Eurovision Song Contest 2021

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
CREDEVATE DI ESSERVENE LIBERATI? E INVECE.
E niente, finito Sanremo è tempo di Eurovision. In realtà è sempre tempo di Eurovision, solo che faccio finta di essere normale (fallendo).

E visto che San Marino ha presentato oggi la sua canzone che include l'inutile Flo Rida quale migliore occasione per iniziare il thread? Molte altre. Ma non ho niente da fare (in realtà ho dimenticato cosa volessi fare ma sh), quindi ecco.

Prima riassunto per i novizi che l'anno scorso non c'eran...no, aspettate, non c'era nemmeno l'Eurovision. Riassunto e basta, allora.
L'Eurovision è una competizione musicale europea. Immaginate Sanremo, ma con differenti nazioni. E soprattutto tre serate di Eurovision durano meno di una serata di Sanremo (circa).
Ci sono due semifinali (il 18 e il 20 maggio), i 10 più votati (da giuria e televoto) vanno in finale (il 22 maggio), gli altri vanno a casa (o a sbronzarsi all'euroclub, più probabilmente). In finale vengono "raggiunti" dalle cosiddette big, che sono le 5 nazioni (Spagna, Regno Unito, Italia, Germania, Francia) che pagano più soldi all'EBU, e dalla nazione ospitante (i Paesi Bassi, in questo caso). Dopo che si sono esibiti tutti c'è nel mezzo roba che a volte è interessante, a volte è Madonna che non sa cantare e a nessuno interessa guardarla perché DANNAZIONE TIRATE FUORI I VOTI.
Il voto è un momento molto emozionante: ogni nazione vota con 12-10-8 punti e poi via a scalare fino a 1. Da qualche anno il voto è cambiato e vengono presentati prima i voti della giuria, poi vengono dati i punti del televoto a ogni nazione. Questo porta a risultati imbarazzanti, tipo annunciare alla Germania che ha preso 0 punti. Tizia che annunciava cercava di non ridere (a differenza di chiunque a casa) ma tanto le tizie tedesche erano al cesso, quindi ciao.

Riassunto dei fandom drama dell'anno fino ad ora:

-in Norvegia dopo settimane interminabili (5 semifinali e una roba per una wildcard) si era arrivati finalmente alla finale. Non vi annoierò con i dettagli, ma c'erano 3 round di voti. E la top4 era tutta gente della prima semifinale. I superfavoriti erano i Keiino, che hanno partecipato nel 2019 e avevano vinto il televoto (ma nessuno se n'è accorto perché con l'annuncio dei televoti non in ordine è difficile tenere traccia), quindi secondo la logica dell'Eurofan medio quest'anno avrebbero chiaramente vinto l'Eurovision. Probabilmente lo pensavano anche i Keiino, che hanno fatto un sacco di promozione sui vari social media, DIMENTICANDOSI CHE PRIMA DOVEVANO VINCERE IN NORVEGIA. E niente, ha vinto Tix e i fan dei Keiino ora lo odiano.

-in Danimarca i vincitori dell'anno scorso non sono stati invitati a partecipare alla selezione. La tv danese (DR) ha offerto una wild card alla loro casa discofrafica. La casa discografica ha detto "ok, vogliamo partecipino Ben&Tan" e la DR ha risposto di no. Ben&Tan hanno mandato una canzone per vie tradizionali, ché tanto la DR aveva garantito avrebbe giudicato tutte le canzoni solo per meriti artistici, ma pare ci fosse la clausola "tranne Ben&Tan, loro no". Quindi la DR li ha invitati alla selezione per consegnare il premio al vincitore, loro hanno chiesto di poter almeno cantare la canzone nuova e la DR ha detto di no. E niente, chiaramente Ben&Tan finiranno in Svezia l'anno prossimo.

