Pokémon Focus - Nincada, Ninjask, Shedinja!

Nincada, Ninjask, Shedinja

1584554145408.png
1584554149150.png
1584554152867.png

Nincada, noto come Pokémon Novizio, è un pokémon di tipo Coleottero/Terra. La sua evoluzione Ninjask è conosciuta come Pokémon Ninja e assume il tipo Coleottero/Volante. Quando un Nincada di un allenatore evolve il suo proprietario potrebbe ritrovarsi in squadra uno Shedinja, Pokémon Cambiapelle di tipo Coleottero/Spettro.

Fisionomia

Nincada è un pokémon insetto dal colore prevalentemente grigio. Sulla testa triangolare spiccano gli occhi neri con un anello verde e due propaggini anteriori simili a vibrisse. Inoltre sulla fronte ha una sorta di V fra gli occhi. L'addome invece è grigio con delle nervature che lo dividono in bande orizzontali. Le zampe sono quattro, le posteriori lunghe e grigie, le anteriori marroni e di forma tipicamente da insetto; sono presenti anche due piccole ali verdi molto piccole e perciò inadatte al volo. La sua altezza media è di 0.5 m mentre il suo peso medio di 5.5 Kg.
Quando evolve in Ninjask assume un aspetto più completo. Come per Nincada il suo corpo non risulta essere diviso in testa, torace e addome ma solo in testa e addome, con quest'ultimo piuttosto lungo per comprendere anche il torace. Sulla testa gialla spiccano i due occhi rossi collegati da una striscia nera sovrastata da un cerchio nero anch'esso: ai lati di questo cerchio e quindi sopra gli occhi si estendono due protuberanze. Al di sotto degli occhi invece si trova quella che dovrebbe essere la bocca, un'area grigia divisa in tre bande orizzontali spezzate da una linea gialla verticale. L'addome è completamente nero, se non per un disegno giallo a forma di "Y" rovesciata sulla parte superiore del dorso e un anello giallo in fondo all'addome stesso: dalla parte superiore e quindi da quello che corrisponde al torace negli artropodi spuntano le ali e le zampe. Le quattro ali, quelle superiori molto più grandi rispetto a quelle inferiori, sono bianche con le nervature tipiche delle ali degli insetti e con tre triangoli rossi ai bordi esterni di quelle più grandi. Le zampe sono invece due, poste sotto la testa e a forma di falce, con piccoli artigli gialli rivolti quasi sempre verso il corpo del pokémon. Dispone anche di zampe inferiori ma sono atrofizzate e sempre nascoste nel volo. La sua altezza media è di 0.8 m mentre il suo peso medio di 12.0 Kg.
Shedinja ricorda l'ecdisi (il vecchio esoscheletro) di Nincada. Il suo corpo è completamente vuoto, di color marrone, con quattro sporgenze situate dove normalmente vi dovrebbero essere le zampe, due fessure che ricordano degli occhi e posteriormente delle "ali" che in realtà sono lembi di esoscheletro. Shedinja è relativamente immobile e reca sul capo qualcosa di simile a un'aureola. La sua altezza media è di 0.8 m mentre il suo peso medio di 1.2 Kg.

