Canone rai.

Lord Pum

...the flavour of a life that fades away.
#31
Per fare una precisazione il canone Rai dovrebbe essere l'usufrutto della rete nazionale, ovvero se hai un televisore devi pagare, anche se guardi solo Sky, è come la pensione, potresti morire prima di riceverla, ma intanto ti trattengono parte del reddito. Poi i soldi vanno a finanziare la Rai ed è per questo che le si attribuisce la tassa con tanto del suo nome
Ma a me della rete televisiva nazionale non frega un cazzo, guardo solo ed esclusivamente Sky, che utilizza infrastrutture proprie o che comunque non si appoggiano a quelle nazionali. Come la mettiamo?
 

Silez

Bravo, ma per me è no.
#32
Ma a me della rete televisiva nazionale non frega un cazzo, guardo solo ed esclusivamente Sky, che utilizza infrastrutture proprie o che comunque non si appoggiano a quelle nazionali. Come la mettiamo?
 
... è come la pensione, potresti morire prima di riceverla, ma intanto ti trattengono parte del reddito
anche la sanità funziona così (escudendo il ticket): tu intanto ci paghi le tasse anche se poi non farai mai una visita medica in vita tua. In pratica paghiamo per quelli che hanno bisogno di interventi più grossi. Stessa storia per la TV.
 
#33
Ma a me della rete televisiva nazionale non frega un cazzo, guardo solo ed esclusivamente Sky, che utilizza infrastrutture proprie o che comunque non si appoggiano a quelle nazionali. Come la mettiamo?
La mettiamo sul fatto che devi pagare il canone anche se guardi solo Sky perchè é un'imposta basata sul possesso del televisore.

Puoi anche avere il televisore (e non avere l'antenna) per guardare dvd o giocare a videogiochi, ma l'imposta la devi pagare lo stesso.
 
Ultima modifica da un moderatore:

Lord Pum

...the flavour of a life that fades away.
#34
Trovo [quasi] più sensato quanto detto da Silez, anche se paragonare la sanità [servizio vitale] ad un "lusso" mi pare alquanto azzardato, sia per scopo sia per modalità di utilizzo. Invece...

La mettiamo sul fatto che devi pagare il canone anche se guardi solo Sky perchè é un'imposta basata sul possesso del televisore.

Puoi anche avere il televisore (e non avere l'antenna) per guardare dvd o giocare a videogiochi, ma l'imposta la devi pagare lo stesso.
...se la mettiamo in questa maniera, allora, è anche peggio: se la tassa è sulla televisione, perché i soldi deve riceverli la Rai e non vengono spartiti equamente fra tutte le reti nazionali in chiaro, o perché non vanno direttamente allo Stato [che in realtà poco ne ha bisogno]?

Suvvia, prendiamoci poco per il culo: non c'è alcuna valida ragione per cui io debba pagare un servizio che non utilizzo, in NESSUN campo. Se già la base stessa del ragionamento è fallace, come potete pretendere di giustificare tutto quanto?
 
#37
Trovo [quasi] più sensato quanto detto da Silez, anche se paragonare la sanità [servizio vitale] ad un "lusso" mi pare alquanto azzardato, sia per scopo sia per modalità di utilizzo. Invece...

...se la mettiamo in questa maniera, allora, è anche peggio: se la tassa è sulla televisione, perché i soldi deve riceverli la Rai e non vengono spartiti equamente fra tutte le reti nazionali in chiaro, o perché non vanno direttamente allo Stato [che in realtà poco ne ha bisogno]?

Suvvia, prendiamoci poco per il culo: non c'è alcuna valida ragione per cui io debba pagare un servizio che non utilizzo, in NESSUN campo. Se già la base stessa del ragionamento è fallace, come potete pretendere di giustificare tutto quanto?
Anche io trovo terribilemte ingiusto pagarla già che io sono il primo che non guarda televisione! Ne canali nazionali, ne Sky. Ma purtroppo essendo un grande appassionato di film e di videogiochi non rinuncio al mio televisore.

