Aumentare la mia cultura generale

#1
Ciao a tutti, dopo un bel po' di tempo mi sono rifatto vivo! Ero un po' indeciso se postare qui, in Off-Topic o in Libri, ma volendo risposte abbastanza serie ho pensato fosse più "sicura" questa sezione.
Mi spiego abbastanza velocemente: durante questa estate è cresciuto sempre di più dentro di me il desiderio di spingermi oltre in qualsiasi cosa, di non fermarmi a ciò che già possiedo e conosco, di spingermi dove la maggior parte delle persone non pensa di andare, se non addirittura dove nessuno è mai andato. Uno dei campi in cui tale desiderio si è incanalato è stato proprio quello legato alla cultura, in un senso abbastanza legato a quello scolastico (negli argomenti dei programmi intendo). Ora però io ho bisogno di un aiuto per capire con quali strumenti posso proseguire, siccome su alcune cose trovo pareri discordanti o addirittura inesistenti. Chiedo a tutti voi di aiutarmi, perché tanto ho richieste su quasi ogni campo, perciò in un modo o nell'altro tutti quanti potreste darmi una mano.

1) Italiano: per quanto riguarda questa materia avrei intenzione di leggermi le opere più importanti degli autori "antichi" della nostra letteratura (diciamo tutti quanti fino a Leopardi, ma non avendo fatti quelli a seguire consigliatemi pure quelli se lo ritenete opportuno). Per ora sto procedendo con la lettura di tutta la Divina Commedia (anche se sono fermo a metà Purgatorio da molte settimane), e ho letto "Il Principe" di Machiavelli; in cantiere ci sono "Il Giorno" di Parini, "La Gerusalemme Liberata" di Tasso e pensavo di leggermi anche il "Secretum" di Petrarca. Il problema però è che non saprei bene quali opere varrebbe la pena leggere, e su Internet non ho trovato molto a riguardo. Perciò chiedo a voi: tra quelle che avete letto/conoscete, quali mi consigliereste di leggere? Vi ricordo che mi va bene anche roba da Leopardi in poi, ma preferirei se venissero prima.
2) Latino: analogamente a italiano, avrei intenzione di leggermi qualche opera di alcuni autori latini, solamente però dal carattere filosofico ed esistenziale. Avete consigli anche per questo, magari con libri che presentino sia il testo originale che la traduzione (solo testo originale sarebbe veramente troppo stressante)?
3) Matematica, fisica: qui i problemi forse sono un po' più tosti. Ho intenzione di conoscere quanto più possibile la fisica, soprattutto per capire i fenomeni fisici che vediamo nella maggior parte della vita quotidiana. Per ora sto puntando a imparare bene, ma davvero bene, tutto il programma dei cinque anni di fisica, però il mio libro scolastico negli esercizi è piuttosto limitato, e oltre un certo livello non si spinge; proverò ad ovviare facendo anche i problemi delle olimpiadi di fisica, ma comunque mi piacerebbe spingermi ancora più in là. Qualcuno di voi ha qualche consiglio, dunque, tra libri o materiale vario? Potrei puntare addirittura a prendere qualche libro universitario (ovviamente terminato prima tutto il programma liceale) oppure dite sia troppo (sappiate che non vorrei fare fisica all'università, ecco perché si pone il problema)?
Su matematica invece mi ritengo abbastanza sistemato con gli attuali libri scolastici, poiché almeno per ora mi sembra che il programma del liceo come supporto per la fisica sia più che sufficiente, ma se mi sbaglio correggetemi pure.
4) Chimica e biologia: qui forse la cosa è più semplice. Essendo anche a tratti collegate (soprattutto nella fisica quantistica), non sarebbe male conoscere un po' di chimica e biologia del corpo umano assieme alla fisica. Per la seconda ho ancora un ottimo libro, quindi sono sistemato; per la prima però alcuni libri li ho dati via, e non erano neppure buoni. Dunque, avete qualche consiglio su dei libri che mi permettano di conoscere la chimica di cinque anni di liceo?

