Anti-razzismo

MLMLML

Vivere o morire, a te la scelta
#1
Riprendo da un discorso che ho fatto su Facebook:

Come sempre il pregiudizio colpisce le persone ahah sono dello stesso parere di Voltaire, io: il popolo è troppo ignorante per capire. Che ne sapete voi di cosa ha vissuto quell'uomo?

Razzista è la persona che ha visto il proprio figlio buttato dal quinto piano da un nero.

Razzista è chi ha visto il proprio genitore venire accoltellato da un nero.

Razzista è chi ha la propria ragazza che piange ogni giorno, perché stata stuprata da un extracomunitario.

Razzista è chi ha i propri genitori disoccupati, perché i cinesi hanno comprato il negozio, o perché è stato assunto un nero assolutamente non qualificato nel campo.

Razzista è la persona che ha visto la morta in faccia, a causa di un camion guidato da un rumeno in mezzo alle rotaie mentre passava un treno, e sono morte tante persone, troppe.

E razziste sono anche tutte le persone che sono contro i razzisti. Io mi oppongo alle leggi antirazziali, perché se l'uomo è dotato di ragione, sicuramente sa usarla. Gli antirazzisti mi fanno schifo, mi disgustano, e scommetto su quanto ciò è vero che non sono l'unico a pensarlo, ma almeno un terzo dell'Italia è d'accordo con me.
Oggi vorrei parlare di un argomento spesso molto discusso, e molto malcompreso: l'Anti-Razzismo.

Direi che nei pensieri prevalentemente cattolici questo pensiero è molto più sviluppato, a parer mio, perché la Chiesa influisce molto nella vita di tutto i giorni, ma "questa è un'altra storia, e si dovrà raccontare un'altra volta".

Comunque che ne pensate? Siete del mio stesso parere? O la pensate diversamente?
 
P

Paolo Urraci

#4
Io credo che la gente si meriti di venir trattata male, che sia per razzismo o per qualsiasi altro motivo, in quanto chiunque (neri, bianchi, bordeaux) ha sempre e comunque delle colpe ed è giusto che in qualche modo la paghi. Io per primo, beninteso.

Al di là di questo: i razzisti sono degli ignoranti di bassissima lega, ma gli antirazzisti sono molto ma molto peggio.
 
Ultima modifica:

XMandri

back from hell
#5
Io credo che la gente si meriti di venir trattata male, che sia per razzismo o per qualsiasi altro motivo, in quanto chiunque (neri, bianchi, bordeaux) ha sempre e comunque delle colpe ed è giusto che in qualche modo la paghi. Io per primo, beninteso.

Al di là di questo: i razzisti sono degli ignoranti di bassissima lega, ma gli antirazzisti sono molto ma molto peggio.
stai dicendo che il cancro è una buona cosa praticamente
 
#6
ma mia figlia un nero non lo porta a casa
Quello che dici tu non deriva da "è nero = brutto, criminale", ma semplicemente dal fatto che è esteriormente diverso da te. 

Si è abituati fin da piccoli ad approcciarsi (spinti dai propri genitori che l'avevano vissuto a loro volta, gatto che si morde la coda) sopratutto con persone della propria etnia, quindi si sviluppa una sorta di senso che vede chi ci è simile, e chi no. Questo continua con la pubertà, dove alcuni iniziano già a immaginare come sarà il loro matrimonio, o il loro figlio (magari sulla somiglianza della ragazza che gli piace in quel momento), e ci sono una serie di stereotipie base che tutti immaginano, parlando almeno della nostra zona

- Matrimonio con persona bianca

- Figlio/a, quindi, bianco/a; etero/a

- Si metterà con etero/a, bianco/a

Questo non parte da un razzismo, ma da una mentalità che parte appunto dall'infanzia. Anche io penso proprio che ci rimarrei male nel vedere mio figlio/a diventare omosessuale o mettersi con uno/a di un'altra etnia, pur essendo tutto tranne razzista. (poi ovviamente dopo il "male" iniziale accetterei, è ovvio)

che discorso disgustoso: perché un reato (o una qualsiasi azione) commesso da un nero/immigrato/minoranza generica dovrebbe essere più grave/rilevante di uno commesso da un bianco?
Non lo è infatti, ma il telegiornale mostra praticamente solo i loro reati; ed è vero sì che i reati da parte di immigrati sono in più rispetto ai "nostri", ma bisognerebbe chiedersi perché, vista l'accoglienza sociale che ricevono... Non è che un nero o un tunisino random si alza la mattina e decide di derubare una casa perché è cattivo. 
 

