Femminismo

Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
Tenete conto comunque di una cosa: la politica non è un mestiere a cui le donne pensano/aspirano così facilmente, come tanti altri lavori: io possiedo anche le abilitazioni di insegnante di teoria e istruttore di guida, e ben poche altre donne ce l'hanno. Sì, sono esistite società matriarcali, ma oggigiorno siamo su un mondo totalmente differente.

Un altro fattore a cui si dà troppa poca importanza è la predisposizione al comando (ovviamente il comando fatto bene). La donna non è geneticamente, prima ancora che socialmente, adatta. 

Non si può pertanto fare un discorso di quote. I numeri non contano nulla. Contano le singole persone, a prescindere dal sesso.
 
Ultima modifica di un moderatore:

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
Visto che la discussione ha ripreso i binari giusti rispondo.

Ciò che dici è legittimo, ma evidentemente non ti è chiaro che senza le quote rosa gli uomini non sarebbero "forse" di più, ma sarebbero necessariamente di più, impedendo una maggior competenza in parlamento nel caso in cui le donne siano più competenti. Quindi il tuo esempio vale anche al contrario.

Di conseguenza se la cosa fosse al contrario (la competenza dico) sarebbe ingiusto impedire alle donne di essere più numerose. E le quote rosa servono proprio per permettere alle donne di essere un certo numero. Esempio: senza la quote rosa le donne sarebbero mettiamo il 10%. Mettiamo che su 100 donne 40 siano intelligenti, 30 così così e 30 stupide. Mettiamo che per gli uomini la percentuale sia la medesima: senza le quote rosa, entrerebbero in parlamento, se il popolo sceglie bene, i 40 uomini intelligenti e i 30 così così e 20 uomini stupidi assieme a 10 donne intelligenti. Totale: 50 persone intelligenti e 30 stupide. Con le quote rosa entrerebbero invece: 40 uomini intelligenti, 10 uomini così così, 40 donne intelligenti e 10 donne così così. Totale: 80 persone intelligenti e 0 stupide.

Non solo. Ipotizziamo che il popolo scelga male: entrerebbero 30 uomini stupidi, 30 uomini così così, 30 uomini intelligenti e 10 donne stupide. Con le quote rosa, entrerebbero 15 uomini stupidi, 15 così così e 20 uomini intelligenti, assieme a 15 donne stupide, 15 così così e 20 intelligenti. A fronte di una maggiore competenza (40 a 30, ma ti concedo che con esempi più intermedi la percentuale diventerebbe probabilmente la medesima) e dello stesso numero di persone così così (30) si darebbe la possibilità anche alle donne di essere rappresentate, come ho detto senza alcuna perdita di competenze medie. 
Perché senza le quote rosa secondo te non potrebbero essere elette delle donne scusa?

Se il problema è la mentalità della società, allora piuttosto che insistere sulle quote rosa, che come hanno detto in molti non sono una soluzione definitiva, bisognerebbe mobilitare l'opinione pubblica per cambiare quella mentalità.

Se si parte dal presupposto di vivere in una società civilizzata, le quote rosa hanno come unica conseguenza quella di precludere uomini competenti dal loro lavoro. Il problema di fondo qui non è garantire i posti in politica alle donne, perché appunto potrebbero implicare un'esclusione di uomini più competenti, ma fare in modo che il sesso non sia una discriminante nell'elezione di candidati per qualsiasi posto lavorativo. In questo modo ci saranno sempre le migliori persone a coprire le giuste cariche.
 

Rekhyt

Zoidberg
Visto che la discussione ha ripreso i binari giusti rispondo.

Ciò che dici è legittimo, ma evidentemente non ti è chiaro che senza le quote rosa gli uomini non sarebbero "forse" di più, ma sarebbero necessariamente di più, impedendo una maggior competenza in parlamento nel caso in cui le donne siano più competenti. Quindi il tuo esempio vale anche al contrario.

Sarebbero necessariamente di più forse perché sono semplicemente più i candidati di sesso maschile; se le donne competenti fossero più numerose degli uomini competenti, non vedo perché non dovrebbero essere votate. Il mio esempio non vale al contrario semplicemente perché le "quote blu" non esistono: una maggior presenza di uomini viene garantita soltanto dalla competenza (provata o presunta) dei suddetti.

