Tactical espionage action - Central Gear Solid

M

Makonik-san

#1
Lucanik Computer Entertainment Productions presents...

A Lucanik Kojima fan fiction

CENTRAL GEAR SOLID

Indice

> Capitolo 1: Barba bagnata

> Capitolo 2: Una boccata d'aria gelida

> Capitolo 3: Claustrofobia

> Capitolo 4: Mezzogiorno di fuoco

> Capitolo 5: Davide contro Golia

> Capitolo 6: Uno spettro dal passato

> Capitolo 7: Spettacolo di marionette

> Capitolo 8: Il pericolo è sexy

> Capitolo 9: Un sadico barbiere

> Capitolo 10: Fuga con aiutino

> Capitolo 11: No fly zone

> Capitolo 12: La vendetta è un piatto che va servito...innevato

/----/

CGS - CAPITOLO 1: BARBA BAGNATA

Alaska, mare di Bering.

Il colonnello Roy Ombrall si schiarì la voce con un paio di colpetti di tosse, e cominciò con le istruzioni per la missione.

<< Mi ricevi, Legonik? >>

<< Affermativo! >> replicò prontamente l'agente.

<< La base di stoccaggio delle armi nucleari sull'isola di Light Moses, nell'arcipelago delle isole Pox, in Alaska, è stata attaccata e catturata dal Corpo Speciale Next Sectration, sotto la guida di membri della POKE-HOUND. Pretendono che il governo consegni loro i resti di Big IRDG e minacciano di lanciare un'arma nucleare se le loro richieste non saranno soddisfatte nel giro di 24 ore. La missione avrà due obbiettivi: per prima cosa dovrai salvare il direttore della C.A.R.P.A., Donald Darthson, e il presidente della LegsTech, Kenneth Zagor. Entrambi sono trattenuti come ostaggi. In secondo luogo dovrai investigare sulle reali possibilità dei terroristi di lanciare un attacco nucleare e, nel caso fossero in grado di farlo, fermarli. >>

<< Come farò a entrare? >> chiese preoccupato Legonik.

<< Ci avvicineremo al centro di stoccaggio sott'acqua. Poi lanceremo un Veicolo Consegna Nuotatori monoposto. Quando sarai arrivato il più vicino possibile, ti libererai del VCN. Da quel punto in poi dovrai nuotare. >>

Legonik trasalì.

<< L'unità delle forze speciali ad alta tecnologia POKE-HOUND >> continuò il colonnello << I tuoi vecchi compagni...che una volta comandavo io. >>

<< Allora sono ancora in circolazione... >>

<< Ci sono sei membri della POKE-HOUND coinvolti in quest'azione terroristica: Psycho Mosqtis con le sue potenti abilità psichiche; Haruhir Wolf, la bellissima e mortale tiratrice scelta; Decoy AlucarDDus, maestro del cosplay; Shikan Raven, gigantesco sciamano; e Quello_Nel_Revolver, specialista in interrogatori e formidabile pistolero. E, per ultimo, il comandante...il leader della POKE-HOUND, Liquid Gikard, l'uomo con il nome in codice opposto al tuo. Il quale, per ragioni di sicurezza, per tutta la durata dell'operazione sarà Solid Beard.

La struttura di stoccaggio delle testate occupa l'intera isola. Riceverai istruzioni via codec una volta raggiunto l'obbiettivo. >>

<< Ci sarà qualcuno con me? >>

<< Come al solito, questa missione prevede un solo infiltrato...oltre ad armi ed equipaggiamento PSP. >>

<< Ma colonnello, io preferisco la PS3! Non potevate fornirmi quella, invece di una stupida console portatile? >>

<< PSP significa "procuràti sul posto": questa è una missione coperta top-secret, non aspettarti alcun appoggio ufficiale. >>

Così Beard, liberatosi del VCN come previsto, proseguì a nuoto pur non sapendo neanche mantenersi a galla: la barba, fortunatamente, aveva fatto da salvagente galleggiante.

In qualche modo giunse a destinazione e, mentre si toglieva le pinne udì una voce in lontananza: << State all'erta! Proverà a passare di qua, ne sono certo. Io sto andando a buttar giù un paio delle loro fastidiose zanzare... >>

Voltandosi, Beard vide in lontananza un uomo con indosso un cappotto nero che, dopo aver ammonito le sentinelle con queste parole, salì in superficie con un grosso montacarichi.

L'agente chiamò Ombrall per metterlo al corrente.

