Trofei e Achievement

The_Biaf

Fight Biaf Fight
Platino numero 6:

Naruto Shippuden Ultimate Ninja Storm 4. Non un platino difficile, anzi, come tutti gli altri della serie chiede di essere platinato. Devo confessare che non ho mai avuto voglia di platinare gli altri, quindi questo è il primo per me. L'unico trofeo che può dare qualche problema è quello delle 30 vittorie consecutive in Sopravvivenza Suprema, più che altro se lo si fallisce, una volta arrivati quasi al fondo, ti passa la voglia perché richiede un'ora di tempo. La prima volta persi alla numero 28... ci sono stato lontano 3 settimane prima di riprovarci! LoL

Ah e tutte le battaglie hanno stipulazione speciali, tipo attacco doppio e robe varie, quindi basterebbe un errore per rimanere fregato.

Per il resto bisogna prendere S in tutte le battaglie della storia e fare qualche semplice azione durante le battaglie. Le S sono bene o male doverose, anche se questa volta hanno voluto rendere la cosa un po più complessa differenziando il sistema di valutazione, nella storia, da quello delle battaglie normali. Infatti si può solo subire un danno pari al 10% della propria barra di energia. Sotto al 90% la valutazione cambia da S ad A. Dunque basta subire una combo o una arte ninja qualsiasi per uscire fuori dalla valutazione e ricominciare da capo. Evitare tutti i colpi di Madara Uchiha (6 path) com Gai (senza porte aperte) è stato un lavoro pieno di bestemmie e scatti nervosi! LoL
 

Tanino343

Tokyonino!


Bello stronzo questo bipede, non mi divertivo così dai tempi dello shagohod di snake eater, ma alla fine ho prevalso io con tanto di grado S [emoji41]
 

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
ho appena completato la
run senza sopravvissuti
nonchè terza partita in totale, terminata la quale ho ottenuto oggi pomeriggio il mio 31° platino


tempo trascorso dal primo avvio: sei giorni prendendomela abbastanza comoda

ma vi prego...non compratelo soltanto perchè ha trofei facili/divertenti/veloci da sbloccare; quello è un dettaglio totalmente marginale ~ tradireste lo spirito del gioco
 
Ultima modifica di un moderatore:

Lucan(ba)ik

SIC PARVIS BARBA 1991-2079
posto questa immagine per mostrarvi non solo il trofeo platino (mio trentaduesimo) di Far Cry 4



ma anche l'epica visuale passamontagna inclusa nello screenshot ^
 
Ultima modifica di un moderatore:

Drake'ro

We gon' be alright
 Dragon Quest Heroes: The World Trees Woe and the Blight Below [PS4]

Sviluppatore: Omega Force

Produttore: Square Enix

Publisher: Square Enix

Ho ottenuto il relativo trofeo di Platino giusto poche ore fa, è stato un Platino molto divertente da fare che ha richiesto circa 60 ore di gioco per essere portato a termine. Volevo giusto spendere qualche parola riguardo questo titolo che ha attirato la mia attenzione fin dal suo primo annuncio qualche anno fa.

Comincio col dire che è il titolo che avrei voluto comprare insieme alla PS4, ma per varie ragioni l'ho acquistato quest anno nella versione Slime Collector's Edition ad un prezzo ribassato. Ormai avrete capito che sono un fan dei giochi di ruolo e in particolare dei titoli in cui Square Enix centra qualcosa e Dragon Quest Heroes è appunto uno di questi. Sviluppato da Omega Force, prodotto e pubblicato da mamma Square, The World Trees Woe and the Blight Below è uno dei nuovi titoli spin-off dell'ormai datata e leggendaria saga di Dragon Quest, il cui design è affidato alle mani di Akira Toriyama,  il leggendario mangaka e papà di Dragon Ball.

Il gioco si discosta completamente dal tipico asset in stile JRPG della saga nata su SNES nel lontano 1986, per dare spazio ad un gameplay più action trasformandosi in un Mosou mantenendo però le classiche features da GDR. Dragon Quest Heroes è un prodotto fresco che riesce a conquistare anche il mercato occidentale, portando una ventata di aria fresca nel gameplay monotono dei titoli Mosou, proponendo uno stile di gioco alternativo alla saga trentennale di Dragon Quest.

Il gameplay potrà sembrare monotono nelle fasi iniziali dell'avventura ma capace di coinvolgere e catturare il giocatore dopo le prime 2/3 ore di gioco con elementi che inspessiscono la giocabilità del titolo. Decine di orde di mostri da sconfiggere, mosse speciali, teletrasporti e decine di armi e accessori, il tutto accompagnato da un gameplay frenetico e caotico che può essere affrontato scegliendo la strategia di battaglia da noi preferita, combinando le abilità peculiari di quattro diversi personaggi completamente controllabili sulla mappa di gioco. In totale vi sono 13 personaggi giocabili, tra cui 4 originali e 9 provenienti dai vari capitoli numerati della saga, ognuno con una classe ben specifica all'interno del titolo, completamente personalizzabile tramite l'apposito albero delle abilità.