Di conseguenza se la cosa fosse al contrario (la competenza dico) sarebbe ingiusto impedire alle donne di essere più numerose. E le quote rosa servono proprio per permettere alle donne di essere un certo numero. Esempio: senza la quote rosa le donne sarebbero mettiamo il 10%. Mettiamo che su 100 donne 40 siano intelligenti, 30 così così e 30 stupide. Mettiamo che per gli uomini la percentuale sia la medesima: senza le quote rosa, entrerebbero in parlamento, se il popolo sceglie bene, i 40 uomini intelligenti e i 30 così così e 20 uomini stupidi assieme a 10 donne intelligenti. Totale: 50 persone intelligenti e 30 stupide. Con le quote rosa entrerebbero invece: 40 uomini intelligenti, 10 uomini così così, 40 donne intelligenti e 10 donne così così. Totale: 80 persone intelligenti e 0 stupide.

Di nuovo: l'assenza delle quote rose non impedirebbe alle donne di essere più numerose. Dal tuo esempio sembra che senza quote rose il popolo sia obbligato a votare solo gli uomini e le donne siano relegate ai posti che avanzano: non è così. Senza quote rose, le donne possono essere votate allo stesso modo. Semplicemente, non viene loro garantito un numero fisso di posti (come non viene garantito agli uomini adesso): se infatti le donne competenti fossero in minor numero rispetto ai posti a loro garantiti, allora si impedirebbe una maggior competenza in parlamento. 

Non solo. Ipotizziamo che il popolo scelga male: entrerebbero 30 uomini stupidi, 30 uomini così così, 30 uomini intelligenti e 10 donne stupide. Con le quote rosa, entrerebbero 15 uomini stupidi, 15 così così e 20 uomini intelligenti, assieme a 15 donne stupide, 15 così così e 20 intelligenti. A fronte di una maggiore competenza (40 a 30, ma ti concedo che con esempi più intermedi la percentuale diventerebbe probabilmente la medesima) e dello stesso numero di persone così così (30) si darebbe la possibilità anche alle donne di essere rappresentate, come ho detto senza alcuna perdita di competenze medie. 

Questo non ha senso. Se il popolo vota male, lo fa a prescindere dalla presneza di quote rosa o meno. Il mio esempio numerico era solo volto a "confutare" quello all'inizio dell'articolo linkato dalla tua amica, dimostrando che non per forza le quote rosa assicurano una maggior competenza. E di nuovo: anche senza quote rosa, il popolo potrebbe votare le donne. Inoltre il tuo esempio non regge perché (matematicamente) se il popolo è obbligato a scegliere lo stesso numero di elementi da due insiemi e in entrambi i casi sceglie male, semplicemente prenderebbe il peggio dai due insiemi. Rimuovere quest'obbligo darebbe almeno la possibilità che, scegliendo più uomini (o più donne, ovviamente: il discorso funzionerebbe lo stesso, ma come ripeto non ci sono "quote blu" e quindi semplicemente non c'entra), aumenti la probabilità che ci sia anche qualche candidato competente. 
Come ha detto Carma, inoltre, bisogna tener conto anche di quanti siano i candidati di sesso maschile e femminile. Se vengono elette meno donne probabilmente è semplicemente perché ci sono meno candidate che candidati. 
 

Nell

Zoidberg
Ciao, ho citato solo la parte che m'interessa; ammetto di aver letto di sfuggita il commento, ma spero potrai perdonatemi data l'ora (rimedierò domani). Su tutte le altre tue osservazioni comunque sono pienamente d'accordo, specialmente per quanto riguarda la mercificazione del corpo femminile; su questa, però, vorrei fare un piccolo appunto. 

È giusto che alle donne venga concesso di entrare in politica, e credo che questo non sia opinabile da nessuno. Però, dal momento in cui a donne e uomini viene concesso questo diritto, obbligare a scegliere un minimo numero di donne diventa un'imposizione, perché alle donne di fatto viene già garantito il diritto di poter essere votate.  

Dell'articolo che hai linkato ho letto solamente l'inizio, perché avevo un esempio in mente e i primi paragrafi me l'hanno praticamente confermato, domani comunque lo leggerò tutto: supponiamo che ci siano dieci uomini e dieci donne. 

Se dei dieci uomini sette valgono 90/100, due 80/100 e uno 20/100, e delle donne sette valgono 70/100, due 60/100 e una 30/100 è ingiusto che vengano scelti ad esempio cinque uomini e cinque donne: dovrebbe venire scelto il meglio, che si può votare solamente garantendo a tutti il diritto di ESSERE VOTATI, ma lasciando poi libere le votazioni; questo per rispondere all'esempio delle palline all'inizio del tuo articolo.

