Pokémon Index, regione di Kanto

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#1
Pokémon Index, regione di Kanto



Il mondo dei Pokémon è molto simile alla Terra: stessa conformazione geografica, stessa flora e fauna (Pokémon esclusi), stesso sviluppo della civiltà umana. Anche le vicende storiche, allora, possono essere assimilate; se così fosse, come avrebbero potuto scrivere un bestiario sui Pokémon gli studiosi del ‘500? Convergono così in Pokémon Index la letteratura classica e la poliedricità del noto fandom: le creature comuni e leggendarie vengono reinterpretate e nobilitate alla luce della rima e della cultura rinascimentale.

Ma non solo, convergono qui le mie fantasie, i miei giochi stilistici, la mia sfida ad un rivalutazione dei prodotti "per bambini" e la mia voglia di riuscire, per una volta, a modo mio, a finire il Pokédex! Questo lavoro, per quanto sia ispirato a fonti ufficiali (il Pokédex dei vari giochi in primis), non segue in maniera ortodossa il canone della serie Pokémon ed anzi la rielabora in maniera forse migliore, si spera più epica, sicuramente più personale. D'altronde i Pokémon hanno una loro storia, un loro passato, una loro religione: perché non dovrebbero essere degni della loro poesia? Ma andate avanti, ho già parlato fin troppo.

AVVERTENZE

  • Questo topic serve solo ed esclusivamente a contenere i diversi brani dell'opera, per non disperderla all'interno della sezione Pokémon Discussion. Sono previsti tanti post dell'autore a cadenza settimanale, uno dopo l'altro, per non interrompere l'ordine di esposizione. Qualsiasi commento, dubbio, domanda, ecc. dev'essere scritto nel topic "Pokémon Index: Discussione Principale". Sarà in quel topic, inoltre, che verranno annunciate tutte le nuove uscite dell'opera;

  • I Pokémon saranno pubblicati in ordine di Pokédex, non è possibile chiedere di anticiparne o posticiparne l'uscita;

  • L'opera è già stata completata. Questo vuol dire sia che saranno pubblicati, a tempo debito, tutti i Pokémon da Bulbasaur a Mew, sia che non si effettuerà alcuna modifica sulle singole poesie. Sono però molto graditi suggerimenti ed idee per quanto riguarda i Pokémon oltre la prima generazione;

  • Pokémon Index è frutto del lavoro di BlazePower (me). Sarò felicissimo se condividerete queste poesie altrove, ma non dimenticate mai di citarmi come autore. Pokémon è comunque un marchio registrato da cui ho unicamente tratto ispirazione, quest'opera non è a scopo di lucro ma vuole essere, pur nella sua raffinatezza, un modo per divertirsi e guardare i Pokémon e la letteratura con nuovi occhi.


Praefatio



V’è un loco e un attimo per ogne cosa1
e già sento alternarsi alla mia sera
3 la notte ed imbrunir del cielo ‘l rosa.


Presto la vespertina messaggera2
a sé mi chiamerà e vivrò là in alto,
6 fulgendo da la sempiterna sfera.


Ma pria che l’alma mia compia ‘l gran salto
mi preme di far pubblica l’istoria3
9 per la qual consumai ‘l giovanil smalto


dentro e fuor, tra i papiri e la cicoria,
dei faggi all’ombra, ai lumi di lucerne,
12 fuggendo ogne terrena vanagloria,


perché ciascun lettor possa goderne
e ‘l grato plauso ch’egli manderàmmi
15 mia vita e mia virtù sosterrà eterne.


Sen corre l’era dei bellici drammi
sotto Nobunaga, a cui ‘l temporale
18 di guerra sovvertì i fatal programmi4,


era di rinascenza culturale
che vede, poi ch’aprimmo i porti al mondo5,
21 quivi sbarcar la flotta occidentale.


Mai incontro più inatteso e più fecondo!
Lor vegnon da la costa ove si scorge
24 morire ‘l sol ne l’oceano profondo,


poscia ch’a l’alba da la terra sorge
a loro invisa6. Sì, lor patria chiusa
27 da frontiere oltre cui mai non si sporge,


per nave tal popolazion è adusa
a gir verso l’isole e i continenti,
30 del mondo esperta e ‘n sue parti diffusa.


Pria che da noi, fondaro insediamenti
ov’altri riconobber nuove rene,
33 dimore de le transerculee7 genti;


primamente ‘l Capo di Buona Spene
doppiaron; corsero sì per avante
36 ch’onde andaron, rivenner le carene8.


D’Occidente portò ogne navigante
sua religion, ricchezza, arte, cultura,
39 ma ancor diè a noi la nuova sconcertante


che v’è bestia di Kanto nascitura
pur oltremare, e più rara e più nota,
42 d’eguale o cangiata forma e natura,


ch’esiste d’animali a noi ignota
gran copia e ovunque l’uom prega e commercia
45 pur li alleva e cattura in bacca vòta9.


Sia mostra dunque alla folla ancor guercia
la nostra usual e famosa beltade!
48 Io primo, studïoso Delaquercia10,


canto la natural diversitade
de le creature e la lor maraviglia
51 che non veggiamo e sempre ci pervade;


canto la casta e duplice famiglia;
l’apollineo destrier ch’infino al tergo
54 dal capo arde di sol; colui che figlia


senza far preferenze; lui ch’usbergo
ha di macigni quale carapace;
57 egli ch’in mar sbuffa ‘l nero ond’io vergo;


li tre rettili d’acqua, seme e brace
che sogliono esser la scelta primaria
60 di quei ch’affàcciansi al giuoco pugnace;


canto financo l’estraördinaria
madre d’ogne animal generazione,
63 specie da l’esistenza leggendaria;


l’un dì vivente, forse, condizione
de la spira, de l’ambra e de la casa11;
66 ciò ed altro ancor ha sede in mio sermone.