Comunque l'imposta chiamata Canone Rai può confondere per il nome, ma ripeto: é una tassa sul possesso del televisore e non sulla visione dei canali in sè.

Quindi anche tu che guardi solo Sky sei "obbligato" a pagarla!

Poi se vogliamo chiamarla Tassa sul televisore, la troverei ancora più ingiusta perchè il televisore é mio come lo pago e pagare ogni anno per tenerlo in casa non ha alcun senso...

Alla fine, a furia di pagare tasse, diventeremo vittime del nostro stesso stato. Che cosa triste... Ci manca solo che ci facciano pagare l'aria al metro cubo.
 
Ultima modifica da un moderatore:

Lord Pum

...the flavour of a life that fades away.
#38
Comunque l'imposta chiamata Canone Rai può confondere per il nome, ma ripeto: é una tassa sul possesso del televisore e non sulla visione dei canali in sè.
Ti ho capito la prima volta, quello che però ti sto dicendo è: se è una tassa sul possesso di un apparecchio televisivo [e ok, lo sappiamo, lo è], perché è una tassa che poi "si pappa" solo la Rai? È questo che non ha senso, principalmente. Quindi, anche se la tassa è sul possesso dell'apparecchio, alla fine diventa un abbonamento pagato ad un determinato ente, a prescindere dal nome che abbia.
 
#39
Ti ho capito la prima volta, quello che però ti sto dicendo è: se è una tassa sul possesso di un apparecchio televisivo [e ok, lo sappiamo, lo è], perché è una tassa che poi "si pappa" solo la Rai? È questo che non ha senso, principalmente. Quindi, anche se la tassa è sul possesso dell'apparecchio, alla fine diventa un abbonamento pagato ad un determinato ente, a prescindere dal nome che abbia.
Perchè la Rai e pubblica, e lo Stato si pappa tutto, quindi la Rai si pappa tutto
 

Lord Pum

...the flavour of a life that fades away.
#40
Perchè la Rai e pubblica, e lo Stato si pappa tutto, quindi la Rai si pappa tutto
Ehr, no, non è così semplice: lo stato devolve quasi interamente il canone alla Rai sulla base di un contratto. Detto ciò si ritorna sempre allo stesso discorso: a me della Rai non importa una sega, eppure è come se stessi pagando direttamente lei per il suo pacchetto di cui non usufruisco.
 
#41
Ehr, no, non è così semplice: lo stato devolve quasi interamente il canone alla Rai sulla base di un contratto. Detto ciò si ritorna sempre allo stesso discorso: a me della Rai non importa una sega, eppure è come se stessi pagando direttamente lei per il suo pacchetto di cui non usufruisco.
Anche io non difendo il canone, ma la loro politica è questa:

Se tu possiedi una casa, ci devi dare i soldi per possederla, e si chiama imu. Questo vale per mille altre cose ecc. ecc.

Son tasse sul possesso.

Tu possiedi un televisore, tu per possedere tale apparecchio ci devi a noi Stato 115 euro l'anno, e se non paghi ci incazziamo pure.

Ma siccome Stato=Rai, i soldi abbiamo deciso che li devi alla Rai, che ha un'offerta almeno decente e che per oltre metà va avanti grazie ai vostri soldini.

L'obiezione "Io la Rai non la cago di striscio" non è proprio giusta, nè sbagliata. In realtà quei soldi li paghi come TASSA allo Stato, il quale reinveste sulla televisione. Privata? Col cazzo, è lo Stato, investirà su quella pubblica. ----> Rai

Comunque il mio resta un discorso con parecchie falle, me ne rendo conto.

Ma pensate a cosa ha fa la Mediaset, per anche solo un minutino ogni sera. Ci legano alla sedia, ci imbavagliano, ci mettono lo scotch sugli occhi per tenerceli aperti e ci fanno fissare 60 secondi di pubblicità. Per evadere da questo minuto di pubblicità dobbiamo sintonizzarci su altri canali, che poi sono quelli Rai alla fine.