Mi scuso per eventuali errori, come ho già detto è tardi e sono piuttosto stanco, spero di essermi espresso abbastanza chiaramente. Domani sarò felice di approfondire la questione. 
Come potrai vedere nell'articolo, penso anch'io che le quote rosa, che costringono a scegliere metà e metà non siano la cosa migliore, ho proposto soluzioni che permettano semplicemente di scegliere il meglio dei lavoratori offerti, uomini e donne che siano, senza che le donne siano discriminate a causa del fatto che potrebbero entrare in maternità (che oggi è il principale motivo per cui sono discriminate).
 

Nell

Zoidberg
Tenete conto comunque di una cosa: la politica non è un mestiere a cui le donne pensano/aspirano così facilmente, come tanti altri lavori: io possiedo anche le abilitazioni di insegnante di teoria e istruttore di guida, e ben poche altre donne ce l'hanno. Sì, sono esistite società matriarcali, ma oggigiorno siamo su un mondo totalmente differente.

Un altro fattore a cui si dà troppa poca importanza è la predisposizione al comando (ovviamente il comando fatto bene). La donna non è geneticamente, prima ancora che socialmente, adatta. 

Non si può pertanto fare un discorso di quote. I numeri non contano nulla. Contano le singole persone, a prescindere dal sesso.
Scusa, in base a cosa dici che le donne non sono predisposte al comando? Socialmente magari no, ma geneticamente, perché?

Nella statistica, pare che addirittura le imprese gestite da donne vadano in media un po' meglio http://www.crif.it/News/Comunicati-stampa/Pages/Le-imprese-più-affidabili-sono-gestite-da-donne.aspx

(linko un articolo tra i primi trovati, ma varie ricerche in diversi luoghi del mondo sembrano indicare questa tendenza). E anche negli stati gestiti da donne, considerato come andavano prima e come dopo, non mi pare che siano andate così tanto male (la Germania è la nazione più ricca d'europa, per dire, e nell'ultimo decennio in cui ha avuto alla guida una donna non ha fatto che crescere).

è vero che nella storia gli uomini hanno comandato, ma questo non rende l'uomo nei fatti più geneticamente predisposto. Prima di tutto, perchè di re e comandanti ce n'erano pochi, la maggioranza di uomini e donne nella storia erano schiavi, servi, contadini o soldati, e i pochi che hanno comandato (molti uccisi prima di riuscire a riprodursi peraltro) non bastano a imprimere all'uomo in quanto tale una predisposizione genetica al comando.

Senza contare che poi la teoria della selezione naturale vuole che ogni individuo passi i suoi geni agli eredi, maschi e femmine, quindi pure se volessimo tener conto della genetica dovremmo considerare che i geni di un buon politico siano passati alla sua discendenza tanto femminile quanto maschile, non è che le donne discendano da altre donne e gli uomini da altri uomini :) Non riesco proprio a capire la logica della frase "non sono geniticamente predisposte al comando".

Semmai, è vero che non lo sono culturalmente, perchè la cultura ci spinge a fomentare l'idea della donna sottomessa e buona solo per le faccende domestiche. Cerchiamo di smontare questa sciocchezza, invece di continuare ad avvalorarla.
 

Awake☆

Through the distorted lenses I found a cure
Che senso ha continuare a battersi per il femminismo se poi basta farsi un giro in discoteca o su qualche social network per vedere ragazze mezze nude mettere in mostra tutto il loro ben di dio APPOSITAMENTE per attrarre l'attenzione degli uomini, e con quale facilitá poi..

Voglio dire , se non é la donna in primis a scegliere di  smettere di vendere il proprio corpo per cosí poco allora chi dovrebbe farlo?
 
Ultima modifica di un moderatore:

Awake☆

Through the distorted lenses I found a cure
Non tutte, certo che no, ma una bella fetta sí, abbastanza per rendere inutili tutte quelle belle cause sul riscatto della figura femminile nella societá che altre donne si impegnano giustamente a portare avanti.
 

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
Non lo mettono in mostra per questo. Non che io sappia almeno.
Non so che tipo di ragazze da discoteca tu abbia conosciuto, ma quello è il modello medio delle ragazze che ci trovi.

E considerando che sei di La Spezia direi che le avventure di tuo concittadino non fanno che supportare, e di brutto, questa tesi. Ed è con gente simile che dovresti parlare, perché finché esiste qualcuno che ritiene seriamente che the red pill sia la Bibbia e basa la sua vita su AWATS, parlare di quote rosa in politica è ridicolo.
 

