Volevo scrivere..

Vi voglio raccontare una cosa, e lo faccio qua in cervelloteca perché voglio trattarla con serietà pur non perdendo lo spirito.

Ad ottobre 2017 ho iniziato il Servizio Civile Nazionale, feci richiesta per lavorare nella biblioteca del paese vicino al mio, una mattina suonò il telefono, risposi e mi dissero “senti, i posti in biblioteca sono presi, tuttavia sei candidato per il lavoro nelle scuole, se accetti sei sicuramente preso”, preso dall’impeto del momento e cercando lavoro accettai su due piedi senza riflettere troppo, ero in estasi, finalmente un lavoro e neanche tanto lontano dalla fine, prematura, della scuola. Ho difatti smesso in seconda superiore. Il giorno dopo però iniziarono i primi dilemmi, primo fra tutti la frase “No che palle devo andare con i bambini..”.
La mattina in cui ci chiesero di presentarci in una sala a Lucca per la riunione in cui dovevano spiegarci tutto e assegnarci ai “capi” (qua nel Servizio Civile chiamati “OLP”, non ricordo per cosa sta) scoprimmo, io e gli altri 3 ragazze del gruppo, che la nostra OLP era assente, fantastico pensammo, si inizia proprio bene.
Il giorno dopo andammo dalla preside a scuola che ci fece conoscere i nostri impegni, due ragazzi dovevano dividersi i compiti alla scuola media, uno alla scuola elementare ed uno alla scuola dell’infanzia. Io non sapevo ancora bene cosa scegliere, sicuramente non alla scuola dell’infanzia perché “troppo piccoli”, poi quando scoprì il lavoro che ci aspettava alle scuole medie, capì che le elementari erano il posto giusto. Alle medie infatti era nostro compito assistere i professori di sostegno con ragazzi con gravi handicap, non mi starò a dilungare su questo argomento delicatissimo, non me la sentì e basta.
Andai alla scuola elementare, spaesato come non mai con la stessa frase in testa, “che palle i bambini mi tocca pure guardarli”, iniziai il mio lavoro, per fortuna, assistito dal ragazzo del Servizio Civile Regionale che era li da qualche mese ed avrebbe finito il suo lavoro poco più avanti, per fortuna c’era lui, mi spiegò tutto. I primi momenti erano difficili, io con la barba nel mezzo a 40 bambini che mi fissavano e no si facevano avanti, io ci provavo ma non convinto perché, ripeto, non ne ero entusiasta. Non farò nomi per rispetto, mi limiterò a mettere le iniziali ed un numero relativo alla classe, tanto è una piccola scuola con una sola sezione, la prima bambina a farsi avanti fu MD3, lei non mi rivolse in realtà parole, si limitò a dire “Ippo”, quella strana parola fuori luogo, perché ippo se sono magro come un chiodo? Non lo so e non lo sapeva nemmeno lei, ma da li a poco sarebbe diventato il tormentone nonché il mio soprannome. Da li è stata un’escalation di cose meravigliose;
Qualcosa piano piano è cambiato dentro di me da quell’ottobre 2017, arrivando a pensare l’esatto contrario: i bambini sono fantastici. Sono stato in totale 14 mesi a scuola, il quindicesimo sarà ora a febbraio, il primo anno con il Servizio Civile, i restanti mesi come volontario per poter restare con loro. Vi voglio raccontare qualche caso iniziando dal più curioso: SF2. Bambino in realtà un po' stronzetto sapete, come comportamento, ne ero quasi invidioso perché aveva 2 album (quelli piccoli con i fogli da 4 tasche) pieni di carte Pokémon EX e GX, avrei voluto portargliele via, ed avrei potuto dato che spesso le dimenticava quando me le lasciava per custodirle a ricreazione, tuttavia mi limitai a regalarli un pacchetto di protezioni della Ultra Pro per tenere tutte quelle carte al sicuro (quando gliele regalai le teneva sparse nello zaino..), fu felicissimo, ed io custodivo per lui queste carte gelosamente remore di come ora, e prima, adoro ed adoravo le carte.
Una grande magia fu la quinta, tutta. Ragazzi fantastici che adoravo e loro adoravano me, passavamo le ricreazioni seduti in cerchio a parlare, a fine anno li portai con me in biblioteca dopo la scuola per organizzare una festa per le maestre prima del loro passaggio alla scuola media, rimasi sorpreso dal fatto che praticamente tutti possedevano già un cellulare, ma io che non ho mai avuto problemi a parlare con le persone, lasciai loro volentieri il mio numero, siamo ancora in contatto e spesso vengono a trovare le elementari.