60 secondi di pubblicità non uccidono, il principio che io quella pubblicità la devo guardare per forza, quello è il male
 
#42
La tassa non è sbagliata in sé, ma come dice Gkx si deve trovare una fonte di finanziamento e mantenerla con coerenza. Troppo comodo usufruire di un canone (che tanto esiguo non è) e della pubblicità (e anche questa non è poca).

Allo stesso tempo non è corretto alzare costantemente la cifra e abbassare contemporaneamente la qualità. Soprattutto da quando si sono diffusi il digitale terrestre e la TV a pagamento, la riduzione dell'offerta è evidente e tangibile: hanno perso format, personaggi, diritti passati e futuri, eventi sportivi e così via. In altre parole, rispetto a qualche anno fa vediamo molte meno cose (o peggiori) e paghiamo di più.

Quello della BBC è naturalmente, anche per la qualità, il modello di riferimento: vero che il canone è più alto ma non c'è la pubblicità e la qualità è sempre alta.
 

Lord Pum

...the flavour of a life that fades away.
#43
Non ci stiamo capendo. x) Lo so che la tassa la si paga allo Stato, lo so che la Rai è dello Stato. Il problema è che, a livello di servizio, non c'è alcuna differenza fra una rete televisiva e l'altra. Voglio dire, si tratta sempre di qualcuno che trasmette dei programmi. Detto ciò, come ho già detto, trovo inutile pagarne una che non seguo, o estendendo il ragionamento, trovo inutile che lo Stato si serva di una rete non esclusivamente di servizio pubblico e che richieda un costo così alto. Se fosse una rete unicamente d'informazione (e ovviamente con un costo ricalcolato), non avrei (quasi) nulla da dire.
 
#44
Una delle ultime pubblicità Rai lasciava intendere che qualsiasi uso si faccia della tv il canone va pagato, quindi il canone è una tassa di possesso dell'oggetto. La cosa sinceramente mi urta un pò perchè se una persona compra una tv non è detto che voglia vedere anche i canali rai. La cosa più saggia sarebbe oscurare i canali ma non esiste che devo pagare lo stato perchè possiedo la tv. Sarebbe lo stesso ragionamento dell'IMU
 

Silez

Bravo, ma per me è no.
#45
Infatti la Rai puoi guardarla dal web e ascoltare tranquillamente la radio tutto a gratis. È il possedere un televisore che ti obbliga a pagare il canone, e visto che i soldi verranno devoluti alla Rai è lei che si preoccupa di mandare lettere e pubblicità per avvisare l'utenza
 
#47
io non riesco ad immaginarmi un motivo sensato per cui uno stato dovrebbe preoccuparsi di quella percentuale di nuclei familiari da prefisso telefonico che non usufruiscono della tv o radio pubblica. seriamente
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
#48
perché, esistono davvero? io vedo tv accese in ogni dannata casa, maledizione... non sento nessun altro che dice "anch'io", quando dico che non ho nessun canale sintonizzato........
 
#49
sisi, anch'io sapevo che è una tassa sul possesso del televisore. ed è facile da evadere perché di fatto per lo Stato è impossibile dimostrare che una famiglia abbia il televisore; per verificarlo dovrebbero mandare dei pubblici ufficiali nelle proprietà, solo che senza un mandato non possono entrare nella casa, e non credo che il verificare il possesso di un televisore sia una causa abbastanza importante per indurre un magistrato a concedere il mandato XD ergo se non lo pagate non vi fa nulla nessuno
 
#50
Ci sono novità.
Sembra che dal 2015 vogliano modificare l'imposta sul possesso in un contributo al servizio pubblico radio-tv. Questa dovrà essere pagata da tutti, anche da chi non possiede un televisore; non ci sarà più una quota fissa, ma si pagherà in base al proprio reddito ( e comunque non si dovrebbe superare la soglia di 80-85 euro in ogni caso ); inoltre, per cercare di combattere l'evasione, vogliono eliminare il pagamento tramite bollettino e sostituirlo con il modello F24.