Paolo Urraci

Zoidberg
A parte il fatto che io in discoteca non ci sono mai andato, ma da quel che so le donne che mostrato il corpo lo fanno perché condizionate dalla società a fare così, lo fanno in maniera quasi meccanica, per far godere l'uomo, non certo sé stesse.
 

Nell

Zoidberg
Che senso ha continuare a battersi per il femminismo se poi basta farsi un giro in discoteca o su qualche social network per vedere ragazze mezze nude mettere in mostra tutto il loro ben di dio APPOSITAMENTE per attrarre l'attenzione degli uomini, e con quale facilitá poi..

Voglio dire , se non é la donna in primis a scegliere di  smettere di vendere il proprio corpo per cosí poco allora chi dovrebbe farlo?
Tu prova a guardare un po' di programmi o pubblicità destinati non solo alle donne, ma anche alle ragazzine o bambine: tutto spinge a essere stupide, frivole, sexy in modo volgare, a umiliarsi e avere bisogno di approvazione per la loro bellezza insomma.

Io penso che questo sia proprio uno dei problemi maggiori della nostra società, lo dico non tanto per me stessa che ormai sono abbastanza grande ma pensando a eventuali figlie che potrei avere. C'è una specie di lavaggio del cervello per far diventare tutte così, e sono femminista proprio perché penso che questa cosa vada combattuta.

Finchè hanno fin da piccole come modelli, sia in tv che per strada, altre donne che si umiliano, e finché anche gli uomini continuano a preferire quel genere di ragazza, va da se che sarà così. Purtroppo riconosco che anche molte femministe sembrano lottare a favore di questa "libertà" di farsi trattare come bamboline scopabili, cosa che mi spinge a prendere le distanze da un certo tipo di femminismo.
 

Paolo Urraci

Zoidberg
Purtroppo riconosco che anche molte femministe sembrano lottare a favore di questa "libertà" di farsi trattare come bamboline scopabili, cosa che mi spinge a prendere le distanze da un certo tipo di femminismo.
Non mi pare che le femministe favorevoli alla sessualizzazione siano favorevoli anche alla schiavitù dal sesso intesa come modello sociale.

Poi se sbaglio correggimi.
 

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
A parte il fatto che io in discoteca non ci sono mai andato, ma da quel che so le donne che mostrato il corpo lo fanno perché condizionate dalla società a fare così, lo fanno in maniera quasi meccanica, per far godere l'uomo, non certo sé stesse.
E qui ti sbagli moltissimo. Lo fanno perché pensano che la loro felicità derivi dal farsi il ragazzo più figo della discoteca. Non mi venire a dire che è tutta colpa degli uomini se ci sono le ragazzine bacate che non accendono il cervello per 10 secondi al giorno per capire che stanno buttando via la loro vita a fare l'equivalente di zoccolette a quindici anni.

Tu prova a guardare un po' di programmi o pubblicità destinati non solo alle donne, ma anche alle ragazzine o bambine: tutto spinge a essere stupide, frivole, sexy in modo volgare, a umiliarsi e avere bisogno di approvazione per la loro bellezza insomma.

Io penso che questo sia proprio uno dei problemi maggiori della nostra società, lo dico non tanto per me stessa che ormai sono abbastanza grande ma pensando a eventuali figlie che potrei avere. C'è una specie di lavaggio del cervello per far diventare tutte così, e sono femminista proprio perché penso che questa cosa vada combattuta.

Finchè hanno fin da piccole come modelli, sia in tv che per strada, altre donne che si umiliano, e finché anche gli uomini continuano a preferire quel genere di ragazza, va da se che sarà così. Purtroppo riconosco che anche molte femministe sembrano lottare a favore di questa "libertà" di farsi trattare come bamboline scopabili, cosa che mi spinge a prendere le distanze da un certo tipo di femminismo.
Che è uno dei motivi per cui la TV sarà abolita nella mia futura casa. Ora, indubbiamente ci sono certi stereotipi ben radicati nella società, ma esistono anche modi per cercare di limitare le loro influenze. Il fatto è che è molto più comodo seguire la massa che accendere il cervello, quindi teniamo accesa la TV e guardiamo l'ennesimo talk show presentato dall'ennesima tizia mezza nuda.
 

Massi_TH

Lone Digger
A parte il fatto che io in discoteca non ci sono mai andato, ma da quel che so le donne che mostrato il corpo lo fanno perché condizionate dalla società a fare così, lo fanno in maniera quasi meccanica, per far godere l'uomo, non certo sé stesse.
Parli come se fossero obbligate a vestirsi in una certa maniera e non loro che vogliono vestirsi così, appunto come se non avessero una volontà propria e facessero sol il bene degli uomini. Non è forse sessista questo ragionamento? Al contrario si potrebbe dire che le donne siano streghe ammaliatrici e gli uomini le vittime ma sarebbe anche questo sessista.