La materia ch’in tai versi s’accasa
non avran cara nostre menti sole,
69 ch’è ben provato da la gente evasa


via mar com’usi ognuno a sue parole
nomar li eventi, imaginar li dei
72 secondo proprie tradizioni e scuole12.


Vaglia ad esempio degl’assunti miei
l’universal diluvio che coperse
75 anticamente i territori rei:


pei navigator fu ‘l colpo ch’inferse
l’unico Dio al mondo per lavarne
78 lo peccato; per altri sì sommerse


l’uomo ‘l divin Tonante, a rinovarne
la natura, preservando l’onesta
81 coppia di cui i sassi mutaro in carne;


sì credon loro al Re de la tempesta,
lo qual per flutti e pioggia mosse guerra
84 a Groudon, che l’acque sfuma e funesta13.


L’istessa narrazion in varia terra
vari dettagli mostra ed ogne nume
87 ciascun pantheon al proprio nome serra,


sì convergendo ivi culto e costume
di sparse civiltà, chi voglia trovi
90 nel lucerniere de l’arte ‘l suo lume.


O Calliope nostra14, che rinovi
pel suon de l’eterno tuo Cantoantico
93 la poësia e l’uman spirto movi,


d’ambrosia incensa ‘l labbro con cui dico,
la penna con cui divulgo ‘l mistero
96 d’ogne vivente, oscuro ancor o aprico15.


Codesta carta è quale pane nero,
amaro ai denti adusi a carne e vino:
99 chi, umil, l’impasta ‘l gusta per intero.


Com’avviene ch’a l’insano bambino
si porge ‘l farmaco versato in brocca
102 densa di miel su l’orlo e lì vicino


ed egli beve e gli si mesce in bocca
l’acida salute dal dolce occulta,
105 guarendo per l’astuzia a cui abbocca16,


ciò accada pel villano che consulta
queste pagine e per l’abate e ‘l conte
108 che senza terminar sprègiale e insulta.


Poss’io scortar del sapere alla fonte
chi men conosce e de la fantasia
chi al tema, scettico, aggrotta la fronte,


112 dei Pokémon facendo alta poesia.


1 – v. 1 “V’è… cosa”: C’è un luogo e un momento per ogni cosa. Il tormentone, spesso ripetuto ad altri, stavolta la voce narrante lo riferisce a se stessa;
2 – v. 4
“vespertina messaggera”: Venere, detto “stella del crepuscolo” in quanto primo corpo celeste che brilla dopo il tramonto;
3 – v. 8
“istoria”: Ricerca, nel senso greco del termine;
4 – vv. 16-18
“Sen corre… programmi”: L’opera, che immagina il mondo dei Pokémon in tutto e per tutto simile alla Terra, equiparando per quanto possibile i riferimenti storici e geografici, è ambientata in Giappone nel XVI secolo, al tempo del nobile feudatario Oda Nobunaga (presente anche in Pokémon Conquest), famoso per la battaglia di Okehazama del 1560 in cui il suo esercito, in tremenda inferiorità numerica, riuscì ad attaccare a sorpresa e vincere quello nemico nascondendo i propri spostamenti grazie al rumore di un violento temporale notturno;
5 – v. 20
“poi ch’aprimmo… mondo”: Fu in quel periodo che il Giappone, dopo un lungo isolamento, intraprese i propri contatti con l’Occidente;
6 – vv. 23-26
“Lor vegnon… invisa”: È il Portogallo, che confina ad est con la Spagna e ad ovest con l’Oceano Atlantico. Furono proprio i navigatori portoghesi ad avviare per la prima volta un consistente rapporto commerciale tra l’Europa e il Giappone;
7 – v. 33
“transerculee”: Americane. Neologismo, da “trans” + “erculeo”, “oltre Ercole”, ossia “oltre le colonne d’Ercole”;
8 – vv. 35-36
“corsero sì… le carene”: Andarono verso avanti tanto che le navi (carene) ritornarono dove partirono. È un riferimento alla circumnavigazione del globo compiuta per la prima volta dal navigatore portoghese Ferdinando Magellano tra il 1519 e il 1522;
9 – v. 45
“cattura in bacca vòta”: Le prime Poké Ball erano costruite a partire da Ghicocche, bacche dure svuotate della polpa;
10 – v. 48
“studïoso Delaquercia”: Ipotetico antenato cinquecentesco del Prof. Oak, il cui nome è, appunto, “quercia” in inglese;
11 – v. 65
“de la spira… casa”: L’Helixfossile (dal latino “helix”, elica, spirale), l’Ambra Antica ed il Domofossile (dal latino “domus”, casa);
12 – vv. 70-72
“com’usi ognuno… tradizioni e scuole”: L’autore, per bocca dello studioso Delaquercia, attua un sincretismo mitologico-religioso accorpando tra di loro dei e leggende di diverse culture, intendendoli come diverse rappresentazioni della medesima entità. Si spiegano così, nel testo dell’intera opera, riferimenti classici attribuiti al mondo dei Pokémon e viceversa;
13 – vv. 76-84
“pei navigator… sfuma e funesta”: Secondo la religione cristiana, dei portoghesi, il diluvio universale fu causato da Dio per punire il genere umano ormai quasi totalmente corrotto dal peccato; secondo la mitologia classica, conosciuta in Giappone grazie ai nuovi scambi culturali tra l’Oriente e l’Occidente, esso fu deciso da Zeus per rinnovare la natura dell’uomo, che salvò soltanto Eucalione e Pirra, l’uomo e la donna che generarono la nuova specie umana lanciando dietro di loro “le ossa della Gran Madre”, ossia i sassi della terra; secondo la mitologia Pokémon è plausibile invece che il diluvio sia il momento culminante della guerra tra Kyogre e Groudon per il dominio del pianeta;
14 – v. 91
“Calliope nostra”: In linea con la nota 12, la musa di riferimento è sì Calliope, ma la Calliope “nostra” conosciuta nella regione di Kanto, ossia Meloetta. Si considera, quella dei Pokémon, un’unica religione le cui divinità adorate sono le stesse in tutte le regioni, anche se i Pokémon appartengono a generazioni diverse. Fanno eccezione i Numi Locali e i leggendari il cui mito è riferito ad un luogo specifico;
15 – v. 96
“aprico”: Luminoso, dal latino “apricus”;
16 – vv. 100-106
“Com’avviene… a cui abbocca”: Immagine ripresa da Torquato Tasso, il quale a sua volta la trasse dal poeta latino Lucrezio.