Che ne pensate?
La mia famiglia, che ha sempre pagato il canone, ne è felice perchè a gennaio potrebbe pagare qualche euro in meno, ma non oso trovarmi nei panni di chi non ha tv e deve pagare comunque. Non mi sembra eccezionale come cosa.
 
#51
Io trovo ridicolo mantenere una televisione pubblica.

Fosse per me venderei ogni canale ad una società diversa (che magari non è del tutto sviluppata nel mercato, come Mediaset o Cairo) e chi si è visto, si è visto.

Trovo ridicolo pagare un canone per finanziare una struttura pubblica inefficiente e di scarsa qualità, un carrozzone che come ogni cosa di mano pubblica itaiana, serve solo per trovare posti di lavoro agli amici di amici.

Era la cosa che mi aspettavo facesse il Governo Monti e invece no, l'occasione più sprecata della storia.
 

Maze

TypoMzn
Wiki
#53
chi non ha tv e deve pagare comunque.
Non condivido per niente questo modo di pensare individualista riguardo ai servizi pubblici: se tutti pagassimo (e qui ci sta purtroppo la piaga dell'evasione fiscale) potremmo pagare di meno ed avere un servizio potenzialmente gratuito, sempre da schifo, ma almeno gratuito. Però parliamo di tv, e questo dunque è un off topic.

Far pagare una tassa sulla tv anche a chi non la guarda è abominevole: è un servizio superfluo che uno può decidere deliberatamente di non sfruttare (a differenza della sanità, esempio). Sarebbe più corretto far pagare a tutti una tassa sulla connessione internet, ad oggi.
 
#54
Non condivido per niente questo modo di pensare individualista riguardo ai servizi pubblici: se tutti pagassimo (e qui ci sta purtroppo la piaga dell'evasione fiscale) potremmo pagare di meno ed avere un servizio potenzialmente gratuito, sempre da schifo, ma almeno gratuito. Però parliamo di tv, e questo dunque è un off topic.

Far pagare una tassa sulla tv anche a chi non la guarda è abominevole: è un servizio superfluo che uno può decidere deliberatamente di non sfruttare (a differenza della sanità, esempio). Sarebbe più corretto far pagare a tutti una tassa sulla connessione internet, ad oggi.
Ma mettere tasse su qualsiasi cosa è proprio necessario?
 

Pariston

马 炎 凯
Admin
#56
So che questa cosa ti sconvolgerà come ha sconvolto me, ma esistono persone in Italia che riescono a vivere senza connessione internet. [emoji33]
 
Ultima modifica da un moderatore:
#57
So che questa cosa ti sconvolgerà come ha sconvolto me, ma esistono persone in Italia che riescono a vivere senza connessione internet. [emoji33]
Ma dai? Al sud ce ne sono moltissime.

Escludendo gli anziani, che ovviamente non sanno che farsene, molte famiglie ne sono sprovviste, anche se ovviamente i figli riescono a navigare in rete grazie agli smartphone. Discorso diverso invece bisogna fare per la tv, qui utilizzatissima ma con una percentuale di evasione della tassa altrettanto elevata.
 

Maze

TypoMzn
Wiki
#58
i figli riescono a navigare in rete grazie agli smartphone.
Quindi internet ce l'hanno.

Discorso a parte per gli anziani (anche perché tra qualche anno anche loro saranno connessi), dato che comunque tra poco servirà per quasi tutto (es. l'iscrizione alle elementari già oggi si può fare online) perché non farla pagare indistintamente e incentivare chi non ce l'ha a metterla, visto che la pagherebbe comunque? Lo stesso discorso si potrebbe fare con i mezzi pubblici.

Se poi voi terroni siete arretrati non è colpa mia :P
 
Ultima modifica da un moderatore:
#59
Mah, nulla da dire sull'arretratezza, ma se una famiglia vive bene senza un servizio che per avere dovrebbe pagare, non vedo perché costringerla a pagare per imporglierlo, specie se penso che molte famiglie combattono per arrivare a fine mese già adesso.
 
Top Bottom