E' ovvio che i canoni della società impongano le donne a vestirsi in una maniera quanto gli uomini in un altra, che poi le donne si trucchino e gli uomini mettano solo gel nei capelli non ha importanza. Un uomo che non cura il proprio corpo più di altri equivale a una donna che cura poco il proprio corpo rispetto alle altre. Però per me le donne possono continuare ad abbellirsi più degli uomini, non è questo il problema. Il problema è che per diversi motivi la donna viene ritenuta inferiore ma non perché si abbellisce di più ma perché viene sessualizzata più dell'uomo, e di conseguenza sono messe in ombra le qualità dell'individuo che hanno eguali potenzialità per uomo e donna. L'adattabilità al comando o al servilismo sono dettate dalla cultura e dall'istruzione dell'individuo e non dal sesso. La TV è colpevole in quanto massimizza l'importanza della figura estetica attraverso i programmi televisivi che mostrano uomini e donne in determinate maniere.

Riprendendo il discorso delle quote rosa, perché non avere 100 individui intelligenti? Che siano 100 uomini o 100 donne non ha una reale importanza se non appunto per discutere di diritti come la gravidanza che è una prerogativa delle donne.

In definitiva penso non ci siano differenze tra uomo e donna per ciò che non concerne il fisico e l'istinto, le altre differenze sono dettate dalla società e tutti dovrebbero godere di eguali diritti in quanto esseri umani e non essere divisi in uomini e donna in egual misura, che secondo me è la cosa più sessista che si possa fare.
 

Paolo Urraci

Zoidberg
Parli come se fossero obbligate a vestirsi in una certa maniera e non loro che vogliono vestirsi così, appunto come se non avessero una volontà propria e facessero sol il bene degli uomini. Non è forse sessista questo ragionamento?
Non è sessista. E' tragico. Proprio per questo ritengo così importante il femminismo.

Poi sia chiaro, non dico che siano delle imbecilli complete, ma che si lasciano condizionare purtroppo sì.
 

Massi_TH

Lone Digger
Poi sia chiaro, non dico che siano delle imbecilli complete, ma che si lasciano condizionare purtroppo sì.
Appunto loro non sono imbecilli e neanche superiori ai maschi, semplicemente sono condizionate da pessimi canoni, a cui sono sottoposti anche i maschi, tant'è che tutti, maschi o fmmine, riteniamo normale si concino in una certa maniera.
 

Paolo Urraci

Zoidberg
Concordo. Ma da questo a dire che siano delle troie tutte quelle che vanno in discoteca la strada è lunga.

Se sono condizionate vanno aiutate, non discriminate ulteriormente.
 
Ultima modifica di un moderatore:

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
Sì, ma non è che se pigli una di quelle tizie che stavano in discoteca ad ubriacarsi fino alla sera prima e le butti in politica al posto di un uomo competente per le quote rosa ottieni il tuo risultato, eh...

Non ho capito a cosa ti riferissi con la discriminazione, ma quanto detto per le tipe in discoteca non è una discriminazione, è la realtà dei fatti. In discoteca si va per cuccare una tipa da una botta e via. Poi certo, c'è anche chi ci va solo per divertirsi e ben venga, ma principalmente si fa quello.
 

Nell

Zoidberg
Secondo me è che quando si fanno trattare da troie vengono incentivate, nel senso che la gente da loro attenzione e si sentono stimate, mentre nessuno dice loro "guarda, non è stima, ti stanno solo usando, non sei ribelle o figa, ti fai solo trattare da troia". Sono premiate in fatto di apprezzamento solo se sono belle e sessualmente disponibili, non se sono intelligenti e se si impegnano in cose serie.
 

Massi_TH

Lone Digger
Ciò nel momento in cui si pensa che tutte le donne siano sottomesse dalla società, quando invece io credo che alle ragazze convenga fare le troie o meglio dire "essere sessualmente disponibili" nello stesso modo dei maschi che vanno a rimorchiare, tutto ciò nelle discoteche.

Cioè fammi capire per te tutte le donne vanno in discoteca e tutti gli uomini fanno politica?
Intende dire che chi va in discoteca va a fare la troia ovvero cerca dei rapporti, che sia maschio i femmina. Se ci pensi le ragazze "fanno le troie" e i ragazzi "fanno i fighi", ma non fanno altro che rendersi disponibili per delle relazioni. Il problema sta nel ritenere le ragazze troie a prescindere. Un ragazzo che fa il figo in discoteca magari fuori viene considerato serio e impegnato, mentre la ragazza che va in discoteca puttana a prescindere, questo è sbagliato.