Biologia

I Nincada sono pokémon che nascono e trascorrono la maggior parte della loro esistenza sottoterra. Il loro corpo è molle in quanto l’esoscheletro non si è ancora formato.
Per sostenersi e superare lo stadio larvale il pokémon scava con le forti zampe anteriori, l’unica parte del corpo già provvista di un sottile strato di chitina, in cerca di sostanze nutritive nel terreno. Non vedendo la luce del sole praticamente mai risulta quasi totalmente cieco. Per farsi strada usa infatti le antenne poste sulla testa che sono piene di recettori sensoriali e riescono facilmente a sondare il terreno.
I Nincada sono tutto fuorché offensivi ma nei rari casi in cui sono costretti a combattere usano le affilate zampe anteriori che permettono l’utilizzo delle mosse Graffio, Sfuriate, Ferrartigli (indurendo gli arti all’inverosimile, non è una mossa molto amata dal pokémon) e Falsofinale. Se inoltre dovessero trovarsi di fronte un avversario molto debole, come la larva o le uova incustodite di qualche pokémon insetto, ne succhierebbero il sangue o tutte le sostanze costituenti (Assorbimento). Tonificando i propri muscoli possono inoltre usare la mossa Rafforzatore.
Sempre attenti ai movimenti dei nemici, in quanto un colpo di troppo potrebbe risultare fatale, riescono facilmente a percepire e predire gli attacchi avversari tramite le due antenne (Leggimente). Nella maggior parte dei casi tuttavia i Nincada attaccano solo se pesantemente infastiditi e preferiscono darsi alla fuga (Fossa) in genere gettando terra sul nemico (Fangosberla, Turbosabbia).
La mossa Pazienza (la natura pigra dei Nincada li fa reagire solo dopo molti colpi subiti) è stata osservata in molti esemplari. Tuttavia la classificazione come reale “mossa” di questo attacco è tuttora dibattuta tra gli scienziati.
Fino a pochi anni fa si riteneva che Nincada potesse utilizzare anche la mossa Sanguisuga (dal funzionamento simile a Assorbimento). Per il tipo di contatto che avviene al suo utilizzo a oggi si considera questa mossa un attacco esclusivo della famiglia di Dewpider, almeno a livello naturale.
La maggior parte dei Nincada è estremamente preciso nel mappare l’ambiente circostante, pur non vedendo praticamente nulla. I recettori sensoriali delle antenne sono difatti molto più efficaci di qualsiasi altro organo atto alla vista o all’udito e il pokémon non risente minimamente della sua cecità (Insettocchi).
Nel caso ci sia una disfunzione delle vibrisse - dovuta a un difetto genetico o anche al danneggiamento delle stesse - e il Nincada non riesca a orientarsi o individuare il nemico, l’esemplare sviluppa un’indole molto prudente preferendo la fuga alla lotta in qualsiasi caso (Fugafacile).
In seguito ad anni e anni di sviluppo sotto terra, talvolta più di un decennio, i Nincada sono finalmente pronti a ricoprirsi di un esoscheletro resistente; per alcuni giorni si richiudono in un bozzolo costituito da filamenti bavosi che rompono alla fine dello sviluppo; le ali sono ora atte al volo mentre la vista inizia lentamente ad abituarsi al sole. Il pokémon assume lo stadio di Ninjask per circa un mese, fino alla sua morte.
Le ali sbattono a velocità incredibile e ciò conferisce alla creatura una rapidità talmente alta che è difficile percepire i suoi spostamenti; per molto tempo si è ritenuto infatti che il pokémon potesse diventare invisibile. Grazie a questa incredibile capacità è facile per Ninjask usare le mosse Agilità, Doppioteam e Staffetta (che in natura è una mossa che semplicemente scambia l’utilizzatore con un altro membro del gruppo senza che l’avversario se ne accorga, mentre lo scambio di statistiche è un effetto collaterale dato dalla rapidità di scambio di dati nelle Poké Ball). Lanciandosi direttamente sul nemico ad alta velocità possono anche utilizzare Aeroassalto.
I Ninjask sono ora molto più fisici e adatti alla lotta: tramite l’apparato boccale possono usare Coleomorso mentre le loro zampe sono così forti da permettere l’utilizzo di Lacerazione, Tagliofuria e Forbice X. Il loro verso è incredibilmente acuto e fastidioso e per questo utilizzano facilmente la mossa Stridio. Inoltre, repressa la loro indole paziente, divengono più determinati e il loro spirito combattivo si riflette nella mossa Danzaspada.