Illustrazione di Adam Rufino
 
Ultima modifica da un moderatore:

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#2
001 - 003: Bulbasaur, Ivysaur, Venusaur


001   Bulbasaur, Pokémon Seme. Di vita
        compagno suo è un bulbo: il dì che nasce
        fiorìscegli sul retro e da un’unita
        simbiosi Bulbasaur si nutre e pasce
        e di sole e di carne. Sì partita1
        sua dieta, pur se chiuse ha le ganasce
        da lungo tempo, de la fame ‘l duolo
        placa pel nutrimento del bocciuolo.


002  Ivysaur, Seme. Ancor pudica e acerba,
        non svèstesi la gemma, cui la soma
        grava omai, col coronamento d’erba,
        su l’ossa del rettile, d’uno stroma2
        più che pria forte ricoverte. Sèrba
        sì un posto al sol per la rosata chioma,
        sé e lei movendo finché, adulta e sazia
        di lume, all’aer dischiude la sua grazia.


003  Venusaur, Pokémon Seme. Produce
        l’arbor sul dorso suo soave essenza
        che gl’arsi spiriti alla quiete induce
        e invita i Pokémon a far presenza
        all’odoroso appello. L’aurea luce
        diurna accoglie del fior la capienza,
        la muta ed al padron ne rende omaggio
        rilasciando ‘l sublime Solarraggio.


1 – “partita”: Ripartita, divisa
2 – “stroma”: Maglia, sostegno. Dal greco “στρῶμα”, “tappeto”, “ordito”

Illustrazioni di Pearlsaurus
004 - 006: Charmander, Charmeleon, Charizard


004  Charmander, Pokémon Lucertola. Unto
        stoppino è l’appendice, ch’arde e brilla
        secondo suo diletto o disappunto:
        s’ei di cuor ride diménasi arzilla,
        gónfiasi lesta se da l’ira è punto,
        spia di benesser è un’ilar favilla,
        ma segno di malor son fiamme smorte
        e, spento ‘l lume, ei prossimo è alla morte.


005  Charmeleon, Fiamma. Giovin ma forzuto
        da farsi sì superbo ed insolente,
        cremisi tien le squame e men sparuto1
        ha ‘l fuoco terminal. Ben più potente
        divien l’artiglio inoltre, tanto acuto
        da lacerar qualunque. Pel furente
        spirto guerresco incalza senza pieta
        chi sua vittoria rende ardüa meta.


006  Charizard, Pokémon Fiamma. Li cori
        de’ popol tutti accende qual leggenda,
        come sua coda, s’arsa di furori,
        albina e cerula fulge stupenda.
        Valido è in guerra e degno d’alti onori
        per le due megaforme, vuoi che renda
        più ardente ‘l sol, vuoi ch’abbia l’unghie amare2,
        ma mai ferisce chi nol può stroncare.


1 – “sparuto”: Smunto, fiacco
2 – “vuoi che renda… l’unghie amare”: Riferimento alle abilità delle due Megaevoluzioni di Charizard, rispettivamente Siccità e Unghiedure

Illustrazioni di Pearlsaurus
007 - 009: Squirtle, Wartortle, Blastoise


007  Squirtle, Pokémon Tartaghina. Appena
        da l’ovo evaso, il molle carapace
        via via s’indura e ‘l subìto urto frena
        sbalzandolo. Pel dorso e pel torace
        graffiti guizza con leggiadra lena
        ne l’acqua e l’acqua è sua maggior pugnace
        risorsa: rannicchiato intra ‘l suo guscio
        sprizza umidi getti da ciascun uscio.


 008 Wartortle, il Pokémon Tartaruga.
        Sguazza rapido in acque dolci e fresche
        coi padiglion1 che quai timon corruga
        per mantener la retta via. L’adesche
        prede sorprende e assal, senza che fuga
        conoscan. Par ch’eternamente cresche,
        ché cento secoli ha di scontar vanto
        e d’alghe ha ‘l carapace senil manto.