Tuttavia la prima cosa che bisognerebbe evitare è: non avere preferenze. Impossibile, fidatevi, infatti GB2 e MB2 sono entrate di prepotenza nel mio cuore come figlie praticamente, sempre con me per qualsiasi motivo, ogni scusa era buona per stare con me, voglio loro un bene dell’anima anche se GB2 ha cambiato scuola, io e MB2 lo abbiamo scoperto ad inizio anno nuovo, questo Settembre 2018, ne io ne lei lo sapevamo, siamo rimasti zitti a guardarci finché la maestra non la ha portata in classe, era la sua migliore amica, io so gestire gli addii ma lei iniziava appena la terza elementare, ed io sono una persona empatica all’estrema potenza, quel momento mi sentì spaccare dentro.. Da quel momento il rapporto con MB2 è esploso ed è arrivato ai giorni d’oggi sempre più forte, lei mi cerca costantemente, mi salta in braccio, mi abbraccia fortissimo e vuole sempre giocare con me, adesso che è arrivata la ragazza nuova del Servizio Civile lei è sul piede di guerra, alzando una vera e propria crociata contro la malcapitata, non la vuole perché sa che me ne andrò io per lasciare a lei il testimone, è difficile ma sto cercando di farle andare d’accordo, è giusto così.
Quest’anno è arrivata anche sua sorella in prima, GB1, a sua volta ha saggiamente capito il trend e mi si è appiccicata, sono entrambe adorabili e le adotterei come figlie (io spero di avere una figlia, lo spero da che sono piccolo come loro, però vorrei chiamarla Sofia)
Tutti i bambini a scuola mi adorano, chi più, chi meno, chi lo nasconde come AD3, MB4 e la stessa MD3, fingono tutti i giorni di non volermi li e poi mi saltano addosso a ricreazione per giocare, adoro.
Purtroppo non è tutto semplice o facile, ci sono tantissimi individui scalmanati, uno su tutti di cui non voglio nemmeno fare iniziali, non c’è giorno a mensa in cui non mi rifili un pugno nella schiena mentre non me lo aspetto, non è cattivo ne cel’ha con me, spesso mi viene in braccio per parlare, però ha probabilmente qualche problema relazionale e passa dall’essere tranquillo ai pugni anche agli amici senza motivo.. Alla scuola dell’infanzia fuggiva ed ero io a rincorrerlo fuori, anche sotto la pioggia, per poterlo acciuffare e riportare dentro, mi e ci ha sempre fatto dannare, ma sotto sotto se non ci fosse sarebbe noioso.
La magia più bella però me la regala SG2, una bambina meravigliosa che soffriva di mutismo alla scuola dell’infanzia, la ho conosciuta in prima elementare quando ancora parlava molto poco, nel tempo mi sono impegnato per scioglierla, volevo aiutare e ci sono riuscito, sicuramente non solo io, avrà avuto anche altri aiuti, però in seconda è cambiata tantissimo in meglio, adesso è solare, vispa, allegra.. Il giorno in cui finì il mio “mandato” da Servizio Civile lei ricadde, piangeva tutte le mattine e non voleva entrare a scuola, me lo disse la maestra stessa, fu quel giorno in cui decisi di tornare come volontario a scuola, appena mi vide le brillarono gli occhi e mi salto a braccia spalancate verso di me in un abbraccio fortissimo, e come mi convinse a tornare volontario, mi ha anche convinto a frequentare una scuola serale, ho deciso di frequentare la scuola socio-psico pedagogico.. A natale le ho comprato e regalato la carta di Eevee promo, non è molto lo so, però è il suo Pokémon preferito, la prese e piena di gioia la strinse dicendo che era bellissima, sono soddisfazioni.
Mi hanno cambiato la vita, chi più chi meno, senzadubbio loro 3, potrebbero anche smascherarmi e finire a leggere queste cose in futuro, in caso lo facessero lascio qua un messaggio: vi voglio bene.
Come ogni weekand non vedo l’ora finisca per poter tornare a scuola, nel mentre la preside ha deciso di estendere il contratto da volontario anche ad un’altra scuola del comune, quindi adesso ho 117 bambini in totale, ma sono legato soprattutto ai primi 40 per ovvi motivi, tornassi indietro mi mangerei la lingua piuttosto di dire “che palle i bambini”, mi hanno regalato la consapevolezza di essere felice, davvero, da quel giorno vedo il mondo sotto un altro punto di vista, Lucanik può confermare per quanto e come parlavo della scuola e di come aspetto di tornarci ogni giorno che passa. Non chiuderò i rapporti con loro, con la bambina che ha cambiato scuola per fortuna sono in contatto con entrambi i genitori, persone favolose, a volte mi fanno parlare direttamente con lei. Le due sorelline in realtà non sono poi così sicuro di continuare a vederle per quanto mi sforzerò e per quanto mi è concesso, i genitori non mi sembrano molto aperti a persone esterne, anche se ho lavorato la 15 mesi ancora mi guardano con aria negativa, boh.. Vorrei continuare a vederle crescere, ma sono consapevole dei miei limiti.