Il segreto della grandissima velocità di Ninjask sta nel modo nel quale vengono sbattute le ali; il movimento infatti è progressivo e la massima accelerazione viene raggiunta solo dopo ore di volo. Ciò conferisce al pokémon di regolare al meglio la temperatura corporea ed evitare che le ali prendano fuoco per la troppa rapidità (Acceleratore).
Ironia della sorte, la disfunzione delle antenne tipica degli esemplari con Fugafacile si ripercuote in Ninjask nelle ali; difatti questi individui non sono in grado di regolare la velocità dei battiti e partono alla massima velocità già da subito. Ciò tuttavia permette di gettarsi e rompere in modo relativamente semplice varie barriere come Schermoluce e Riflesso, che si frantumano all’impatto (Intrapasso). Questi Ninjask in ogni caso possono volare solo per pochi minuti.
Anche se i Ninjask sono pokémon nel pieno dello sviluppo c’è un altro pokémon di cui dobbiamo parlare per concludere il discorso su questa famiglia evolutiva. Come già detto i Nincada prima di evolversi si racchiudono in un bozzolo costituito da filamenti bavosi che il pokémon rompe nelle parte inferiore a sviluppo completo. I resti di questo bozzolo in genere rimangono a terra e si decompongono con il tempo ma esistono delle eccezioni.
Curiosamente sembra che questo tessuto attiri alcune creature eteree comunemente definite Spettri. Esse risiedono in un piano esistenziale differente dal nostro, il Mondo degli Spiriti, ma alcune riescono ugualmente ad accedervi concentrando in un unico punto l’energia di cui sono composti. Il cosiddetto “fantasma” è un essere lacerato a metà tra il suo piano etereo e il nostro piano materiale e per migliorare la sua stabilità si lega in genere a un oggetto specifico. In questo caso l’oggetto in questione è il bozzolo di Nincada. Hanno così origine gli Shedinja.
Lo Spettro contenuto dentro il bozzolo modella quest’ultimo in base alle sue esigenze e inizia a farlo levitare (essendo uno Spettro un essere lacerato a metà tra due piani valgono solo metà delle leggi fisiche di ciascuna dimensione e la gravità sembra non essere tra esse). Tutte le funzioni vitali del pokémon sono a zero e infatti il pokémon non ha bisogno né di respirare né tantomeno di mangiare nulla di materiale. Lo Spettro si scorge solo dall’apertura sulla schiena del bozzolo da cui in precedenza era fuoriuscito Ninjask.
Pur potendo utilizzare ancora le mosse tipiche dei Nincada la maggior parte dei suoi attacchi si concentra adesso sull’impiego dell’Energia Eterea. Alcune mosse riguardano l’energia dello Spettro stesso (Furtivombra, Palla Ombra, Ombrartigli, Spettrotuffo), altre la manipolazione da parte dello Spettro dell’Energia Eterea presente nelle anime dei nemici (Stordiraggio, Dispetto) e altre ancora su entrambe le cose (Rancore).
La mossa Anticura (usata tramite la manipolazione dell’Energia Eterea delle anime degli avversari) è stata osservata in molti esemplari. Tuttavia la classificazione come reale “mossa” di questo attacco è tuttora dibattuta tra gli scienziati.
Usare il guscio vuoto di un Nincada come oggetto di possessione tuttavia porta un grande svantaggio: la resistenza dello stesso. Essendo molto fragile e prossimo alla decomposizione, in circostanze normali il bozzolo non reggerebbe a un solo attacco e lo Spettro sarebbe costretto a trovare in fretta un nuovo oggetto o a tornare nel suo piano esistenziale. Per questo il pokémon ha sviluppato un sistema per ovviare alla fragilità del guscio: questo viene ricoperto da un impercettibile alone di Energia Eterea generato da quella che sembra un aureola e che è in realtà parte integrante della dimensione eterea. Questo strato permette l’immunità alla quasi totalità degli attacchi (Magidifesa)! Sono esclusi tuttavia le mosse che danneggiano in modo irreversibile il bozzolo dall’esterno, come quelle di tipo Fuoco, Roccia e Volante e le mosse in grado di “toccare” e neutralizzare la stessa Energia Eterea, come quelle Spettro e Buio.