-Cipro ha presentato una canzone intitolata El Diablo, in un pezzo dice I love el diablo e ai cristiani ciprioti la cosa non è piaciuta tantissimo, ecco. Quindi ci sono state varie proteste, minacce di bruciare l'edificio della tv cipriota, sinodi religiosi che si riuniscono e qualsiasi cosa vi aspettereste da dei religiosi esaltati. Elena Tsagrinou (la cantante) ha detto che lei è fermamente cristiana e la religione è molto importante per lei e spiega che in realtà la canzone parla di un cattivo ragazzo chiamato el diablo ed è una canzone che parla di abusi ed è importante per via di #metoo e grazie a questa canzone molta gente si fa avanti a parlare di abusi subiti. Ecco, quando non sapete come uscire da una situazione immaginate di essere Elena Tsagrinou e VIA ALLA SCALATA SUGLI SPECCHI, 3...2...1...GO.

-in Estonia c'era una canzone con un testo che parlava chiaramente di negazionismo covid, ma i cantanti hanno detto "noooo, non siamo negazionisti, a marzo scorso abbiamo addirittura fatto un post con #staythefuckhome! E' solo il punto di vista dell'uomo medio, noi riportiamo fatti!" e sì, si sono schiantati nella loro semifinale. Alla fine ha vinto Uku Suviste, con tutti quanti che se l'aspettavano, visto che avrebbe dovuto fare l'Eurovision l'anno scorso. Almeno la canzone è meno inutile dell'anno scorso. Segnalo questa canzone solo perché ho passato i 3 minuti a guardarla dicendo CHE DIAMINE...? (non esattamente con quella parola).

-la Moldavia ha deciso di mandare del puttanpop, lei non è convincente manco a morire nel video, figuratevi quanto lo sarà sul palco. La presentazione della canzone è avvenuta a Mosca, perché chi finanzia la roba è Kirkorov, che è russo. Se avete visto lo show di capodanno parodia degli show italiani sappiate che Kirkorov è quell'uomo dall'aria viscida. Comunque. Lui, Kontopoulos e Evangelinos si sono occupati di molte canzoni all'ESC e i fan li hanno soprannominati Dream Team. Solo che loro ci credono davvero e la presentazione è stata OLTRE DUE ORE DI KIRKOROV CHE RIPERCORREVA LA SUA CARRIERA ALL'ESC, IN STREAMING SU INSTAGRAM DA UN LOCALE DI MOSCA MENTRE LE REGOLE PER IL COVID VENIVANO IGNORATE E NUOVE VARIANTI NASCEVANO.

Ok, il post è diventato lunghissimo, potete trovare tutti i video sul canale ufficiale dell'Eurovision. Chiudo con il link alla canzone di San Marino, che non è detto avrà Flo Rida sul palco, e io rido all'idea che chiamino IROL (un rapper sammarinese) per sostituirlo. Metà degli autori della canzone è svedese, è chiaramente uno scarto di Suzy P. e a quanto pare è stata rifiutata da Cipro e Azerbaijan.
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
Intanto prima c'è stato il covid party la selezione russa. Ha vinto Manizha ma io fino all'ultimo mi aspettavo saltassero fuori i Little Big dicendo che hanno cambiato idea e all'ESC ci vanno loro. E' stata un'ora molto difficile.
 
Essendo incasinato in questo periodo, non ho ancora ascoltato tutto quello che è uscito; ma appena escono tutte e 40 (rip Armenia), vi farò la recensione canzone per canzone.
Mancano ancora un paio di canzoni, ma siccome stasera mi annoio e prossimamente potrei non avere voglia di farle, beccatevi le mie recensioni non richieste delle canzoni dell'Esc 2021, paese per paese.

ALBANIA.
Una canzone neomelodica cantata in albanese: non ne sentivo il bisogno, fanno già abbastanza danni quelle in italiano.

AUSTRALIA.
Senza infamia e senza lode, i fasti dei primi due anni dell'Australia all'Eurovision sono ormai lontani.
tenor.gif

AUSTRIA.
Lui bravo eh, ma la canzone è buona solo se alle due di notte non riesci a prendere ancora sonno.

AZERBAIGIAN.
La canzone non è ancora stata rilasciata, ma conoscendo la cantante (che sarebbe dovuta essere in gara lo scorso anno) non mi aspetto nulla di molto diverso da una canzone danzereccia europop con qualche influenza mediorientale. Pronto ad essere sorpreso, ma dubito accadrà.

BELGIO.
Gli Hooverphonic sono praticamente odiati da tutto il fandom Esc, ma ciò non influenzerà in alcun modo il loro risultato a Rotterdam: lo farà la loro canzone stessa, che verrà dimenticata da tutti non appena inizierà a cantare il cantante successivo in scaletta.