Detto tutto ciò, vi lascio dei quesiti:

-Che ne pensate del Servizio Civile (nazionale/regionale)? Ne avete sentito parlare? Lo avete fatto?
-Che ne pensate dei bambini?
-Quanto culo ha SF2?
-Cosa ne pensate di ciò che ho scritto? Era meglio che non scrivessi nulla? Forse era bene tenere tutto per me?


Ah, si, ho TUTTI i disegni che mi hanno regalato di TUTTI i bambini dalla prima alla quinta.

Grazie del tempo passato a leggere, davvero. Ne avevo semplicemente voglia, ora come sempre aspetto che sia lunedì.

 
Ultima modifica:

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
Like sicuramente per la condivisione di una storia seria, per una volta, staccando dalle solite minchiate quotidiane che si leggono in rete.

1) Non ho fatto servizio civile -per ovvi motivi-, ma un assaggio di quello militare (6 mesi in caserma).
Entrambe sono comunque esperienze DA FARE perché SVEGLIANO le persone, si fa loro conoscere realtà diverse, e per forza di cose le si fa uscire dal proprio (spesso fin troppo comodo) guscio. E poi una spolveratina di memoria su cosa voglia dire avere a che fare con persone che stanno peggio di noi, non fa mai male.

2) Cosa penso dei bambini? Mai amati, ma questa è una cosa che fa parte del mio DNA. Fin da piccola non coccolavo le bambole come mia sorella e le sue compagne, ma giocavo con macchine e camion e peluche; costantemente negli anni mi ha sempre fatto repulsione l'idea di averne di miei, già sopportavo a malapena vedere quelli degli altri. Sterilizzandomi volontariamente, per azzerare ogni rischio.

3) Non credo che SF2 abbia culo solo perché possiede molte belle carte Pokémon, bisognerebbe vedere la sua vita nel quotidiano come si svolge...

4) Hai fatto benissimo a scriverlo, non vedo motivi per cui avresti dovuto tenerti tutto dentro. Internet non deve rappresentare sempre la terra di nessuno ove il primo che passa spara cavolate, perciò, sì, hai fatto bene a raccontarci questa esperienza.

P.S.: Sono comunque dell'avviso che per comprendere pienamente il mondo dei bambini, la scuola sia un po' ingannatoria, poiché nessuno di quei bambini è proprio... quindi penso che per capire davvero il pianeta bambino se ne debba avere almeno uno, un po' come un animale domestico. Non venga considerato irriverente questo paragone: per acquistare degna esperienza in certi argomenti, non c'è niente da fare, li si deve vivere: sono tutti bravi a parlare, ma finché non ci si è dentro in prima persona, non li si potrà mai capire completamente.
 
Ultima modifica:

ThunderShock

Yeah yeah yeah, fire
Mod
Ho fatto il servizio civile in un'associazione (Croce azzurra) del mio paese, non per nobili motivi ma per il vil denaro. Però apparentemente non sono una persona completamente orrenda, sono rimasta come volontaria per un anno dopo aver finito il servizio civile. Poi ho mollato per fare un master e quando ho finito il master erano cambiati i vertici dell'associazione, è gente che non sopporto e quindi ciao.

I bambini non mi piacciono granché, soprattutto quelli più piccoli. Quelli più grandi li apprezzo solo se li conosco bene, sennò li evito.

(comunque hai fatto benissimo a postare i tuoi pensieri sul forum, è bello leggere esperienze di vita altrui)
 

Dex

Passante
Complimenti di cuore per tutto ciò che fai e per la dedizione , si sente chiaramente leggendo le tue parole la magia che solo i bambini sanno regalare!
Non ho avuto il piacere di aderire al Servizio Civile , ma ho avuto il piacere stasera di percepire grazie a te le emozioni che questo progetto ha saputo donarti.
Grazie per le bellissime parole , per aver condiviso la tua vita negli ultimi anni facendomi scoprire il volto della felicità sotto occhi che ancora non avevo mai visto. Bravissimo @Sir_Porchetta !
 

Mr Ponty

漱石
Belle esperienze però devi dare un occhio alla formattazione del post, basterebbero 2 minuti per renderlo moooolto più leggibile.
 
Top Bottom