Qualificazioni a UEFA Euro 2020

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Stygian

Welcome to Hell Zone
Wiki
Apro questo thread per parlare delle qualificazioni al campionato europeo di calcio del 2020, anche chiamato UEFA Euro 2020. Cercherò di tenere aggiornato il più possibile questo thread, in modo di non farlo morire, magari preferendo le notizie riguardo la nazionale italiana. Ovviamente è possibile parlare di qualsiasi altra squadra facente parte di questo torneo.

Informazioni riguardo le qualificazioni all'Europeo possono essere trovate qui [Sito ufficiale UEFA Euro 2020].

Ecco la rosa dell'Italia all'ultima convocazione del CT Mancini del 15 marzo 2019 e valida per le sfide contro Finlandia e Liechtestein.

Portieri
Alessio Cragno (Cagliari), Gianluigi Donnarumma (Milan), Mattia Perin (Juventus), Salvatore Sirigu (Torino);
Difensori
Cristiano Biraghi (Fiorentina), Leonardo Bonucci (Juventus), Giorgio Chiellini (Juventus), Alessandro Florenzi (Roma; ha lasciato il ritiro per infortunio), Armando Izzo (Torino), Gianluca Mancini (Atalanta), Cristiano Piccini (Valencia), Alessio Romagnoli (Milan), Leonardo Spinazzola (Juventus);
Centrocampisti
Nicolò Barella (Cagliari), Bryan Cristante (Roma), Frello Filho Jorge Luiz Jorginho (Chelsea), Stefano Sensi (Sassuolo), Marco Verratti (Paris Saint Germain), Nicolò Zaniolo (Roma);
Attaccanti
Federico Bernardeschi (Juventus), Federico Chiesa (Fiorentina; ha lasciato il ritiro per infortunio), Stephan El Shaarawy (Roma), Vincenzo Grifo (Friburgo), Ciro Immobile (Lazio), Moise Kean (Juventus), Kevin Lasagna (Udinese), Leonardo Pavoletti (Cagliari), Matteo Politano (Inter), Fabio Quagliarella (Sampdoria).

Italia-Finlandia 2-0 [8' Barella, 74' Kean]
(23 marzo 2019)


Italia (4-3-3): Donnarumma; Piccini, Bonucci, Chiellini, Biraghi (91' Spinazzola); Barella, Jorginho, Verrati (85' Zaniolo); Bernardeschi, Immobile (80' Quagliarella), Kean.

Finlandia (5-3-2): Hradecky; Granlund (90' Soiri), Toivio, Vaisanen, Arajuuri, Pirinen; Lod, Sparv, Kamara; Hämäläinen (70' Lappalainen), Pukki (83' Karjalainen).


Le altre partite del Gruppo J:
Bosnia ed Erzegovina-Armenia 2-1 [33' Krunić (Bo), 80' Milošević (Bo), 90+3' Mkhitaryan (Ar)]
Liechtestein-Grecia 0-2 [45+1' Fortounis (Gr) , 80' Donis (Gr)]


Oggi, 23 marzo 2019, l'Italia ha sfidato la Finlandia, ovvero i cugini degli svedesi che, più di un anno fa, hanno infranto il sogno azzurro per Russia 2018. Destino? Può essere.
Tuttavia, oggi è scesa in campo un'Italia completamente diversa della débâcle di San Siro: nuovo commisario tecnico, nuovi innesti con giovani e freschezza in campo.
L'Italia arriva alla Dacia Arena di Udine con grandi ambizioni e l'obiettivo di segnare, sia in prospettiva del futuro e quindi per evitare spareggi scomodi, sia per sbloccare quell'attacco che poco ha segnato da molti anni a questa parte e che attualmente è il vero problema degli azzurri. Il modulo rimane lo stesso: il 4-3-3 che tanto ci sta tanto stretto e anche la formazione cambia poco dalle ultime uscite. Due sono i cambiamenti degni di nota: a sorpresa, Mancini decide di fare partire Kaen dal 1' anche grazie all'infortunio di Chiesa, tornato a Firenze per indisponibilità fisica e Piccini che viene inserito in formazione al posto di Florenzi, tornato a Roma per un acciacco. Immobile vince il ballottaggio con Quagliarella.