<< Qui Beard...riesce a sentirmi Colonnello? >>

<< Forte e chiaro...qual è la situazione? >>

<< Sembra che l'ascensore sul retro sia l'unico modo per salire. >>

<< Me l'aspettavo, dovrai utilizzare quello per raggiungere la superficie. Fai in modo che nessuno ti veda! Se hai bisogno, contattami via codec: la mia frequenza è 140.85! Quando invece saremo noi a contattarti, il codec emetterà un segnale; il ricevitore del codec stimola direttamente gli ossicini all'interno del tuo orecchio: solamente tu potrai sentire i messaggi. >>

<< Ho capito! Occhèi, sono pronto! >>

E così ebbe ufficialmente inizio la missione d'infiltrazione...impossibile per una persona normale, ma non per la Barba Solida.

/----/

*continua*
 
Ultima modifica:

Dxs

Rappresentante di classe
#2
Bravo Luca, primo capitolo molto avvincente e neanche pesante, l'ho letto tutto d'un fiato. Chissà quando entrerò in azione, xD
 
#19
Otacon sarà sicuramente Giova, e se non lo è, sarà sicuramente Gray Fox lol

Carina come fic, scommetto che ti ricordi tutti i dialoghi di MGS1 a memoria!

Mi immagino Quello_Nel_Revolver che dice "6 colpi/warn: più che sufficienti a bannare qualsiasi cosa floddi" xD
 
Ultima modifica da un moderatore:
M

Makonik-san

#20
Otacon sarà sicuramente Giova, e se non lo è, sarà sicuramente Gray Fox lol

Carina come fic, scommetto che ti ricordi tutti i dialoghi di MGS1 a memoria!
Tsk, tsk: io ricordo a memoria tutti i dialoghi dell'INTERA SAGA di MGS.

Comunque hai sbagliato entrambi gli abbinamenti! x°3
 
M

Makonik-san

#22
°_°
Trolling?
Perché, a dire il vero, Mantis compare SOLO in Mgs1 (e parzialmente in Mgs4, chi ci ha giocato sa cosa intendo).
 
Ultima modifica:

Nintard

It all belongs to memes
#23
uh? mi pare di aver visto un video della sua boss battle (mentre cercavo qualche easter egg) e il titolo diceva: metal gear solid 2

ah, come farai a confondere mosqtis? nella storia non puoi cambiare la posizione del controller xd
 
M

Makonik-san

#25
uh? mi pare di aver visto un video della sua boss battle (mentre cercavo qualche easter egg) e il titolo diceva: metal gear solid 2 ah, come farai a confondere mosqtis? nella storia non puoi cambiare la posizione del controller xd
Segui la fic e lo scoprirai! ;-)

Psychomanzis suona meglio però.
Forse, ma per te ho già pronto un altro ruolo: sarai cattivo, ti spoilero solo questo.
 
Ultima modifica:

BlazePower

"È dell'artista il fin la maraviglia"
#26
NON LEGGERE, POTREI AVER AZZECCATO UNO SPOILER DELLA STORIA...

Red del Manzis Clan LOL
Metti quello che vuoi però voglio un tizio chiamato Paolo che attacca con le sue saponette dotate di vita propria!
 
M

Makonik-san

#29
Consiglio l'ascolto di questa durante la lettura, per una immersione ancora maggiore.

/----/

CGS – CAPITOLO 2: UNA BOCCATA D’ARIA GELIDA

Terminato il mission briefing, si iniziava finalmente a fare sul serio…e si sa che quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare.

Solid Beard era certamente uno di questi…ma perfino una macchina da guerra come lui non poteva agire a viso aperto, per giunta disarmato, contro un plotone di ostili armati fino ai denti. No, farsi impallinare così presto non era decisamente una buona idea.

Beard pensò bene che fosse il momento adatto per testare sul campo il CUC, Close Unarmed Combat: un particolare e letale tipo di arte marziale sviluppato assieme al suo preparatore psicofisico, Dxser Miller.

Appostato dietro una colonna di sostegno, l’agente si accorse che un nemico si stava dirigendo nella sua direzione. Attese immobile, nascosto nell’ombra, che la sentinella prima lo superasse e poi gli desse le spalle, quindi si avventò da dietro con vigore sul bersaglio: con la gamba destra bloccò le gambe del malcapitato facendola passare sopra queste  e subito a seguire, con un movimento fulmineo, gli strinse la gola con il braccio destro e gli tappò la bocca usando la mano sinistra.

*CRAC*!

