Cosa c'è dopo la morte?

U

Utente cancellato 12471

Vi siete mai chiesti cosa c'è dopo la morte? Si torna in vita in un' altra forma oppure andremo nell' aldila?
 

Nic

Testa Quedra
No. non possiamo vedere perchè siamo morti. Questo è proprio ciò che può angosciare: il non poter immaginare nemmeno.
Comunque quando morirò ve lo dirò 🙂
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
Secondo me c'è la stessa cosa che c'è prima della vita, ossia nulla.

È quello che ho da sempre pensato anche io, sebbene a volte mi venga da dubitarne, nel senso che forse questo "off/on/off" potrebbe essere solamente una nostra sensazione, indottaci da madre natura per non turbarci/angosciarci più di quanto già facciamo in vita, se ci rivelasse il "dopo".
 

Veemon Tamer

Momentai
È quello che ho da sempre pensato anche io, sebbene a volte mi venga da dubitarne, nel senso che forse questo "off/on/off" potrebbe essere solamente una nostra sensazione, indottaci da madre natura per non turbarci/angosciarci più di quanto già facciamo in vita, se ci rivelasse il "dopo".
A me in realtà angoscia anche l'off/on 🙈
 

Nic

Testa Quedra
A me sinceramente mi preoccupa la fase morente, se si muore subito e indolore è la migliore.
🧐

Premetto non c'entra nulla la religione
...
Ma alla fine non dobbiamo scartare l'ipotesi di una seconda vita, o di una vita parallela con gli spiriti dei defunti.. Sembra una cazzata certo, ma solo perchè siamo abituati a fare i mega-scettici su tutto ciò che l'uomo stesso non ha confermato con gli studi!
Ma chi/cosa realmente ci può dare la conferma o meno dell'esistenza di una seconda vita spirituale? Niente e Nessuno. Proprio per questo non ci dobbiamo porre limiti, bensì beneficiare del dubbio! Se ci fermiamo SOLO a ciò che la scienza conferma (indispensabile, certo!!) avremo sempre dei limiti.
Quindi anche se mi sembra assurdo, mi piace convincermi che avremo una vita parallela. Adesso vado che devo dar da mangiare al mio drago!
 
U

Utente cancellato 12471

🧐

Premetto non c'entra nulla la religione...
Ma alla fine non dobbiamo scartare l'ipotesi di una seconda vita, o di una vita parallela con gli spiriti dei defunti.. Sembra una cazzata certo, ma solo perchè siamo abituati a fare i mega-scettici su tutto ciò che l'uomo stesso non ha confermato con gli studi!
Ma chi/cosa realmente ci può dare la conferma o meno dell'esistenza di una seconda vita spirituale? Niente e Nessuno. Proprio per questo non ci dobbiamo porre limiti, bensì beneficiare del dubbio! Se ci fermiamo SOLO a ciò che la scienza conferma (indispensabile, certo!!) avremo sempre dei limiti.
Quindi anche se mi sembra assurdo, mi piace convincermi che avremo una vita parallela. Adesso vado che devo dar da mangiare al mio drago!


Io credo che si torni in vita subito dopo, il nulla da morto per me non esiste. Ma come faremo a sapere chi saremo quando saremo un' altra forma di vita?
 

Hero of Sky

L'erasmus va abolito
Credo che succeda una cosa simile alla pesatura dei cuori egizia. L'anima ascende se è degna di farlo. Non ho capito la domanda, comunque
 
Topic relativamente vecchio ma interessante, sono convinto che dopo la "morte" ci sia solo una cosa: pace.
Una pace eterna, senza tempo, senza spazio. Un infinito in cui si è tutto e tutto è ogni cosa. Dove non c'è distinzione tra vita e morte e dove la coscienza individuale diventa collettiva. Un luogo eterno il cui tutto non è altro che l'agglomerato delle nostre esperienze, conoscenze e coscienze.
 

CiaobyDany

Boku ni dekiru koto wa mada aru yo
Wiki
Topic relativamente vecchio ma interessante, sono convinto che dopo la "morte" ci sia solo una cosa: pace.
Una pace eterna, senza tempo, senza spazio. Un infinito in cui si è tutto e tutto è ogni cosa. Dove non c'è distinzione tra vita e morte e dove la coscienza individuale diventa collettiva. Un luogo eterno il cui tutto non è altro che l'agglomerato delle nostre esperienze, conoscenze e coscienze.
Messa così sembra più un'istigazione al suicidio che altro.