 009 Blastoise, Crostaceo. Primo amore al mondo
        di numerose giovani promesse.
        Le prede abbatte in virtù del suo pondo2
        nel corpo a corpo e se lontan son esse
        le mira con un getto dal profondo
        de l’archibugi suoi. Restano impresse
        in chi le scorse la saura fusione3
        e la volante idrica propulsione4.


1 – “padiglion”: Padiglioni auricolari, orecchie
2 – “pondo”: Peso. Dal latino “pondus
3 – “saura fusione”: Nel 20° episodio della 1ª serie animata compare l’immagine di un Venustoise, una fusione tra Blastoise e Venusaur
4 – “volante idrica propulsione”: Nel 2° volume del manga Pokémon: La Grande Avventura, capitolo 39, il Blasty di Verde usa Idropompa verso il basso per volare. Utilizzerà la stessa tecnica anche altre volte, all’interno della serie.

Illustrazioni di Pearlsaurus
 
#3
Gabriele un lavoro eccezionale. Una figata assurda. Si vede che ci hai messo tanto impegno e ci tenevo quindi a farti i complimenti. 
Molto più belle di tante poesie che ci sorbiamo a scuola. 
Continua cosi che voglio leggere il Pokèdex completo!
 

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#4
010-012: Caterpie, Metapod, Butterfree


010   Caterpie, Pokémon Baco. Egli è adorno
        sotto le zampe d’utili ventose
        ch’ovunque voglia fanlo gir intorno.
        Creature fa fuggir di lui golose
        spargendo un acre puzzo dal suo corno.
        Pur fiacco, nel suo fil sono ripose
        mille risorse1 e s’in esso s’involve
        di subito s’indurisce ed evolve.


011   Metapod, Pokémon Bozzolo. Dura
        più del bronzo e del ferro è la corazza,
        che 'l molle interno, a guisa d’armatura,
        difende e cuopre dentro la sua stazza.
        Finché cotale stadio in lui perdura
        e ancor l’evoluzione non impazza
        non fa che star immobile per ore,
        crescendo a ritmo di Rafforzatore.


012   Butterfree, Pokémon Farfalla. A iosa
        spande sostanze tossiche con l’ali,
        che d’idrorepellente e velenosa
        patina son vestite e i temporali
        non temono. Pochi esemplari rosa
        stati son visti presso naturali
        scogliere site nei nostrani loci2
        o laghi ove i pesci evolvon precoci3.

 ​

1 – “nel suo… risorse”: La capacità più caratteristica di Caterpie è quella di sparare un filo di seta, che nella serie viene usato per fermare o immobilizzare i nemici, segnare un persorso, costruire un salvagente, tessere vestiti e molto altro ancora​

2 – “scogliere… loci”: Nel 21° episodio della 1ª serie animata appare presso una scogliera una Butterfree rosa, il primo Pokémon con una colorazione alternativa​

3 – “laghi… precoci”: Il Lago d’Ira, della regione di Johto, in cui è possibile trovare dei Gyarados ad un livello inferiore a quello in cui si evolvono

013-015: Weedle, Kakuna, Beedrill


013   Weedle, Pokémon Millepiedi. Stàgliasi
        su le foglie pei toni vivaci
        con sorpresa altrui, d’ingaggiar battaglia
        non restìo contro pennuti voraci:
        tossine qual defesa ‘l corno scaglia
        ver chi sfióralo. I Weedle son capaci,
        piccioli pur, per fame di disperdere
        al dì in pancia sette libbre di verde.


014   Kakuna, Bozzolo. Egli irrigidisce
        sovente l’esoscheletro. Altre mosse
        non sa, pur buon non è: s’ei percepisce
        limitrofe minacce, da le smosse
        pieghe del guscio un pungolo esibisce
        qual parca offesa. Primamente indosse
        avean le pupe brachiali appendici,
        di cui l’attual ninfe non son latrici1.


015   Beedrill, Pokémon Velenape. Punge
        tre fiate senza pieta ‘l suo nemico
        sciamando in grandi bande ver lui. Giunge
        da le sue lance fin nel ferro antico,
        sol fra gl’insetti, ‘l suo velen2. Congiunge,
        virtù traendo da un gioiello aprico,
        furia e veemenza eccelse al doppio fiele,
        rapido in man, lento in ventre e crudele3. 
      ​

 ​

1 – “Primamente indosse… latrici”: Negli sprites dei giochi Pokémon Rosso e Blu, Kakuna presentava due sporgenze simili a braccia, non più comparse in nessun altro gioco​

2 – “fin nel ferro… velen”: La mossa Doppio Ago era l’unica in grado di avvelenare i Pokémon Acciaio ed era una mossa esclusiva di Beedrill (sol fra gl’insetti). Questo nella seconda generazione (per questo si parla di ferro antico)​

3 – “doppio fiele… crudele”: MegaBeedrill sviluppa due tipi di veleno, uno di azione istantanea e paralizzante negli arti e uno di azione lenta e mortale nel ventre.  

016-018: Pidgey, Pidgeotto, Pidgeot


016   Pidgey, Uccellino. Presenza comune
        nei boschi placidi e in tutti i declivi.
        Raffiche alzan con l’ali fra le dune
        per disvelare insetti e, inoffensivi,
        pei predator fuggire e trar le brune
        lor penne in salvo, là ove non arrivi
        alcun periglio, contando sul fido
        orientamento per redire al nido.