BIELORUSSIA.
L'EBU sta accompagnando la Bielorussia gentilmente alla porta e loro non stanno nemmeno facendo troppa resistenza. Immagino che, se la situazione Lukashenko non verrà risolta in fretta, la Bielorussia potrebbe fare la fine della Turchia. Mi spiace solo per i bielorussi, ma per motivi ben più seri dell'Esc.

BULGARIA.
La cantante è la stessa, la canzone è diversa ma se la ascolti pare sempre di sentire quella dello scorso anno.

CIPRO.
Puttanpop. Ai gay piacerà, ma nulla che non si sia già visto.

CROAZIA.
Un incrocio tra le Cristina Aguilera e Britney Spears dei primi anni 2000: se sia un bene o un male, giudicatelo voi.

DANIMARCA.
"Ciao 2020", ma in danese. Mi tocca ammettere di averla leggermente in simpatia, ma obiettivamente tragica.

ESTONIA.
Ho dovuto recuperarla perché non me la ricordavo più, ma l'ho già scordata di nuovo. Sarà la vecchiaia o la canzone inutilissima, chi può dirlo.

FINLANDIA.
Un po' Linkin Park del 2003, senza che la band sia purtroppo i Linkin Park del 2003, con l'aggravante di essersi presentati nel 2021. La canzone è perfetta per gli AMV su DragonBall da condividere con gli amici usando il bluetooth dei cellulari Panasonic.

FRANCIA.
Bella, anche se a me non fa impazzire. Diciamo che la Francia a 'sto giro si salva dall'ultimo posto senza grosse difficoltà.

GEORGIA.
Non è ancora uscita la canzone intera, ma solo una trentina di secondi: mi paiono comunque sufficienti per potere affermare che gli altri Stati hanno un rivale in meno per ottenere un posto nella finale.

GERMANIA.
Per i tedeschi raggiungere l'ultimo posto è ormai una sfida personale, tifiamo tutti per loro.

GRECIA.
Testo banalotto, ma la canzone nel complesso può far bene: una di quelle canzoni che dipendono tutto dallo staging e da come vengono cantate. Non vince eh, ma in finale ci dovrebbe passare facile.

IRLANDA.
Anche questa pare uscita dal 2005, ma nel complesso non malaccio. Non ci perderò troppo tempo dietro, ma non mi sento di darle un giudizio negativo.

ISLANDA.
Classico esempio di come sia meglio avere una canzone adatta, prima di dire "Sì, ok, torno all'Eurovision". L'anno scorso sarebbero stati protagonisti, quest'anno lo saranno molto meno.

iSRAELE.
Dubito fortemente farà sfraceli di punti, però la canzone è carina e lei molto brava. Ha il mio sostegno, ma senza esagerare.

ITALIA.
Non ho assolutamente idea di come andranno i Maneskin a Rotterdam: solitamente il rock non va molto bene all'Esc, ma loro sanno fare bene quello che fanno e potrebbero stupire. Non amo loro e non amo il loro pezzo, ma hanno il mio sostegno incodizionato: nel frattempo, torno ad ascoltare Musica leggerissima.

LETTONIA.
È un genere che io repello da sempre, ma so quanto può acchiappare il pubblico e potrebbe fare molto bene. Personalmente non le auguro l'ultimo posto solo perché ci sono candidati migliori.

LITUANIA.
Hyppati alla follia dal fandom Esc, per me potrebbero raggiungere la top 10 ma nulla più. Bella canzone, movimentata e danzereccia, ma ne esistono a migliaia così.

MACEDONIA DEL NORD.
Logos-Disney-88200.gif

MALTA.
La canzone non è ancora stata rilasciata, ma la cantante è molto brava: se le danno un brano anche solo pari in qualità a quella che le avevano dato lo scorso anno, farà bene.

MOLDAVIA.
Puttanpop. Andrà in finale e farà anche abbastanza bene, fosse solo grazie ai voti di tutti i paesi ex-URSS.

NORVEGIA.
Tutto sommato non mi dispiace, ma l'ho ascoltata tre volte in totale e non sento il bisogno di riascoltarla: nonostante ciò, la ricordo ancora molto bene. È un pregio da non sottovalutare.