Nonostante i ragazzi cerchino di conquistare "dominare" le ragazze nello stesso modo in cui le ragazze cercano un ragazzo alla stessa maniera alla società appare lei sottomessa e lui dominatore per dei canoni balordi.
 

Nell

Zoidberg
Io non vedo il guadagno per loro, insomma se volessero sesso e basta non avrebbero bisogno di umiliarsi a vestirsi in modo da far vedere il culo a tutti nè di andare in posti dove trovano sconosciuti che potrebbero pure far loro cose che non piacciono, essendo più forti fisicamente. Penso che sia più un bisogno di essere accettate o forse qualcuna crede che così troverà qualcuno che dopo averla usata ci vuole anche stare insieme...

Penso che lei appaia sottomessa perché al 99% lo è: la donna deve esaudire le fantasie sessuali di lui (le pratiche sessuali più praticate sono in genere quelle in cui lei è sottomessa e non gode, e talvolta soffre pure), e deve essere curata e perfetta mentre lui no... può piacere solo a una sottomessa. Io credo che lo accettino il più delle volte perché pensano che così sono più apprezzate.
 

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
Penso che qui qualcuno stia veramente confondendo 50 sfumature di grigio con la realtà...

Ma quali cavolo sono le statistiche che dicono che nel sesso la donna si fa sottomettere dall'uomo e non prova piacere? Per favore, portami delle fonti certificate, oppure evitiamo di continuare su questa strada...

(posto che comunque farsi sottomettere non implica assolutamente che non si possa provare piacere, eh...)
 

Nell

Zoidberg
Le pratiche sessuali più usate sono quelle in cui la donna è sottomessa (orale, anale), gode se le piace esserlo ma fisicamente non danno piacere a lei e possono facilmente dare dolore; per trovare pratiche in cui sia sottomesso l'uomo bisogna cercare pochissime persone in ambienti appositi. Mi riferisco a questo.

O anche il fatto che per essere considerate decenti le donne debbano spendere molti soldi e farsi diverse "torture", mentre gli uomini non solo non devono farlo ma chi volesse curarsi per essere più sexy sarebbe preso per culo... Sono differenze abbastanza pronunciate. Quasi tutte le accettano perché anche loro sono abituate a pensare che sia giusto così, ma secondo me comunque non c'è lo stesso interesse al sesso con questi presupposti, poi posso anche sbagliarmi. Io la vedo così.
 
Ultima modifica di un moderatore:

Rekhyt

Zoidberg
Un piccolo appunto: non confondiamo l'immaginario collettivo con una costrizione psicologica. Ho detto di essere d'accordo per quanto riguarda il tema della mercificazione della donna, nel senso che secondo me ormai si sta svalutando sempre di più (soprattutto nel mondo televisivo e cinematografico) il gentil sesso a favore di una sua rappresentazione basata puramente sull'aspetto estetico e, spesso, di natura implicitamente sessuale. 

Ma il discorso delle ragazze in discoteca è secondo me esagerato: se una ragazza va in discoteca e si atteggia in un certo modo di certo non è perché sente un'imposizione da parte della società e vuole essere apprezzata, semplicemente le va di fare così. Chiunque vada in discoteca a rimorchiare non lo fa per essere stimato, ma per vivere "avventure da una notte" (per non scadere nel volgare); secondo voi davvero le ragazze che lo fanno pensano che saranno apprezzate e stimate per quello? Non penso siano così stupide, se lo fanno è perché vogliono, così come per gli uomini che si comportano allo stesso modo, e in questo non vedo discriminazione.

A parte il fatto che io in discoteca non ci sono mai andato, ma da quel che so le donne che mostrato il corpo lo fanno perché condizionate dalla società a fare così, lo fanno in maniera quasi meccanica, per far godere l'uomo, non certo sé stesse.
Secondo me, in realtà, può essere più sessista questo discorso: perché bisogna dare per scontato che una donna che mostri o usi in un certo modo il proprio corpo lo faccia "per far godere l'uomo", come se non avesse una propria volontà? Impedir loro di comportarsi come avete detto è di fatto un'imposizione, se a voi non va bene che una donna si diverta in discoteca piuttosto che candidarsi in politica è un problema vostro. 