Una rara variante di Nincada ha un colore tendente all’ocra anziché al grigio e ciò si riflette anche nell’evoluzione Ninjask (meno in Shedinja). Ciò è probabilmente dovuto all’ambiente nel quale vive: alcuni sedimenti terrosi presenti nei terreni dove Nincada scava penetrano nel corpo del pokémon donando la singolare colorazione aurea.

Per quanto concerne la lotta i Nincada non amano scontrarsi e sono molto deboli e fragili. I Ninjask al contrario sono vere e proprie macchine da combattimento: con un attacco niente male, sono i pokémon più veloci in assoluto, secondi solo a Deoxys nella sua Forma Velocità. Nonostante abbiano difese pessime sono ottimi per abbattere avversari deboli alle mosse Coleottero al primo colpo; tuttavia sono difficili da allenare a causa del loro temperamento brusco.
Gli Shedinja come detto in precedenza non hanno vere e proprie difese e possono incassare un solo colpo. La loro abilità tuttavia li rende pokémon incredibilmente pericolosi, capaci di ribaltare le sorti di una lotta se usati nel modo corretto.

Tassonomia

I Nincada e i Ninjask sono insetti appartenenti all’ordine Rhynchota, alla famiglia Cicadidae e al genere Ningiada. Come la maggior parte degli insetti hanno perso un paio di zampe durante l’evoluzione.

Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Arthropoda
Classe Insecta
Ordine Rhynchota
Famiglia Cicadidae
Genere Ningiada
Specie
  • Ningiada tironis [Nincada]
  • Ningiada volantis [Ninjask]

Gli Shedinja sono spettri costituiti da singole entità (Singula) appartenenti alla classe Vinculata (spettri che hanno bisogno di un oggetto di possessione), all’ordine Capicorpida (spettri che posseggono materia organica), alla famiglia Capianimalidae (spettri che posseggono parti di animali) e al genere Scedingum.

Dominio Abiota
Regno Spiritia
Phylum Singula
Classe Vinculata
Ordine Capicorpida
Famiglia Capianimalidae
Genere Scedingum
Specie Scedingum mutationis

Riproduzione

Nincada e Ninjask appartengono al gruppo uova Coleottero e le loro uova impiegano circa 16 cicli per la “schiusa”. Anche se la riproduzione è una prerogativa dei Ninjask i Nincada hanno già raggiunto la maturità sessuale.
A livello naturale l’accoppiamento è possibile con quasi tutti i membri del gruppo a esclusione solo delle seguenti categorie:
  • Aracnidi: Spinarak, Ariados, Gligar, Skorupi, Drapion, Gliscor, Joltik, Galvantula, Dewpider, Araquanid
  • Miriapodi: Venipede, Whirlipede, Scolipede, Sizzlipede, Centiskorch
  • Crostacei: Dwebble, Crustle, Wimpod, Golisopod
  • Anellidi: Shelmet, Accelgor
  • Funghi: Shuckle [particolarmente complessa]
Gli Shedinja invece sono Asessuati (convenzionalmente: gruppo Minerale) a differenza di molti spettri. Questo potrebbe indicare che da vivi non fossero organismi biologici bensì un costrutti (come Baltoy o Magnemite) o che invece siano creature autoctone del Mondo degli Spiriti.

Comportamento

I Nincada sono pokémon pigri, non portati per la lotta, che passano quasi tutto l’arco della loro vita sottoterra in cerca di sostanze nutritive. Per circa un quarto della giornata sono totalmente immobili. Visto che vivono nella più completa oscurità odiano la luce solare più di ogni altra cosa.
I Ninjask al contrario perdono la loro indole pigra e pacata in favore di un elevato spirito combattivo e una grande esuberanza. Non essendo molto longevi gli esemplari in natura non pensano a molto altro che al cibo e alla riproduzione e proprio per questo vivono in grandi sciami. I loro versi, prodotti tramite lo sfregamento di alcuni muscoli, sono fastidiosissimi e danno origini a forti emicranie e per questo non sono pokémon ben visti dagli esseri umani. Sono molto difficili da allenare e se non li si alleva già in stadio di Nincada si lamentano e disobbediscono di continuo all’allenatore, mettendolo a dura prova.
Le abitudini di Shedinja non sono chiare ma sembra che il pokémon non pensi ad altro che a migliorare la sua stabilità mediante l’Energia Eterea presente nel nostro mondo, come quella delle anime di persone e pokémon.

