La guerra per l'acqua

Kratos

Con me cascate male! >_
#1
http://www.duechiacchiere.it/quando-manca-lacqua

(si leggano anche i commenti).

Voi che ne pensate?

Secondo me, potremmo anche riuscire a compensare il consumo, mi spiego meglio:

Pensate alla pioggia;qiant'acqua eh?

Secondo me andrebbe struttata:

Per ogni città si potrebbe costruire una serie di inclinazioni che portino tutte ad un depuratore, dal quale poi passano ad un serbatoio.

Sarà anche abbastanza costoso, ma così facendo si potrà compensare il consumo.

Personalmente parlando, potrebbe anche essere una cosa abbastanza vera:

Il riscaldamento globale in teoria dovrebbe aumentare l'evaporazione dell'acqua, con conseguente pioggia.

Quindi una causa potrebbe essere anche l'inquinamento?

Secondo me sì, ma non solo a livello atmosferico, bensì anche a quello "fisico": molte persone, infatti, inquinano le acque, rendendole né potabile né utili per l'irrigazione.

Un passo abbastanza grande, quindi, secondo me, sarebbe ridurre l'inquinamento, sia a livello atmosferico che "fisico":

Il che equivarrebbe a dire molta meno acqua sprecata.

E per fare ciò, bisognerebbe controllare meglio l'acqua, ossia, tenerla sotto sorveglianza onde evitare persone che inquinino.

Si dovrebbe anche diminuire l'espulsione di gas ad effetto serra (e, sono serio, tra questi rientrano anche le flatulenze).
 
#2
Sai che se "rubi" l'acqua piovana poi dopo un po' non ce n'è più, vero? È un ciclo, se diminuisci l'acqua che va al mare e alle falde, diminuisci le precipitazioni.

Il procedimento che proponi te è fin troppo semplicistico e banale, visto che la realtà è totalmente differente. Non credo che sia attuabile, e anche se fosse, mi chiedo perché non l'avrebbero già fatto, lol
 
#3
Comunque, seppur costosissime e utilizzate solo nei paesi arabi ricchi (Emirati, Qatar, Kuwait...), è un bel pezzo che esistono le tecnologie per rendere dolce l'acqua degli oceani
 

Kratos

Con me cascate male! >_
#4
Sai che se "rubi" l'acqua piovana poi dopo un po' non ce n'è più, vero? È un ciclo, se diminuisci l'acqua che va al mare e alle falde, diminuisci le precipitazioni.

Il procedimento che proponi te è fin troppo semplicistico e banale, visto che la realtà è totalmente differente. Non credo che sia attuabile, e anche se fosse, mi chiedo perché non l'avrebbero già fatto, lol
Azz, non ci avevo pensato
Comunque, seppur costosissime e utilizzate solo nei paesi arabi ricchi (Emirati, Qatar, Kuwait...), è un bel pezzo che esistono le tecnologie per rendere dolce l'acqua degli oceani
Sì, ma io mi riferivo alle acque piovane
BTW, secondo voi ci sarà davvero un giorno in cui l'acqua verrà a mancare?

Se sì, cosa si farà?
 

Kratos

Con me cascate male! >_
#8
È impossibile (a meno che la temperatura media della terra sia di circa 50-60C°) per varie reazioni chimiche non sto a scrivere :/

Comunque, se mancasse, non ci sarebbe vita su questo pianeta >_>
Beh, se ci pensi è possibile. Tutta l'acqua noi la prendiamo dalle falde acquifere, laghi, mari e oceani. Questi non sono mica infiniti, e prima o poi perderanno tutta l'acqua
 

~Lighty

Rosso è meglio
#9
Beh, se ci pensi è possibile.

Tutta l'acqua noi la prendiamo dalle falde acquifere, laghi, mari e oceani. Questi non sono mica infiniti, e prima o poi perderanno tutta l'acqua
Hai mai pensato a quando fai pipì e simili, quella è acqua, che viene depurata e scaricata di nuovo nell'oceano[professoreDiScienzeMode=Off]
 

Kratos

Con me cascate male! >_
#10
Hai mai pensato a quando fai pipì e simili, quella è acqua, che viene depurata e scaricata di nuovo nell'oceano

[professoreDiScienzeMode=Off]
non sapevo che l'acqua del water venisse depurata
BTW, niente acqua=niente pipì

Solo una percentuale la rilasciamo sottoforma di pipì, l'altra viene assorbita e/o la termoregolazione (sudore)
 
#13
La quantità d'acqua presente  sulla terra è e sarà sempre la stessa.

ergo, l'acqua non finirà mai.