Dragon Quest Heros non è il tipico titolo Mosou, ma è un gioco che va affrontato facendo scelte ragionate per concludere al meglio ogni livello che questo spin-off ha da proporci. Innanzitutto questo videogame è suddiviso in livelli che vengono proposti attraverso l'uso di mappe, delle specie di arene insomma, chiuse con una valanga di mostri ad aspettarci. Non siamo quindi davanti al classico "open-world" alla Final Fantasy, ma ad un sistema molto ricorrente nei titoli sviluppati da Omega Force. Dato che nel corso della trama principale saremmo più volte chiamati a difendere un obbiettivo specifico, sarà compito del giocatore scegliere con una certa logica la migliore formazione da schierare in battaglia e dato che i mostri-amici diventeranno fondamentali già dai primi stage, diventerà più che vitale saper scegliere dove piazzare queste preziose truppe per evitare che la barra vitale degli oggetti da noi difesi scenda a zero. Si, avete capito bene, i mostri in questo gioco possono essere reclutati temporaneamente attraverso delle medaglie droppate casualmente sul campo di battaglia e conservate nel relativo (appunto) porta medaglie, il cui spazio può essere incrementato tramite le relative quest secondarie.

Che dire riguardo alla trama...è forse il punto più debole di questo titolo poiché troppo lineare con colpi di scena troppo prevedibili. La grafica invece non sfrutta appieno la potenzialità della PS4, cosa in parte giustificata dal fatto che questo titolo è uscito anche in versione PS3 in Giappone, i modelli 3D rimangono comunque molto belli, colorati, molto curati e puliti. 

Nemmeno a dirlo, il gioco ci propone più di un centinaio di incarichi secondari da portare a termine dove alcuni di essi per essere completati richiedono lunghe sessioni di grinding per portare al massimo il livello dei nostri personaggi. Se ve lo state chiedendo: Sì ci sono dei boss opzionali che per essere affrontati e sconfitti richiedono livelli molto alti, in parole povere dovrete avere un team al LV.99 per avere una minima possibilità di far fuori questi mostri in tempi ragionevolmente brevi.

Lo consiglio a tutti!
 
Ultima modifica di un moderatore:

The_Biaf

Fight Biaf Fight
 Dragon Quest Heroes: The World Trees Woe and the Blight Below [PS4]

Sviluppatore: Omega Force

Produttore: Square Enix

Publisher: Square Enix

Ho ottenuto il relativo trofeo di Platino giusto poche ore fa, è stato un Platino molto divertente da fare che ha richiesto circa 60 ore di gioco per essere portato a termine. Volevo giusto spendere qualche parola riguardo questo titolo che ha attirato la mia attenzione fin dal suo primo annuncio qualche anno fa.

Comincio col dire che è il titolo che avrei voluto comprare insieme alla PS4, ma per varie ragioni l'ho acquistato quest anno nella versione Slime Collector's Edition ad un prezzo ribassato. Ormai avrete capito che sono un fan dei giochi di ruolo e in particolare dei titoli in cui Square Enix centra qualcosa e Dragon Quest Heroes è appunto uno di questi. Sviluppato da Omega Force, prodotto e pubblicato da mamma Square, The World Trees Woe and the Blight Below è uno dei nuovi titoli spin-off dell'ormai datata e leggendaria saga di Dragon Quest, il cui design è affidato alle mani di Akira Toriyama,  il leggendario mangaka e papà di Dragon Ball.

Il gioco si discosta completamente dal tipico asset in stile JRPG della saga nata su SNES nel lontano 1986, per dare spazio ad un gameplay più action trasformandosi in un Mosou mantenendo però le classiche features da GDR. Dragon Quest Heroes è un prodotto fresco che riesce a conquistare anche il mercato occidentale, portando una ventata di aria fresca nel gameplay monotono dei titoli Mosou, proponendo uno stile di gioco alternativo alla saga trentennale di Dragon Quest.

Il gameplay potrà sembrare monotono nelle fasi iniziali dell'avventura ma capace di coinvolgere e catturare il giocatore dopo le prime 2/3 ore di gioco con elementi che inspessiscono la giocabilità del titolo. Decine di orde di mostri da sconfiggere, mosse speciali, teletrasporti e decine di armi e accessori, il tutto accompagnato da un gameplay frenetico e caotico che può essere affrontato scegliendo la strategia di battaglia da noi preferita, combinando le abilità peculiari di quattro diversi personaggi completamente controllabili sulla mappa di gioco. In totale vi sono 13 personaggi giocabili, tra cui 4 originali e 9 provenienti dai vari capitoli numerati della saga, ognuno con una classe ben specifica all'interno del titolo, completamente personalizzabile tramite l'apposito albero delle abilità.

