Una scelta giusta,una sbagliata.

96.

Il Cavaliere Oscuro
#1
Penso di averlo già citato nel topic "Il tempo.. uno schifo" questo breve argomento.. Nella nostra vita tutti ci troviamo di fronte a due decisioni che sarebbero relativamente Bene e Male. Ci sono alcune decisioni in cui si rimane neutrali,altre in cui bisogna prendere posizione e schierarsi,in ogni caso entrambe spesso portano a conseguenze che in quel momento non valutiamo. Personalmente alcune volte volevo ripetere la scelta solo per sapere: Cosa sarebbe successo altrimenti?. È una cosa che spesso e volentieri mi fa ricredere su molte scelte del passato.. e raramente su quelle che potrei fare in futuro pur essendo che dovrebbe essere uno stimolo a riflettere in maniera opposta
 

Plautus

Umbra profunda sumus
#2
La scelta è di per sè l'esclusione di tutte le variabili ad eccezione di una (quella che scegliamo, per l'appunto). In quanto tale non può che comportare un senso si smarrimento e angoscia, dal momento che esclude tutte le altre possibilità. Una scelta irreversibile, un aut-aut, ci porta ad abbracciare una ed una sola istanza; da questo momento saremo attanagliati dal dubbio che alcune fra le altre possibili si sarebbero potute rivelare migliori. Curiosamente, tutto ciò è legato ancora una volta al tema del tempo. La scelta è un'esperienza dolorosa (in termini esistenziali) perchè viene compiuta nel tempo, ed essendo quest'ultimo irreversibile, tale risulterà anche la scelta. Non possiamo tornare indietro nel tempo per emendare le nostre scelte, e questo le rende a loro modo tragiche, poichè ci rendiamo conto che niente potrà essere diverso da come è stato (anche se la nostra immaginazione ci tormenterà con visioni di ciò che sarebbe potuto essere).

Feels like Kierkegaard