Per i vestiti: la moda è esistita da sempre, e prima della "massa" ci sono le persone. Io, come una qualsiasi donna, posso decidere come vestirmi, e non è detto che se seguo la moda lo faccio perché condizionato e bisognoso di essere liberato. 

EDIT: per quanto riguarda le pratiche sessuali: il sesso orale non mi sembra assolutamente un esempio calzante, in quanto può essere praticato da ambo i sessi. Per il sesso anale, vorrei comunque ricordare che si è in due a farlo, dunque la donna dev'essere consenziente; se lei vuole, dov'è il problema? In caso dica di no, si chiama stupro ed è fortunatamente punito dalla legge. 
 
Ultima modifica di un moderatore:

Not

The sighting is a portent of doom
Tu prova a guardare un po' di programmi o pubblicità destinati non solo alle donne, ma anche alle ragazzine o bambine: tutto spinge a essere stupide, frivole, sexy in modo volgare, a umiliarsi e avere bisogno di approvazione per la loro bellezza insomma.

Io penso che questo sia proprio uno dei problemi maggiori della nostra società, lo dico non tanto per me stessa che ormai sono abbastanza grande ma pensando a eventuali figlie che potrei avere. C'è una specie di lavaggio del cervello per far diventare tutte così, e sono femminista proprio perché penso che questa cosa vada combattuta.
Oh mio dio la tv é il demonio! Fa il lavaggio del cervello 111!!11! Hai una così bassa considerazione delle donne, che ritieni che le ragazze siano così stupide da farsi "influenzare" dalle sciocchezze che vedono in tv? Pensi che una ragazza che vede una cantante/attrice/modella e un giorno decide di vestirsi come lei sia una gallina senza cervello condizionata dai media ? Secondo me con questi commenti insulti il tuo stesso sesso.

Io non vedo il guadagno per loro, insomma se volessero sesso e basta non avrebbero bisogno di umiliarsi a vestirsi in modo da far vedere il culo a tutti nè di andare in posti dove trovano sconosciuti che potrebbero pure far loro cose che non piacciono, essendo più forti fisicamente. Penso che sia più un bisogno di essere accettate o forse qualcuna crede che così troverà qualcuno che dopo averla usata ci vuole anche stare insieme...

Penso che lei appaia sottomessa perché al 99% lo è: la donna deve esaudire le fantasie sessuali di lui (le pratiche sessuali più praticate sono in genere quelle in cui lei è sottomessa e non gode, e talvolta soffre pure), e deve essere curata e perfetta mentre lui no... può piacere solo a una sottomessa. Io credo che lo accettino il più delle volte perché pensano che così sono più apprezzate.
Ci sei mai stata in discoteca ? Guarda che non ci sono ragazze con tacchi a spillo da 20 cm e minigonne inguinali come le prostitute per strada. Ci sono ragazze normalissime e nessuna di queste si sente costretta o umiliata a truccarsi un po' e mettersi un paio di jeans aderenti o un vestito. Semplicemente una ragazza che si veste in modo succinto, é in cerca d'attenzioni e le piace essere notata. Così come il tipo palestrato con la magliettina aderente. Volersi fare notare non significa essere troie in cerca di sesso.

Per quanto riguarda i rapporti sessuali, nulla da aggiungre. Ha detto tutto Dany.
 

CiaobyDany

Pokémon Selvaggi Intensifies
Wiki
Le pratiche sessuali più usate sono quelle in cui la donna è sottomessa (orale, anale), gode se le piace esserlo ma fisicamente non danno piacere a lei e possono facilmente dare dolore; per trovare pratiche in cui sia sottomesso l'uomo bisogna cercare pochissime persone in ambienti appositi. Mi riferisco a questo.

O anche il fatto che per essere considerate decenti le donne debbano spendere molti soldi e farsi diverse "torture", mentre gli uomini non solo non devono farlo ma chi volesse curarsi per essere più sexy sarebbe preso per culo... Sono differenze abbastanza pronunciate. Quasi tutte le accettano perché anche loro sono abituate a pensare che sia giusto così, ma secondo me comunque non c'è lo stesso interesse al sesso con questi presupposti, poi posso anche sbagliarmi. Io la vedo così.
"più usate". Ripeto: fonti, o si parla di aria fritta. Per quanto riguarda l'orale, come detto da Rekhyt è decisamente una pratica usata da ambo i sessi, quindi o anche l'uomo si fa "sottomettere senza provare piacere", oppure, ma questa è ovviamente una eventualità molto più remota, può piacere far godere il partner senza ricevere nulla in cambio (nel breve termine almeno, perché tendenzialmente ci si alterna).