Il problema si presenterebbe solo nel caso in cui l'acqua dolce si riversasse negli oceani, cosa alquanto improbabile, inoltre questo incredibile versamento finirebbe col bloccare la corrente del golfo (a causa della riduzione della salinità del mare), scatenando la ben nota serie di eventi catastrofici: The Day After Tomorrow-l'alba del giorno dopo.

Dubito comunque che succeda, almeno in un futuro prossimo.

Dimenticavo, un'altra possibilità potrebbe essere il completo avvelenamento (o comunque di una buona parte) dell'acqua dolce.

Non so quale delle due sia più improbabile.
 
Ultima modifica da un moderatore:
#15
La quantità d'acqua presente sulla terra è e sarà sempre la stessa.

ergo, l'acqua non finirà mai.

Il problema si presenterebbe solo nel caso in cui l'acqua dolce si riversasse negli oceani, cosa alquanto improbabile, inoltre questo incredibile versamento finirebbe col bloccare la corrente del golfo (a causa della riduzione della salinità del mare), scatenando la ben nota serie di eventi catastrofici: The Day After Tomorrow-l'alba del giorno dopo.

Dubito comunque che succeda, almeno in un futuro prossimo.

Dimenticavo, un'altra possibilità potrebbe essere il completo (o comunque di una buona parte) dell'acqua dolce.

Non so quale delle due sia più improbabile.
Mai post fu meno vero. Perdiamo acqua in continuazione, o meglio perdiamo atomi d'idrogeno e molecole d'acqua, anche se in quantità esigua, in ogni istante, sono particelle che vengono strappate dagli strati superiori dell'atmosfera dai venti solari. Poi ci sono le eruzioni che fanno anche loro il loro dovere in questo senso.Guarda un pò meno film hollywoodiani e leggi di più testi scientifici. Quello del blocco della corrente del golfo non è così improbabile, anche se non avverrà nell'ordine di grandezza di una vita umana (a meno di catastrofi antropiche).

Mi raccomando non confondete poi acqua dolce con acqua potabile.

Edit: oltretutto nemmeno in passato la % d'acqua era la stessa di ora, ma ha subito notevoli apporti all'inizio
 
Ultima modifica da un moderatore:
#16
Mai post fu meno vero. Perdiamo acqua in continuazione, o meglio perdiamo atomi d'idrogeno e molecole d'acqua, anche se in quantità esigua, in ogni istante, sono particelle che vengono strappate dagli strati superiori dell'atmosfera dai venti solari. Poi ci sono le eruzioni che fanno anche loro il loro dovere in questo senso.

Guarda un pò meno film hollywoodiani e leggi di più testi scientifici. Quello del blocco della corrente del golfo non è così improbabile, anche se non avverrà nell'ordine di grandezza di una vita umana (a meno di catastrofi antropiche).

Mi raccomando non confondete poi acqua dolce con acqua potabile.

Edit: oltretutto nemmeno in passato la % d'acqua era la stessa di ora, ma ha subito notevoli apporti all'inizio
Pensi che a causa del vento solare l'acqua sulla terra possa finire? Non credo basterebbero millenni
 

~Lighty

Rosso è meglio
#18
Pensi che a causa del vento solare l'acqua sulla terra possa finire? Non credo basterebbero millenni
sono passati circa 2 miliardi di anni da quando c'è l'acqua e non è sparita, basta fare due conti per capire che c'è ne sarà per mooooltissimo tempo, e comunque la terra ne riceve, seppur in minima parte, ma in continuazione, dai meteoriti e comete
 
Ultima modifica da un moderatore:
#19
Poi mi sa che voi il concetto di acqua lo avete troppo letterale.
A dice: l'acqua è sempre la stessa

tu B: no, c'è il vento solare che blabla.

NON HAI SCRITTO UNA PAROLA sulla possibilità o meno che tale piccola graduale diminuzioni porti a guerre o catastrofi, cioè l'argomento del topic

Dunque ho fatto la domanda: Pensi che questa faccenda da te tirata in qualche mondo c'entri un minimo con il topic? Ovvero: l'acqua finisce o no?