017   Pidgeotto, ora Uccello. Non più inerme
        ma rapace a sua volta, cala e artiglia
        rapido un pasto d’ovo, frutto o verme
        lunge da casa pur sessanta miglia
        spingendosi. Ali assidue, iridi ferme,
        sonda ‘l suo territorio e assai s’acciglia
        s’intrusi avvista oltre ‘l
limen prescritto:
        né lui d’ir fuor, né altrui dentro ha diritto.


018   Pidgeot, Uccello. Superbo, sgargiante,
        senz’eguale è ‘l color de le sue piume,
        arazzo quasi in seta ed or smagliante
        di beltà ‘l vello adornasse e volume1.
        Ma solo è tal virtù una delle tante:
        scorgon d’ittiche prede balzi e schiume
        per oltre un miglio l’orbite non guerce
        e scote l’aer sì da piegar le querce.

 ​

1 – “arazzo quasi… volume”: Si legga: quasi (come se) un arazzo in seta ed oro smagliante adornasse il vello di beltà e volume

019-020: Rattata, Raticate


019   Rattata, noto pur Pokémon Topo.
        Tedio di cui ciascun suole disfarsi,
        non ha di vita sua null’altro scopo
        che d’esser fecondo e moltiplicarsi.
        Per lui ogne pertugio è adatto all’uopo
        di dimorar e luoghi spersi e sparsi
        popola, prati, grotte e case umane
        agl’incauti vianti rubando ‘l pane1.


020  Raticate, Topo. Senza inciampo corre
        per le vibrisse stabili, senz’ugge
        nuota quando ai palmati piè ricorre,
        ma conosciuto è più ché ben distrugge
        tra i denti ‘l tronco e crepa rocca e torre
        con l’acre morso. Il Raticate che fugge
        l’agro per l’urbe sì appaga la lingua
        che lento più ma più longevo impingua2.

 ​

1 – “agl’incauti… pane”: Secondo il Pokédex della serie animata, Rattata “ruba delle provviste ai campeggiatori e viaggiatori sciocchi”​

2 – “sì appaga… impingua”: Nella sua forma Alola, conducendo uno stile di vita urbano e non più rurale, Raticate diminuisce la sua Velocità ma aumenta le due Difese e i suoi Punti Salute (diventando più longevo) ed ha una corporatura più grassa (perciò impingua)



Per qualsiasi commento, parere, domanda, curiosità si usi il topic Pokémon Index: Discussione Principale
 

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#5
021-022: Spearow, Fearow
021 Spearow, Pokémon Uccellino. Cinico
seppur piccolo, lasciare indenne
non vuol chi nel suo campo s’avvicini
e incede con gran vorticar di penne
su l’intruso. Se per quanto s’ostini
bianco su ner non mette, com’accenne
l’occhio suo1, grida acuta la sua allerta,
presto soccorso da chiunque l’avverta.

022 Fearow, risaputo Pokémon Becco.
Naturalmente ‘l labbro qual quadrello2
ha per arma d’offesa, duro e secco
e perforante più che d’altro uccello
comune3. Utile assai gli è ‘l boccal stecco
per sorprendere sotto del livello
de l’acque i pesci e fra l’erbe la preda
senza che d’atterrar ei si conceda.


1 – “bianco su ner… l’occhio suo”: La vista di Spearow, come mostrato nel 1° episodio della 1ª serie animata, percepisce (accenne, accenna) il mondo in bianco e nero
2 – “quadrello”: Dardo di balestra
3 – “perforante… comune”: Fearow, nella prima generazione, è uno dei pochi Pokémon ad imparare la mossa Perforbecco

023-024: Ekans, Arbok
023 Ekans, Pokémon Serpente. S’avvolge
s’un ramo per dormire o su se stesso
a guisa di spirale, sì s’accorge
de l’eventual periglio1 e con riflesso
balzo lo fugge. Estesamente sporge
le fauci in fuor quanto più gli è concesso
per ingollar creature intere ed ova
tai che talor pel pondo più non mova.

024 Arbok, Pokémon Cobra. Più varianti
son note de l’effigi sul suo ventre,
in modo egual tutte terrificanti
sì da impietrir d’orror la preda mentre
l’avvinghia Arbok tra spire stritolanti
da cui non esce più cosa che v’entre.
Sgomenta, strangolata, senza vita,
per intero la vittima è ingerita.


1 – “periglio”: Pericolo

025-026: Pikachu, Raichu
025 Pikachu, Pokémon Topo. Famoso
egli è più d’ogni Pokémon ch’esista
pel ragazzo ch’in Lega fu troppo oso,
ambì al trofeo e mai ne fé conquista1.
Se parimenti ad altri un burrascoso
fulmine sa scagliar, lui solo acquista
del tuono la potenza ognor ch’avanza2,
con l’Elettropalla, e doppia possanza.

026 Raichu, Pokémon Topo. Assai sovente
s’è di tension la carne sovraccarica
mette la coda a terra e spande lente
scosse; quando nol fa se ne rammarica
diventando irascibile e furente.
Di sua corrente egli ha la pelle carica
e luccica di notte; se non l’ha
coglie de l’aere l’ambrea facoltà3.