Dieta

I Nincada lacerano con i loro artigli le radici degli alberi dalle quali assorbono acqua e sostanze nutritive. In caso di necessità possono anche succhiare il sangue di pokémon più piccoli e non rifiutano mai bacche di ogni genere. I Ninjask hanno una dieta simile e sono molto ghiotti di linfa degli alberi, ai quali si attaccano in gruppo per varie ore.
Gli Shedinja invece non hanno bisogno di mangiare nulla di materiale ma di migliorare la loro stabilità divorando le anime di persone e pokémon. Dall’unico buco posto sul ventre lo Spettro attacca e uccide qualsiasi cosa scorga, a meno che non si tratti del suo stesso allenatore. Per questo è estremamente sconsigliato guardare nel buco di uno Shedinja o anche solo avvicinarsi a esso.
Per quanto riguarda la catena alimentare i Nincada che si inoltrano in superficie sono spesso attaccati e divorati da pokémon uccello quali Swellow o Fletchinder ma anche sottoterra vengono minacciati da pokémon come Dugtrio.

Distribuzione

I Nincada vivono sottoterra e costruiscono i loro nidi tra le radici di grossi alberi per avere sempre una fonte di cibo a disposizione. Sembrerebbero originari della regione di Hoenn (Percorso 116) ma è possibile trovarli facilmente anche a Kalos (Percorso 6) e a Galar (Percorso 5, Lago Axew (ovest), Lago Milotic (sud), Landa delle Pietre). Più rari sono invece a Sinnoh (Bosco Evopoli), a Johto (Parco Nazionale) e a Fiore (Selva Serenella).
I Ninjask sono più rari ma è possibile trovarli in tutti i posti sopracitati con un po’ di fortuna. Sembra che alcuni esemplari siano stati avvistati anche ad Almia (Strada Cromana) ma non si ha la conferma della presenza di Nincada nella regione.
Gli Shedinja sono pokémon incredibilmente rari ed è difficile che uno spettro si leghi al bozzolo di un Nincada; trovarli in natura è quasi impossibile anche se c’è chi dice di averne visti a Hoenn e a Fiore.

Etimologia

La specie Ningiada tironis viene chiamata Nincada, dal galariano “ninja” (appunto, ninja) e “cicada” (cicala), nelle regioni di Unima, Alola, Galar, Auros e Guyana e nelle città autonome di Pokétopia e Ryme City.
Nelle regioni di Kanto, Settipelago, Johto, Hoenn, Sinnoh, Fiore, Almia, Oblivia e Ransei il pokémon è invece conosciuto come Tutinin, che dal kantoniano può essere tradotto come “ninja che sotterra”. A Kalos e a Carmonte il suo nome è Ningale, da “ninja” e il kalosiano “cigale” (cicala). Nella regione di Ferrum è noto come Tojungmon, letteralmente “mostro di terra”.
In altre parti del mondo è in uso la denominazione Tǔjūrěnshì.

La specie Ningiada volantis viene chiamata Ninjask, dal galariano “ninja” e “mask” (maschera), nelle regioni di Unima, Alola, Galar, Auros, Guyana, Kalos e Carmonte e nelle città autonome di Pokétopia e Ryme City.
Nelle regioni di Kanto, Settipelago, Johto, Hoenn, Sinnoh, Fiore, Almia, Oblivia e Ransei il pokémon è invece conosciuto come Tekkanin, che dal kantoniano può essere tradotto come “ninja che attacca come un’arma da fuoco”. Nella regione di Ferrum è noto come Aiseukeu, letteralmente “maschera di ferro”.
In altre parti del mondo è in uso la denominazione Tiěmiànrěnzhě.

La specie Scedingum mutationis viene chiamata Shedinja, dal galariano “shed” (ecdisi) e “ninja”, nelle regioni di Unima, Alola, Galar, Auros e Guyana e nelle città autonome di Pokétopia e Ryme City.
Nelle regioni di Kanto, Settipelago, Johto, Hoenn, Sinnoh, Fiore, Almia, Oblivia e Ransei il pokémon è invece conosciuto come Nukenin, che dal kantoniano può essere tradotto come “ninja che getta via la pelle”. A Kalos e a Carmonte il suo nome è Munja, dal kalosiano “mue” (pelle di cicala) e “ninja”. Nella regione di Ferrum è noto come Kkeopjilmon, letteralmente “mostro di pelle”.
In altre parti del mondo sono in uso le denominazioni Ninjatom e Tuōkérěnzhě.
 
Ultima modifica:
Top Bottom