Le richieste dovrebbero essere queste, al massimo se mi sono dimenticato qualcosa modifico dopo. Ringrazio subito chiunque mi risponda!
 
#3
Per me stai cercando di fare troppo tutto insieme.

Ampliare le proprie conoscenze ci sta e, anzi, è una bella cosa da fare, ma devi selezionare, altrimenti rischi di non capire parecchio di quello che vuoi assorbire, anche in base all'età che hai: nulla ti vieta di leggere la Divina Commedia o Il Principe, ad esempio, ma devi anche avere gli strumenti giusti per capire queste opere appieno (il Principe, ad esempio, non è un qualcosa che leggi come leggi I promessi sposi, per farti un esempio, e lo stesso vale per la Gerusalemme liberata).

Concentrati prima su cose magari più easy: io ti consiglierei di evitare testi universitari, intanto, e di puntare a testi divulgativi che approfondiscono senza scendere troppo nel dettaglio più profondo (ad esempio, se sei curioso sul corpo umano, vai in una libreria tipo Feltrinelli o Mondadori e cerca testi dedicati, ma NON testi universitari, a meno che tu voglia fare Medicina). Tra gli ambiti da te suggeriti, comunque, l'ambiente più facile è forse quello dei classici latini, soprattutto se fai Scientifico o Classico: mi sentirei di suggerirti le Metamorfosi di Ovidio, che ti possono dare anche varie conoscenze su parecchi miti della Roma e Grecia antica.

AH, e ti prego: evita di andare più in là di quello che stai facendo a scuola, per quanto riguarda la matematica; idem per la Fisica, a meno che non ti accontenti di capire le leggi dell'universo senza scendere troppo nel dettaglio.
 
#4
Ampliare le proprie conoscenze ci sta e, anzi, è una bella cosa da fare, ma devi selezionare, altrimenti rischi di non capire parecchio di quello che vuoi assorbire, anche in base all'età che hai: nulla ti vieta di leggere la Divina Commedia o Il Principe, ad esempio, ma devi anche avere gli strumenti giusti per capire queste opere appieno (il Principe, ad esempio, non è un qualcosa che leggi come leggi I promessi sposi, per farti un esempio, e lo stesso vale per la Gerusalemme liberata).

Tra gli ambiti da te suggeriti, comunque, l'ambiente più facile è forse quello dei classici latini, soprattutto se fai Scientifico o Classico: mi sentirei di suggerirti le Metamorfosi di Ovidio, che ti possono dare anche varie conoscenze su parecchi miti della Roma e Grecia antica.

AH, e ti prego: evita di andare più in là di quello che stai facendo a scuola, per quanto riguarda la matematica; idem per la Fisica, a meno che non ti accontenti di capire le leggi dell'universo senza scendere troppo nel dettaglio.
Allora, alcune precisazioni, perché le "critiche" da te poste me le hanno già fatte in molti a cui ho chiesto pareri (nella vita reale intendo).

1) Per rispondere alla critica sugli strumenti per leggere le opere: ora non voglio fare il presuntuoso, ma essendo ormai in quinto liceo, ed avendo quindi alle spalle un bel programma di italiano, in caso io abbia tra le mani un'edizione ben commentata di un'opera (con una buona conoscenza dell'autore e del suo contesto storico) penso io possa considerare di avere tutti gli strumenti a disposizione per leggere nel giusto modo un'opera.
2) Non ho intenzione di avanzare per conto mio con i programmi di fisica o matematica, o meglio, non è la priorità o un progetto dell'imminente futuro: per ora sto pensando a consolidare al massimo tutte le conoscenze che ho acquisito finora da entrambe le materie, ed essendo una cosa tutt'altro che facile e veloce, penso che per un bel po' di mesi l'idea di avvantaggiarmi con i programmi sia pura utopia, se non addirittura per tutto l'anno scolastico. Dunque, per ora approfondisco ciò che già so, se poi questo approfondimento arriverà a dei livelli per me soddisfacenti allora potrei prendere in considerazione l'idea di avvantaggiarmi con i programmi; ma, ripeto, non è la priorità, anzi.
3) Il discorso è analogo con i testi universitari: non sono la priorità, anzi, ora sarebbero solamente deleteri. Ma se arriverò a un buon livello di conoscenze (conoscenze ben consolidate si intende) anche qui potrei prendere in considerazione l'idea di prendere qualche testo universitario; questo però non tanto per sapere nuove cose (perché non penso potrei capire da solo certi argomenti), quanto per approfondire ulteriormente ciò che già so, perché, a meno che non abbia saputo male, i testi universitari approfondiscono gli argomenti a un livello che gli attuali libri di testo del liceo spesso e volentieri si sognano (mi riferisco soprattutto a fisica e matematica).