Dragon Quest Heros non è il tipico titolo Mosou, ma è un gioco che va affrontato facendo scelte ragionate per concludere al meglio ogni livello che questo spin-off ha da proporci. Innanzitutto questo videogame è suddiviso in livelli che vengono proposti attraverso l'uso di mappe, delle specie di arene insomma, chiuse con una valanga di mostri ad aspettarci. Non siamo quindi davanti al classico "open-world" alla Final Fantasy, ma ad un sistema molto ricorrente nei titoli sviluppati da Omega Force. Dato che nel corso della trama principale saremmo più volte chiamati a difendere un obbiettivo specifico, sarà compito del giocatore scegliere con una certa logica la migliore formazione da schierare in battaglia e dato che i mostri-amici diventeranno fondamentali già dai primi stage, diventerà più che vitale saper scegliere dove piazzare queste preziose truppe per evitare che la barra vitale degli oggetti da noi difesi scenda a zero. Si, avete capito bene, i mostri in questo gioco possono essere reclutati temporaneamente attraverso delle medaglie droppate casualmente sul campo di battaglia e conservate nel relativo (appunto) porta medaglie, il cui spazio può essere incrementato tramite le relative quest secondarie.

Che dire riguardo alla trama...è forse il punto più debole di questo titolo poiché troppo lineare con colpi di scena troppo prevedibili. La grafica invece non sfrutta appieno la potenzialità della PS4, cosa in parte giustificata dal fatto che questo titolo è uscito anche in versione PS3 in Giappone, i modelli 3D rimangono comunque molto belli, colorati, molto curati e puliti. 

Nemmeno a dirlo, il gioco ci propone più di un centinaio di incarichi secondari da portare a termine dove alcuni di essi per essere completati richiedono lunghe sessioni di grinding per portare al massimo il livello dei nostri personaggi. Se ve lo state chiedendo: Sì ci sono dei boss opzionali che per essere affrontati e sconfitti richiedono livelli molto alti, in parole povere dovrete avere un team al LV.99 per avere una minima possibilità di far fuori questi mostri in tempi ragionevolmente brevi.

Lo consiglio a tutti!
L'ho giocato e l'ho mollato a metà. Veramente TROPPO ripetitivo. L'ho trovato più ripetitivo degli altri giochi del genere Musou. Campi di battaglia fin troppo piccoli, personaggi mediocri che non ti danno motivo di prendere le loro parti e soprattutto quasi tutto il gioco ti chiedeva, quasi sempre, una sola cosa: DIFENDI TIZIO/RADICE/ STATUA. Ma fare delle battaglie tipo "conquista territori A e B e sconfiggi il generale" ogni tanto no? La stessa identica missione su campi di battaglia diversi.

Ed è un gran peccato, perché le meccaniche RPG funzionavano molto bene, anzi sono il punto forte del gioco. Sarebbe potuto essere un Musou rivoluzionario per il gameplay, ma si perde su molteplici cose base. Non sono riuscito nemmeno a voler arrivare alla fine, ed ero partito col presupposto di prendere il platino. Ti invidio per la pazienza! LoL
 

Drake'ro

We gon' be alright
L'ho giocato e l'ho mollato a metà. Veramente TROPPO ripetitivo. L'ho trovato più ripetitivo degli altri giochi del genere Musou. Campi di battaglia fin troppo piccoli, personaggi mediocri che non ti danno motivo di prendere le loro parti e soprattutto quasi tutto il gioco ti chiedeva, quasi sempre, una sola cosa: DIFENDI TIZIO/RADICE/ STATUA. Ma fare delle battaglie tipo "conquista territori A e B e sconfiggi il generale" ogni tanto no? La stessa identica missione su campi di battaglia diversi.

Ed è un gran peccato, perché le meccaniche RPG funzionavano molto bene, anzi sono il punto forte del gioco. Sarebbe potuto essere un Musou rivoluzionario per il gameplay, ma si perde su molteplici cose base. Non sono riuscito nemmeno a voler arrivare alla fine, ed ero partito col presupposto di prendere il platino. Ti invidio per la pazienza! LoL
Purtroppo il punte debole del titolo secondo me è la trama, che di conseguenza rende i personaggi davvero poco caratterizzati.
 