Maze

Non mi ricordo cosa ci fosse scritto prima, ma #TD
Wiki
#7
Perché dovrei avercela con i rumeni se vengo quasi investito da un camion guidato da un rumeno ubriaco?

Perché dovrei avercela con gli italiani se vengo quasi investito da un camion guidato da un italiano ubriaco?

Da quel giorno in poi ce l'ho con i camionisti ubriachi.
 

Carmageddon

AGE IS JUST A NUMBER
Admin
#11
All'op: Il razzismo alla rovescia è nocivo almeno quanto il razzismo, comunque io credo che la gente non sia razzista,ma semplicemente stufa del comportamento che hanno (e continuano ad avere) certe persone...
 

Calimero

Coccò, Coccò!
Wiki
#12
Non è che i TG trasmettino solo i loro reati, ma sono dell'idea che uno emigra è perchè lì sta male, quindi (italiani compresi) gli immigrati vengono da situazioni difficili. Ora vanno in un paese fanno lavorano, si comportano bene, a me non fega. Però vengono qui e poi vorrebbero fare come stessero a casa loro pensando che siccome siamo un paese "normale" possono permettersi di rompere i coglioni no. 

Poi si è diffidenti per natura del "diverso" e come già detto
 

Evolvix 85

One is All, All is One
#14
Scusatemi, ma che cos'è l'anti-razzismo ? Cioè si capisce che è qualcosa contro il razzismo e quindi in teoria sarebbe una bella cosa, ma se vedo che la commentate malamente all'ora dietro c'è un'altra ideologia, qual è ?

Io, fortunatamente, riesco a comportarmi ugualmente verso tutti; so che per un "non razzista" può sembrare ovvio, ma come ha detto Giova fin da piccoli siamo abituati a determinati stereotipi.
 
#15
Scusatemi, ma che cos'è l'anti-razzismo ? Cioè si capisce che è qualcosa contro il razzismo e quindi in teoria sarebbe una bella cosa, ma se vedo che la commentate malamente all'ora dietro c'è un'altra ideologia, qual è ?

Io, fortunatamente, riesco a comportarmi ugualmente verso tutti; so che per un "non razzista" può sembrare ovvio, ma come ha detto Giova fin da piccoli siamo abituati a determinati stereotipi.
Non sono sicuro al 100% ma credo si riferiscano a quelle persone che dichiaratesi anti-razzisti se la prendono con i razzisti come questi ultimi se la prendono con le altre etnie…

Io sono di mente molto aperta, fin da piccolo mi hanno insegnato che ciò che ci rende diversi da gli altri non è la nostra provenienza, ma cosa i nostri peniseri ci portano a fare e diventate. Quindi non mi interesserebbe se mio/a figlio/a frequentasse persone di diverse etnie o avesse orientamenti sessuali diversi dal mio.

Per quanto mi riguarda te puoi anche essere il figlio dei peggiori terroristi del mondo provenienti dal posto più sperduto e lontano dalla nostra cultura esistente, ma se sei una persona che pensa con la sua testa e che sa distinguere il giusto dallo sbagliato, non ho nessun problema con te.

Ma se sei un italiano, con genitori considerati le persone più buone e rispettabili del mondo e per divertirti vai a giro a stuprare le ragazze che trovi per strada, allora tu sei una persona da cui starei lontano...

Una cosa che poi non mi è chiara del Razismo è: tu disprezzi un Albanese o un Nigeriano ecc. ma non disprezzi un Americano o un Brasiliano ecc. Che differenza c'è? È incoerente, se sei razzista allora odia tutti quelli di etnia diversa non solo chi ti fa comodo a te solo perché la loro cultura non è ancora ben sviluppata...

P.S.: Il "Tu" dei discorsi sopra è un riferimento generico a un chiunque non a uno specifico.
 