PAESI BASSI.
C'è questa tradizione non scritta che vuole i paesi ospitanti provare a fare talmente pena da non correre il minimo rischio di vincere nuovamente. I Paesi Bassi non vogliono essere da meno, ma c'è da dire che stanno provando a farlo mantenendo una solida dignità.

POLONIA.
Nella posizione in cui si trova la Bielorussia adesso, potrebbe trovarsi la Polonia prossimo anno: quest'anno sono ancora qua, incredibilmente, e portano una canzone che di per sé non è nemmeno troppo malvagia, ma secondo me se la Polonia non avesse partecipato nel 2021 non sarebbe cambiato granché.

PORTOGALLO.
Nazione che storicamente all'Esc fa molta pena, ma ha da sempre il mio sostegno per l'aver portato spesso canzoni sì penose, ma in portoghese: quest'anno hanno però deciso di portare una canzone sì penosa, ma in inglese.
SadIdioticEquestrian-size_restricted.gif

REGNO UNITO.
Non capirò mai perché il Regno Unito, con tutta la storia musicale leggendaria che si trascina dietro, si ostini a presentarsi all'Esc con mediocrità allucinanti. Ok, dell'Eurovision gli inglesi se ne fottono abbastanza e io non pretendo Adele o Ed Sheeran, ma un minimo sforzo lo si potrebbe pure fare per presentare anche solo una canzone da metà classifica, insomma!

REPUBBLICA CECA.
Musica da club o da Fiat Punto con radio a tutto volume e finestrini abbassati tra le strade della movida cittadina. Non un capolavoro e dubito che farà chissà cosa a maggio a Rotterdam, ma non posso negare che mi piaccia e neanche poco.

ROMANIA.
Alle mie orecchie il pezzo suona molto anonimo, ma forse è solo la delusione nata dal confronto tra questa e la canzone romena dello scorso anno, che era una delle mie preferite dell'edizione 2020. Io la vedrei fuori dalla finale tranquillamente, ma si vedrà.

RUSSIA.
Tu pensavi che sarebbe stata la Russia la prima a sfanculare tutto e mollare l'Esc alla prima occasione: invece Polonia e Bielorussia fanno i capricci, mentre la Russia non solo rimane con fermezza attaccata al carrozzone, ma lo fa mandando robe a cui decisamente non rimani indifferente (nel bene o nel male, ciao Julia). A 'sto giro cantano pure in russo (è russo quello che canta la cantante, credo), che si può volere di più?

SAN MARINO.
Mi fa ridere il fatto che la canzone di San Marino sia attualmente una delle favorite del fandom Esc. Non da vittoria, ma bisogna ammettere che rispetto agli anni scorsi il salto di qualità si percepisce istantaneamente e la finale dovrebbero raggiungerla senza problemi. L'ultima volta San Marino ci diede i dodici punti e sarebbe anche ora di smetterla con il meme Italia vs. San Marino all'Eurovision: ok, io 12 punti a questa canzone non li darei mai, ma uno o due magari sì, anche solo per incoraggiamento.

SERBIA.
Puttanpop moltiplicato per tre. Già in finale. La canzone la scordo spesso, loro però le ricordo sempre molto bene.

SLOVENIA.
Punta a vincere il voto delle giurie, al televoto soffrirà parecchio. Canzone di una certa qualità, ma troppa qualità all'Esc viene rigettata.

SPAGNA.
Classica ballad spagnola. A me non dispiace poi troppo, anche se non mi spello le mani ad applaudirla, ma prevedo l'ennesima bottom 5 per gli iberici.

SVEZIA.
5030953_1132_nonna_leotta2.jpg

SVIZZERA.
La butto lì:
og.jpg

UCRAINA.
L'Ucraina sta lì a ricordarmi perché mi piace seguire l'Esc: mi permette di arrivare a sonorità altrimenti a me precluse. Il revamp me l'ha un po' ammazzata e non so come andrà a Rotterdam, ma non ce la faccio a mettere pollice verso.
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
Principalmente sulla slovenia. Ma anche sulla finlandia e la moldavia ho i miei dubbi.