1 – “pel ragazzo… conquista”: Ash, protagonista della serie animata, ha sempre portato con sé il suo Pikachu e non hai mai vinto una Lega Pokémon
2 – “del tuono… ch’avanza”: Locomovolt, sua mossa esclusiva, che consiste nel caricarsi di elettricità mentre corre verso l’avversario (ognor ch’avanza)
3 – “ambrea facoltà”: Elettricità statica, che trae il proprio nome dall’ambra (elektron in greco), il materiale in cui tale fenomeno era evidente nell’antichità

027-028: Sandshrew, Sandslash
027 Sandshrew, altro Topo. Ha ’l pregiato derma
dal motivo e dal color di mattoni
la mollezza e insiem la forza ch’afferma
sempre d’avere ‘l cuoio, ché i costoni1
e gli aridi sentier calpesta ferma
la zampa sua. Pur regge contrazioni,
ch’agglòmerasi, qual lattice elastico,
e rotola e balza oltre un salto drastico.

028 Sandslash, Topo. Ampiamente conosciuto
pel dorso a maglie lanceolate: a riccio
chiuder si puote, alto le squame e irsuto,
per rotolar rapido, alzar terriccio
turbando ‘l veder, parare ‘l temuto
assalto, pungere e sferrar massiccio
lo suo fendente con l’unghiate zampe
o ancor per scongiurar l’estive vampe.


1 – “costoni”: Rilievi rocciosi di montagna

Per qualsiasi commento, parere, domanda, curiosità si usi il topic Pokémon Index: Discussione Principale
 

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#6
029-031: Nidoran♀, Nidorina, Nidoqueen
029 Nidoran Femmina, Velenago. Ora
si veda la natural differenza
de l’uomo da la donna! La signora
di tal famiglia, bambina, ha prudenza
maggiore del compagno suo. È talora
sua pelle d’un pigmento con tendenza
alla viril tonalità, messaggio
ch’un figlio ha d’ambo i genitor retaggio1.

030 Nidorina, Velenago. Mansueta
fanciulla di sua specie, alla faccenda
domestica ben pronta: all’incompleta
mandibola dei piccoli fa ammenda
pei denti suoi2. Di castità repleta,
quando avviene ch’alfin d’amor s’accenda
cede ‘l cuor suo tutto al giovin ch’agogna
e mai ‘l deserta più, ch’è gran vergogna.

031 Nidoqueen, Pokémon Trapano. Mostra
pei cuccioli un sentire d’amor carco
e cura maggior, forse, de la nostra,
ché non l’annoia ‘l maternale incarco,
piuttosto in lor defesa ben dimostra
sua audacia: cuopre de la tana ‘l varco
all’avversaro e n’impedisce ‘l passo
anteponendo ‘l proprio al lor trapasso.

1 – “tendenza/ alla viril… retaggio”: La versione cromatica di Nidoran♀ è violacea, di un colore simile a quello della sua controparte maschile. Questa caratteristica è usata dall’autore, cinquecentesco, per avvalorare la teoria aristotelica secondo cui un figlio trae somiglianza da entrambi i genitori (ha d’ambo i genitor retaggio): è infatti generato dal padre a partire dal materiale biologico fornito dalla madre
2 – “all’incompleta… pei denti suoi”: Secondo il Pokédex di Pokémon Oro ed Oro Heart Gold, Nidorina “prima intenerisce il cibo masticandolo, poi lo sputa per i cuccioli”

032-034: Nidoran♂, Nidorino, Nidoking
032 Nidoran maschio, Velenago. Amaro
di fiele ha ‘l dardo in capo e titubanze
non ha d’usarlo, incauto e temeraro
come ogne bimbo. Infime risonanze
ode ‘l suo lobo in modo retto e chiaro,
rendendol conscio d’aspre circostanze.
Ben raramente assai, suo nido sfoggia
malo un puero d’effeminata foggia1.

033 Nidorino, Velenago. Sondate
le minacce d’intorno, lesto espande
gl’aghi dolenti e sfoga le sue irate
cariche ver l’intruso e scorribande.
Spronato, mosse lui le prime fiate
battaglia all’ombra e sì iniziò con grande
trionfo a svilupparse ‘l giuoco magno2.
Domato riesce un valido compagno.

034 Nidoking, Pokémon Trapano. Mastro
del corpo a corpo, schiaccia, abbatte, inforca
impietoso. Ogni ardire fàssi castro
di vincerlo: tremendo ‘l corno sporca
di morte3 ‘l sangue avverso, un gran pilastro
la coda qual col gran la falce corca
e stritolando altrui è di tal possa
da sbriciolar la spina4 e tutte l’ossa.

1 – “malo… foggia”: La versione cromatica di Nidoran♂ è azzurra, dalla tonalità affine a quella della femmina della sua specie. È detto malo, cioè “errato”, inferiore poiché nel XVI secolo l’uomo era considerato superiore alla donna e di conseguenza un uomo “effeminato” non aveva la stessa dignità degli altri
2 – “mosse lui… giuoco magno”: I primi giochi della serie principale, Pokémon Rosso, Verde e Blu, si aprono con un Nidorino che attacca un Gengar (Pokémon Ombra).
3 – “sporca/ di morte”: Avvelena
4 – “spina”: Spina dorsale

035-036: Clefairy, Clefable
035 Clefairy, Fata. Quando ‘l buon augurio
d’Artemide1 saluta in cielo pieno
rispóndegli esso fuor dal suo tugurio.
Privo d’ausilio uman, se all’aer sereno
move ‘l dito com’orbita Mercurio
fàssi capace d’un poter terreno
dal Fato eletto2. Docile e compìto,
ma ‘l topo a lui scelse ‘l campion fallito3.

036 Clefable, o Fata. Allor che la roccia
sacra alla ratta in terra primavera4,
Clefairy avvinto, éntragli in palmo, sboccia
mirabile l’incanto e tutta intera
muta la sua figura: su ogne goccia
puote saltar, in aere leggïera
libràndosi ed ode fin le comete
turbar sua profondissima quïete.