Ultima modifica da un moderatore:
#18
All'op: Il razzismo alla rovescia è nocivo almeno quanto il razzismo, comunque io credo che la gente non sia razzista,ma semplicemente stufa del comportamento che hanno (e continuano ad avere) certe persone...
A sentirti sembra quasi gli immigrati trotterellino in giro dicendo "muhahaha, sono malvagio", quando si ritrovano in realtà in una situazione dove o rubano o muoiono di fame. (parlando di quelli che effettuano crimini) Non dico che fanno bene a rubare, ma bisognerebbe avere un minimo di comprensione verso soggetti nel quale potremmo rispecchiarci in futuro e ci siamo già rispecchiati in passato. Perché credi sia arrivata la Mafia negli Stati Uniti?
 
Ultima modifica da un moderatore:
#19
Io credo che la gente si meriti di venir trattata male, che sia per razzismo o per qualsiasi altro motivo, in quanto chiunque (neri, bianchi, bordeaux) ha sempre e comunque delle colpe ed è giusto che in qualche modo la paghi. Io per primo, beninteso.

Al di là di questo: i razzisti sono degli ignoranti di bassissima lega, ma gli antirazzisti sono molto ma molto peggio.
guarda che fare il nichilista non ti rende un figo... in generale, nel 2013, direi che da quantomeno l'aria del fesso
 

Devil93™

More then devilish
#20
A sentirti sembra quasi gli immigrati trotterellino in giro dicendo "muhahaha, sono malvagio", quando si ritrovano in realtà in una situazione dove o rubano o muoiono di fame. (parlando di quelli che effettuano crimini) Non dico che fanno bene a rubare, ma bisognerebbe avere un minimo di comprensione verso soggetti nel quale potremmo rispecchiarci in futuro e ci siamo già rispecchiati in passato. Perché credi sia arrivata la Mafia negli Stati Uniti?
Visto che li comprendi ci dobbiamo aspettare che ce li porti via tutti tu, Gio?
 

Pariston

马 炎 凯
Admin
#23
Da parte mia, le ansie e le paure irrazionali non derivano tanto da un ipotetica razza, quanto piuttosto da un attrito culturale fra una popolazione e l'altra che sta spesso alla base dei problemi comunicativi e relazionali, riscontrabili chiunque esca un attimo di casa e si trovi a confrontarsi con gli altri.

Io stesso, per rivedere le mie posizioni in merito ho dovuto cambiare città, vedere com'era la situazione al di fuori del mio paesino di campagna, entrare in contatto con persone con una storia, abitudini, opinioni differenti dalle mie, e sotto questo punto di vista credo di essere molto cambiato negli ultimi anni.