Il collo cedette con un rumore sordo ed il corpo ormai senza vita del poveretto franò rovinosamente a terra; come souvenir della prima uccisione, il nostro eroe prelevò dal cadavere un fucile d’assalto semi-automatico FA-MAL ed un machete. Con questi gingilli dalla sua parte, si sentiva già più tranquillo.

La strada sembrava adesso sgombra…si diresse di soppiatto al montacarichi e, senza esitare, premette l’interruttore dello stesso. A tradirlo fu la luce sulla parete che, cambiando colore da rosso a verde, insospettì un’altra guardia: << Ehi! Chi ha chiamato l’ascensore? >>

A Beard si gelò il sangue.

Lo scagnozzo venne a controllare, ma fu messo a tacere senza aver avuto neanche il tempo di realizzare: Solid corse verso di lui e, senza rallentare, si avvitò eseguendo una splendida torsione e colpendolo in pieno sullo zigomo con uno spettacolare calcio volante, facendolo rotolare privo di sensi diversi metri più a lato.

Frattanto le porte del montacarichi si erano aperte e l’agente sgattaiolò dentro, non prima di aver schernito il tizio tramortito pochi attimi fa: << E’ un montacarichi, idiota. >>

La piattaforma salì, e con essa saliva la preoccupazione della Barba Solida.

Assorto nei suoi pensieri, approfittò del tragitto per cambiarsi d’abito: e così si tolse di dosso la mascherina e la muta da sub, ancora inzuppate di acqua.

Sotto di esse la tuta d’infiltrazione arancione e blu, così aderente da lasciar intravedere tutti i lardominali, si rivelò un tutta la sua magnificenza; a completare la divisa, una bandana bianca che si faceva largo tra gli spettinati capelli castani, in perfetta sintonia con i baffi e la folta barba.

In men che non si dica, arrivò a destinazione: si trovava ora all’aperto, nel bel mezzo di una tormenta di neve, ma soprattutto davanti all’imponente edificio di cui gli aveva parlato il suo superiore.

Immediatamente, trovò riparo vicino ad una enorme cassa e contattò Ombrall:

<< Qui Beard. Sono di fronte alla struttura di stoccaggio. >>

<< Eccellente, Beard. Passano gli anni, ma tu resti sempre uguale…anzi, se possibile, invecchiando migliori. Come il buon vino. >>

La dottoressa Carma Hunteron, reperibile alla stessa frequenza del colonnello, intervenne: << Come va la tuta d’infiltrazione? >>

<< Mi tiene bello caldo e asciutto, ma per i movimenti è un pò scomoda. >>

<< Abituatici. E’ lei che ti protegge dall’ipoderma…siamo in Alaska, se non lo sai! >> ribattè la Hunteron con fare acido.

<< Ehi, calma! So bene che se non fosse stato per la tua tuta e l’iniezione, mi sarei trasformato in un ghiacciolo qua fuori. >>

<< Un peptide anticongelante, Beard. Tutti i soldati genetici impegnati in questa esercitazione lo utilizzano. >>

<< Già, e meno male…mi sento meglio sapendo che è già stato sperimentato. A proposito, come procede l’operazione diversiva? >>

Ombrall riprese la parola: << Due F-16 sono appena decollati dalla base di Balena e sono diretti verso la tua posizione. Il radar dei terroristi dovrebbe averli già intercettati. >>

Solid si sporse leggermente dal suo rifugio e non potè fare a meno di notare il velivolo al centro della pista; vicino ad esso, riconobbe l’uomo in cappotto che pocanzi aveva visto salire col montacarichi.

<< Un Hind G? Colonnello, che ci fa qui un elicottero russo? >>

<< Non ne ho idea…ma sembra che il nostro piccolo diversivo abbia attirato la loro attenzione. Adesso hai maggiori possibilità di infiltrarti senza farti notare. >>

Il velivolo decollò con l’uomo incappottato a bordo.

<< Ti devi sbrigare >> continuò Roy << mancano solo 18 ore allo scadere dell’ultimatum. >>

Una giovane voce femminile squarciò il silenzio: << Wow! Deve essere un pazzo per pilotare un Hind con questo tempo!  >>

<< Chi è che parla? >> domandò confuso l’agente barbuto.

<< Oh scusa, non te l’ho ancora presentata: lei è fr°A° Ling, la nostra esperta di elaborazione digitale delle immagini. E’ lei che ha progettato il tuo Codec ed il tuo sistema Radar Luniton, contattala se hai problemi con questi due dispositivi. Te la passo subito. >>

Sull’ologramma comparve una fanciulla sulla ventina, dai lunghissimi capelli neri.