Non avevo ancora messo la mia opinione. Probabilmente quando ho letto il topic la prima volta sono affiorati brutti ricordi. Sono d'accordo con Luca, c'è una totale assenza di sensazioni di alcun tipo (che per me è equiparabile alla pace assoluta). O, un'alternativa che per un certo punto di vista è come se fosse la stessa cosa, ci si reincarna costantemente come altri esseri viventi su decisione di un'entità suprema, ma senza avere alcun tipo di accesso alle memorie della propria coscienza precedente. Questa ipotesi deriva dal mio essere ambientalista tale per cui trovo che sia un po' uno spreco buttare via una coscienza quando hai un ciclo pressoché eterno di nuove vite in cui riciclarle. E ovviamente l'entità suprema non ha poi alcuna influenza su ciò che accade ai vivi.
Però da ex aspirante suicida ricordo a tutti che dopo la morte potrebbe esserci l'inferno per chiunque perché magari l'entità suprema/whatever è particolarmente sadica, indi per cui togliersi la vita nella speranza di un aldilà migliore non deve essere un'ipotesi da prendere in considerazione :P
Ad ogni modo prima o poi si arriverà ad una conclusione che è vera per la propria persona :-)
E questa frase comunque non è corretta. Se muoio stanotte non arriverei ad una conclusione vera, perché ho già due ipotesi a cui credo più una terza.
 
E questa frase comunque non è corretta. Se muoio stanotte non arriverei ad una conclusione vera, perché ho già due ipotesi a cui credo più una terza.
Giustissimo. Non avevo pensato ad una morte prematura 🤕

Messa così sembra più un'istigazione al suicidio che altro.
Non lo voleva essere in alcun modo. Credo che tale interpretazione ci possa essere solo se si è predisposti a pensare a temi come il suicidio. E la stessa affermazione [che x idea può essere considerata istigazione al suicidio] potrebbe potenzialmente essere rivolta a qualsiasi idea che non contempli l'esistenza di un inferno, o comunque di una "punizione" divina.
Anche a chi crede che dopo non ci sia nulla.
Il semplice pensare che non ci sia nulla dopo (e quindi che non ci sia sofferenza), o che ci sia pace indipendentemente dai propri trascorsi nella vita non è una diretta giustificazione al suicidio.
Non voglio andare contro a chi ha pensato ad una fine prematura, credo che siano scelte personali, ma credo che finché la vita terrena possa presentarci qualsiasi tipo di opportunità sia bene proseguire il cammino e coglierle.
Che dopo la morte ci si reincarni, che dopo la morte non ci sia nulla, o che dopo la morte ci sia la pace eterna non cambia nulla. Le opportunità che abbiamo in questa vita sono uniche, e diverse da qualsiasi altra vita. Sarebbe un crimine non coglierle e sprecarle.
 
Ultima modifica:

Argus

Zoidberg
Non so cosa ci sia dopo la morte, ma ne ho paura.
Sono consapevole che ciò che la Bibbia dice sulla morte è una bugia, per far accettare la morte alle persone.
Ho paura della mia morte, ma anche della morte dei miei familiari.
Tra due giorni seppelliremo mio zio, che si è suicidato. Ha 2 figli con la sua ex moglie e non poteva accettare il suo divorzio. Parlava sempre del suo matrimonio, ha avuto anche altri 2 tentativi di suicidio prima, e martedì ci è riuscito. Stiamo aspettando che venga portato fuori dall'obitorio, e poi questa impresa di pompe funebri Roma lo cremarà.
Perché morire? Probabilmente queste persone non capiscono cos'e la vita, ma neanche non si rendono conto che non sarà migliore dopo la loro morte.
 
Ultima modifica:

Andrew01

[NSFW]
Be' credo che la morte faccia paura un po' a tutti sia agli atei che ai credenti.
L'importante è che le tue domande sul senso della vita non finiscano con l'angosciarti e rovinartela la vita. E poi indipendentemente da cosa ci sia dopo, una vita ben vissuta credo sia già una buona motivazione per vivere.
 

Argus

Zoidberg
Mia nonna, che ha già 80 anni, non è spaventata della morte. Crede che raggiungerà il Paradiso, che Dio è lì e che lì incontrerà tutti i suoi parenti già morti.
Ma dal mio punto di vista, l'intera storia del paradiso è stata creata solo perché le persone avessero una sorta di "desiderio" di morire, è una forma di manipolazione.
 

GringoRompia

"Ammettilo tigrotto... hai appena fatto centro!"
Secondo me finisci nel luogo dove vorresti trovarti: vuoi andare in paradiso? Finisci in paradiso. Vuoi reincarnarti? Ti reincarni. Non credi in niente? Boh. Credo sia sbagliato pensare che ci sia un unico luogo per tutti i morti in quanto non penso che lo spirito possa essere vincolato a qualcosa di "reale" (spero si capisca cosa intendo). Io personalmente da credente spero di finire in paradiso o almeno in purgatorio!
 
Top Bottom