... adesso odio tutti indistintamente! :)

~~~

Related:

 
Ultima modifica da un moderatore:
M

Makonik-san

#24
Cosa c'entra invece comprendere individui che vengono in Italia appositamente per rubare senza minimamente degnarsi di alzare il culo e lavorare? Non dico che sono tutti così, ma la maggior parte...
Gli italiani LAUREATI non trovano lavoro, figuriamoci se riescono gli stranieri; poi possono avere il colpo di fortuna, ma non è che in Italia per ogni immigrato c'è un posto ad attenderlo.Poi il fatto della "maggior parte" mi pare la solita minestrina xenofoba riscaldata, francamente: se la maggioranza si comporta male, prenditela con la maggioranza (possibilmente per casi concreti e vissuti, non per sentito dire) e cortesemente lascia in pace gli altri anche se pochi. Grazie.
 
Ultima modifica:

Devil93™

More then devilish
#25
Cosa c'entra invece comprendere individui che vengono in Italia appositamente per rubare senza minimamente degnarsi di alzare il culo e lavorare? Non dico che sono tutti così, ma la maggior parte...
Gli italiani LAUREATI non trovano lavoro, figuriamoci se riescono gli stranieri; poi possono avere il colpo di fortuna, ma non è che in Italia per ogni immigrato c'è in un posto ad attenderlo.

Poi il fatto della "maggior parte" mi pare la solita minestrina xenofoba riscaldata, francamente...se la maggioranza si comporta male, prenditela con la maggioranza (possibilmente per casi concreti e vissuti, non per sentito dire) e cortesemente lascia in pace gli altri anche se pochi. Grazie.
Infatti parlavo della maggioranza. E credimi che di casi concreti e vissuti ne ho parecchi, non mi metto a sparare a zero se non ho un buon motivo.
 
Ultima modifica da un moderatore:
M

Makonik-san

#26
Infatti parlavo della maggioranza. E credimi che di casi concreti e vissuti ne ho parecchi, non mi metto a sparare a zero se non ho un buon motivo.
Visto che li comprendi ci dobbiamo aspettare che ce li porti via tutti tu, Gio?
Quanti puoi averne vissuti? Cinque? Una decina? Dai, voglio esagerare...una ventina? (vivi a Milano, non in un ghetto)

Non ti sembra un pò poco per parlare di "maggioranza"? Hai una vaga idea di quanti extracomunitari ci siano attualmente in Italia?

^ AMD stole Kongpang's account.
 
Ultima modifica:
#27
Io credo che la gente si meriti di venir trattata male, che sia per razzismo o per qualsiasi altro motivo, in quanto chiunque (neri, bianchi, bordeaux) ha sempre e comunque delle colpe ed è giusto che in qualche modo la paghi. Io per primo, beninteso.

Al di là di questo: i razzisti sono degli ignoranti di bassissima lega, ma gli antirazzisti sono molto ma molto peggio.
ah be', allora andiamo a dire agli sterminati nei campi di concentramento che se lo meritavano. dovremmo organizzarle più spesso delle pulizie etniche...

MA OGNI TANTO PONDERI PRIMA DI SCRIVERE??
 
#28
Visto che li comprendi ci dobbiamo aspettare che ce li porti via tutti tu, Gio?
Cosa c'entra invece comprendere individui che vengono in Italia appositamente per rubare senza minimamente degnarsi di alzare il culo e lavorare? Non dico che sono tutti così, ma la maggior parte...
Infatti parlavo della maggioranza. E credimi che di casi concreti e vissuti ne ho parecchi, non mi metto a sparare a zero se non ho un buon motivo.
Cacciarli tutti via mi sembra una soluzione poco adatta ad una democrazia, ed è una soluzione che - almeno personalmente - non condivido.

Al giorno d'oggi un ragazzo emigrato in Italia passa ogni giorno diciotto ore dove viene schernito, trattato male o comunque non rispettato, dove viene preso per criminale dai passanti per strada e dove viene guardato male da TUTTI, anche chi dice di essere tollerante... Già una buona percentuale di criminali nasce per odio, e non hanno nemmeno tutti i torti anarchicamente parlando, dopo che mi rovini l'esistenza per dieci anni rubarti la tv mi pare il minimo :P

Altri criminali poi nascono perché anche molti posti di lavoro non vengono dati solo perché ti guardano in faccia e dicono "sciò, negro" o "pussa via, terrorista", e come dicevo prima, l'emigrato si ritrova senza soldi, senza casa e con il permesso di soggiorno in scadenza proprio perché non trova lavoro... Tu che fai? La scelta è tra la metropolitana in Cadorna (ti ho fatto un esempio che conosci) dove non ti danno comunque neanche la carità perché non si avvicinano perché, indovina, sei straniero, e rubare.

Tutto in termini teorici e mica dico che è giusto rubino, ma nemmeno gli si può dare la colpa solo a loro.
 

Devil93™

More then devilish
#29
Quanti puoi averne vissuti? Cinque? Una decina? Dai, voglio esagerare...una ventina? (vivi a Milano, non in un ghetto)