1 – “buon augurio/ d’Artemide”: La luna, simbolo della dea greca Artemide (ma non solo, come si può leggere nella nota 4)
2 – “move ‘l dito… eletto”: La mossa Metronomo, che solo Clefairy, insieme a Mew, imparava per livello nella prima generazione, fa utilizzare al Pokémon una mossa casuale (poter terreno dal Fato eletto) girando un dito in senso circolare (com’orbita Mercurio)
3 – “ma ‘l topo… fallito”: Inizialmente il Pokémon iniziale di Ash (il campion fallito) sarebbe dovuto essere Clefairy, ma successivamente gli sceneggiatori della serie animata hanno preferito assegnargli Pikachu (Pokémon Topo)
4 – “roccia… primavera”: È la Pietralunare, con cui Clefairy si evolve in Clefable. Nella mitologia greca la luna è associata, oltre che ad Artemide, anche alla dea Proserpina, che porta la primavera ed è stata rapita e condotta negli Inferi (ratta in terra) dal dio Ade

Sfida: le poesie dei due rami della famiglia Nido sono legate anche dal punto di vista formale. Come?
Per rispondere o per qualsiasi altro commento, parere, domanda, curiosità si usi il topic Pokémon Index: Discussione Principale
 

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#7
037-038: Vulpix, Ninetales
037 Vulpix, il cucciolo di Volpe. Come
l’adolescente sveste fior di pesco
l’albo pueril per rosarne le chiome
schiudendole1, similemente crescono
d’un sol nembo sei cirri di pome
scarlatte a far da coda. Pane fresco
è al tatto, ma là ov’ha nome Ke’oke’o2
è freddo e fiocca neve al suo cameo.

038 Ninetales, Volpe. Magnifica e dorata,
la veste de le membra sue mill’anni
aver può in sé di storia. Par dotata
ogne coda di sue virtù ed inganni,
tramàndasi anzi ch’esse sian rinata
forma di nove maghi e che condannino
chi osa violar tali pelli sacre,
per lui crudo rancor covando ed acre.

1 – “l’adolescente… schiudendole”: I fiori del pesco sono bianchi mentre ancora chiusi e divengono rosa sbocciando
2 – “Ke’oke’o”: È l’antico nome di Vulpix nella regione di Alola, secondo il Pokédex di Pokémon Sole

039-040: Jigglypuff, Wigglytuff
039 Jigglypuff, Pokémon Pallone. Rosa,
paffuto e da l’azzurre grandi rote,
come in un bimbo in lui dolcezza posa.
Ma inganna l’apparenza: le sue note,
più del suo viso, più d’una vezzosa
fanciulla tenere, empiono le vòte
degl’uditori orecchie e presto infonde
vago ‘l canto1 sonnolenze profonde.

040 Wigglytuff, Pallone. Söave e lieve
qual spuma donde nacque la divina
beltade2 ha ‘l vellutato manto: il breve
tatto d’esso sprigiona sopraffina
voglia d’eterne carezze. S’imbeve
entro sé d’aer da gir per la turchina
sfera di balzo in balzo e par che certi
di lor ponno assopirsi ad occhi aperti3.

1 – “canto”: È una delle mosse caratteristiche, anche se non esclusive, di Jigglypuff
2 – “qual spuma… beltade”: Come la spuma del mare da cui nacque Afrodite, dea greca della bellezza
3 – “certi… aperti”: Riferimento al Capitano Wigglytuff di Pokémon Mystery Dungeon: Esploratori del Tempo, dell’Oscurità e del Cielo

041-042: Zubat, Golbat
041 Zubat, Pokémon Pipistrello. Cresce
In luoghi avvolti d’ombra, quali grotte
o spogli casolar, da cui non esce
di giorno, ché l’ustiona ‘l sol. Di notte
ad orientarsi e svolazzar riesce
per gli ultrasuoni orali suoi. Prodotte
a oltranza son fiale di repellenti
per Pokémon come questo invadenti.

042 Golbat, detto Pipistrello anche lui.
Di recente l’orrida lingua intinta
di bava lercia non par mostri altrui1.
Lo sangue suga alla vittima, vinta
di soppiatto, alle spalle e in luoghi bui,
bevendone fin più di mezza pinta.
Talvolta sì ne ricolma la gola
che non si regge e goffamente vola.

1 – “Di recente… altrui”: Negli sprites di Pokémon Rosso e Blu, Golbat aveva una lingua lunga e sporgente che nei giochi più nuovi (Di recente) non è più riapparsa

043-045: Oddish, Gloom, Vileplume
043 Oddish, o altresì Pokémon Malerba,
benché Oddium Viandantis1 s’appelli in gergo,
ché per sue radi a zampa si riserba
di gir vagando e trovar poscia albergo
ne l’humus interrandosi. Mai l’erba
tirargli all’aer mostrando l’atro usbergo,
ch’ei costernato d’infantil lamento
griderà all’estrattore ‘l suo memento2!

044 Gloom, Malerba. La bava nauseabonda
svélasi al gusto e al tatto dolce miele
caro agl’insetti, ma più ancor immonda
zaffata sa far Gloom s’amplia quai vele
le maculate chiome, allor che sonda
guai imminenti e sparge e polve e fiele
e spore3 ad ogne allenator ch’affronti.
Chi ‘l vuol vincere abbia rimedi pronti.