Illustrami dove hai aggiunto questo particolare.
 
Ultima modifica da un moderatore:
#20
Forse tu non hai letto il titolo, mi pare chiaro.

A dice: l'acqua è sempre la stessa

tu B: no, c'è il vento solare che blabla.

NON HAI SCRITTO UNA PAROLA sulla possibilità o meno che tale piccola graduale diminuzioni porti a guerre o catastrofi, cioè l'argomento del topic

Dunque ho fatto la domanda: Pensi che questa faccenda da te tirata in qualche mondo c'entri un minimo con il topic? Ovvero: l'acqua finisce o no?

Illustrami dove hai aggiunto questo particolare, suvvia.
L'affermazione in questione è errata, così come lo è il vostro concetto di acqua. L'acqua apporta dai meteoriti negli ultimi 800 milioni di anni non ha compensato quella persa nello stesso periodo.

Che c'entrano guerre e catastrofi? Guardate che acqua, acqua potabile e acqua dolce sono tre concetti e cose diverse.

Le guerre per l'acqua ci sono da millenni, sia per quando riguarda come risorsa potabile che come controllo di commercio.

Mi sa che dovete oltre all'italiano studiarvi quantomeno di nuovo la storia, sia antica che recente.

Ah, per la cronaca nemmeno l'acqua è sempre la stessa, nemmeno intesa come come rapporti chimici, tant'è che lo studio di queste differenze permette di avere anche una datazione cronologica.

Quindi cercate di non iniziare con scemenze come : l'acqua è e rimarrà sempre la stessa. Perchè l'affermazione è falsa, punto.
 
Ultima modifica da un moderatore:
#21
Tu non sai cosa sia la lettura vero?

L'affermazione in questione è errata, così come lo è il vostro concetto di acqua. L'acqua apporta dai meteoriti negli ultimi 800 milioni di anni non ha compensato quella persa nello stesso periodo.

Che c'entrano guerre e catastrofi? Guardate che acqua, acqua potabile e acqua dolce sono tre concetti e cose diverse.

Le guerre per l'acqua ci sono da millenni, sia per quando riguarda come risorsa potabile che come controllo di commercio.

Mi sa che dovete oltre all'italiano studiarvi quantomeno di nuovo la storia, sia antica che recente.

Ah, per la cronaca nemmeno l'acqua è sempre la stessa, nemmeno intesa come come rapporti chimici, tant'è che lo studio di queste differenze permette di avere anche una datazione cronologica.

Quindi cercate di non iniziare con scemenze come : l'acqua è e rimarrà sempre la stessa. Perchè l'affermazione è falsa, punto.
"Che c'entrano guerre e catastrofi"? Mah, quasi nulla, a parte il fatto che è l'argomento centrale del topic

Come se già "eH ma nn ai leggiuto!1!" e l'OT selvaggio non fossero sufficienti, mi metti in bocca giustificazioni a una teoria già dimostrata oggettivamente falsa, dimostrando una scarsa capacità di comprensione della lingua scritta. La stessa di cui mi accusi, solo più grave
 
Ultima modifica da un moderatore:
#22
Inizi subito con la solita frase inconsistente e sparata alla cocomero, vabeh

"Che c'entrano guerre e catastrofi"? Mah, quasi nulla, a parte il fatto che è l'argomento centrale del topic

Come se già "eH ma nn ai leggiuto!1!" e l'OT selvaggio non fossero sufficienti, mi metti in bocca giustificazioni a una teoria già dimostrata oggettivamente falsa, dimostrando una scarsa capacità di comprensione della lingua scritta. La stessa di cui mi accusi, solo più grave
Quello che propone l'utente nel primo topic viene realizzato da millenni, non è certo una novità, ma non potrebbe mai essere realizzato a scala mondiale per diverse problematiche, sinceramente di scrivere un post di minimo 4 pagine per spiegarlo non ne ho proprio voglia, oltretutto quando c'è gente che impera affermando proprie verità assolute completamente errate come il fatto che l'acqua rimarrà sempre la stessa.

Non avete la preparazione minima da scuola elementare per poterne discorrere se queste sono le premesse.