Detto ciò, terrò in considerazione le Metamorfosi! E grazie anche a te, Carma, quella colonna di libri la terrò d'occhio!
 

Pariston

马 炎 凯
Admin
#5
Il tuo intento è nobilissimo, ma per me procedendo così rischi di annojarti presto.
Cerca libri che ti piacciono, guarda film, ascolta musica, il resto viene da sé.

Libri piacevoli di autori italiani "classici" mi vengono da consigliarti Pirandello e Calvino.
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
#6
devi affrontare qualche quiz a premi, il test d'ingresso all'università o cosa? Non hai proprio passatempi magari meno nobili ma certo più umani e piacevoli cui dedicarti?

discorso applicabile ad un po' tutto in realtà...però la cultura generale è quella << cosa >> (termine brutto ma non me vengono altri meglio adattabili al contesto) per eccellenza che conviene aspettare "venga da te" anzichè "andare tu da lei" se vuoi massimizzare l'efficacia dell'apprendimento

TL ; DR ====> lo stesso consiglio di @Pariston espresso con concetti maggiormente ed inutilmente complicati
 
#7
Il tuo intento è nobilissimo, ma per me procedendo così rischi di annojarti presto.
Cerca libri che ti piacciono, guarda film, ascolta musica, il resto viene da sé.

Libri piacevoli di autori italiani "classici" mi vengono da consigliarti Pirandello e Calvino.
Mah, sinceramente la questione della noia penso sia abbastanza difficile renderla veramente un problema, il campo del conoscibile ha uno spazio praticamente infinito ormai; cioè, per ora non ho conosciuto o sentito parlare di qualcuno che abbia cominciato ad annoiarsi per aver cominciato a "farsi una cultura".

devi affrontare qualche quiz a premi, il test d'ingresso all'università o cosa? Non hai proprio passatempi magari meno nobili ma certo più umani e piacevoli cui dedicarti?

discorso applicabile ad un po' tutto in realtà...però la cultura generale è quella << cosa >> (termine brutto ma non me vengono altri meglio adattabili al contesto) per eccellenza che conviene aspettare "venga da te" anzichè "andare tu da lei" se vuoi massimizzare l'efficacia dell'apprendimento
1) Almeno per me è un grandissimo piacere imparare sempre di più, e reputo il volersi fare una cultura maggiore forse non proprio umano, ma desiderio di voler scavare nelle profondità dell'umano sì, quello sicuro. Ma per rispondere senza tante obiezioni, per ora oltre a questa mia fame di conoscenza gli unici altri impegni che ho sono l'allenamento fisico (facendo palestra) e musicale (suonando il violoncello), entrambi presi molto seriamente, svolti con una buona frequenza settimanale e soprattutto con grande costanza. Altro, almeno per adesso, è impossibile fare, sia per questioni di tempo sia perché non avrei altre passioni da poter portare avanti.
2) Quello sicuro, ma se pensiamo di aspettare sempre che venga lei da noi magari succede pure, ma sicuramente in un tempo molto maggiore di quello che sarebbe bastato e avanzato. L'importante è mettersi sotto seriamente ed essere costanti: non pretendo di raggiungere una conoscenza universitaria in tutti questi campi nell'arco di due o tre anni, su questo non ho alcuna aspettativa, ciò a cui punto è semplicemente il non perdere più tempo, o almeno di sfruttarlo in modo più proficuo.
 
Top Bottom