Non ti sembra un pò poco per parlare di "maggioranza"? Hai una vaga idea di quanti extracomunitari ci siano attualmente in Italia?
Ancora?? Sto parlando per mia esperienza personale, una "mia" maggioranza. Ci tengo poi a sottolineare che non mi conosci di persona, non conosci la gente che conosco io e di conseguenza potresti avere (sicuramente hai) un'idea diversa dalla mia.

Non sto dicendo che le mie sono delle esperienze che valgono per tutti, valgono per me. Quindi ci terrei a venire considerato con leggermente più rispetto come io ne ho per te, Luca. E questo vale anche per la gente che invita ad ammazzarsi con il gas.

Cacciarli tutti via mi sembra una soluzione poco adatta ad una democrazia, ed è una soluzione che - almeno personalmente - non condivido.

Al giorno d'oggi un ragazzo emigrato in Italia passa ogni giorno diciotto ore dove viene schernito, trattato male o comunque non rispettato, dove viene preso per criminale dai passanti per strada e dove viene guardato male da TUTTI, anche chi dice di essere tollerante... Già una buona percentuale di criminali nasce per odio, e non hanno nemmeno tutti i torti anarchicamente parlando, dopo che mi rovini l'esistenza per dieci anni rubarti la tv mi pare il minimo :P

Altri criminali poi nascono perché anche molti posti di lavoro non vengono dati solo perché ti guardano in faccia e dicono "sciò, negro" o "pussa via, terrorista", e come dicevo prima, l'emigrato si ritrova senza soldi, senza casa e con il permesso di soggiorno in scadenza proprio perché non trova lavoro... Tu che fai? La scelta è tra la metropolitana in Cadorna (ti ho fatto un esempio che conosci) dove non ti danno comunque neanche la carità perché non si avvicinano perché, indovina, sei straniero, e rubare.

Tutto in termini teorici e mica dico che è giusto rubino, ma nemmeno gli si può dare la colpa solo a loro.
Questa è la rappresentazione della situazione attuale che, in buona parte, condivido.

Ma se guardando un qualsiasi straniero ad ognuno di voi (Si, ognuno. E non venitemi a raccontare palle del tipo "io non ho mai guardato male uno straniero, io li rispetto eccetera eccetera" perchè non ci credo nemmeno se scende Cristo in terra a confermarmelo.) viene in mente di tenersi stretto il portafoglio forse tutta questa brava gente tanto brava non è.

E' ovvio che poi ci sono sempre le eccezioni, c'è l'operaio straniero che si sveglia alle 5 di mattina e lavora fino alle 8 di sera in cantiere e si fa il culo per essere poi sfruttato e sottopagato e nonostante tutto è onesto.

Questo per dirti che andare in Cadorna a farti lanciare nel bicchiere qualche spicciolo non è poi una soluzione riparatoria. C'è sempre l'opportunità, modesta (è vero), di andare in cantiere a farti il culo o di cercare di trovare un qualsiasi lavoro. Perchè fare un lavoro, seppur misero, è sempre meno umiliante che non fare un cazzo tutto il giorno e pigliarti quelle due monetine lanciate con disprezzo. E il lavoro lo trovi se hai voglia di lavorare, fidati.
 
P

Paolo Urraci

#30
guarda che fare il nichilista non ti rende un figo... in generale, nel 2013, direi che da quantomeno l'aria del fesso
Se secondo te io ho parlato almeno una volta in vita mia per fare il figo significa che non hai capito un emerito di me.

se la maggioranza si comporta male, prenditela con la maggioranza (possibilmente per casi concreti e vissuti, non per sentito dire) e cortesemente lascia in pace gli altri anche se pochi.
Senti, quello che tu chiami "per sentito dire" è perché lo sanno tutti. Non sto parlando né a favore né a sfavore di una delle due tesi di cui state discutendo, ma è già la seconda volta che emerge che per te esempi risaputi non valgono se non li vivi in prima persona. Detto in altre parole, è già la seconda volta che spari la stessa, e uso un termine buono, stupidata.

ah be', allora andiamo a dire agli sterminati nei campi di concentramento che se lo meritavano. dovremmo organizzarle più spesso delle pulizie etniche...

MA OGNI TANTO PONDERI PRIMA DI SCRIVERE??
A te invece, che mi stai sulle scatole meno di altri, rispondo in maniera molto tranquilla: in genere quelle cose mi limito a pensarle e non le dico, se l'ho detto era perché avevo il nervoso, provocatomi dal post di Gkx che, nelle primissime parole, aveva usato un termine da fanatico ottimista pseudobuono, che è una della cose peggiori che ci siano; è un po' come chi si schiera a favore degli animali non per gli animali ma "perché è la natura" e poi pensa che gli animali non pensano ma vanno solo ad istinto. In più, dopo quell'introduzione, ha fatto un discorso retorico totalmente vuoto di contenuti se non vecchi e semplicistici (al contrario di tutti gli altri che hanno apportato motivazioni valide che naturalmente condivido).