Già solo confondere il ciclo dell'acqua con l'inesauribilità dell'acqua stessa è un concetto errato

Sempre appoggiandosi al primo post non si dovrebbe parlare di inquinamento dell'acqua, ma di riciclo e depurazione. L'inquinamento è tutt'altro.

La riduzione dei gas serra è solo parzialmente corretto cime concetto dato che i gas serra sono necessari per mantenere la vita sul pianeta, ma è un range di % degli stessi a essere nella zona ottimale per la vita che si è sviluppata sul nostro pianeta (e in passato i gas serra sono stati anche superiori). Le flatulenze non sono uno scherzo, è vero, ma non tanto quelle degli esseri umani, quanto quelle degli animali da allevamento come i bovini, tanto che ci sono studi al riguardo dato che se i paesi emergenti iniziassero a consumarne in larga scala tea conversione delle culture, rese energetiche, etc si avrebbero ripercussioni notevoli.

E qui si sta ancora a malapena sfiorando la cima dell'argomento.

Quindi se volete continuarlo quantomeno cercate di informarvi seriamente e non sparare affermazioni senza alcuna base tanto per dire qualcosa.

Le uniche teorie oggettivamente false in questo senso sono quelle che tu spacci per verità assolute.

Non sai di cosa stai parlando e si vede a ogni tuo post in questo topic.

Se fosse semplicemente così non sarebbe un problema, se fossi intenzionato a imparare e a capire qualcosa, ma così non è.
 
Ultima modifica da un moderatore:
#23
Riuscire a modificare i vostri messaggi togliendo i vari attacchi personali è quasi impossibile tanto sono parte integrante del vostro discorso.

Riconosco pure io di essere ripetitivo, ma non mi va di chiudere subito tutti i vari topic per i continui attacchi personali, non fatevi provocare e non provocate.
 
Mi piace: DDX
#25
La quantità d'acqua presente  sulla terra è e sarà sempre la stessa.

ergo, l'acqua non finirà mai.

Il problema si presenterebbe solo nel caso in cui l'acqua dolce si riversasse negli oceani, cosa alquanto improbabile, inoltre questo incredibile versamento finirebbe col bloccare la corrente del golfo (a causa della riduzione della salinità del mare), scatenando la ben nota serie di eventi catastrofici: The Day After Tomorrow-l'alba del giorno dopo.

Dubito comunque che succeda, almeno in un futuro prossimo.

Dimenticavo, un'altra possibilità potrebbe essere il completo avvelenamento (o comunque di una buona parte) dell'acqua dolce.

Non so quale delle due sia più improbabile.
il riferimento al film era fatto per smentire ancora di più la tesi, non credo affatto che possano verificarsi gli eventi descritti nel film (non sto parlando del blocco della corrente del golfo)

Mai post fu meno vero. Perdiamo acqua in continuazione, o meglio perdiamo atomi d'idrogeno e molecole d'acqua, anche se in quantità esigua, in ogni istante, sono particelle che vengono strappate dagli strati superiori dell'atmosfera dai venti solari. Poi ci sono le eruzioni che fanno anche loro il loro dovere in questo senso.

Guarda un pò meno film hollywoodiani e leggi di più testi scientifici. Quello del blocco della corrente del golfo non è così improbabile, anche se non avverrà nell'ordine di grandezza di una vita umana (a meno di catastrofi antropiche).

Mi raccomando non confondete poi acqua dolce con acqua potabile.

Edit: oltretutto nemmeno in passato la % d'acqua era la stessa di ora, ma ha subito notevoli apporti all'inizio
ammetto di non aver mai saputo che l'acqua se ne andasse via dall'atmosfera (e di aver quindi sbagliato nell'affermare che l'acqua sarà sempre la stessa)...ma...mi vuoi far credere che la quantità di acqua presente sulla terra (1.400.000.000 miliardi di metri cubi), scomparirà prima che il sole diventi una gigante rossa e inaridisca la terra? -aspetta!- dirai tu -l'acqua dolce sulla terra è solo il 2,5% del totale, e di questo 2,5% solo una percentuale esigua è potabile e raggiungibile!- sì, ma il 2,5 di 1.400.000.000 è una quantità comunque enorme, per l'esattezza 35.000.000 di metri cubi!

quindi la percentuale di acqua potabile sarà comunque molto alta.

inoltre quando i metodi di desalinizzazione saranno meno costosi l'acqua potabile non dovrà essere più un problema.

per finire, non devi per forza offendere qualcuno (le offese non sono solo termini volgari) quando gli parli.