<< Felice di conoscerti, Beard! E’ un onore parlare con una leggenda vivente come te. >>

Solid la squadrò, senza risponderle.

<< C’è qualcosa che non va? >> chiese fr°A°.

<< Niente…semplicemente non mi aspettavo che un’esperta internazionale di tecnologie militari fosse così carina. >>

La ragazza arrossì.

<< Hmm…mi stai solo adulando. >>

<< No, dico sul serio. Oh beh, almeno non mi annoierò per le prossime diciotto ore. >>

<< Andiamo…non posso credere di aver fatto colpo sul famoso Solid Beard! Però sono sorpresa: sei troppo diretto per essere un assassino addestrato. >>

<< Sembra che abbiamo molte cose da imparare l’uno dall’altra…>>

<< Certo! >> fece lei << Non vedo l’ora di saperne di più sull’uomo che sta dietro la leggenda! >>

La dottoressa Hunteron interruppe la conversazione: << Stai attento, Beard! I soldati genetici hanno la vista e l’udito molto acuti, grazie alla terapia genetica. Non dimenticare che questa è una missione segreta… e come tale devi evitare il più possibile gli approcci diretti. Quindi cerca di non farti individuare. >>

Ombrall le fece eco: << Per prima cosa, voglio che ti infiltri nel centro di stoccaggio e trovi il direttore della CARPA. Cerca di ottenere tutte le informazioni sui terroristi di cui è in possesso…sempre se è ancora vivo. >>

Carma riprese a parlare: << Al direttore sono stati iniettati gli stessi radio-nanoidi che hai anche tu, Beard. >>

<< Dovrebbe comparire sul tuo radar come un puntino verde >> precisò fr°A° Ling.

<< Noi terremo sempre sotto controllo via radar i tuoi movimenti, per cui chiamaci con il codec ogni volta che vuoi >> lo rassicurò il colonnello.

E Solid: << Perfetto! Se mi sento solo vi faccio un fischio. >>

La linea tornò alla Hunteron: << Sul serio Beard, siamo qui per fornirti supporto. Chiama se ti servono informazioni o consigli. >>

<< Io mi occupo anche dei tuoi dati di missione >> disse fr°A° << La mia frequenza è 140.96 ed è dedicata al salvataggio della fic. Non dimenticarla! >>

Roy rincarò la dose: << Ricorda: binocolo a parte, sei completamente nudo. Dovrai impadronirti di qualsiasi arma tu riesca a trovare. >>

<< Già fatto, con chi crede di stare parlando? E comunque...me lo ricorderò. Prima la dottoressa Carma mi spoglia e mi esamina, poi mi portate via tutte le armi: come credete che mi senta? >>

<< Beh...se riuscirai a tornare tutto d'un pezzo, forse lascerò che sia tu ad esaminare me. >>

La maschera di tensione dell'agente si sciolse finalmente in un sorriso, e poi in una risata: << Questa me la segno, dottoressa! Tra parentesi, mi dispiace darti un dispiacere, ma sono riuscito a portare qui i miei LEGO. >>

La Hunteron alzò un sopracciglio: << Come hai fatto? >>

<< Nel mio stomaco! Anche grazie al fatto che la tua iniezione ha eliminato i miei acidi digestivi. >>

fr°A° Ling, in tono misto tra il divertito e lo stupito: << LEGO? E a che ti serviranno? >>

<< Non lo capiresti mai... >>

La Barba Solida uscì dal suo nascondiglio ed afferrò il binocolo.

<< Se vuoi entrare >> suggerì il colonnello << quella è la porta principale. E' la via più comoda, ma il rischio di essere scoperto è troppo alto. >>

<< Eh, direi proprio di sì...non è che posso bussare e chiedere di farmi entrare! >>

Ombrall riflettè un attimo.

<< Che mi dici del condotto dell'aria, vicino alla porta? Dovrebbe esserci un condotto anche al secondo piano. >>

<< Da qui non riesco a vederlo. >>

<< Non importa, decidi tu come procedere: mi fido di te, Beard. >> e così dicendo chiuse la chiamata.

Infine salvò la fic mettendosi in contatto con fr°A°, che prima di lasciarlo lo tranquillizzò: << Legonik...posso chiamarti per nome, vero? Accada quel che accada, anche il sole del giorno peggiore tramonta. >>

*continua*
 
Ultima modifica:
Top Bottom