Ora, non sono questo grande esperto di anatomia femminile, ma credo che il sesso anale si effettui perché anche la donna prova piacere. Non tutte, di certo, ma alcune sì. In fondo stiamo parlando di una cosa così intima che deve necessariamente essere condivisa da entrambi i partner, altrimenti si parla di stupro che è punibile dalla legge (sempre come ribadito da Rekhyt).

Guarda, sinceramente la mia professoressa di fisica tecnica che ha fatto lezione per un semestre con minigonne inguinali e scollature vertiginose l'ho considerata tutt'altro che decente. Ed erano di questo avviso anche altri miei amici etero, quindi l'orientamento sessuale non era un fattore condizionante.

"chi volesse curarsi per essere più sexy sarebbe preso per culo" Definisci curarsi, perché il primissimo esempio che mi viene in mente è andare in palestra per curare il proprio fisico, e i ragazzi che lo fanno più che essere presi per il culo tendenzialmente li rende più apprezzabile dai più.

In generale mi pare davvero che voi più che difendere le donne le stiate insultando ritenendole prive di una volontà propria e capaci solo di seguire le convenzioni sociali. Avete davvero una così bassa stima del genere femminile?
 

Gkx

Admin
Oh mio dio la tv é il demonio! Fa il lavaggio del cervello 111!!11! Hai una così bassa considerazione delle donne, che ritieni che le ragazze siano così stupide da farsi "influenzare" dalle sciocchezze che vedono in tv? Pensi che una ragazza che vede una cantante/attrice/modella e un giorno decide di vestirsi come lei sia una gallina senza cervello condizionata dai media ? Secondo me con questi commenti insulti il tuo stesso sesso.
scusa ma che capacità di discernimento può avere una ragazzina (o un ragazzino, non è che cambia) da sola davanti alla tv? se uno passa la sua giornata a vedere i programmi di maria de filippi (la cosa più superficiale che mi è venuta in mente) non pensi possa crescere con un'idea distorta della realtà, o modellarsi la propria perché rassomigli a quello che ha visto in tv, specie se non ha altre fonti culturali di riferimento e se tutte le persone che conosce hanno la stessa visione del mondo?

che non vuol dire che siano tutte imbecilli, ma che - specialmente a una certa età - si può essere facilmente suggestionabili. e il discorso vale indipendentemente dal genere di appartenenza.
 

Not

The sighting is a portent of doom
scusa ma che capacità di discernimento può avere una ragazzina (o un ragazzino, non è che cambia) da sola davanti alla tv? se uno passa la sua giornata a vedere i programmi di maria de filippi (la cosa più superficiale che mi è venuta in mente) non pensi possa crescere con un'idea distorta della realtà, o modellarsi la propria perché rassomigli a quello che ha visto in tv, specie se non ha altre fonti culturali di riferimento e se tutte le persone che conosce hanno la stessa visione del mondo?

che non vuol dire che siano tutte imbecilli, ma che - specialmente a una certa età - si può essere facilmente suggestionabili. e il discorso vale indipendentemente dal genere di appartenenza.
Facilmente suggestionabile può esserlo un ragazzino di 10-11 anni, ma non un adolescente/teenager dai 16 anni in su ( ho preso questa fascia di età visto che sopra si parlava di discoteche e rapporti sessuali). A quell'età già si é intelligenti abbastanza da capire qual é il buon costume della società. L'esempio che hai fatto mi sembra alquanto estremo. Adatto solo ad un ambiente culturale di bassissimo livello forse. Quante probabilità ci sono che un ragazzino/a che passi la maggior parte della sua giornata davanti alla tv abbia, (seguendo il tuo esempio) come unici punti di riferimento persone allo stremo dei tronisti tamarri di Maria De Filippi ? Non credo molte. Ma facciamo finta sia così. Il ragazzino/a non ha interazioni sociali con l'esterno? Vedendo che il 90% delle persone con cui si rapporta al di fuori sono diverse da quello che lui/lei crede sia il modello da seguire, non pensi che il ragazzino/a possa anche capire di stare sbagliando qualcosa ?
 

Gkx

Admin
Adatto solo ad un ambiente culturale di bassissimo livello forse.
hai detto tutto qui. il fatto che tu ed io (immagino) siamo cresciuti in una condizione relativamente privilegiata non significa che l'italia (e, beh, il mondo) non sia piena di gente del genere, che frequenta solo gente del genere.  a conferma, ti basta consultare i dati auditel di questi programmi.
 
Stato
Discussione chiusa ad ulteriori risposte.
Top Bottom