Se ho detto qualcosa di sbagliato, correggimi, ma, per favore, non offendermi gratuitamente ;)
 
#26
il riferimento al film era fatto per smentire ancora di più la tesi, non credo affatto che possano verificarsi gli eventi descritti nel film (non sto parlando del blocco della corrente del golfo)

ammetto di non aver mai saputo che l'acqua se ne andasse via dall'atmosfera (e di aver quindi sbagliato nell'affermare che l'acqua sarà sempre la stessa)...ma...mi vuoi far credere che la quantità di acqua presente sulla terra (1.400.000.000 miliardi di metri cubi), scomparirà prima che il sole diventi una gigante rossa e inaridisca la terra? -aspetta!- dirai tu -l'acqua dolce sulla terra è solo il 2,5% del totale, e di questo 2,5% solo una percentuale esigua è potabile e raggiungibile!- sì, ma il 2,5 di 1.400.000.000 è una quantità comunque enorme, per l'esattezza 35.000.000 di metri cubi!

quindi la percentuale di acqua potabile sarà comunque molto alta.

inoltre quando i metodi di desalinizzazione saranno meno costosi l'acqua potabile non dovrà essere più un problema.

per finire, non devi per forza offendere qualcuno (le offese non sono solo termini volgari) quando gli parli.

Se ho detto qualcosa di sbagliato, correggimi, ma, per favore, non offendermi gratuitamente ;)
Il volume d'acqua dolce che proponi tu non ha molto senso dato che parli di acqua dolce, il che è temporaneo, dato che la % di acqua dolce cambia in continuazione e distribuzione sul pianeta. Io non ho parlato di perdita di acqua dolce, ma di perdita di acqua, il che è molto peggio.

Si continuano a confondere diversi concetti.

Alcuni tanto per farvi esempio:

1) la perdita dia costante nel tempo, il che è errato, sul breve periodo può esserlo, ma con picchi (per farvi uno dei tanti esempi le eruzioni vulcaniche, e ripeto è uno) e soprattutto si pensa che questa sia costante, cosa che non è, segue una curva esponenziale. Già qui ci sarebbe da discutere con topic di centinaia di pagi e dedicate.

2) confondete acqua, acqua dolce e acqua potabile. L'acqua dolce non è necessariamente potabile e viceversa.

3) La desalinizzazione non è un sistema valido, non produce acqua potabile ma acqua desalinizzata, alla stregua dell'acqua distillata che poi va arricchita creando problemi energetici e di inquinamento. Lo stesso sfruttare l'acqua di mare non è una scelta saggia dato che se fatto alla scala che proponi tu porterebbe a scompensi notevoli alterando l'equilibrio chimico degli oceani.

Non offendo nessuno, ma se volete parlare di argomenti seri come questi ci si deve informare bene prima e non dire cose a caso, basate su films o simili.

Sia chiaro, alcuni film, per quanto eccessivi, hanno avuto la capacità di sensibilizzare in parte le masse su alcuni aspetti, ma non ci si può basare solo su quelli o su del sentito dire per proporre delle alternative o fare delle asserzioni come alcune che sono uscite.

Già cominciare con una migliore gestione dell'acqua permetterebbe di risolvere problematiche in Italia come nel mondo, che queste siano viste sia nella riduzione degli sprechi che nella migliore gestione degli apparati fluviali, per non parlare di quello che è il comportamento delle industrie verso l'idrografia. Ma questo vuol dire anche mettere mano al portafoglio e all'economia. Il discorso diventa quindi molto più complesso e non basta solo affidarsi a "cure miracolose", ma approfondire di molto l'argomento sotto diversi aspetti.

Sono più di 30 anni che nelle scuole, a partire da quelle elementari si mettono le basi per argomenti simili, ma sembra non vengano recepiti (sarebbe meglio dire "si vogliano").
 
#27
Il volume d'acqua dolce che proponi tu non ha molto senso dato che parli di acqua dolce, il che è temporaneo, dato che la % di acqua dolce cambia in continuazione e distribuzione sul pianeta. Io non ho parlato di perdita di acqua dolce, ma di perdita di acqua, il che è molto peggio.