Intanto su spotify è finalmente uscito l'album del Festivali i kenges, con calma.
 
Posto giusto per dire che sto seguendo il thread, non ho niente da contribuire visto che come da tradizione (per me) ho intenzione di ascoltare le canzoni direttamente durante il festival, ma non vedo l'ora di leggere tutti i vostri commenti 👍 Sono stati due anni molto lunghi (nel 2019 ero fuori casa e non ho potuto vederlo) senza del sano trash europeo
 
Se qualcuno vuole farsi una idea veloce di cosa lo aspetta a maggio:


Continuo a pensare che al momento la Svizzera sia più avanti di tutti gli altri e che in generale il livello delle canzoni sia più basso rispetto a quello dello scorso anno.
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
Al momento vedo la Svizzera in vantaggio, in quanto a possibilità di vittoria è una spanna sopra gli altri.
Ora guarda Malta vincere.

(intanto ho controllato e della mia top10 ben 7 o 8 canzoni sono nella prima semifinale. Sarà una serata molto divertente.)
 
Dopo aver riascoltato altre due/tre volte tutte le canzoni (rivalutando alcune canzoni), ho deciso finalmente di stilare la mia (provvisoria e molto volatile) top39 e di postarla qui, giusto per far triggerare ancora un pochino @ThunderShock:

Screenshot_2021-03-31-13-45-51-486_com.android.chrome.jpg
Screenshot_2021-03-31-13-45-58-943_com.android.chrome.jpg
Screenshot_2021-03-31-13-46-07-849_com.android.chrome.jpg
Screenshot_2021-03-31-13-46-15-812_com.android.chrome.jpg
 

MagoscuroFil

Non ho voglia di pensare a un nome migliore!
Scusate se farò una domanda molto probabilmente stupida, ma cosa ci fa l'Australia qui???
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
Scusate se farò una domanda molto probabilmente stupida, ma cosa ci fa l'Australia qui???
A parte dare fastidio, dici? :°D
(sì, odio il fatto che l'Australia partecipi, cough)
Praticamente sono stati invitati nel 2015 per celebrare l'edizione n° 60 dell'eurovision perché l'Australia lo trasmetteva da anni ed erano fan eeeeeee non si sono più levati dai piedi.
 

ViFr0ll0

Zoidberg
Mi sono guardato il video di Breaking Italy sull'Eurovision, poi l'ho messo in pausa per sentire la canzone vincitrice nel 1958. Se vi capita guardatevelo è carino.
 

Unnamed

Passante
A parte dare fastidio, dici? :°D
(sì, odio il fatto che l'Australia partecipi, cough)
Praticamente sono stati invitati nel 2015 per celebrare l'edizione n° 60 dell'eurovision perché l'Australia lo trasmetteva da anni ed erano fan eeeeeee non si sono più levati dai piedi.
Allora non sono l'unico!
-in Estonia c'era una canzone con un testo che parlava chiaramente di negazionismo covid, ma i cantanti hanno detto "noooo, non siamo negazionisti,
Davvero? Sono curioso di sentirla. Non ho trovato nulla su internet. xD

Comunque ammetto di non seguire più l'Eurovision da tre anni. Diciamo che è diventato troppo trash per i miei gusti. 😅
Poi un'altra cosa che non mi va a genio è il fatto che quasi tutti cantino in inglese. Non per la lingua in sé, ma per il fatto che diverse canzoni sono la copia esatta di qualche controparte americana; zero originalità, insomma.
Poi, giustamente, ci sono cantanti bravi, ovvio.
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
L'Australia non sarà fisicamente a Rotterdam e quindi useranno la versione live registrata.
Chissà se sarà un vantaggio o uno svantaggio 🤔
 

MagoscuroFil

Non ho voglia di pensare a un nome migliore!
Molto belle entrambe! Dopo quella dell'Ucraina onestamente la Russia mi aveva un po' deluso, ma andando avanti con la canzone ti ritrovi coinvolto nel ritmo anche senza volerlo!
 

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
Perché Blas che canta Freaky popolerà i miei incubi.

E quando ho letto lobby gay pensavo parlassi di Natalia Gordienko e del Magnum gigante per niente subdolo, non so perché.
 
Top Bottom