Drake'ro

We gon' be alright


Non penso che questo gioco abbia bisogno di presentazioni, uscito nel 2001 su PlayStation 2 rimane uno dei punti cardini dei giochi di ruolo e uno dei pilastri della saga di Final Fantasy e ritorna con il suo sequel in una nuova versione remasterizzata in HD su PS3/PS4 & PSVita e da qualche giorno anche su piattaforma Steam. Che dire, non voglio dilungarmi troppo su questo titolo, storia stupenda (forse la più bella della saga), ambientazioni fantastiche, colonna sonora degna del titolo, tanto farming e molto longevo. E' stato un piacere rigiocarlo su PS3, mi ha tenuto impegnato più di 180 ore di gioco facendomi riscoprire il mondo di Spira in tutte le sue sfaccettature. Presi questo gioco al Day One ma per ragioni di tempo non ci ho potuto giocare fino a Dicembre 2015 dove ho ripresto la run che già avevo cominciato. Ovviamente tutti i Dark Aeons, Nemesis e Penance sono stati affrontati e battuti senza l'utilizzo della tecnica Zanmato di Yojimbo, in particolare il simpaticissimo Penance che mi ha torturato per 1 ora e mezza con i suoi 12 milioni di HP e le sue braccia autorigeneranti da 500.000 HP cadauno. 

Presto comincierò anche una nuova run su FFX-2 nel quale penso punterò ad ottenere un salvataggio perfetto come per il X.

 ​
 

Tanino343

Tokyonino!
Quasi un'ora per battere quel maledetto Madara delle sei vie con grado S...andava ad una velocità assurda 


Per chi non lo sapesse il grado S si ottiene finendo lo scontro con salute almeno al 90%, soddisfare tutte le condizioni di battaglie e avere il massimo delle stelle nei quick time events.

image.jpeg
 

The_Biaf

Fight Biaf Fight
Quasi un'ora per battere quel maledetto Madara delle sei vie con grado S...andava ad una velocità assurda 


Per chi non lo sapesse il grado S si ottiene finendo lo scontro con salute almeno al 90%, soddisfare tutte le condizioni di battaglie e avere il massimo delle stelle nei quick time events.

Mostra allegato 499
I know that feel bro. Io ci ho perso 2 ore. Veramente troppo squilibrata questa sfida!
 

Tanino343

Tokyonino!
I know that feel bro. Io ci ho perso 2 ore. Veramente troppo squilibrata questa sfida!
Il problema è che Gai no risveglio è troppo lento in confronto a lui , perché nello scontro di dopo quando apre l'ottava porta con due pugni lo devasti; adesso sto provando a S-are gli scontri contro Kaguya ma le sto prendendo di santa ragione 
 

The_Biaf

Fight Biaf Fight
Il problema è che Gai no risveglio è troppo lento in confronto a lui , perché nello scontro di dopo quando apre l'ottava porta con due pugni lo devasti; adesso sto provando a S-are gli scontri contro Kaguya ma le sto prendendo di santa ragione 
Che tra l'altro, Kaguya usata dal giocatore è molto meno OP. Nella story mode sono tutti più forti per qualche strana ragione. LOL

Comunque sì, con Gai con tutte le porte aperte è imbarazzante quanto gliele suoni in fretta e becchi la S al primo tentativo. Mostruoso davvero.
 

Tanino343

Tokyonino!
Ho droppato il gioco proprio perché mi stava venendo una tendinite per questa S. È uno degli ultimi achivement che mi mancano (4 S inclusa questa e i due riferiti alla modalità avventura che non avevo sbatti di iniziare).
Penso sia la S più tediosa di tutto il gioco.
Io ho rinunciato per adesso, mi mancano le S in pochi livelli, che sarebbero: gli scontri contro Kaguya (obito nudo è una nullita), la battaglia contro il 10 code (troppo lunga) e infine la più odiosa tra tutte...la battaglia contro i 5 susano'o di Madara, Dio mio che delirio quest'ultima.
 

GoldFire

Passante
Io ho rinunciato per adesso, mi mancano le S in pochi livelli, che sarebbero: gli scontri contro Kaguya (obito nudo è una nullita), la battaglia contro il 10 code (troppo lunga) e infine la più odiosa tra tutte...la battaglia contro i 5 susano'o di Madara, Dio mio che delirio quest'ultima.
Quella dei 5 Susano'o alla fine risulta più meccanica e tecnica che difficile... Se ci metti un poco di impegno ce la puoi fare.
Contro il 10 code è lunga ma è anche segmentata: io non riuscivo a prendere la S solo per l'inseguimento finale, perché pigliavo sempre un fulmine di troppo, ma il trucco è fare >ricomincia, dato che non lo fa dall'inizio ma solo da quel pezzo lì. O almeno, il mio problema era quello. Ok, forse come soluzione non era proprio legit, ma workava.

Le S che mi mancano le facevo in ordine e quindi dopo quelle di Gai vs Madara non le ho riprovate.

narutomanc.PNG
 
Ultima modifica di un moderatore:
Top Bottom