Si continuano a confondere diversi concetti.

Alcuni tanto per farvi esempio:

1) la perdita dia costante nel tempo, il che è errato, sul breve periodo può esserlo, ma con picchi (per farvi uno dei tanti esempi le eruzioni vulcaniche, e ripeto è uno) e soprattutto si pensa che questa sia costante, cosa che non è, segue una curva esponenziale. Già qui ci sarebbe da discutere con topic di centinaia di pagi e dedicate.

2) confondete acqua, acqua dolce e acqua potabile. L'acqua dolce non è necessariamente potabile e viceversa.

3) La desalinizzazione non è un sistema valido, non produce acqua potabile ma acqua desalinizzata, alla stregua dell'acqua distillata che poi va arricchita creando problemi energetici e di inquinamento. Lo stesso sfruttare l'acqua di mare non è una scelta saggia dato che se fatto alla scala che proponi tu porterebbe a scompensi notevoli alterando l'equilibrio chimico degli oceani.

Non offendo nessuno, ma se volete parlare di argomenti seri come questi ci si deve informare bene prima e non dire cose a caso, basate su films o simili.

Sia chiaro, alcuni film, per quanto eccessivi, hanno avuto la capacità di sensibilizzare in parte le masse su alcuni aspetti, ma non ci si può basare solo su quelli o su del sentito dire per proporre delle alternative o fare delle asserzioni come alcune che sono uscite.

Già cominciare con una migliore gestione dell'acqua permetterebbe di risolvere problematiche in Italia come nel mondo, che queste siano viste sia nella riduzione degli sprechi che nella migliore gestione degli apparati fluviali, per non parlare di quello che è il comportamento delle industrie verso l'idrografia. Ma questo vuol dire anche mettere mano al portafoglio e all'economia. Il discorso diventa quindi molto più complesso e non basta solo affidarsi a "cure miracolose", ma approfondire di molto l'argomento sotto diversi aspetti.

Sono più di 30 anni che nelle scuole, a partire da quelle elementari si mettono le basi per argomenti simili, ma sembra non vengano recepiti (sarebbe meglio dire "si vogliano").
sul punto uno nulla da eccepire, ma riguardo il punto due...forse non hai letto completamente o con disattenzione il post, poichè io non ho confuso (almeno mi pare) acqua, acqua dolce e acqua potabile

il riferimento al film era fatto per smentire ancora di più la tesi, non credo affatto che possano verificarsi gli eventi descritti nel film (non sto parlando del blocco della corrente del golfo)

ammetto di non aver mai saputo che l'acqua se ne andasse via dall'atmosfera (e di aver quindi sbagliato nell'affermare che l'acqua sarà sempre la stessa)...ma...mi vuoi far credere che la quantità di acqua presente sulla terra (1.400.000.000 miliardi di metri cubi), scomparirà prima che il sole diventi una gigante rossa e inaridisca la terra? -aspetta!- dirai tu -l'acqua dolce sulla terra è solo il 2,5% del totale, e di questo 2,5% solo una percentuale esigua è potabile e raggiungibile!- sì, ma il 2,5 di 1.400.000.000 è una quantità comunque enorme, per l'esattezza 35.000.000 di metri cubi!

quindi la percentuale di acqua potabile sarà comunque molto alta.

inoltre quando i metodi di desalinizzazione saranno meno costosi l'acqua potabile non dovrà essere più un problema.

per finire, non devi per forza offendere qualcuno (le offese non sono solo termini volgari) quando gli parli.

Se ho detto qualcosa di sbagliato, correggimi, ma, per favore, non offendermi gratuitamente ;)
io ho messo (correttamente, mi sembra) la percentuale di acqua dolce nella percentuale di acqua totale, e, allo stesso modo, la percentuale di acqua potabile dentro quella di acqua dolce.

mentre sul punto quattro, ti ho già detto che non mi sto basando su film e altre opere di fantasia, ne sul sentito dire.

sul punto cinque invece, come il punto uno, concordo.

Credo comunque che tu ne sappia più di me. (anche se questo non esclude la possibilità che tu ti possa sbagliare)
 
Ultima modifica da un moderatore:
Top Bottom