto solo su chi lo beve. Le sostanze che si mangiano, bevono, sniffano, iniettano danneggiano direttamente solo chi le assume. Il fumo fa male a te e chi ti sta intorno. Se siamo vicini, io sono libero di non accettare quello di cui ti fai ma non posso non respirare quello che fumi. Legalizzare la cannabis vuol dire esporre tutti coloro che ne sono contrari al pericolo del fumo passivo. Lo stesso succede già per il tabacco, la legge vieta di fumare in moltissimi spazi, ma il fumo passivo resta un problema. In Italia manca l'educazione per capire che fumare davanti alla porta dei negozi o dei treni è sbagliato, fumare all'aperto negli spazi affollati è sbagliato, anche se "si sta fuori", perché il fumo entra e fa male comunque. Se l'italiano medio si crede legittimato a fare a meno del rispetto quando fuma tabacco, lo farà anche quando fumerà cannabis e allora quando sarà ormai tardi ci si lamenterà della droga passiva.
La tua è un'argomentazione interessante, se non altro perché seguendola si conclude che dovremmo bandire il tabacco e legalizzare cocaina ed eroina (solo iniettata, però, perché bruciarla disperde i vapori nell'ambiente). Vada per valutare i danni agli altri come più importanti di quelli all'utilizzatore, ma non puoi dare contro al fumo passivo e lasciar correre la sostanza responsabile di un terzo degli incidenti stradali.
 

Gkx

Admin

se l'argomentazione principale è "mi dà fastidio il fumo passivo", faccio presente che, sebbene la maggior parte dei consumatori di cannabis la fumi, una percentuale sempre più alta la mangia o vaporizza, con zero impatto sulla tua vita.

inoltre mi sembra tu tenda a sovrastimare il danno del fumo passivo in situazioni pubbliche: è vero che non è sano né piacevole, ma non saranno i 60 secondi in cui il treno è fermo e il fumo entra dentro a rovinarti la salute - specie se magari vivi in una grande città (o semplicemente in pianura padana...) dove l'inquinamento atmosferico delle auto e delle industrie è molto più persistente e pericoloso.
 

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
La tua è un'argomentazione interessante, se non altro perché seguendola si conclude che dovremmo bandire il tabacco e legalizzare cocaina ed eroina (solo iniettata, però, perché bruciarla disperde i vapori nell'ambiente). Vada per valutare i danni agli altri come più importanti di quelli all'utilizzatore, ma non puoi dare contro al fumo passivo e lasciar correre la sostanza responsabile di un terzo degli incidenti stradali.
Non ho mai voluto intendere di voler legalizzare le droghe pesanti per il solo fatto di non essere fumate, intendiamoci. Per quanto riguarda il tabacco mi sembra assurdo e immorale che lo Stato prenda una sostanza notoriamente pericolosa per la comunità, ci scrive sopra che uccide te e chi ti sta intorno, la vieta nei luoghi pubblici e poi te la venda lo stesso. Mi aspetto che succederà lo stesso con la cannabis una volta legalizzata.

Quanto la legalizzazione è una soluzione ai danni di una specifica droga? E quanto lo è il proibizionismo? Non lo so
 
Top Bottom