Dall'altra parte abbiamo la Finlandia che suona la carica, convinta di poter fare un Svezia-bis. Per carità, tutto è possibile (specie nel calcio), ma l'ambiente è diverso e la rosa degli scandinavi è decisamente meno importante di quella dei cugini. Il loro pericolo più grande è Pukki, ex Siviglia e Shalke che, quest'anno, ha segnato 24 gol in Championship, la seconda lega di calcio inglese. In porta c'è Hradecky, giocatore del Bayer Leverkusen, nonché uno tra i portieri attualmente più affidabili in Bundesliga, la prima lega tedesca. Nonostante ciò, la Finlandia parte con un modulo prettamente difensivo: il 5-3-2 che in fase offensiva diventava un 4-4-2 o 4-4-1-1 solido.

Alla fine è l'Italia ad aver ragione sulla Finlandia. Tralasciando l'orribile Inno di Mameli sbagliato in bomba dalla banda, la partita è subito scoppiettante, con l'Italia che parte in quarta, pressa alto e fa passaggi precisi e veloci. Il gol che sblocca il match arriva all'8' con Barella che, dopo una punizione, raccoglie una palla vagante al limite dell’area e di prima calcia con il destro. La sfera, dopo una deviazione di un giocatore finlandese, si insacca all’angolino in basso a destra, spiazzando Hradecky. Da qui segue un tira da parte delle due squadre fino alla fine del primo tempo. La Finlandia si rende insidiosa con un paio di occasioni, mentre l'Italia sfiora il raddoppio con Kaen e crea due occasioni pericolose con Bernardeschi e Verratti. All'inizio del secondo tempo, l'Italia è insidiosa, ma è la Finlandia ad avere la prima ed unica occasione della partita con Pukki, che sfiora il pareggio mandando il pallone di poco al lato destro della porta difesa da Donnarumma. Tuttavia, al 74', arriva il secondo gol dell'Italia. Ottima azione di Immobile che vede il movimento in profondità di Kean e lo serve con un passaggio perfetto. Il giovane attaccante azzurro, tutto solo davanti a Hradecky, insacca la palla in rete con freddezza. Al 79', esce Immobile ed entra Quagliarella, osannato dal pubblico di Udine e dell'Udinese, sua vecchia squadra. Passano appena due minuti e, proprio il nuovo entrato, sfiora il tris con un colpo di testa: miracolo di Hradecky che devia in corner. Quattro minuti più tardi è ancora Quagliarella a sfiorare il gol, segno di quanto sia in forma in questo periodo: imbucata di Bernardeschi per il doriano che lascia partire un destro violentissimo che scheggia l'incrocio. La partita finisce 2-0.

Italia-Liechtenstein 6-0 [17' Sensi, 32' Verratti, 35' rig. Quagliarella, 45'+1 rig. Quagliarella, 69' Kean, 76' Pavoletti]
(26 marzo 2019)


Italia (4-3-3): Sirigu; G.Mancini, Bonucci (79' Izzo), Romagnoli, Spinazzola; Sensi, Jorginho (57' Zaniolo), Verrati; Politano, Quagliarella (72' Pavoletti), Kean.

Liechtestein (4-1-4-1): B. Büchel; S. Wolfinger, Kaufmann*, Hofer, Göppel; Sele (46' Malin), Polverino, Wieser, Kühne (68' Meier); Hasler, Salanovic (82' M. Buchel).


Le altre partite del Gruppo J:
Bosnia ed Erzegovina-Grecia 2-2 [10' Višća (Bo), 15' Pjanić (Bo), 64' rig. Fortounis (Gr), 85' Kolovos (Gr)]
Armenia-Finlandia 0-2 [14' Jensen (Fi), 78' Soiri (Fi)]


Situazione attuale del Gruppo J:
 
Ultima modifica:

Zax

"hai un garbodor al posto del cuore"
Forse forse questo infortunio di Ronaldo favorirà il minutaggio di Kean in campionato, acciughina permettendo (che immagino farà giocare Mandzukic sempre e comunque anche con le stampelle in caso).

Questa linea verde della nazionale mi piace, fa ben sperare ma in confronto ad altre realtà siamo ancora in alto mare. Ieri ho visto qualche minuto di Francia - Islanda e quel Mbappe fa veramente il ca..o che vuole in campo; tutto un altro livello le nuove leve dei galletti.

E comunque Quagliarella in nazionale è una gioia nel cuore.
 

Stygian

Welcome to Hell Zone
Wiki
Nel frattempo il mio interesse per il calcio è sceso ai minimi storici, nemmeno seguo più la nazionale. Dunque aggiornerò quando avrò voglia.
 
  • Like
Reazioni: Gmr
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top Bottom