045 Vileplume, Pokémon Fiore. Nullo stelo
più gran cappuccio avrà di quel ch’avvolve
Vileplume. Quand’esso sboccia e leva al cielo
il suo saluto, in aere si dissolve,
sulfureo d’atti e di color, un velo
d’anchilosante4 pollin; sì resolve
per ammansir sua preda e farne pasto.
Niun tocchi ‘l fior suo, per quanto sia casto!

1 – “Oddium Viandantis”: Nome scientifico di Oddish secondo il Pokédex di Pokémon Rosso Fuoco ed Y
2 – “memento”: Presagio di morte, dalla frase latina “memento mori”, “ricordati che devi morire”.
3 – “e polve e fiele e spore”: Paralizzante, Velenpolvere e Sonnifero, tre mosse di stato tipiche di alcuni Pokémon di tipo Erba e Coleottero
4 – “sulfureo d’atti… pollin”: Polline diabolico (sulfureo d’atti, in quanto lo zolfo nella tradizione cristiana è associato al diavolo), giallo (del colore dello zolfo) e paralizzante (anchilosante)

Per qualsiasi commento, parere, domanda, curiosità si usi il topic Pokémon Index: Discussione Principale
 

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#8
046-047: Paras, Parasect
046 Paras, Pokémon Fungo. Nasce nudo
sparso di spore ‘l dorso d’altra vita:
compagno al Paras cresce acerbo e crudo
di Tochukaso un paio parassita.
Se di lor polve ‘l primo si fa scudo,
per lui i secondi con brama accanita
placan la fame. Pur vivendo a scrocco
l’uman vita amplian essi in uno schiocco.

047 Parasect, Fungo. Del suo arbitrio sire,
hostis pro hospite1 svìagli ‘l volere
l’alloggiato micelio2: sempre a dire
egli è al suo servo ciò ch’è in suo dovere.
E pronto è Parasect ad obbedire,
a spolpare fin dov’è in suo potere
radici per di linfa dissetare
lo suo signore ed alberi infestare.

1 – “hostis pro hospite”: Da nemico invece che da ospite. Espressione tratta da Tito Livio
2 – “micelio”: Fungo

048-049: Venonat, Venomoth
048 Venonat, o anche Pokémon Insetto.
Quale ‘l lampon da chicchi rossi accosti
è fatto ed ha dei cicchi forma e aspetto,
tai di Venonat gli occhi son composti
d’infime parti identiche rispetto
l’una a l’altra, ch’infisse ai loro posti
forman di vista organi a loro eguali
ma tuttavia più grandi e funzionali.

049 Venomoth, il Pokémon Velentarma.
Lascia cader da l’ali, quand’è in volo,
tossica polve: se chiara disarma
e stende l’inabil vittima al suolo,
se scura è la sua più mortifera arma,
ché intossica la preda e di gran duolo
perir la fa. Gl’insetti in pancia duce1
ch’avvista presso una fonte di luce.

1 – “duce”: Conduce

050-051: Diglett, Dugtrio
050 Diglett, Talpa. Sì poco è grossa e spessa
sua pelle che gl’accalda ‘l sangue ‘l sole,
ergo popola d’Onix la dismessa
tana o da sé ne scava d’una mole
tale d’esser carrabil1. La sconnessa
terra, sua scia, ottimizza campi e aiuole
per la semina. Come sia l’intero
suo corpore rimane un gran mistero2.

051 Dugtrio, Pokémon Talpa. Maraviglia
capirne l’evoluzion trinitaria!
Come un sol corpo agisce la famiglia
e testa madre e figlie a mineraria
occupazion si dan, cinquanta miglia
e più sotterra andando. Tanto varia
sua specie ch’esibisce, altrove al mondo,
fluente, a tripla piega3, un ciuffo biondo.

1 – “d’una mole… carrabil”: La Grotta Diglett a Kanto ed il Tunnel Diglett ad Alola sono visibilmente larghi abbastanza da essere percorsi con mezzi di trasporto
2 – “Come sia… mistero”: Non si è mai vista alcuna parte del corpo di Diglett al di sotto della testa, in nessuna occasione
3 – “tripla piega”: Le capigliature della forma Alola di Dugtrio sono diverse per ogni testa

052-053: Meowth, Persian
052 Meowth, Pokémon Graffimiao. S’inurba
nei larghi borghi o raminga randagio
l’erbose valli. Nullo animal tùrbalo
fuorché ‘l corvo1: entrambi in lor retagio
aman gioie e dramme2 che l’uman turba
relinque e talor rùbansele. Adagio,
con mirabil pazïenza, matura
in sé talor nostra lingua e postura3.

053 Persian, Pokémon Nobilgatto. Egregio
lenzuolo albéggiagli le carni elette,
lussuoso vanto adornato d'un regio
rubin frontale. Plebi e corti affette
dal suo fatale fascino ha in dispregio
e artiglia e azzanna dita ver lui rette
che non sian del padrone, aristocratico
ver noi com'è ver l'animal salvatico.

1 – “corvo”: Murkrow, ispirato ad un corvo
2 – “gioie e dramme”: Giolielli e monete (le dramme, o dracme, erano monete della Grecia antica)
3 – “Adagio… postura”: Il Meowth del Team Rocket, nella serie animata, ha imparato da sé a camminare su due zampe e parlare la lingua degli uomini

Per qualsiasi commento, parere, domanda, curiosità si usi il topic Pokémon Index: Discussione Principale